CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Yvette Young: identikit di una musicista meravigliosa
Yvette Young: identikit di una musicista meravigliosa
di [user #17404] - pubblicato il

Yvette Young con i suoi Covet è tra i volti più brillanti, artisticamente interessanti e tecnicamente pregevoli del chitarrismo attuale. Il merito è quello di aver edificato il suo status di eroina della chitarra in uno scenario stilistico lontanissimo, se non antitetico, a quello in cui fino ad ora hanno fiorito i virtuosi.

Yvette ha costruito un chitarrismo stupefacente, tecnicissimo e colorato, senza neanche affacciarsi al metal e nemmeno al rock sia esso pasticciato con hard, jazz o blues. E, ancora più eccitante, costruendo la parte più pirotecnica ed emozionante del suo playing, rinunciando alla parte solista.
Yvette Young prende la parte chitarristica più affascinante della musica indie e alternative, quella che mette al centro di tutto il songwriting, la cura ossessiva del suono, l’atmosfera eterea e sognante delle performance, la ricerca di un’emozionalità intima che schiva i riflettori di spot solistici tracotanti, fatti di bending, svisate e pentatoniche blues.
Tracciamo un identikit, assieme artistico e chitarristico, di questa musicista meravigliosa.

Yvette Young: identikit di una musicista meravigliosa
 
NIENTE PLETTRO
Il chitarrismo di Yvette Young è tutto suonato a dita. La Young inizia a suonare la chitarra su un’acustica: è appassionata di musicisti folk come Cat Stevens e il fingerpicking è una scelta quasi obbligata. Ma soprattutto, forte di un solido background pianistico maturato in giovinezza, la chitarrista, quando si sposta sull’elettrica, trasporta l’indipendenza e destrezza della sua mano destra sulla sei corde. 
Suonare a dita - su sonorità che da clean non si spingono mai oltre il crunch - le consente un grande controllo delle dinamiche, aspetto decisivo nell’interazione con gli effetti a pedale, componente decisiva del suo playing. Soprattutto, con le dita cesella polifonie e contrappunti che sarebbe impensabile scolpire con il plettro. In un’intervista la Young ha dichiarato. “Ho sempre considerato il plettro un’estensione della mia mano, poco naturale e funzionale”
L’assenza di plettro agevola anche il suo approccio peculiare al Tapping.  Sotto le dita della chitarrista, questa tecnica ha sempre un respiro pianistico, funzionale a portare estensioni ritmiche e melodiche degli accordi, schivando ogni applicazione shred solistica alla Van Halen, Greg Howe, Steve Vai.
Da ultimo, l’approccio in fingerstyle e la rinuncia al plettro, ha privato la musica dei Covet anche del suono, tipico del rock, delle ritmiche suonate in ottavi e power chord. Anche negli incedere più robusti e marcati, le parti di ritmica sono affidate ad accordi aperti, tortuose tessiture di arpeggi, architetture in tapping.


 
QUANDO LA CHITARRA TI SALVA LA VITA
Yvette Young inizia a suonare da bambina, spronata dai genitori che esigono la figlia studi musica classica. Né il pianoforte, né il violino accendono una passione autentica nella giovane artista che sentiva di vivere la musica unicamente come un mezzo per soddisfare le aspettative dei famigliari.
La svolta arriva negli anni prima del college quando, ancora giovanissima, la Young viene ricoverata in ospedale per gravi problemi di salute. Le si prospettano mesi bui, di lunga convalescenza.
La Young inizia allora a suonare la chitarra. In quello strumento trova prima uno sfogo di svago ed evasione. Poi, la forza e il coraggio di pensare a un futuro più positivo. La Young da subito inizia a servirsi della chitarra per fare ciò che poi diventerà il tratto distintivo della sua arte: scrivere canzoni a cui, in quella fase iniziale, accompagna anche dei testi. La chitarra inizia ad acquistare un peso sempre più centrale nella vita della giovane musicista e letteralmente la aiuta a uscire dall’oscurità di un momento così difficile, dandole forza, fiducia e una sua voce esclusiva. In svariate interviste la Young descriverà l’avvicinamento alla chitarra durante la malattia, come l’illuminazione decisiva della sua vita: la scoperta di uno strumento con cui scavare in profondità nella ricerca artistica e nell’espressione personale. Ma non solo, per la Young la chitarra è un modo per evocare - attraverso la musica che si scrive – mondi rarefatti e ipnotici di serenità e bellezza in cui perdersi, lontano dell’asprezza che spesso spetta al quotidiano.
 


PUNK E CONTROCULTURA
Pur essendo tra i nomi più rappresentativi del chitarrismo elettrico contemporaneo, la Young si professa lontana e per nulla condizionata dal chitarrismo moderno e shred dei grandi solisti: Satriani, Johnson, Vai, Van Halen…per lei stimoli e suggestioni arrivano da altrove.
La Young ama andare ai concerti delle band di coetanei, bazzicando la scena indie, punk, noise math rock. 
Provenendo da un background classico, da genitori molto severi che non le permettevano di andare ai concerti rock, quando finalmente ha la possibilità di gravitare nella scena musicale sopra descritta, se ne innamora, sentendosi parte di un mondo diverso e interessante di controcultura musicale. Dirà la Young "Quei generi musicali mi hanno fatto venire voglia di prendere in mano la chitarra. Inoltre il mio obiettivo principale era scrivere e suonare musica che venisse percepita dalle persone come una cosa divertente e spensierate. E in quei generi musicali è più facile. Perché nel punk, nell’indie, non sei ossessionato dal timore di non essere abbastanza tecnico o appariscente quando suoni. A volte, invece, vai online e resti intimidito da tutte queste persone che nei video suonano cose impossibili.” 
 Alla Young, invece, piace l’idea che grazie alla sua chitarra le persone si sentano incoraggiate a scriverci la propria musica. Addirittura, nei primi modelli Signature Ibanez dell’artista, le chitarre venivano vendute accompagnate da un pacchetto di adesivi disegnati dalla Young che - prima di decidere di dedicarsi alla musica - frequentava una scuola per studiare arte.
“So che gran parte dei chitarristi miei coetanei è composta da giovani fan del punk e dell'indie: in quei circuiti le persone di solito personalizzano le loro chitarre. Volevo dare loro l'opportunità di farlo, se lo volevano. La chitarra deve essere il tuo strumento esclusivo e personale per fare musica.”

Yvette Young: identikit di una musicista meravigliosa
 
ACCORDATURE APERTE
La musica dei Covet vive di grandi architetture chitarristiche composte da riff e arpeggi che la Young ammette di scrivere in maniera meticolosa e con faticosa cura: “Non sono una di quelle persone che imbraccia una chitarra e ci fa sgorgare riff così, dal nulla, senza pensarci. Quando scrivo un riff, lo canticchio nota per nota e lo trasporto piano piano sulla chitarra, ascolto le armonie che evoca e, una volta composto, lo devo imparare molto lentamente.”
Ricorrere alle accordature aperte per la Young, agevola questo processo, rendendo certi intervalli ed accordi più facili e accessibili. Le principali accordature aperte utilizzata da Yvette Young sono due: DADF#AE e FACGBE.
“Alcune persone dicono che usare le accordature aperte è un po’ come barare, perché ti semplifica troppo la vita. Ma per me, l’unica cosa importante è scrivere musica che mi commuova, mi emozioni. E in questo processo, la melodia è la cosa più importante: quindi, se le accordature aperte mi aiutano, rendendo tutto più immediato e facile, qual è il problema?
La mia regola nella musica è non escludere nulla. Se ritengo che un determinato espediente, effetto, tecnica può aiutare una mia canzone a fiorire, lo utilizzo e basta!”



 
LA SUA SIGNATURE
Dopo una veloce parentesi con Strandberg, Yvette Young si lega ad Ibanez che dedicherà alla chitarrista un suo modello signature, affidandole una Talman, modello più punk alternative del brand. Preoccupazione della Young, infatti, era trovare un’Ibanez non necessariamente riconducibile alla linea RG, chitarra troppo accostabile al metal, genere a cui la chitarrista non si sente affine.
La Talman ha una storia interessante da raccontare che risale oramai a quasi trent’anni fa:
all’inizio degli anni 90, infatti, il Grunge spazza via l’hard rock e il metal che avevano spopolato nel decennio precedente. Sono tempi duri per Ibanez, che era stato il brand chitarristico di riferimento dei virtuosi di quei generi, improvvisamente fuori tendenza. Il marchio però non si rassegna e inventa, nel 1994, la Talman una chitarra che piace ai nuovi chitarristi indie e alternative e sembra un ibrido tra la Telecaster di Joe Strummer e la Jaguar di Kurt Cobain. La chitarra fa centro e si guadagna una certa visibilità diventando la preferita di Noodles chitarrista degli Offspring.
Con Yvette Young il cerchio si chiude e la Talman – che resta soprattutto una brillante alternativa alla Telecaster – finisce al collo di una delle massime espressioni del virtuosismo chitarristico contemporaneo.


 
Link utili
La pagina di Yvette Young sul sito Ibanez
Il profilo Instagram di Yvette Young
La pagina dei Covet, la band di Yvette Young
Mostra commenti     12
Altro da leggere
Tosin Abasi e le pentatoniche da VHS!
Fare i dischi. E poi studiare.
Intervista a Steve Vai: da Flex-Able a Passion And Warfare
Nili Brosh: vivere da musicista
Steve Jones dei Sex Pistols e le chitarre perfette di "Never Mind The Bollocks"
Gretchen Menn: "Abandon All Hope"
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
Gretchen Menn: fatevi un regalo, studiate la teoria
Steve Vai presenta Pia
Basso: suonare una linea Punk Rock
Scala Blues e Modo Dorico su un pezzo Punk Rock
L’irresistibile video per la nuova Ibanez di Yvette Young
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964