DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Taylor 314CE: look e versatilità
Taylor 314CE: look e versatilità
di [user #16167] - pubblicato il

Quella che ha tra le mani oggi Ariberto è una Taylor con tutte le carte in regola. Grazie alle sue caratteristiche e al prezzo equo è forse una delle chitarre in massello più appetibili della casa americana. L’abbiamo provata per bene ed ecco cosa abbiamo cavato dalla buca!
Quella che ha tra le mani oggi Ariberto è una Taylor con tutte le carte in regola. Grazie alle sue caratteristiche e al prezzo equo è forse una delle chitarre in massello più appetibili della casa americana. L’abbiamo provata per bene ed ecco cosa abbiamo cavato dalla buca!

Lo shape della 314CE è denominato grand auditorium, una forma in grado di soddisfare tanto gli strummer quanto gli adepti del finger style, Le dimensioni sono infatti una giusta via di mezzo tra le dimensioni generose di una dreadnought e le più tonde e sottili di una grand concert. Il tutto si traduce non solo in un bilanciamento sonoro migliorato, ma di cui parleremo in seguito, ma anche di una vestibilità eccellente. I legni scelti per realizzare la 314CE sono di ottima qualità, tutti masselli, per la precisione sapele per fondo e fasce e abete Sitka per il top. Il sapele è un legno, molto simile come timbrica al mogano, ma come riporta il sito Taylor con uno “little extra treble zing”. Il Sitka invece è una sorta di vero standard, usato praticamente su tutti i modelli Taylor è considerato uno dei legni migliori per la sua resistenza ed elasticità, che si trasforma in una risposta equilibrata. Un abbinata quindi con il sapele perfetta per una chitarra che vuole essere versatile e sempre pronta tanto a una jam blues quanto a un intero concerto pop. Sotto al top si nasconde il sistema di x bracing con il Taylor Relief Rout che ha la peculiarità di rendere ancora più elastica e flessibile la tavola senza per questo rinunciare alla resistenza indispensabile per un una tavola armonica per non cedere sotto la trazione delle corde. 

Taylor 314CE: look e versatilità

Ovviamente le lettere accanto al nome non sono messe lì a caso, raccontano le ultime due caratteristiche che mancano all’appello. C ed E, Cutaway Electrified. La spalla mancante è la gradevole venetian, dall’aspetto caratteristico. Arrotondata e softly smooth come direbbero gli anglosassoni. Per quanto riguarda invece il sistema di amplificazione installato sulla 314CE è il famoso Expression System. Questo un sistema composto da diversi pick up e sensori in grado di riproporre pari pari il sound acustico della 314 anche quando questo deve passare attraverso una DI, un mixer e un impianto. Molto semplici i tre controlli per bassi alti e volumi, niente di complicato da usare live, un’ottima soluzione.

Veniamo ora al suonato, sicuramente la parte che più interessa a tutti voi. La 314CE è una chitarra che fin da subito regala un buon feeling. Il manico in mogano è sottile, comodo e dall’aspetto solido. Il profilo aiuta il player a sentirsi a casa fin da subito. Anche con corde abbastanza spesse non sembra mai di far fatica a suonare. Il suono che scaturisce già alle prime pennate è personale e abbastanza equilibrato. Lo zing che sembra essere la peculiarità del sapele c’è tutto e lo si sente sia durante lo strumming che dedicandosi al finger style. Inutile aggiungere altre parole ma diamo la linea ad Ariberto, pronto con un blues per fare altre quattro chiacchiere riguardo alla Taylor 314CE. 


Con i circa 1600 euro di prezzo non è proprio una chitarra per tutti. Per portarsela a casa bisogna sborsare una cifra che però è ben ripagata dalle prestazioni di una chitarra che pur non essendo il top di gamma non è certo lontana dall’essere considerata pro e con un look classico ma piacevolmente semplice.  

Taylor è un marchio importato da Backline

Taylor 314CE: look e versatilità
314ce chitarre acustiche taylor
Link utili
Taylor è un marchio importato da Backline
Il canale di Ariberto
Mostra commenti     11
Altro da leggere
Il calore della noce per le Taylor American Dream 2023
Come nasce la cassa di una chitarra acustica: Gibson lo racconta
Succedeva 50 anni fa (e magari anche qualcun altro in più)
Yamaha FGC-TA: in prova la dreadnought TransAcoustic
Vintage, modernità e tecnologie: la chitarra acustica oggi
G9500 Jim Dandy: ascolta la parlor entry level di Gretsch
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964