CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA
Doppio Corno: la Gibson Les Paul Special Tribute DC
Doppio Corno: la Gibson Les Paul Special Tribute DC
di [user #39186] - pubblicato il

Una chitarra spartana dal gran carattere e un'esperienza in negozio che non si può replicare acquistando a distanza. Il racconto di un nostro lettore.
DC sta per molte cose. Secondo Gibson, per Double Cut, ma io che non mi fido dei poteri forti: ho capito tutto e vuol dire "Doppio Corno".
È da un po' che sto rimuginando su questo acquisto, non tradirei mai e poi mai le mie amate Fender e soprattutto la mia amata Telecaster, cui sono veramente legato. Però è da quando sono approdato qui su Accordo con un altro nick, tanti anni fa, che sogno una Gibson DC.
Perché non ha il blasone della Les Paul tradizionale, non tiene a fare bella presenza di sé, a suonare solo con la vista. Non è "la chitarra di Slash", è una chitarra che ha la forma e il suono che meglio si riassumono nel termine anglosassone "badass".
GIbson ne ha fatta una versione molto basica, assolutamente senza fronzoli e con i P90, e non potevo perlomeno andare a provarla.

Durante la quarantena me la sono studiata per bene su Internet, cercando tutti i video su YouTube possibili e immaginabili, cadendo nell'amore per il suo saper essere "piuma o fèro", con tutti i dubbi dei video. E, insieme a lei, mi sono pure innamorato della LP Junior, quella con un solo P90, che sa essere versatile come poche nella sua limitatezza.
Finisce la quarantena, riaprono i negozi. Si fa sabato mattina, mi fiondo col mio fido figlio batterista per la prova, conscio che tornerò a casa sicuramente con una chitarra nuova.

Doppio Corno: la Gibson Les Paul Special Tribute DC

La DC si presenta in veste nera, mettendo da subito sul piatto tutto ciò che ha da offrire. Due bei P90 su un battipenna nero a cinque strati, volume, tono, selettore a tre vie, sul lato il jack.
La verniciatura lascia vedere i pori del legno, rispetto alle altre Gibson esposte sembra una pecora nera, e per questo si guadagna la mia simpatia.
Il manico ha i tasti non proprio perfettissimi, non tagliano per nulla, ma qua e là un colpo di carta vetro o lima in più non avrebbe fatto male. Il ponte è un wraparound compensato, che sembra solido e facilmente regolabile per altre mute. La paletta è inconfondibilmente Gibson, scritta Les Paul, ma nulla di più per risparmiare su tutto. Sul retro paletta compaiono il numero di serie e "made in USA" impressi nel legno.

Il manico è abbastanza sottile, diciamo paragonabile a un manico di concezione moderna mediamente spesso. Il retro del manico è in tinta, scorrevole come quello della mia Stratocaster o della Telecaster. Insomma, una chitarra onesta, che costa relativamente poco e non offre molto. A parte il suono.

La collego all'ampli e ruggisce di brutto. Cambio canale e mi accorgo che il ruggito proveniva dal clean. Ecco qui quel suono che mi ha fatto tanto spasimare in quarantena, che solo la mia Telecaster con i pickup '51 Nocaster riesce ad avvicinare. Aperto, brillante, ma ringhioso da matti, come da scambio di battute con il commesso (gentilissimo e preparatissimo, mi ha fatto davvero piacere conoscerlo): "bello, aperto, ma con quella punta di 'ziu faus' che in un attimo si arrabbia da bestia". Ed è così, il pickup al ponte prende bene tutte le frequenze, con le alte in evidenza, e detto sinceramente basterebbe per tutto. Accarezzando le corde si ottiene un bel pulito, non come la Telecaster ma più pieno e con minimo accenno di scampanatura. Picchiando più forte, ecco che parte il ruggito.
Nella posizione centrale il suono si fa più pieno, le frequenze alte e basse sono ben bilanciate, è un'orchestra che suona, sempre con una dinamica a disposizione davvero incredibile. Il pickup al manico da solo è fin troppo gonfio di basse, probabilmente lo userò solo per suonare con le dita accarezzando le corde: fa tremare i muri.

Ma, come detto in apertura, ho fatto la prova in negozio ed è stato un gran bene, sennò non avrei potuto capire il mio annoso problema con i manici Gibson. Credevo infatti che il mio propendere per i manici Fender fosse da imputare alla scalatura, e invece non è così.
Imbracciata la LP Junior mi rendo conto di avere tra le mani una signora chitarra, di gran classe nonostante la solida base di grezza ignoranza data dal P90. Il manico, infatti, è più cicciotto e le mie dita, diversamente da quelle di Steve Vai per agilità, forza, memoria muscolare e soprattutto lunghezza, non si trovano a proprio agio nel premere i tasti. E poi, ho finalmente capito il "gran difetto": la verniciatura. La LP Junior è verniciata in maniera eccelsa, sono rimasto per non so quanto ad ammirarla e rimirarla, ma proprio questa verniciatura che continua sul retro del manico lo rende, per le mie mani, poco scorrevole.
Insomma: il mio pollice tende a suonare il mi basso, la superficie della pelle a contatto con la vernice è tanta, in più il manico ciccio non fanno per me, per la mia mano sinistra. 
Ecco, se non fossi andato in negozio non avrei mai potuto capire questa enorme differenza. Ma i pregi del negozio non finiscono qui: infatti, fatta la prova, ho notato anche che la Junior aveva il pickup più lontano dalle corde e per questo spingeva un po' meno, non ho finito di dirlo che mi fanno setup e intonazione allontanando un po' i pickup dalle corde: spingono sempre tanto, ma sono più domabili.
Super servizio, a costo zero, e ottimo prezzo della chitarra stessa.

Doppio Corno: la Gibson Les Paul Special Tribute DC

Per finire con le note, la chitarra viene fornita con la gigbag morbida. Non ho mai fatto caso ma la gigbag morbida vuol dire che segue l'angolo della paletta e non offre tutta questa protezione sicura: prima o poi prenderò la custodia rigida. A corredo della chitarra vengono forniti certificati di autenticità con la foto del controllo qualità, la chiavetta del trussrod e lo scatolone, che il mio fido batterista vuole ritagliare per farsene un poster da mettere in camera. Se non fosse lui il teenager tra i due, giuro che avrei pensato di fare la stessa cosa, ma visto che è stato già difficilino tenere a bada la mia santa moglie, meglio non calcare la mano.

Arrivato a casa la attacco ai miei due Fenderini - Blues Junior per i puliti e Bassbreaker 007 per l'overdrive - e un'espressione di godimento si dipinge sul mio volto nel portare quasi alla distorsione il Blues Junior col gain bassissimo. Il sustain è notevole, le note diventano più lunghe di quanto sia mia abitudine.
Il rock più cattivello e il punk sono i generi d'elezione per questa chitarra, che non disdegna di suonare a volumi più bassi per regalare suoni pieni e caldi, ma mai gonfi come quelli di un humbucker.
Con la Stratocaster si intreccia che è un piacere, ha meno attacco ma più corpo. Con la Telecaster devo ancora provarla, secondo me può stare molto bene soprattutto per qualcosa di più spinto.
Io sono contento e soddisfatto, ho una chitarra in più che mi piace, mi appassiona e mi completa l'arsenale sonoro, e l'ho presa passando una piacevole ora in compagnia di persone competenti, oneste e simpatiche. Cosa chiedere di più dalla vita?
chitarre elettriche gibson gli articoli dei lettori les paul special tribute dc
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Mostra commenti     39
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Altro da leggere
Fender mostra la Troublemaker Deluxe in video
Jackson mostra in video le Wildcard Limited Edition
Da chitarra standard a baritona
Gibson ES-335 1958-1962: evoluzione, caratteristiche e suono
Scopriamo insieme le Fender American Professional II
La Black Beauty di Bonamassa in edizione limitata con Epiphone
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964