DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
"Interfulgent", il capolavoro definitivo di Corrado Rustici
di [user #46004] - pubblicato il

Attraverso dieci tracce di eccezionale spessore ed equilibrio formale il disco coniuga alla perfezione, come mai prima nella discografia del chitarrista partenopeo, le sonorità solitamente attribuite alla musica d'intrattenimento parimenti a contenuti musicali di rara dinamica espressiva.

Non sappiamo quale percorso stia tracciando la mente di Corrado Rustici, foriera di eventi sonori provenienti da dimensioni parallele. Ma si tratta sicuramente di qualcosa di nuovo. Ogni gradino della sua discografia solista costruisce nel tempo una scala verso l'ignoto. Una scala che si plasma sempre più con la personalità profondamente meditativa e spirituale del musicista “nato italiano, cresciuto nel mondo e nutrito dal cosmo” che allo stesso tempo è a stretto e continuo contatto con tutte le novità che lo sviluppo tecnologico offre. Interfulgent” infatti coniuga alla perfezione, come mai prima nella discografia del chitarrista partenopeo, le sonorità solitamente attribuite alla musica d'intrattenimento parimenti a contenuti musicali di rara dinamica espressiva.

"Interfulgent", il capolavoro definitivo di Corrado Rustici

Il timbro scuro e intangibile dello strumento di Corrado, ormai svincolato da qualsiasi paragone con il resto del mondo chitarristico, ci accompagna in dieci tracce di eccezionale spessore ed equilibrio formale. Ascoltando quest'opera difficilmente si potrà negare una sensazione di trasporto verso il futuro. Le sonorità elettroniche sono parte specificatamente attiva nel coinvolgimento percettivo sensoriale dell'ascoltatore: bassi preponderanti che si appoggiano su ritmi di implacabili drum machine, cori sintetici, vocoder, synth filtrati, processori dalle più variegate caratteristiche. Su questo oceano sonico contemporaneo si erge protagonista assoluta la chitarra. Si passa da geometrie frasistiche di ardua codificazione e abbagliante velocità sino ad approdare a temi di largo respiro e chiara melodia di matrice italiana.



Fondamentale l'apporto sonoro offerto dalle tastiere di Alex Argento, figura di spicco mondiale in campo prog metal/fusion. Ciò che è importante sottolineare è la precisone che è stata adoperata nel fine cesello dell'arrangiamento. Ogni ascolto rivela nuovi particolari, che contribuiscono a una massa sonora di preziosa consistenza tridimensionale. Pur essendo un lavoro fortemente riflessivo nel messaggio esplicato attraverso la musica prodotta, il virtuosismo di Corrado è giunto a livelli quasi esoterici.

"Interfulgent", il capolavoro definitivo di Corrado Rustici

L'opening “Halo Drive” ad esempio, crocevia sonoro intriso di stilemi progressive contemporaneo e ritmiche jungle, catalizza completamente l'attenzione dell'ascoltatore per il suo viaggio tortuoso nell'esposizione melodica dell'iperattivo tema. Ma ogni brano è intriso di fraseggi supersonici, che lontani dall'essere sterile esercizio motorio, sono anzi parte integrante e ragionata del contenuto esperienziale accumulato da Rustici in quasi 50 anni di esperienze musicali che esplica peculiarmente attraverso questa modalità espressiva.

Come sempre nella musica del chitarrista napoletano la velocità di fraseggi outside viene controbilanciata dall'espressività lirica che, ben presente nella dimensione dei soli, è perlopiù disarmante nella drammaticità di alcuni temi strappalacrime come “Anna”, “Khetwadi Lane” e “G. on a Sunny Day”. Accorato l'omaggio ad Allan Holdsworth proposto nel brano “The Man From Yorkshire”. Il geniale chitarrista inglese, scomparso nel 2017, è stato sicuramente una figura fondamentale nella costruzione del linguaggio personale di Corrado. Da Thomas Newman a Skrjabin, gli elementi costitutivi influenti nel “sound Rustici” sono tanti, ma filtrati da una personalissima visione d'insieme che trascende i singoli riferimenti, che va al di là del semplice codice sonoro per fornire invece rappresentazioni simboliche delle emozioni umane. Questo disco più di ogni altro è la definizione del concetto di Transmoderno. Imperdibile.


 
corrado rustici
Link utili
Il sito di Corrado Rustici
"Interfulgent" di Corrado Rustici
Nascondi commenti     2
Loggati per commentare

di Lucifer [user #46960]
commento del 28/02/2021 ore 10:44:11
RIP for Danilo...
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 28/02/2021 ore 18:00:48
stavo pensando la stessa cosa quando ho aperto il post
Rispondi
Altro da leggere
Allargamenti e cromatismi: stile di Corrado Rustici
Esempi dalle chitarre di Corrado Rustici e Peppino D'Agostino
Corrado Rustici e Peppino D'Agostino assieme per un disco sensazionale
"Solo una Sana e Consapevole Libidine": l'assolo di Corrado Rustici
La chitarra solista di Corrado Rustici con Zucchero
I migliori assolo di Corrado Rustici con Zucchero
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964