SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Gibson Les Paul Modern Lite: nuove e sgargianti entry level
Gibson Les Paul Modern Lite: nuove e sgargianti entry level
di [user #62015] - pubblicato il

Un nuovo ingresso nell’attuale line up Gibson, tanto interessante quanto divisivo. La linea Modern Lite presenta sei Les Paul dai colori singolari, accesi e poco ortodossi per il tipo di chitarra di cui si parla. Ponendosi nella fascia di prezzo di ingresso per il brand americano, si tratta di una novità da tenere d’occhio.

La già fortunata serie Modern di Gibson è stata recentemente arricchita con una linea Lite, in grado di offrire le caratteristiche contemporanee che contraddistinguono gli strumenti dal prezzo più elevato, a fronte di una cifra frazionata.

La serie Modern Lite ha diviso gli appassionati e i professionisti, presentando non pochi compromessi, sia dal punto di vista costruttivo, sia estetico. Se da una parte, infatti, possono passare in secondo piano gli humbucker scoperti e i segnatasti dot, dall’altra risulta impossibile non notare il considerevole assottigliamento del body.

Gibson Les Paul Modern Lite: nuove e sgargianti entry level

Gibson Les Paul Modern Lite nel dettaglio
Sul fronte strutturale, la Modern Lite è, essenzialmente, una Les Paul a tutti gli effetti, non soltanto per il nome sulla paletta. Corpo in mogano, tastiera in palissandro e due humbucker 490R e 490T controllati da un classico wiring a quattro potenziometri. Le Modern Lite riprendono, nella filosofia, il lavoro fatto in passato da Gibson su strumenti come le Les Paul Special e le Melody Maker, soprattutto per le riduzioni di spessore caratterizzanti il corpo.

Le chitarre vengono rifinite con vernice alla nitrocellulosa, con paletta matching. Sulla carta, insomma, sembrerebbe una classica entry level Gibson, nonostante lo stand out assoluto sia rappresentato, oltre dalle dimensioni ridotte, anche dal belly carve e dalle soluzioni ergonomiche adottate per il cutaway, utili a rendere più confortevole l’accesso agli ultimi tasti. La nuova giuntura, stando al designer e maestro liutaio, comunque, sarà presente su tutti i nuovi modelli della linea Modern.

Le chitarre sono, inoltre, equipaggiate con meccaniche Grover Mini Rotomatic e con un ponte Tune-O-Matic e stopbar in alluminio. Con questa ulteriore release, Gibson mostra il suo impegno a tornare in tutti i range di prezzo, offrendo strumenti rimmaginati per il mercato contemporaneo, pur gettando le radici nelle ricerche e nei modelli più apprezzati del passato. Il ritorno in produzione della Les Paul Custom e, ultimamente, della Supreme, ne sono un esempio lampante e, andando oltre i tradizionalismi, anche la nuova linea Modern potrebbe rappresentare un importante punto di svolta per Gibson e una soluzione interessante e originale per il target di chitarristi a cui lo strumento si rivolge.
gibson Gibson Les Paul
Link utili
Gibson Modern
Gibson Les Paul Supreme Accordo

Mostra commenti     39
Altro da leggere
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Come Gibson antichizza un’acustica
Contour, tastiera compound e push-pull per la LP Studio Modern 2024
Gibson ES-355: la storia dell’erede della 335
Jimmy Page svela i segreti della chitarra di Stairway To Heaven
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964