CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Francesco De Gregori, tour estivo con una grande orchestra
Nell’estate 2019 FRANCESCO DE GREGORI sarà protagonista insieme ad una grande orchestra di un tour che si propone dichiaratamente di presentare per la prima volta in un contesto sinfonico i suoi più grandi successi. Il 14 Giugno al Teatro Antico di Taormina. Continua...
di notizie [user #49264]
0
Francesco De Gregori in tour con Vivavoce
“Regalare quello che il pubblico si aspetta, ma anche dire le cose che voglio io. Così ho costruito la scaletta. E quelle che ho cantato erano esattamente le canzoni che volevo fare” così Francesco De Gregori ha descritto la scaletta di “Vivavoce” il tour che è appena partito e che noi seguiremo domani sera a Pordenone. Continua...
di redazione [user #116]
4
Dalla - De Gregori: "Work in Progress" alla Feltrinelli di Roma
Roma, Feltrinelli via Appia Nuova, 6/12/2010 - Lucio Dalla e Francesco De Gregori hanno incontrato i fan per parlare del nuovo lavoro “Work in Progress”, un doppio cd live che contiene 29 tracce con 2 inediti. A trent’anni di distanza dallo storico tour di “Banana Republic”, i due cantautori sono tornati insieme sulle scene dei più importanti teatri italiani e questo disco ne è la testimonianza. Continua...
di MariaRita [user #26225]
4
De Gregori, un “Mix” di bufale e mozzarelle
Tutto sommato non si può dire che Francesco De Gregori sia “avaro” di uscite discografiche. Avaro di parole forse, avaro di inediti magari anche, ma in quanto a fare dischi non gli sta dietro nessuno! Se non ho sbagliato i conti siamo alla 27esima uscita discografica di Francesco in 30 anni di carriera, così divise: 16 dischi della discografia ufficiale, 9 dischi dal vivo (di cui 3 doppi) e 2 raccolte (e mezza). Troppa grazia san Francesco! Ora ti puoi anche riposare. Forse, a pensarci bene, potevi riposarti anche prima di dare alla stampa questo insulso Mix. Cosa aggiunge? A chi serve? Abbiamo davvero bisogno di sentirti cantare “A chi?” E se anche ne avessimo proprio bisogno (mamma mia come saremmo ridotti male!) abbiamo bisogno di ascoltarla inscatolata in mezzo all’altra paccottiglia con cui l’hai infiorata? Come? C’è anche un inedito tradotto da Dylan? E c’è pure il pezzo che hai scritto per Ron? Ma allora questa produzione sparsa non potrebbe trovare collocazione in un disco tutto suo? Pensaci: abbiamo “La topolino amaranto”, “Anche per te”, “Addio Lugano bella”, “Napul è”, “Via della povertà”, “Anidride Solforosa”, “”Sudamerica” che, stando al bellissimo libro di Deregibus su di te hai fatto in varie occasioni in concerto. Pensa che magnifico lavoro: le cover del Deg! Continua...
di Leon Ravasi [user #4]
14
De Gregori & Marini. Sento il canto della Storia
Sono campato abbastanza a lungo per vedere la Sony fare un disco di musica popolare italiana. Non avrei mai creduto di sentire le note di 'Donna lombarda' o le strofe di Giovanna Daffini uscire dai patinati solchi della major giapponese. Potenza di De Gregori. E potenza di un anacronismo fortemente voluto e perseguito con intensità e rigore. Questo precede la considerazione che si tratti o meno di un bel disco. È un disco meritorio. Poi che io lo ascolti con tre dita di brividi alzati lungo la schiena forse è un fatto soltanto mio. Le due voci all'unisono percorrono cento anni e più di canzone popolare, che, sarà un caso, è sempre canzone di popolo e quindi naturalmente schierata a sinistra. Qualcosa tipo 'Sempre e per sempre/dalla stessa parte mi troverai'. E ancora una volta ci tocca trovare De Gregori in cima a un gran disco. Continua...
di Leon Ravasi [user #4]
0
Francesco De Gregori live@Fillmore 18/04/2002
Marcello scrive: "Francesco De Gregori live@Fillmore 18/04/2002 - Resistenza intellettuale Forse non ci sarà niente da capire, come ci suggerisce il pezzo con cui si apre il concerto, ma andatevi a rileggere il testo di “Bambini venite parvulos”, la seconda canzone in scaletta: faceva parte dell’album “Miramare 19.4.89” (una quasi-coincidenza) ma è tremendamente attuale, sembra scritta ieri di fronte all’ultimo imbarazzante, goffo e scomodo delirio di onnipotenza di Sua Emittenza il Cavaliere. " Continua...
di redazione [user #116]
0
Una serata in casa De Gregori
Ci sono delle parti di noi disperse nel mondo. Ne sono convinto. Ogni tanto queste parti disperse si danno convegno nel breve spazio di un periodo di tempo, in un piccolo luogo personale. Molto più di rado convergono tutte insieme. Ora, da tempo sono convinto che Nanni Moretti sia una mia parte separata (come Sigmund Freud pensava di Arthur Schnitzler, che non voleva incontrare nel dubbio fosse un suo doppio). L'altra parte separata e' Francesco De Gregori. Che peraltro, visibilmente, e' una meta' non unita di Nanni Moretti. Appartenenza generazionale senz'altro, ma non solo. Anche un modo di fondo scostante (e timido) di affrontare il mondo. Continua...
di Leon Ravasi [user #4]
0
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Matt Garstka: come creo gli esercizi
Pro Mod e USA ampliano il catalogo Charvel
Yamaha CG192C: pro entry level
Le Scale a Colori
Warmer: TS808 con 3 switch e 5 Op Amp
The Aristocrats: briciole del live a Napoli
Yamaha Stagepas 1K: la tecnologia e la leggerezza
Plethora X5: è arrivata la Toneprint Pedalboard
La rock Jam italiana di Riccardo Rizzi
Un setup portatile, senza compromessi
Le Roland V-Drums ammiccano all’acustico
Migliora i tuoi accompagnamenti: Sincero
Rider Pro: la Strat moderna di Soundsation in prova
Giovedì, chiedilo agli Aristocrats
Z Wreck di Dr Z è ora disponibile in formato Junior

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964