DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cesareo: mille sfumature di chitarrismo perduto
Cesareo: mille sfumature di chitarrismo perduto
di [user #116] - pubblicato il

Cesareo ci mette in guardia sulle difficoltà che un chitarrista potrebbe trovare nell'affrontare una sessione di registrazione in studio. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, tante volte le insidie si celano dietro l’esecuzione delle parti più facili, insospettabili, quelle che si da per scontato di saper eseguire.

 
Succede così che un chitarrista affronti una sessione di registrazione esclusivamente concentrato sulle parti solistiche o su quelle più articolate e si trovi, invece, a incespicare su una banale ritmica reggae, su un portamento lineare in ottavi o su una strumming sul giro di Do. Questo capita perché è diffusa la credenza, totalmente errata, che chi studia e sa suonare cose molto difficili, automaticamente sia in grado di suonare qualunque altra cosa più semplice ed elementare. Eppure, persino le semplici ritmiche appena elencate hanno una loro dignità ed estetica di suono che va affrontata, studiata e provata. 
 
Cesareo: mille sfumature di chitarrismo perduto
 
Il rischio più grosso è quello di scoprire che certe cose che si credeva ci riuscissero perfette – tanto da non sentire l’esigenza di studiarle – leggendole e ascoltandole in studio sulla griglia del software che registra, si rivelino suonate, storte, insicure e senza la giusta concretezza sonora. Una bella perdita di tempo, soldini e credibilità! Una figuraccia persino peggiore di ammettere, candidamente, che una tal cosa non la si sa suonare, che ci servirà del tempo per prepararla o che è meglio che qualcuno la registri al posto nostro.
Alla base di questo squilibrio nel playing di alcuni chitarristi, per i quali una sessione di registrazione potrebbe rivelarsi un vero incubo, Cesareo punta il dito contro un approccio allo studio scorretto. Un approccio che ignora la lunga tradizione, storia e cultura della chitarra elettrica e si concentra unicamente sulle cose più attuali o magari, semplicemente solo su quelle che piacciono di più.
 
Cesareo: mille sfumature di chitarrismo perduto
 
In questo modo però, si finiscono per tralasciare le mille preziose sfumature che una cultura storico chitarristica più approfondita permetterebbe di avere. B.B King, Deep Purple, Rolling Stones, Aerosmith…ognuno di questi artisti presenta grappoli di chitarrismo unici, imprescindibili e che meritano uno studio e un approfondimento autonomo. Non affrontarli o, peggio ancora, ignorarli, significa investire nella costruzione di un chitarrismo sfavillante nella facciata ma debole e tentennante nelle fondamenta.
 
cesareo grazie per la domanda lezioni
Mostra commenti     16
Altro da leggere
Più opzioni, meno lavoro
Accordi e memoria muscolare
Marty Friedman: due buone ragioni per iniziare a suonare la chitarra
Endless Sweeping Technique
Sweep: oltre le Triadi e gli Arpeggi
Sweep Picking: due approcci alle Triadi
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964