CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Lezioni on line: a che serve un insegnante?
Lezioni on line: a che serve un insegnante?
di [user #116] - pubblicato il

La quantità di materiale didattico cui il web offre liberamente accesso è un valore. Questo è indiscutibile. Però, allo stesso tempo, la mole di informazioni, lezioni e nozioni da cui si può attingere è sconfinata; così disciplina, ordine e coerenza con cui ci si confronta con questo materiale sono decisivi. Altrimenti, c'è il rischio di perdere tempo, voglia e possibilità.

Per questo, anche in un’esperienza didattica nuova, autonoma e costruita in parte sul web la figura di un insegnante è imprescindibile. Una figura professionale concreta, di riferimento, che sulla base delle esigenze specifiche del singolo allievo che segue, operi un lavoro di supporto e, soprattutto, di controllo. Controllo in primo luogo della qualità e veridicità delle fonti da cui un allievo attinge: quali lezioni sono attendibili? In quale ordine è meglio affrontarle? Meglio ancora se il controllo diventa un lavoro di coordinamento e selezione delle lezioni, che vengono scelte, prodotte e organizzate in un programma mirato e funzionale al conseguimento di un dato obiettivo.

Lezioni on line: a che serve un insegnante?

Ma il controllo è soprattutto il lavoro di supervisione del lavoro fatto dallo studente: la cura e attenzione ai dettagli, apparentemente piccoli ma determinanti sulla formazione del musicista. Il fatto che quel dato argomento non solo sia assimilato in maniera corretta ma che venga metabolizzato e suonato dallo studente in maniera armoniosa e funzionale rispetto alle sue caratteristiche, fisiche, personali e artistiche. Una scala, un arpeggio, una ritmica sono un ordine preciso e inequivocabile di note disposte in una precisa divisione ritmica. Ma la maniera con cui ogni individuo potrà eseguirle e farle proprie è infinita tanto quanto lo sono personalità e le caratteristiche individuali di ciascuno. In questo interviene e ha valore il controllo dell’insegnante: nel supervisionare che ogni studente suoni ciò che ha imparato correttamente in maniera strutturata e coerente rispetto alle sue caratteristiche, background, ambizioni e –soprattutto – gusti e musicalità.
 
 

Michele Quaini è il coordinatore dell’Accordo Academy (LINK): ha organizzato i programmi didattici differenti che abbracciano tanti stili (Blues, Pop, Acustica, Funk, Rock…) e coinvolgono didatti di spicco della scena. Sono lezioni a cui ogni mese si può accedere gratuitamente qui tra le pagine di Accordo. Ma il cui valore aggiunto è proprio il lavoro di controllo offerto da Michele Quaini.
Chi si iscrive all’Academy può inviare a Quaini un video con l’esecuzione dell’esercizio presente nella lezione che ha studiato. E riceverà da Quaini un messaggio personalizzato con considerazioni sul playing, suggerimenti per migliorare, spunti di studio e appunti su timing, suono e intenzione.

Per iscriversi alla Accordo Academy basta acquistare il piano desiderato a questo LINK
Una volta iscritto, ecco come potrai inviare il tuo video per ricevere una consulenza didattica personalizzata.
E in questo LINK  tutte le indicazioni per realizzare il video al meglio.
accordo academy lezioni
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Logorarsi di studio per suonare peggio
Esercizi in C7: un altro modo per studiare i modi
Cesareo: quanto studiare
Consigli su come studiare Castellano
Fare i dischi. E poi studiare.
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un miserabile
Inizio a studiare chitarra
Eddie Van Halen, la chitarra che amava la musica
Vasco: come suonare "Quanti anni hai"
Lo studio dei Bending
Funk: Mixolydian Solo
Il sistema CAGED
Chitarra Funk: suoniamo la Disco anni '70
Slide & Open D: suonare "Sleepwalk"
Esercizi per togliere la ruggine
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964