CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP

Joy79
utente #25844 - registrato il 24/09/2010
Il suo primo approccio con la musica, fu da bambino, suonando la fisarmonica, una Rosellina, e tastierine giocattolo sia a pile che a fiato. Fin da subito era evidente uno spiccato orecchio musicale, infatti, non iniziò subito a studiare musica, ma si limitava a suonare ad orecchio dietro alle canzoni note di quegli anni. L'amore per il Rock e i suoi derivati non tardò ad arrivare, quando un giorno attirato dalla copertina, comprò un album degli Iron Maiden, Number Of The Beast. Rimase subito affascinato dal genere, e capì cosa voleva dalla musica, quali erano le sensazioni che cercava, abbandonò tutta la altra musica, per gli Iron Maiden, Def Leppard, Queen, Guns n' Roses, Nirvana...e tanti altri gruppi del genere...fino a che un giorno, sentì i Doors, e cominciò ad adorare il gruppo fin da subito, per la capacità di unire delle tastiere e organi al genere che stava cominciando ad amare... Fu così, che davanti a un libro di solfeggio avanzato, cominciò a studiare la tastiera e la musica a fondo, ma al posto degli esercizi di musica classica, la prima canzone che imparò a spartito, fu Light My Fire. Nel 1997, partì il primo progetto musicale, insieme a un chitarrista e un batterista in erba, e comprò una vera tastiera, ma il progetto morì dopo un anno circa, per problemi di rapporti. Nel 1998 nacque un nuovo progetto, questa volta serio, insieme al chitarrista del primo progetto, nel frattempo, la tastiera gli fu rubata...e con molto coraggio, si trovò a suonare con una tastierina giocattolo, che però aveva un ottimo suono di organo, da cui nacquero i primi pezzi con solistica e improvvisazioni di organo, e gli arrangiamenti dei vari strumenti erano quasi totalmente scritti da lui, e trascritti a spartito in midi. Un giorno, si trovò davanti un' ottima offerta, una imitazione della Fender Stratocaster, e colse la palla al balzo...in pochi mesi diventò il solista del gruppo. Ci furono un pò di uscite live, nelle feste di paese toscane. Il gruppo poi partecipò a un concorso musicale con 5 pezzi propri, presentandosi con il nome "Dual 99", dopo una partecipazione in una radio locale a Firenze, presentando alcuni pezzi in versione Unplugged, per il concorso. Il concorso fu un successo, il gruppo suonava da appena un anno, e aveva solo 5 pezzi propri, nonostante tanti gruppi, con molti anni alle spalle di esperienza, il gruppo si piazzò in decima posizione, su quaranta gruppi partecipanti, grazie soprattutto alla giuria tecnica. Il progetto morì, come sempre per problemi di rapporti tra alcune persone del gruppo. Negli anni avvenire, parteciperà come esterno a vari eventi e con persone diverse, feste di paese, saggi, e continuerà la sua ricerca musicale, con dei periodi di fermo per cause personali. Oggi, è fiero di suonare con questo gruppo, gli Arcas, che ritiene il primo vero gruppo con cui riesce a dare il meglio di se, e finalmente...quando suona, la sua anima Rock brucia...ardente e distruttiva, ma anche calda e dolce, come Gio, definisce il rock stesso.
Città: Rovigo
Genere: Heavy metal.
Sono interessato a: Chitarra elettrica.
Sito Internet: http://www.arcasband.it
Artisti preferiti Album preferiti
+ Vedi altri
+ Vedi altri
Attività Risposte ricevute Commenti effettuati Post Articoli Preferiti Annunci

Attività

Vibrazione corde sulla paletta
di Joy79 | 10 luglio 2012 ore 09:27 da (People)
...
Beam Blocker fai da te
di Joy79 | 27 settembre 2010 ore 16:00 da (Chitarra)
Chi è che non ha problemi con l'amplificatore "in faccia"? Ultimamente ho comprato il Valveking, ottimo amplificatore valvolare per rapporto qualità/prezzo, e ci ho montato il classico cono Celestion V30. Nonostante siano 12 anni che suono ora sto affinando l'orecchio, in tutti gli ultimi concerti e in sala mi sono reso conto che problema di quasi tutti gli ampli, e ancora di piu su coni come i V30, è che stando di faccia all'ampli si sentiva il suono deteriorato, con degli alti fastidiosissimi nonostante li tagliassi quasi completamente.
Pickups GFS Lil Killer Calibrate Set per Stratocaster
di Joy79 | 25 settembre 2010 ore 14:30 da (Chitarra)
Proprio oggi ho ricevuto il set di mini humbucker di Guitar Fetish Store, precisamente i Lil Killer, citati da molti come Rail, copia dei più popolari Seymour Duncan Hot Rail. Questo non è un articolo tecnico, ma più un articolo sulle impressioni che ho avuto su questo prodotto. Io suono tendenzialmente hard rock e heavy metal, e non riesco a staccarmi dalla mia Stratocaster Made in Messico che mi accompagna da ormai dieci anni nonostante il genere. Ho provato diverse chitarre ma non ho lo stesso feeling con le altre.
Cerca Utente
Seguici anche su:
People
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
The Police: Greatest Hits
Se la base è valida...
Neucab/Viper sono i cavi Bespeco con jack Neutrik, anche Silent
Yamaha THR si rifà il look per i 10 anni
Il nemico in pedaliera
Orchestra d’archi in un pedale: EHX S9
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Baroni AFK150: ampli ibrido a due canali in pedaliera
DANG!: un'estate di fuoco
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special più complesso
Fender Stratocaster #0015 del 1954: il restauro ToneTeam
GTRS P800: la chitarra smart Mooer diventa Professional








Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964