DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
George Gruhn svela i 5 ingredienti per una buona chitarra
George Gruhn svela i 5 ingredienti per una buona chitarra
di [user #17844] - pubblicato il

Tra i maggiori esperti di vintage al mondo, George Gruhn spiega com'è cambiata la produzione nell'ultimo secolo e come riconoscere una chitarra di qualità.
Collezionista esperto e stimato autore di alcuni tra i volumi considerati di riferimento dai fanatici delle chitarre vintage, George Gruhn è anche il titolare di uno dei negozi di strumenti più affascinanti che si possano trovare a Nashville. Durante i giorni scorsi siamo stati nella capitale del Tennessee (ne leggerete presto su queste pagine) e abbiamo fatto tappa anche da Gruhn Guitars, dove abbiamo assistito a un illuminante dibattito circa il mercato della chitarra ieri e oggi, confrontando politiche, stili e approcci.

Durante l’incontro si sono toccati diversi temi cari ai chitarristi. In particolare si è parlato di qualità nella produzione industriale e di suono, con George Gruhn che ha condiviso la sua personale top five delle caratteristiche che una chitarra deve avere perché si possa definire un ottimo strumento.

George Gruhn svela i 5 ingredienti per una buona chitarra

“Ci sono molte malattie rare al mondo, ma non per questo le vorresti” ha spiegato Gruhn in riferimento alla mania del vintage e della ricercatezza a tutti i costi. Le quotazioni di alcuni strumenti toccano cifre importanti per motivi storici, per la loro età o perché sono stati realizzati in poche copie, ma bisogna essere in grado di distinguere il valore collezionistico da quello musicale assoluto.
In mezzo secolo di attività, George ne ha viste tante e conferma che la qualità media odierna degli strumenti costruiti in serie è di gran lunga superiore rispetto a quella di mezzo secolo fa. Molto si deve al CNC - spiega - che ha reso le produzioni più consistenti contro un livello altalenante degli strumenti d’epoca. In particolare in riferimento alle fasce più basse, George racconta: ”era possibile vedere strumenti praticamente insuonabili già in negozio, ancor prima di essere acquistati e usati, con manici inarcati e truss rod per niente efficaci, dei puri e semplici placebo”.
L’artigianalità ha senza dubbio il suo fascino e consente una libertà d’azione assoluta quando si parla di liuteria e strumenti su misura, territorio in cui la costruzione tramite CNC non è pratica perché ogni volta andrebbe riprogrammata. Tuttavia, Gruhn conferma, il controllo numerico in fabbrica permette di avere le medesime forme, manici identici e con la stessa cura su strumenti di qualsiasi fascia di prezzo.

George Gruhn svela i 5 ingredienti per una buona chitarra

Ciò che gli anni e le tecnologie non hanno svalutato sono invece i materiali. Del buon metallo per un ponte o un legno di qualità riccamente figurato hanno il loro peso oggi come allora ma, secondo George, passano in secondo piano rispetto al progetto dietro lo strumento: “se sei un bellissimo aereo, con rifiniture cromate e inserti in legno, ma mal disegnato, semplicemente… morirai!”
L’evoluzione ha lo scopo di porre rimedio ai difetti passati, ricorda Gruhn, e questa dovrebbe essere tra le prime preoccupazioni di un costruttore di strumenti, anche qualora decidesse di restare fedele ai progetti classici.

Il connubio tra un buon disegno e materiali adatti si traduce in elementi come solidità, suonabilità e, soprattutto, suono. Su questo tema, George Gruhn ha le idee ben chiare e condivide con i presenti la sua personale lista di caratteristiche che ogni chitarrista dovrebbe ricercare nel suono per individuare e riconoscere uno strumento di qualità.

George Gruhn svela i 5 ingredienti per una buona chitarra

La chiave di un buon suono, secondo Gruhn, sta nel bilanciamento: in diversi tipi di bilanciamento.
- Il primo e più immediato è quello in volume tra le corde: ogni corda deve saper sprigionare un’energia simile alle successive, senza cadere in cantini muti o corde avvolte eccessivamente risuonanti.
- Il secondo tipo di bilanciamento è quello in sustain: il decay delle note deve essere regolare su ogni nota e ogni corda.
- Importante è anche la costanza dinamica: devi poter suonare piano e forte su tutto il range. Le note devono essere sempre reattive, sensibili al tocco.
- Se l’orecchio è abbastanza fine, valutare il bilanciamento nella complessità tonale su tutta la tastiera è un buon modo per comprendere la consistenza di uno strumento. Il contenuto armonico, cioè, deve essere uniforme e coerente.
- Infine, è bene concentrarsi sull’articolazione delle note, il vero e proprio bilanciamento generale dell’uscita dello strumento: la chitarra deve dimostrarsi equilibrata su tutta la gamma, senza compromessi quali potrebbero essere alti definiti a discapito di bassi ovattati.

Queste semplici linee guida, con il necessario esercizio, possono aiutare il chitarrista a individuare uno strumento che darà soddisfazione in qualunque ambito e utilizzo, al di là delle valutazioni di mercato, mode e collezionismi.
chitarre acustiche chitarre elettriche gruhn guitars il suono vintage
Link utili
George Gruhn si racconta su Accordo
Mostra commenti     19
Altro da leggere
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
Il calore della noce per le Taylor American Dream 2023
PRS celebra 10 anni di S2
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964