CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard
di [user #51340] - pubblicato il

La rete, si sa, ricorda tutto e la condivisione compulsiva di foto può diventare un problema ma, qualche volta, può tornare utile come in questo caso. Rovistando tra le foto sul mio profilo Facebook son riuscito a ricostruire tutta l’evoluzione (o quasi) della mia pedaliera. Il risultato mi ha abbastanza sorpreso.
Tutti continuiamo a pubblicare foto su FB, chi più chi meno, dopo anni ci ritroviamo con una gallery di ricordi infinita e - tra una pizza presa ad Amalfi, una foto con Gruhn e qualche selfie da dimenticare - son riuscito a ritrovare, sparse qui e là, gran parte delle evoluzioni della mia pedaliera. Qualcosa sicuramente si sarà perso, ma i tratti salienti ci sono tutti.

Prima di raccontarvi come son passato da pedali sparsi a sistemi super complessi fino a una striminzita pedaliera da viaggio, vi invito a far la stessa cosa. Spulciate nelle vostre gallery e raccontateci le vostre pedaliere, creeremo una rubrica dedicata!

Il germe della GAS si è affacciato preso e il primo abbozzo di effettistica si è concretizzato in un Boss BD-2, il primo pedale che io abbia mai acquistato. Ma partirei nella “trattazione storica” dal momento in cui i pedali comiciano a essere inseriti e velcrati in un flight case.

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

La prima pedalboard aveva due punti cardine: chorus e phaser non potevano mancare! Suonavo blues principalmente, ma non potevo assolutamente accontentarmi di avere pulito, crunch e distorto. Volevo sperimentare, sentire suoni stravaganti e, possibilmente, sputtanare tutto alla bisogna. Ecco quindi un PH-3 della BOSS, un phaser che definire complicato, soprattutto per un neofita, è dir poco. Il chorus invece è un semplice Small Clone, pedale che custodisco ancora gelosamente. Basta accenderlo per essere di colpo negli anni ’80. Tra l’altro, di tutta la pedaliera, la cosa che rimpiango di più è il Morley Bad Horsie versione 1, un wah meraviglioso. Lo so, non è una pedaliera da bluesman, ma la passione per Hendrix si stava facendo largo e ancora non avevo capito quali effetti mi servissero per copiarne il sound. Ero giovane e inesperto!

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Complice la mia iscrizione ad Accordo avvenuta intorno a quegli anni, la pedaliera ha cominciato a crescere e a diventare sempre più cattiva, tipo un gremlin nutrito dopo la mezzanotte. Crebbe a tal punto da non stare più all’interno del flight-case. Il wah e i momentari switch per amplificatore e tap tempo dovettero essere trasportati a parte. Una menata pazzesca. I pedali da sette, otto con l’accordatore, erano diventati quasi di botto tredici. Apprezzerete il fatto che il complicato PH-3 lascia il posto al più classico dei classici un Phase 90 e l’SD-1 al più versatile Fulltone Full-Drive, altro pedale che rimpiango di aver venduto! Ho sempre amato le cose complesse e quindi ecco l’elemento più bizzarro di tutto il rig: il tremolo Shape Shifter, il tremolo del diavolo! Mille controlli, mille shape, ma a me interessava una sola cosa: il tap tempo. Appresi dopo un paio d’anni che sul tremolo era praticamente inutile...

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Le esigenze cambiano, comincio ad aver bisogno di cambiare più suoni contemporaneamente e al fantastico mondo degli effetti si somma il terrificante mondo dei looper. Sul mercato ce n’erano a bizzeffe, ma le finanze erano quello che erano e quindi ecco comparire in pedaliera una modesta GEC-9. Nulla di estremamente complicato da programmare, niente MIDI, ma un sacco di memorie richiamabili per un prezzo abbastanza accessibile. Le variazioni sono poche rispetto alla precedente versione, un cambio Phaser-Flanger, effetto che col tempo avevo cominciato ad apprezzare di più rispetto al più incasinato Phase 90. Scompare il delay Marshall che mi aveva accmpagnato fino a quel momento in favore del primo pedale costruitomi da Riccardo di Zed Venarossa, che da qui in poi vedrete citato spesso, maledetto lui e la sua passione per l’elettronica! Altro dettaglio: il riverbero. Fino a quel momento avevo sempre utilizzato quello presente sugli amplificatori, ma l’arrivo della Gigmaster 15 mi aveva costretto a utilizzare un riverbero a pedale. Non ho più avuto amplificatori con il riverbero integrato e, dalla Gig15, ne son passati almeno 5!

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Qui, come in un qualsiasi viaggio nel tempo che si rispetti, c’è una deviazione della linea temporale. Un momentaneo passaggio al digitale con una Zoom G5 mi aveva fatto intuire la necessità di avere un setup più leggero e “da viaggio”, per le situazioni in cui non serviva portare tutto l’armamentario e dove i cambi di suono non erano così esagerati. La versione light della Buratsboard mantiene alcuni grandi classici del mio suono, un OD cattivello come il Plexitone e uno più dinamico, costruito sempre da Riccardo, accompagnati sta volta da un vero fuzz, una sonorità che ho cominciato ad apprezzare da quel momento e che non ho più abbandonato. L’Uni-Vibe invece è sparito dopo pochissimo, inutilizzabile!

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Ancora un paio di release e il progetto arriva a un punto finale dopo essere stato in USA da Carter Vintage. Lo Swamp Thang e l’Archer prendono il posto di OD e distorsioni, assieme a un economicissimo DOD che però mi piaceva un sacco come boost. L’accordatore a pedale come vedete non mi ha mai abbandonato e in questo articolo vi spiego perché. Ma nonostante tutti i tentativi di riduzione delle dimensioni anche questa pedaliera alla fine si è dimostrata troppo grande.

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Torniamo per un attimo alla Big-one, la pedaliera da parata, quella che ci spendi più tempo a raccontarla che a usarla. Nella sua ultima versione, che mi accompagna ancora oggi, vede un flight-case su misura fatto con le mie amorevoli manine, assieme a quelle di mio padre (vi prego non mettetevi a costruire flight-case, fateli fare a chi lo sa fare: è una faticaccia) che può finalmente ospitare tutti i pedali al suo interno. Probabilmente potrebbe ospitare anche una dozzina di casse di birra, viste le dimensioni, ma è zeppa di pedali, per la maggior parte creati sempre da Zed. La comodità di avere tutto in un’unica pedaliera è impagabile, non mi manca nulla se non la voglia di alzarla, metterla in auto e portarla in giro.

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Ecco perché da almeno due anni la maggior parte delle date la faccio con una mini pedaliera da viaggio. Installati su una Pedaltrain Mini con tanto di alimentatore a batteria, trovano posto pochissimi pedali, per quello che è diventato il mio coltellino svizzero del tono. Anche qui, però, la GAS non si è arrestata e, se nella prima versione trovavano posto giusto giusto quattro pedali (boost, OD, tremolo e riverbero/delay), nella versione che ancora oggi temerariamente resiste trovano posto un magnifico Maccheroni Bros di Tefi un bel Fuzz Jam Pedals, boost JHS tremolo e riverbero-delay.

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard

Insomma, come avete potuto vedere sono cintura nera di compravendita di pedali, ma oltre a venderli e comprarli li utilizzo anche eh!

Se anche voi siete pazzi come me avrete già notato la nuova label in cima alla homepage. Non vi dico altro: si chiama SHOP e ha già messo a rischio il mio portafogli. Enjoy!
curiosità effetti singoli per chitarra palchi e strumentazione
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Perché preferire un accordatore a pedale
Scopri Shop
In vendita su Shop
Visualizza il prodotto
Radiomic. Vhf Soundsation Wf-v11hd Tx A Mano 209.80mhz
di Music Delivery
 € 50,00 
 
Keiki KP68-5
di Banana Music Store
 € 15,90 
 
Mackie DL-16S
di Banana Music Store
 € 603,00 
 
Blackstar HT Stage 60 212 Mk2
di Banana Music Store
 € 824,00 
 
Laney LG20R
di Banana Music Store
 € 139,00 
 
Ernie Ball 2047 Earthwood Silk and Steel Extra-Soft 10-50
di Banana Music Store
 € 11,00 
 
PROEL - WD10AV2 MONITOR SPIA
di Music Works
 € 299,00 
 
Evans G1 Clear 22" BD22G1
di Banana Music Store
 € 39,50 
Mostra commenti     22
Altro da leggere
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Way Huge Penny Saver Royale: coltellino svizzero firmato Joe Bonamassa
Hai un debole per il Surf Green? Fender ha qualcosa per te
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
Light Pedal: Gamechanger fa il riverbero con la luce
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
EPIPHON LES PAUL CUSTOM NERA
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Seguici anche su:
Altro da leggere
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson
Dodi Battaglia: dal 12 febbraio il nuovo singolo "Il coraggio di vince...
Foo Fighters: il nuovo album "Medicine At Midnight"
Claudio Baglioni: stasera ospite d'eccezione a Stories Live
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964