CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Quel dubbio che ci frega. Sempre
Quel dubbio che ci frega. Sempre
di [user #910] - pubblicato il

Firma sulla paletta o cenerentola sconosciuta da scoprire e di cui innamorarsi? Forse in ognuno di noi convivono entrambi i desideri: impossibile non immedesimarsi nel racconto del nostro lettore Oliver.
Quante volte si è parlato di confronti tra uno strumento di riferimento e le innumerevoli copie quasi identiche (o anche senza quasi) all’originale ma molto meno costose, considerate da molti molto meglio degli originali - o quantomeno equivalenti?
Scagli la prima pietra chi, tra noi, non è mai corso a leggersi approfondimenti e ascoltare demo dell’ennesimo, miracoloso clone Stratocaster o LesPaul, con la segreta - neanche tanto - speranza di avere trovato esattamente quello che si sogna... ma che è anche compatibile con le limitate finanze a disposizione.

Molte volte nasce spontaneo il sospetto che si tratti di marchette commerciali (e spesso ci si azzecca, anche), altre volte l’atroce dubbio che si insinua è che le abilità oggettive del dimostratore e di chi effettua le registrazioni - oltre alla qualità del resto della strumentazione utilizzata - influenzino pesantemente il risultato. 
E poi, chissà che effetto fanno sotto le mani...
Verissimo, ma è anche vero che alcuni strumenti sono realmente fatti bene e che in alcuni casi possono dare filo da torcere (o anche umiliare) le icone blasonate, con quella sana soddisfazione che ne deriva e con buona pace del portafoglio.
Poi, chi ritiene di aver trovato lo strumento relativamente economico che lo rende felice, viene tendenzialmente catalogato nella catagoria “Volpi e Uva”, mentre chi resiste, risparmia e si svena per “LO” strumento, entra di diritto nel CDFSP (Club Della Firma Sulla Paletta).

Quindi è ufficiale: è un problema. Serio.

Quel dubbio che ci frega. Sempre

Premesso questo, la maturità ci rende consapevoli di questi meccanismi, quindi cominciamo lentamente a mettere in secondo piano i pregiudizi e affiniamo le nostre doti di Cercatori Di Tesori Economici Nascosti. 
Impariamo a guardare non solo le forme e i colori, ma anche e soprattutto quei dettagli che - lo abbiamo imparato - fanno veramente la differenza: il profilo del manico, la misura e la lavorazione dei tasti, la tenuta delle meccaniche, il sustain, l’attacco, la qualità delle parti metalliche, i componenti elettronici, eccetera eccetera (i pickup no: tanto va quasi sempre a finire che poi si sostituiscono!).
Il campo della scelta si restringe gradualmente e inesorabilmente, fino al momento in cui, grazie all’esperienza accumulata, identifichiamo lo strumento che fa per noi e può tranquillamente sostituire “quell’altro”.
E spesso ci prendiamo, anche! Perché è vero che esistono siffatti strumenti, come è altrettanto vero che possiamo incappare nello strumento di nobili origini, ma che è nato sfigato.
Insomma, con un po’ di lavoro e di fortuna, siamo finalmente felici e ci possiamo concentrare sulla musica.

E invece no.
Dopo un iniziale periodo di pura gioia, riguardiamo il nostro gioiello e comincia a insinuarsi il Dubbio.
“Certo, è fatto bene. Certo, suona bene. Veramente bene. Mi piace, proprio. Sono soddisfatto, ma…”
MA!
È finita. 

Il tarlo lavora. Non appena fa capolino una nuova, pericolosa domanda, siamo già belli e fritti: “Ma non è che - forse - uno strumento di fascia superiore ha davvero qualcosa in più? E magari mi fa suonare meglio? Ed è più affidabile? E fa anche dimagrire (perché a questo punto ogni scusa è buona)?
Non resta altro da fare che sperimentarlo di persona. Alle ortiche tutte quelle belle riflessioni sul marchio, sui costi del marketing, sull’autosuggestione, sui condizionamenti. Si fa di tutto per averlo.
E il bello - si fa per dire - è che non finisce neanche lì. Da qualche parte ci saranno sempre una Custom Shop bastarda o una Vintage scostumata che ci rovineranno le più solide convinzioni e i più ferrei proponimenti.

Quindi è ufficiale: è un problema. Serio.

Quel dubbio che ci frega. Sempre

Esquire o non Esquire, questo è il problema.
Se sia più nobile sopportare
le approssimazioni e infamie di una sottomarca atroce
oppure brandire la Carta contro una moglie di guai
e, appagandosi, annientarsi.
Comprare, rivendere.
Niente altro.
E dire che con l’acquisto mettiamo fine
al rumore di fondo e ai mille corpi
che la cultura della Custom ha reliccato
è un Epihone da desiderarsi devotamente.
Comprare, rivendere.
Rivendere, forse suonare

(Uilliam Scèkspir - 2022)
chitarre elettriche curiosità gli articoli dei lettori
Mostra commenti     32
Altro da leggere
Se la base è valida...
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special più complesso
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964