DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
di [user #3] - pubblicato il

Il 24 maggio di 11 anni fa [NdR: questo articolo è stato pubblicato in origine nel 2017] moriva Roberto Pistolesi, avrebbe compiuto 60 anni dopo pochi mesi. Toscano DOC, era amico di molti di noi della vecchia generazione di ACCORDO, di cui fu l'anima tecnica fin dai primi numeri di Nashville, cui contribuiva con passione e costanza e da cui ricevette molto in termini di visibilità e prestigio.
Roberto era una persona diversa da tutte le altre. Nessuno è mai riuscito - né prima né dopo di lui - a mostrare un approccio tanto complesso e completo allo strumento musicale. Scientifico come Leo Fender, pragmatico come Paul Reed Smith, appassionato come Lloyd Loar, Roberto era un genio, capace di migliorare ciò che a tutti appariva più che perfetto. Uno Stradivari o un Ignacio Fleta della chitarra elettrica, che esplorò e mise a nudo nei più intimi segreti.

Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 


La sua vita fu un turbine di eventi, proprio come era lui. Gli studi tecnici in Toscana, il lavoro a Milano, il ritorno nella sua terra alla ricerca delle radici, la separazione dalla moglie, la decisione finale di ritirarsi nella casa di Santa Croce sull'Arno, per fare quello che gli piaceva: lavorare il legno come suo padre falegname, costruire chitarre come Leo Fender, il "liutaio non liutaio".

Già, perché - come Leo Fender - Roberto Pistolesi era un "liutaio-non-liutaio" e "chitarrista-non chitarrista". Strimpellava qualche nota degli Shadows, ma in realtà a lui suonare non piaceva tanto quanto sentire le sue chitarre in mano a musicisti capaci di trarne i suoni che lui amava. Uno su tutti, quello della chitarra di Hank Marvin (The Shadows), suo riferimento, tanto che ci perse la testa. Ne analizzò la voce in ogni dettaglio, tentò di replicarla facendo le più belle chitarre Strat-style fiesta red mai viste, mai soddisfatto fino a quando decise che in realtà quel suono veniva da una chitarra diversa, la Gretsch.

Per lui divenne un'ossessione, passò mesi a far prove armato di Revox e Neumann, addirittura ci scrisse un libro che riuscì a far infuriare Hank Marvin, Bruce Welsh e una schiera di Shadow-fan ortodossi, incapaci di arrendersi alla prova provata che condannava le loro "fiesta red" a pappagalli di una semiacustica color legno. Purtroppo a quel punto la sua vita era già agli sgoccioli, perché qualcuno nella stanza dei bottoni aveva deciso che non avrebbe salutato i 60 anni mostrando al mondo che Apache non era stato registrato con una Stratocaster rossa, ma con una Country Gentleman marrone.

Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio

Roberto manca agli amici, a chi passava le ore a fargli perder tempo quando doveva lavorare, ai suoi cari. Ma soprattutto manca al mondo dello strumento musicale italiano, per il quale lui avrebbe potuto fare molto. Tanto era burbero quando qualcosa andava storto, altrettanto sapeva rendersi simpatico a chi gli piaceva o a chi considerava importante. Riuscì a strappare sorrisi e gesti amichevoli a insospettabili icone del mondo musicale note per il pessimo carattere o l'altezzosità. Roberto non aveva paura di nessuno, non si faceva intimidire, non aveva soggezione di nessuno. 

Non ne aveva neppure della malattia e della morte, che affrontò con coraggio e con il senso dell'umorismo che caratterizza ogni toscano intelligente. In un'epoca in cui tutto passa e scompare, senza lasciare traccia apparente, Roberto Pistolesi ha lasciato un'impronta indelebile di attenzione alla qualità, di rispetto per l'evidenza, di approccio scientifico alle cose. Un'eredità il cui valore supera ampiamente quello della cinquantina di meravigliose chitarre che ancora oggi sanno stupire chi ha la fortuna di suonarne una. 
chitarre elettriche curiosità roberto pistolesi spacecaster
Link utili
That sound
Canevari e Guerra ricordano Roberto
Mostra commenti     20
Altro da leggere
La sottile inesistenza del vintage
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964