CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Vestirsi di rock e passione
Vestirsi di rock e passione
di [user #116] - pubblicato il

Non necessariamente la verve creativa di due musicisti deve sfociare, esclusivamente e per forza, in una nuova band, un pezzo o un altro album. Perché può succedere che la passione per il rock, per un immaginario fatto di cantine, vecchi Marshall, pile di vinili e Fender sempre pronte ad urlare, sia talmente forte e vivace da trasformarsi in qualunque cosa.È il caso di Manuel, cantante/disegnatore, e Fabrizio, bassista/creativo che hanno dato vita a Cobain Clothing, un brand di vestiario rigorosamente rock'n’roll.

Cobain Clothing porterà una nota di stile, colore, vivacità e – soprattutto - tanto rock’n’roll nell’esposizione sconfinata di chitarre, musica e strumenti che ci sarà il prossimo 27 e 28 novembre a SHG, al Palazzo delle Stelline.
Abbiam incontrato Fabrizio e Manuel per farci raccontare l’attività di Cobain Clothing che, intanto, ci hanno presentato così:
 
“Cobain è un brand con un importante compito: creare disegni che abbiano un significato "vero", che provengano da espressioni visive e musicali passibili di trasformazione artistica. Gli artwork, rigorosamente realizzati a mano, si sviluppano tra ironia e irriverenza, mescolano il mondo iconico del fumetto, sottolineandone l’anima più noir (i cattivi sono sempre più intriganti dei buoni); con i grandi personaggi della musica rock e hard rock, ritroverete infatti il lampo di Bowie tra le orecchie di Topolino, vi farete una birretta con Biancaneve, inventerete una bass-line con un Lemmy/coniglio, convertirete il buon vecchio Pac Man alla musica Punk.”

Vestirsi di rock e passione

Tu e Manuel siete entrambi musicisti. Quanto dell’esperienza sia artistica che della vita on the road del musicista avete buttato in questa linea?
In realtà abbiamo fuso quello che è la nostra attività professionale con quella ludica. Abbiamo lavorato per anni a servizio di molte aziende soprattutto nell’abbigliamento disegnando centinaia di grafiche su commissione. Di conseguenza il nostro lato artistico veniva soffocato dalle esigenze di mercato, del brand ecc. Ad un certo punto ci siamo detti: ma perchè non disegnamo per noi stessi? E cosa avremmo potuto disegnare se non quello che fondamentalmente è una passione fortissima: la musica. Ma non solo, abbiamo sperimentato un mix che spazia dal cartone animato, ai tattoo, al vintage. Abbiamo, di fondo, cercato un nostro stile.

Vestirsi di rock e passione

Perché avete identificato in Cobain l'artista più rappresentativo per identificarvi?
Volevamo dare un nome alla collezione che fosse reale, evocativo. Non un nome inventato o un brand. Abbiamo vagliato tante idee ed alla fine puntato su quello che è l’ultimo “rivoluzionario” della musica rock. Un distruttore di schemi e un nome che ha appassionato generazioni di fan. Tuttavia non ci ispiriamo alla sua figura artistica diventata un’icona molto “pesante” quanto a quello che ha appunto rappresentato nel suo momento storico. Ci sembrava un nome “potente” e ce ne siamo assunti i rischi.

Vi nomino tre aree del rock: quella degli anni 60 vicino alla cultura Hippie e della Beat Generation (Doors, Hendrix, Joplin..); quella del punk inglese della seconda metà dei ’70; il Grunge.
Concentrandoci sull’immaginario di ciascuna mi dite gli elementi di stile di questi filoni che, secondo voi, oltre a essere i più efficaci e suggestivi a livello estetico, riuscivano anche e essere evocativi dello spirito musicale del periodo? Della musica interpretata?
Gli anni’60-’70 sono stati la genesi dello stile rock. Teniamo presente che la moda è stata molto influenzata dalla musica rock. Forse è il periodo più fortemente omogeneo nel lifestyle e rock. Pantaloni a zampa, minigonne, camicie a fiori, colori sgargianti. Un’esplosione culturale, visiva, musicale che coinvolgeva pienamente la società e che accadeva per la prima volta. Si veniva dai rigorosi anni ’50.
Nella seconda metà degli anni '70, nasce il Punk altro periodo bellissimo, creativo, pieno di fermento. Ed anche qui moda e musica fanno da traino ad una nuova corrente che sfocerà in tante direzioni. Magliette strappate, creste, anfibi, cinture metalliche, giubbotti di pelle. Un nuovo modo di suonare e di esibire la propria personalità.
Per il Grunge il discorso è un po’ diverso. L’aspetto visivo non contava quasi nulla, il grunge nasce libero da tutto, ribelle, e non ha connessioni con la moda o il vestire in un certo modo. Diventerà un lifestyle tra i teenagers americani che vestivano soprattutto con jeans e camicie di flanella a quadri, ma dal punto di vista di stile fu abbastanza irrilevante. A pensarci bene era un vero e proprio casual wear, un no-logo identity.

Vestirsi di rock e passione

Entrando più nello specifico, chi è un’artista che secondo voi è riuscito con il suo look a creare una proiezione davvero efficace e coerente della sua arte?
Ce ne sono tantissimi. Sono aspetti sempre molto collegati, ma non abbiamo alcun dubbio: David Bowie. Immenso, troppo irraggiungibile nella sua arte, nel suo modo di vedere le cose, viaggiare attraverso le generazioni, trasformarsi rischiando ma risultando sempre interessante. Un artista che ha saputo coniugare perfettamente su sé stesso una parte importante della musica: l’aspetto visivo, l’emozionalità.

Vestirsi di rock e passione

Ci descrivete le linee principali del vostro catalogo?
Il nostro catalogo è composto essenzialmente da t-shirts unisex, una piccola parte da donna, felpe e accessori. Diciamo che il tutto si svolge su due correnti visive: Rockin Faces, che sono ritratti disegnati utilizzando testi o titoli degli artisti rappresentati. Tutto il resto, cioè grafiche di varia ispirazione ma più articolate come concetti, che di volta in volta stampiamo sui capi.

Vestirsi di rock e passione

Ritenete che ancora tra i musicisti ci sia un'attenzione o vocazione particolare alla cura del look?
Se parliamo di musica rock e di nuovi artisti diremmo che questo “atteggiamento” si è un po’ perso. L’aspetto estetico è relegato al momento del live. E’ un vestito di scena, un travestimento. Cosa che prima non era. Prima diventava spesso un lifestyle, una tendenza della moda. Un vero e proprio modo di esprimersi anche nel quotidiano.

Vestirsi di rock e passione

Accordo è popolato da chitarristi, attizzati da strumentazione, amplificatori a valvole, grandi chitarristi del rock e del blues, effetti di ogni sorta…suggerite un paio di capi della vostra linea, coerenti a questo identikit, perfetti per fare un figurone a un concerto o a una prova….?
I nostri capi privilegiano l’aspetto grafico, il marchio è pochissimo visibile proprio perchè ci piace l’idea che un musicista acquisti un “disegno” e non un brand. Difficile però rispondere , ne abbiamo tanti. Ne scegliamo due: Punk Man, la parodia di Pac Man Nintendo e Jimi Hendrix che sembra un’icona, ricorda il famoso disegno di Che Guevara.

Vestirsi di rock e passione

La cosa, abitudine, moda legata al vestiario di un chitarrista rock più brutta mai vista…?
Mai vista da noi? Difficile dirlo. Diciamo che se vuoi far vedere il fisico… ce lo devi avere. Gilet di pelle a petto nudo non prevedono pance pelose che fuoriescono (ah, ah, ah)

Cosa porterete a SHG?
Porteremo il meglio della nostra produzione. T-shirts iconiche e altre più “pulite”, felpe, berretti e qualche accessorio stupendo che non possiamo rivelare.


Vestirsi di rock e passione
cobain clothing shg music show 2021
Link utili
Il sito di Cobain Clothing
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

di roccog [user #30468]
commento del 16/11/2021 ore 12:15:39
IO VOGLIO QUELLA DI HENDRIX!
Rispondi
di Carrera [user #31493]
commento del 17/11/2021 ore 15:35:44
Sfiziose! E belle perché non troppo esagerate...anche una sugli 'anta, magari con una camicia in jeans se le può concedere.
Una domanda questi signori musicisti così creativi che fanno queste belle magliette: ma i Maneskin ce li mettereste? Voi che siete così attenti all'estetica riconoscete il loro valore?
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 18/11/2021 ore 08:06:42
Violazioni di copyright? Non che io sia un esperto in materia, ma a guardarle...
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 18/11/2021 ore 10:53:58
Immagino e spero che prima di avviare un'attività imprenditoriale ci sia stata la coscienza di rivolgersi a dei professionisti (che comunque sono necessari nel prosieguo) e che la questione sia stata vagliata e risolta correttamente. Devo anche dire, però, che questo in realtà non sempre accade nel mondo dell'arte: mi è già capitatao più volte di parlare con musicisti che ritengono soldi buttati (o addirittura rubati) quelli da destinare a commercialista ed avvocato. D'altra parte è anche vero che, a seconda del momento, siamo sempre tutti allenatori, economisti, virologi, costituzionalisti ecc..
Ciao
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 18/11/2021 ore 16:54:40
Me lo auguro... ci sembra essere un decente "transformative fair use", ma Disney ad esempio e' nota per essere molto aggressiva nell'andare contro minime violazioni di copyright...
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 19/11/2021 ore 09:13:52
Non ci conterei troppo. In primo luogo il fair use è codificato in USA, mentre in Italia la disciplina dell'uso lecito è meno chiara. Soprattuto, però, a me pare che ci sia ben poco il requisito della trasformazione: partiamo dal presupposto che la tutela dell'immagine di persona celebre si estende anche al ritratto disegnato e pur se alterato (la caricatura), qui è immediato riconoscere il riferimento, vedi Ziggy Stardust o Hendrix. Inoltre la trasformazione lecita dovrebbe essere quella che rende il soggetto chiaramente inconferente rispetto all'originale, ad esempio la Monna Lisa con baffi e barba è, per sua natura, altro dall'originale anche se identica eccettuati i dettagli villosi. Nel caso sopra siamo, al contrario, a lievi alterazioni che, però, ci riportano direttamente all'icona: i capelli fatti da parole sono una bell'idea, ma le chiome di Bowie ed Hendrix (per tenere il riferimento) sono identiche all'originale. Inoltre, come ben sai, la tutela dell'immagine gode di deroghe nel caso in cui si sfrutti la figura per fini di divulgazione o insegnamento o senza fini di lucro. Non esattamente il nostro caso.
Comunque, mi auguro per loro che non ci siano grane o che le abbiano prevenute: l'utilizzo di immagini note è sempre una mina, soprattuto perchè spesso la gestione è appannagio di eredi che campano unicamente sull'avo famoso, quindi non vanno tanto per il sottile.
Grazie per il confronto,
Ciao
Rispondi
di paoloprs [user #10705]
commento del 18/11/2021 ore 17:32:24
Un abbigliamento che mi piacerebbe trovare è quello di Carlos Santana....
Lui se lo fa disegnare su misura ovviamente ....
Ma è unico, tutti gli altri sono uguali...
Vostro Paolo
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 19/11/2021 ore 09:20:43
Tanto unico non mi pare: camicie e magliette sgargianti o con motivi istrionici sono abbastanza comuni nella cultura sud americana o della florida. Inoltre la bandana l'ha indossata persino Berlusconi. Senza citare l'abbigliamento da pappone o spacciatore di strada a la Miami Vice: giacca di pelle e cappello e t-shirt abbinati.
Dopodichè i gusti son gusti: a me l'abbigliamento di Santana fa sempre pensare al tipico e stereotipato capo di villaggio gitano dei film, gli manca solo il dente d'oro.
Ciao
Rispondi
di spaccamaroni [user #7280]
commento del 18/11/2021 ore 21:42:30
Cobain Clothing...il buon Kurt si starà rivoltando nella tomba.
Rispondi
Altro da leggere
SHG 2021: i Clan Destino dal vivo
SHG Music Show: cosa c’era, cosa sarà
Il vintage di SHG da vicino
Tutte le Wandrè di SHG 2021
SHG Music Show 2021: il giorno dopo
SHG Music Show 2021: la biglietteria online resta attiva
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato
In vendita la Gretsch White Falcon dei Foo Fighters
TAD Redbase: valvole contro la crisi
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964