DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La prima Les Paul della storia è in vendita
La prima Les Paul della storia è in vendita
di [user #116] - pubblicato il

La Number One, il primo prototipo approvato da Les Paul per la sua solid body, andrà all’asta il prossimo ottobre: ci si aspetta cifre da capogiro.
Pochi strumenti possono dire di aver influenzato il corso della storia come la Gibson Les Paul. Insieme con le creazioni di Leo Fender, la chitarra solid body di Lester Polfus ha attraversato le epoche, si è mossa tra gli stili e le sonorità in maniera trasversale, connotando intere pagine nella storia della musica contemporanea, in particolare del rock n roll. Da Keith Richards a Jimmy Page, passando per Slash e Zakk Wylde, la Les Paul si è elevata per decenni a Excalibur del rock, restando pressoché invariata in quasi settant’anni di vita, fin da quando Gibson e Lester hanno messo a punto il primo prototipo “definitivo” all’alba del 1952. Quella chitarra è stata usata in modo intensivo da Les e conservata per tutto questo tempo dalla sua famiglia, e oggi torna a uscire dalla custodia un’ultima volta per giungere sotto il martelletto di un’esclusiva asta.

La prima Les Paul della storia è in vendita

Lester l’aveva battezzata Number One, e a piena ragione: la chitarra è di fatto la prima Les Paul mai realizzata ad avere tutte (o quasi) le caratteristiche dei modelli destinati alla produzione di massa.

La prima Les Paul della storia è in vendita

Se n’è fatta di strada dal The Log, il blocco di pino a cui Les Paul aveva applicato due mezze casse da archtop per creare la sua prima chitarra con un’anima “piena”.
Musicista di successo, inventore prolifico, Lester aveva trovato in Gibson un partner ideale per portare a termine la sua rivoluzionaria idea. La loro solid body doveva essere la risposta all’emergente Fender e alla sua originale chitarra elettrica. A differenza di quella che sarebbe poi divenuta la Telecaster, la Les Paul conservava un’estetica più elaborata, vicina ai canoni tanto cari agli amanti delle archtop da jazz, e una serie di accorgimenti lussuosi.



Nella versione presentata con la Number One (prototipo realizzato tra il 1951 e il 1952, primo strumento solid body approvato per la catena di produzione) la chitarra introduceva l’esclusiva finitura Goldtop. Due single coil tipo P90 erano posati in uno scasso “a vasca” sul davanti coperto da un battipenna, con una costruzione più simile a quella dei diretti concorrenti che ai futuri modelli Gibson.

Sul davanti è posizionato anche il jack d’uscita e i potenziometri sono solo tre contro i quattro della Les Paul definitiva. Il ponte, un unico listello trasversale in legno, vedeva l’abbinamento con un tailpiece mobile con leva, un modello Vibrola dall’aspetto a dir poco naif. Il tanto discusso tailpiece "ufficiale" del 1952 era ancora di là da venire, e il successivo Tune-o-matic che prenderà poi un posto fisso sulle future Les Paul era ancora un lontano miraggio.
Tuttavia, gli elementi che hanno reso grande la Les Paul c’erano già tutti.

La prima Les Paul della storia è in vendita

La Number One di Les Paul sarà messa in vendita nell’ambito dell’evento The Exceptional Sale, il 13 ottobre a New York, e ci si aspetta possa raggiungere una cifra compresa tra i 100mila e i 150mila dollari.
Considerate le altre vendite nel campo e in particolare le quotazioni delle stesse Les Paul di fine anni ’50, non si parla di bruscolini ma neanche di un’occasione da record. Tuttavia il valore storico dell’esemplare è fuori discussione e non sarebbe la prima volta se la chitarra dovesse finire per essere battuta a un prezzo sensibilmente superiore a quanto preventivato.
chitarre elettriche gibson les paul
Link utili
La Les Paul Number One sul sito Christie's Auctions
Mostra commenti     5
Altro da leggere
PRS Swamp Ash Special: non sei tu, sono io
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Bare Knuckle e paletta Strat per la Jackson 7-corde di Josh Smith
Fender ammicca al vintage giapponese con la Gold Foil Collection
Una Gibson Les Paul Standard gold top del 1958
La sottile inesistenza del vintage
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964