CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Pino Rucher: una chitarra che ha fatto la storia
Pino Rucher: una chitarra che ha fatto la storia
di [user #17404] - pubblicato il

Hendrix, Clapton, Page, Van Halen sono i nomi di alcune delle icone del rock che hanno inventato la chitarra elettrica per come la conosciamo oggi. È vero però, che spesso dimentichiamo figure di alcuni musicisti italiani imprescindibili: Mussida, Radius, Battaglia e poi Portera o Solieri, giganti che per primi hanno codificato quel nuovo linguaggio elettrico portando quelle modalità sonore ed espressive nella nostra musica. Prima ancora di questi, c’è Pino Rucher chitarrista che negli anni sessanta ha suonato in centinaia tra dischi, colonne sonore, festival dispensando con classe, gusto e innovazione, sonorità che avrebbero influenzato il chitarrismo delle generazioni a seguire.

Rispetto ai chitarristi prima menzionati, Pino Rucher (1924-1996), è stato un chitarrista prevalentemente da studio, un session man che ha lavorato per la RAI e ha messo la sua sei corde al servizio di tantissimi compositori, diventando un nome di riferimento nella musica da film lavorando con Luis Bacalov, Gianni Ferrio, Benedetto Ghiglia, Ennio Morricone e Riz Ortolani.

Pino Rucher: una chitarra che ha fatto la storia

È in particolare con Ennio Morricone che Rucher instaura un sodalizio artistico e professionale particolarmente fruttuoso e fortunato. 
Morricone, che negli anni ha ricordato Rucher come un chitarrista preparatissimo e generoso, fu il primo compositore a intuire e sperimentare il potenziale della chitarra elettrica nella musica per film western, inventando un’estetica che avrebbe poi caratterizzato il genere. E fu proprio grazie all’elettrica di Pino Rucher che Morricone compì questo fortunato esperimento. È di Pino Rucher la magica sei corde solista di “Per Un Pugno di Dollari”.



Ma tra le musiche dei tanti film realizzati con Morricone, Rucher suona l’elettrica nella colonna sonora di una memorabile pellicola di Gianni Morandi, “In Ginocchio da te” il cui commento musicale ammiccante al jazz, tradisce la grande passione del chitarrista per il genere.
Il legame tra il chitarrista e il jazz nasce quando Rucher è ancora giovanissimo: negli anni della Liberazione, tra il 1943 e il 1946, Rucher è poco più che ventenne ma già si esibisce tra Napoli e Bari.  La presenza delle truppe americane permette al giovane chitarrista di entrare nelle orchestre dell'esercito alleato. Qui può confrontarsi con musicisti eccellenti e contaminarsi con il jazz statunitense scoprendo un linguaggio e degli artisti di riferimento che gli garantiranno una freschezza, originalità e capacità musicali peculiari.

Pino Rucher: una chitarra che ha fatto la storia

Pino Rucher, secondo sulla destra, al Festival di Sanremo del 1962 con Milva.

Rucher non abbandonerà mai la passione per il Jazz cimentandosi anche per suo diletto e missione didattica in centinaia di trascrizioni di chitarristi come Barney Kessel, Wes Montgomery, Joe Pass. Rucher riesce a portare i colori e la verve del jazz e dello swing nella grande musica pop italiana in cui in quegli anni lavora da protagonista. Basta ascoltare dei classici come “ “E se domani” o “Una zebra a poi” di Mina, oppure “Amore twist” di Rita Pavone, per assaporare l’estro di quella sei corde così vivace.



Ma la modernità di Rucher si palesa soprattutto nella ricerca sonora: nelle musiche scritte dal Maestro Ghiglia per il film "Un dollaro tra i denti" del 1966, il chitarrista sfoggia una sonorità crunch strabiliante per l’epoca, sfruttando le nuove possibilità offerte dal distorsore in contesti non necessariamente rock.
Ancora più stupefacente quello che la chitarra di Rucher fa nelle musiche del film “Femina Ridens” scritte dal Maestro Cipriani. Qui grazie al Wha Wha, Rucher esplora sonorità in bilico tra funk e psichedelia.



Grazie a Emiliano Ferri, niipote di Pino Rucher, che ci ha fornito queste preziose informazioni.
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Il sito dedicato a Pino Rucher
In vendita su Shop
 
source audio soundblox trimod wha
di Scolopendra
 € 40,00 
 
Blackstar Id Core 10 v2
di Banana Music Store
 € 108,00 
 
IDA MARIA GRASSI GR SAL700 SAX ALTO Eb
di SL MUSIC
 € 360,00 
 
Buttarini Flametone Telecaster 60 Blonde Relic
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.200,00 
 
Yamaha YOB241-40 OBOE DA STUDIO IN ABS CON LEVA DEL DOPPIO FA YOB24140
di Borsari Strumenti Musicali
 € 1.752,00 
 
Paul Reed Smith PRS SE Mark Holcomb Holcomb Burst (VALUTIAMO PERMUTE)
di Gas Music Store
 € 1.049,00 
 
Tama STAR Rullante TLH146S-OMH STAR SOLID MAHOGANY - 14"X6
di Dream Music Studio
 € 940,00 
 
DIGITECH RP360XP PEDALIERA MULTIEFFETTI PER CHITARRA
di Musicanova
 € 125,00 
Mostra commenti     14
Altro da leggere
Suonare: davanti & dietro al beat
Giacomo Castellano: davanti e dietro al mixer
Maurizio Solieri: " Troppo artisti per farci da manager"
Maurizio Solieri: ricordi di Massimo Riva
Michael Lee Firkins: nuove idee per la scala blues
Non c'è niente di più difficile che essere semplici
Per suonare bene devi essere anche un buon compositore!
Ricky Portera: l'assolo di "Ayrton"
Il Riff di "Battle without honor or humanity"
Agostino Marangolo: musiche da horror
Luca Colombo: modi da colonna sonora
La colonna sonora per un musicista in viaggio
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
PEAVEY VALVEKING 112 AMPLIFICATORE VALVOLARE 50 W RIVALVOLATO TRATTABILE FOOTSWITCH
Visualizza l'annuncio
Visualizza l'annuncio
Zoom Q3 HD
Seguici anche su:
Altro da leggere
Sfasciano la chitarra al busker: Jack White gli compra una Custom Shop...
Stompbox AmazonBasics: un grande punto interrogativo
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964