DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Taylor 614ce: l’acero che sa di palissandro
Taylor 614ce: l’acero che sa di palissandro
di [user #16167] - pubblicato il

I tecnici Taylor han cercato di trasformare l’acero in palissandro. Per farlo hanno usato alcuni accorgimenti estetici e timbrici che hanno concentrati nella nuova 614ce. L'abbiamo trovata da Lucky Music e non ce la siamo fatta scappare.
L’acero fiammato regala alle acustiche un look strepitoso, rendendo fasce e fondo ancora più tridimensionali. Di contro questa essenza tende a restituire un sound più squillante e medioso rispetto al palissandro, che gli viene spesso preferito. Alla Taylor hanno pensato si potessero unire qualità di due legni diversi, progettando da capo la 614 che ora arriva nei negozi fiammata ma con un colore brunito e molto sexy.

La Grand Auditorium giunge completa di custodia rigida in similpelle nera, un accessorio molto utile per proteggere i quasi 4000 euro di legno e corde. L’acero non è l’unica parte con un colore più scuro del previsto. Anche l’abete Sitka massello della tavola, tra l’altro splendido, ha un colore ambrato, insolito. Questo è dovuto al lavoro di tostatura, chiamato torrefaction, una vera e propria cottura, a cui viene sottoposto il legno per invecchiarlo artificialmente. Con questo procedimento, che in fondo è una sorta di essiccazione forzata, il legno vibra meglio e acquista risonanza e risposta sulle basse frequenze (o almeno questo è quello che ci dicono dalla casa produttrice e che verificheremo a breve con il video test). 

Taylor 614ce: l’acero che sa di palissandro

Saldamente incollato al body con spalla mancante veneziana, troviamo il manico a in acero con tastiera in ebano a 20 tasti. Il capotasto è da 1 pollice e 3/4 e ha un diapason da 25’’ e 1/2, condito da un profilo molto ribassato e arrotondato, moderno e veloce.

Per realizzare la 614 alla Taylor non hanno badato a spese. L’ebano, infatti, non è usato solo per la tastiera. Con lo stesso materiale sono infatti realizzati i vari binding, il battipenna e l’impiallacciatura sulla paletta per un risultato estetico davvero raffinato.

Sulla fascia superiore troviamo infine il sistema di amplificazione. L’Expression System 2 è un complesso di ben tre piezo diversi, posizionati sotto al ponte, calibrati per gestire ognuno una coppia d corde. Tutti e tre sono poi collegati al preamplificatore che permette di controllare oltre al volume di uscita anche l’equalizzazione.

Imbracciamo la 614 e restiamo colpiti dall’estrema leggerezza. È uno strumento ben bilanciato e che dà confidenza fin dalle prime note. Il manico è sottile il giusto, non infastidisce nel playing anche quello più virtuoso. Il setup è pressoché perfetto. L’action è molto bassa, ma le corde non frustano i tasti, anche nelle prime posizioni. 

Cominciamo con dello strumming, una delle sue carte vincenti. Fa la voce grossa fin da subito, con un volume eccezionale e delle basse presenti e definite. Se l’intento era far dimenticare che fasce e fondo sono in acero, l’obbiettivo è stato centrato in pieno. Con un timbro caldo e deciso si fa volere bene fin da subito, non si fatica a sfruttare le dinamiche e i colori del suono, spostandosi più verso il manico o il ponte. I legni vibrano e lo si sente forte e chiaro sulla pancia. 

La morbidezza delle corde poi ci spinge a mettere giù il plettro e passare a del sano fingerstyle. Il buon bilanciamento delle corde aiuta in questo frangente. La buona risposta al tocco permette di giocare con facilità con i volumi di bassi e melodia rendendo tutto più divertente.

Colleghiamo infine un jack tra lei e il fidato Schertler Jam100 per testare il sistema di amplificazione. Gli sforzi dei tecnici Taylor per calibrare al meglio i piezo sono stati ben ripagati. Il suono ripropone in maniera molto fedele quello che scaturisce dalla buca, senza snaturarlo più di tanto. Se poi si vuole cambiare voce, beh, basta intervenire sull’eq e in un attimo si può trasformare il sound che fa vibrare i coni. 


La Taylor 614ce è una chitarra che ci ha veramente lasciato a bocca aperta. L’estetica è curata nei minimi dettagli, ma ancora di più lo è il sound. Questo è frutto di un attento lavoro di progettazione e realizzazione che ha portato a uno strumento professionale, con una voce calda e avvolgente sia da unplugged che su un palco. È una chitarra di alta fascia, con un costo che si aggira attorno ai 4000 euro, un prezzo sicuramente elevato, ma non eccessivo.


Taylor è un marchio distribuito da Backline
614ce chitarre acustiche taylor
Link utili
Taylor è un marchio distribuito da Backline
Mostra commenti     3
Altro da leggere
Yamaha FGC-TA: in prova la dreadnought TransAcoustic
Vintage, modernità e tecnologie: la chitarra acustica oggi
G9500 Jim Dandy: ascolta la parlor entry level di Gretsch
SHG 2022 Vintage Vault: la National del 1937 "Brothers in Arms"
Blue Lava: acustica entry level con effetti inclusi senza ampli
Gibson G-Bird: Hummingbird nel 21esimo secolo
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964