CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Chris Broderick spiega le sue Jackson Pro Series
Chris Broderick spiega le sue Jackson Pro Series
di [user #116] - pubblicato il

Il chitarrista degli Act of Defiance fa ascoltare le sue Soloist in versione Pro Series e racconta le scelte dietro la sua serie signature.
L’arrivo della signature di Chris Broderick nelle file della più accessibile Pro Series è stato lungamente atteso dai fan. Un’intera collezione di strumenti a sei e a sette corde, tutti basati su uno shape esclusivo messo a punto dal chitarrista, è stata mostrata in anteprima nel luglio 2021 anche qui su Accordo. L’arrivo nei negozi era programmato per settembre e, puntuali, le chitarre fanno ora la loro apparizione anche in un video approfondito.

Ex Megadeth e ora punta di diamante nella formazione degli Act of Defiance, Chris Broderick ha lavorato con Jackson per offrire il suo singolare modello signature a un prezzo più accessibile rispetto al top di gamma offerto dalla precedente serie USA.
Così la Pro Series si arricchisce di un totale di otto varianti, per adattarsi ai gusti estetici e alle necessità più disparate. La signature arriva nei modelli a sei e a sette corde, entrambi disponibili con ponti Floyd Rose o hardtail, e tutti offerti sia in finitura nera sia nell’edizione Transparent Blue il cui burst lascia ammirare gli intricati nodi di un top in pioppo.

Chris Broderick spiega le sue Jackson Pro Series

L’originale Soloist di Broderick sfoggia scelte che vanno oltre le semplici questioni estetiche.
È il caso delle meccaniche disposte su entrambi i lati della paletta per accorciare il percorso della corda oltre il capotasto e ridurre così le vibrazioni indesiderate, ma anche del body asimmetrico disegnato per un bilanciamento ottimale quando la chitarra viene indossata.
Il jack d’uscita è inoltre spostato sul retro e rivolto all’insù per garantire al musicista maggiore libertà di movimento, senza rischiare che il cavo finisca “tra i piedi” o venga inavvertitamente scollegato con un movimento sbagliato.

Per tutte, il diapason da 25,5 pollici è abbinato a un raggio da 12 pollici. La tastiera in alloro monta un totale di 24 fret di tipo jumbo, per un approccio rivolto alle tecniche soliste che però non compromette la praticità sulla ritmica e l’esecuzione di arpeggi d’accompagnamento anche intricati.

Chris Broderick spiega le sue Jackson Pro Series

L’elettronica ruota intorno a due humbucker DiMarzio Chris Broderick avvitati dritti nel legno.
I pickup sono stati progettati a quattro mani da Chris e Larry DiMarzio con un preciso tono in mente, ottenuto ricercando una spiccata presenza e intelligibilità sulla gamma media. Il risultato è un magnete potente, ma anche organico ed espressivo, capace di valorizzare i distorti quanto i clean più caldi, e con tutta la flessibilità di un push-pull sui toni e un kill switch per accedere a giochi ritmici creativi.

Nel video, Chris in persona racconta la nascita dei suoi modelli signature e ne fa ascoltare le peculiarità.



Sul sito Jackson, le Pro Series di Chris Broderick sono mostrate nel dettaglio, con foto, schede tecniche e prezzi di listino per gli USA, nei seguenti link:

Soloist 6 in finitura nera con Floyd Rose
Soloist 6P con Floyd in finitura Transparent Blue e top in pioppo
Soloist HT6 con ponte hardtail, finitura nera
Soloist HT6P con ponte hardtail e finitura Transparent Blue
Soloist 7 nera a sette corde con Floyd Rose
Soloist 7P a sette corde con top in pioppo e Floyd Rose
Soloist HT7 a sette corde, ponte fisso e finitura nera
Soloist HT7P con sette corde, ponte fisso e finitura Transparent Blue
chitarre elettriche chris broderick jackson pro series
Link utili
Le Pro Series di Chris Broderick spiegate su Accordo
Soloist 6 sul sito Jackson
Soloist 6P sul sito Jackson
Soloist HT6 sul sito Jackson
Soloist HT6P sul sito Jackson
Soloist 7 sul sito Jackson
Soloist 7P sul sito Jackson
Soloist HT7 sul sito Jackson
Soloist HT7P sul sito Jackson
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
La Gibson che non sapevo di volere
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964