DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Fender vecchie e nuove
Le chitarre Fender delle serie Vintage, Signature e Custom Shop dalla metà degli anni '80 ad oggi, ovvero nella gestione Smith, sono certamente ottimi strumenti professionali Continua...
di Riccardo Rodio [user #43]
2
Pistolesi in Sardegna
…continuavo a guardare la mia strato del ’65 con occhio assassino, l’avevo smontata cento volte e nonostante la mia, oramai, lunga esperienza con il vintage, c’era qualcosa che non mi convinceva appieno. Sicuramente i legni mi sembravano originali…i forellini otturati sul retro del corpo erano li, lo scasso dei pickups, ok, misurava proprio 16mm di profondità, il contour body era proprio come doveva essere nella metà degli anni ’60, la verniciatura…beh, quella no, non era originale, ma era molto ben replicata, alla nitro come zio Leo comanda! Il ponte, ma si era lui, con le sellette pat.pend. e la barra inerziale bella ossidata con le misure esatte. Le meccaniche Kluson deluxe double lines, ed i pickups basetta grigia come d’obbligo. Il battipenna…ahi! Troppo lucido, troppo bianco, ma da alcune foto di strato del ’65 sembra proprio bianco latte..forse è originale anche lui…non so, e adesso i potenziometri…sono dei CTS, ma la data, non riesco a vederla, ci sono dei numeri che non riesco ad interpretare nemmeno con l’ausilio dei miei tanti libri sul vintage…ho capito c’è solo una persona che può risolvermi i dubbi, è lui, il mitico, il maestro, Roberto Pistolesi! Ho deciso di vendere questa chitarra, non per poco, ed io e l’acquirente abbiamo bisogno di sapere esattamente cosa vendo. Così prendo il telefono e lo chiamo, e lui gentile come al solito, mi dice che per esprimere un parere attendibile dovrebbe vedere la chitarra, ma sta partendo in vacanza e quindi dovremmo rimandare il tutto a quando sarebbe possibile andarlo a trovare sino a quel di S.Croce sull’Arno. Ma senti, senti… le vacanze le fa da me, in Sardegna..accidenti non mi posso perdere l’occasione, quindi decido, insieme ad il mio amico Marco, più esaurito di me per le chitarre d’annata, di raggiungerlo sulla costa Orientale in un caldo, torrido, pomeriggio di luglio. Io abito a Cagliari e Roberto Pistolesi stava a soli…250km da me, in una splendida località turistica vicino alla Costa Smeralda. Esco dal lavoro alle 13.00, un’ora prima, scongiurando un collega incazzatissimo di sostituirmi, salgo in macchina con Marco e ci facciamo tutti i 250km parlando di chitarre…qualche volta anche di donne..sigh! Alle 16 arriviamo di fronte all’albergo dove ci aspetta Roberto raggiante…(era molto arrossato dal sole di Sardegna), sinceramente contento di vederci. Senza un attimo di tregua, sconvolti dal viaggio, inizia il temuto ceck-up sulla mia strato, frammezzato da racconti ed aneddoti chitarristici americani di Roberto. Non vi dico cosa mi è passato per la testa in quei minuti, avevo paura mi dicesse di avere fra le mani un falso, come purtroppo oggi se ne trovano tanti sul vintage. Sarebbe il caso di iniziare a sputtanare questi signori dai nomi noti, che spacciano per vintage ogni sorta di cosa. Fortunatamente la mia strato è originale nelle sue parti essenziali, c’è un fortissimo dubbio sul parapenna, e i pots sono anni ’70, è come ho detto riverniciata, ma legni e hardware sono loro. Volevo, sottolineare, se mai ce ne fosse bisogno, la disponibilità e la competenza di un signore che ha fatto del suo lavoro un’arte, un signore con cui parlare di chitarre significa stabilire un rapporto di amicizia e di stima che cresce con il tempo. Ho la fortuna di conoscere Roberto Pistolesi da circa otto anni, da quando lo incontrai nei primi anni ’90 ad un SHG, e lo ritengo uno dei più grandi conoscitori del vintage, ma soprattutto lo ritengo un amico dei chitarristi è questa è una fortuna. Ci siamo rifatti i km del ritorno stanchi, ma contenti, e senza parlare ripensavamo a quanto era curioso in una terrazza su un mare azzurrissimo, una stratocaster pre-cbs sfacciatamente smontata con in mostra le sue intimità senza neanche darle il tempo di parlare..ehm..suonare un istante... Ciao a tutti Continua...
di Roberto Ionta [user #16]
0
Pistolesi ed Erlewine
Sono appena arrivati nella biblioteca di Accordo due nuovi libri tanto godibili quanto utili. Oggi, a differenza di 10 anni fa, si stampa molto sulla chitarra. Spesso però la qualità non è delle migliori. Altre volte - come in questo caso - nascono dei veri gioielli di informazione. Continua...
di alberto biraghi [user #3]
0
pagina 2   «« Precedente  Successivo »»
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Cloudburst: il riverbero ambientale più piccolo e creativo di Strymon...
Yamaha espande la gamma di mixer AG per gli streamer
Il mito del Jazz Chorus in edizione limitata
Per Steve Vai, andare in tour non è più sostenibile
PRS Swamp Ash Special: non sei tu, sono io
Strumenti vecchi per musica nuova
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Bare Knuckle e paletta Strat per la Jackson 7-corde di Josh Smith
Le Ibanez elettriche diventano ukulele (e fanno impazzire Paul Gilbert...
Fender ammicca al vintage giapponese con la Gold Foil Collection
Una Gibson Les Paul Standard gold top del 1958
Cabinet inedito e Celestion al neodimio per l’Orange Rockerverb più...
Ear Training: che cos'è?
La sottile inesistenza del vintage
Stewart Copeland: Police Diaries 1976-'79

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964