DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Gibson Maestro torna con 5 stompbox inediti
Gibson Maestro torna con 5 stompbox inediti
di [user #116] - pubblicato il

Il primo fuzz della storia torna in una veste rinnovata e aggiornata sul piano tecnico, insieme ad altri quattro pedali a marchio Maestro, nell’ambito dei progetti di rinascita dell’universo Gibson.
Le vicende che hanno visto Gibson giungere al Chapter 11 e alla bancarotta nel 2018 sembrano ormai un lontano ricordo. Il colosso è in piena forma e una serie di mosse azzeccate sembra aver riportato il marchio nel cuore degli appassionati.
Dapprima la promessa di una maggiore attenzione alla tradizione con un catalogo semplificato e alleggerito di tutte le sperimentazioni meno apprezzate dai fan, poi l’acquisizione di una firma iconica come Mesa Boogie a dimostrazione di un’apertura anche verso i generi musicali più moderni, poi confermata con le collaborazioni in ambito rock con Gene Simmons e in ambito metal con Dave Mustaine. Quello di Gibson è un percorso che va in direzione di precisi stili musicali, ma anche un ritorno alle radici, che passa ora anche per gli indimenticati marchi satellite che hanno fatto parte integrante del suo passato.
È il caso del brand Maestro, autore di quello che è oggi ricordato come il primo distorsore nella storia della chitarra elettrica: il fuzz FZ-1.
Il marchio nasce storicamente in seno a Gibson e torna ora sulla cresta dell’onda con una rinnovata gamma di effetti a pedale, tra cui - immancabile - anche il “fuzz di Satisfaction”.



Tutti con tre manopole e un selettore centrale per un approccio immediato e quanto mai classico, ma con un pizzico di originalità, i pedali radunano alcuni dei toni immancabili nelle pedaliere di qualsiasi musicista, partendo proprio con un tributo all’FZ-1, il primo fuzz a sedere in una scatoletta ai piedi dei chitarristi.

Nella rinnovata gamma di effetti, il fuzz prende il nome di FZ-M Fuzz-Tone, e replica con fedeltà il sound del primo fuzz Maestro, spedito nell’olimpo degli effetti per chitarra con il successo dei Rolling Stones “(I Can’t Get No) Satisfaction”. Rombante, violento, eccezionalmente presente nel suono e asciutto quanto organico nella risposta sotto le dita e a seconda dello strumento che vi si collega, permette di modellare il timbro con Level, Tone e Attack, cioè gain. Il selettore al centro alterna le modalità Classic e Modern, una più legata alla tradizione e una ancora più spinta e a fuoco.



Il Ranger Overdrive intende replicare la saturazione calda e reattiva di un amplificatore valvolare d’epoca, mettendo sul piatto la definizione e la trasparenza di un segnale distorto miscelato a una piccola porzione del segnale pulito in ingresso, grazie al quale recupera attacco e risposta al tocco, risultando così una scelta adatta a chi è in cerca di un overdrive leggero da lasciare sempre attivo per colorare il proprio suono di partenza.
Oltre alle manopole di Gain, Tone e Level, amplia la tavolozza espressiva con uno switch centrale che alterna tra le modalità Lo e Hi, una più calda ed espressiva, una maggiormente rivolta alla chiarezza del suono e all’intelligibilità in un senso più moderno del termine.



Distorsore improntato su sonorità hi-gain, l’Invader Distortion si descrive come un effetto ricco per contenuto armonico e dalla spiccata flessibilità timbrica grazie a una riserva di gain generosa e a un filtro efficace sui toni.
Anche per lui i potenziometri regolano Gain, Tone e Level nella maniera più classica, ma un selettore al centro aggiunge un utile noise gate con cui ripulire e rendere più “tight” i suoni più spinti. Un trimmer nascosto dentro lo chassis permette di regolarne la soglia, così da adattare l’incisività del filtro a seconda delle necessità.



Non solo saturazioni, e nella linea Maestro c’è spazio anche per modulazioni e ritardi.
Il Discoverer Delay è un echo analogico basato su circuiti Bucket Brigade Device, per ripetizioni ricche di carattere, naturalmente più scure rispetto al segnale diretto e ideali per giocare con i tempi corti di uno slapback quanto per creare ambienti caldi e avvolgenti fino a 600ms. Un selettore per la modulazione permette di rendere le ripetizioni ancora più profonde e articolate, con possibilità di personalizzare la velocità e l’ampiezza dell’LFO agendo su due trimmer dentro lo chassis.



I BBD, Bucket Brigade Device, sono chip largamente apprezzati per qualsiasi effetto basato sui ritardi del segnale, e il mondo dei chorus non è immune al loro fascino. Il Comet Chorus ne fa uso per dare vita a una modulazione classica, calda e presente, con la doppia personalità di una modalità Earth più brillante e di una modalità Orbit più vicina a un rotary speaker, con un trimmer interno per modellarne a piacimento il colore.



Novità per il 2022, la rinata gamma Maestro è accompagnata da approfondimenti storici e retroscena sul sito ufficiale. Non è noto per ora se la collezione di cinque stompbox avrà o meno un seguito, ma su Accordo ne seguiremo l’evoluzione con interesse.
comet chorus discoverer delay effetti e processori effetti singoli per chitarra fuzz tone fz-m gibson invader distortion maestro ranger overdrive ultime dal mercato
Link utili
Il piano Gibson per riprendersi dalla bancarotta
La semplificazione del catalogo
L’acquisizione di Mesa Boogie
Gibson G2 con Gene Simmons
Le Gibson di Dave Mustaine
Ranger Overdrive sul sito Maestro Electronics
Invader Distortion sul sito Maestro Electronics
Fuzz-Tone FZ-M sul sito Maestro Electronics
Discoverer Delay sul sito Maestro Electronics
Comet Chorus sul sito Maestro Electronics
Mostra commenti     5
Altro da leggere
Maestro raddoppia: cinque nuovi stompbox in arrivo
A SHG, Formula B costruisce uno stompbox davanti ai tuoi occhi
Eventide TriceraChorus: molto più di un triplo chorus
L’Earthquaker Devices Life Pedal si trasforma per la V3
Excel Tour: qualità D’Angelico senza fronzoli con pickup Supro
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964