CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
NAMM 2022: Godin Session R-HT Pro ancora più spinta
NAMM 2022: Godin Session R-HT Pro ancora più spinta
di [user #116] - pubblicato il

La double-cut a scala lunga ispirata alla tradizione californiana riceve una nuova elettronica per portare la Godin a ponte fisso in una dimensione rock più dura che mai.
La Session è la chitarra Godin ispirata ai classici californiani. La ricetta canadese ne reinterpreta in maniera profonda i canoni classici applicandovi accorgimenti stilistici e strutturali del tutto originali, a partire dai legni per finire con hardware ed elettronica di rilievo.
Per il 2022, Godin ha voluto spingere sulla natura rock dello strumento, partendo dall’incisività della versione a ponte fisso per donarle un’elettronica più aggressiva, ma non per questo meno versatile.



La Godin Session R-HT Pro prende forma da un body in tiglio canadese con camere tonali per alleggerire la struttura e, al contempo, valorizzare la risposta acustica. Avvitato su un tacco smussato per un accesso agevolato agli ultimi fret, il manico è in acero ed è abbinato a una tastiera in palissandro. Come da tradizione, 22 fret si posano lungo una scala da 25,5 pollici. Un raggio da 12 pollici e un manico tondeggiante, scorrevole e non troppo abbondante sotto il palmo regalano un feel classico che svela una discreta propensione verso gli stili moderni.

NAMM 2022: Godin Session R-HT Pro ancora più spinta

La configurazione HSS della Session HT vede stavolta la collaborazione dei marchi Seymour Duncan e Lace, che posizionano un Custom SH-11p al ponte e due Hot Gold per centro e manico. Il selettore è a cinque posizioni per le combinazioni tipiche, con un push-pull nascosto nel potenziometro dei toni per una maggiore flessibilità.



Godin ha prestato molta attenzione ai suoni, ma non ha messo da parte l’affidabilità. Il ponte Hardtail con corde passanti attraverso il corpo è una garanzia di timbrica decisa e incisiva, la cui stabilità d’accordatura è garantita dall’abbinamento con un capotasto GraphTech e con sei meccaniche con rapporto 18:1, disposte in linea su una paletta reverse e con due alberelli abbassacorde per garantire la giusta pressione contro il capotasto.

Nella versione introdotta con il NAMM 2022, la Session R-HT Pro è offerta nelle finiture Carbon White e Bourbon Burst abbinato a un battipenna tartarugato e con manopole bianche, o Retro Orange con battipenna perlato e manopole nere.
Sul sito Godin, è possibile vederla più da vicino a questo link.
chitarre elettriche godin namm show 2022 session r ht pro ultime dal mercato
Link utili
La Session R-HT Pro sul sito Godin
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Se la base è valida...
Neucab/Viper sono i cavi Bespeco con jack Neutrik, anche Silent
Yamaha THR si rifà il look per i 10 anni
Orchestra d’archi in un pedale: EHX S9
Baroni AFK150: ampli ibrido a due canali in pedaliera
Fender Stratocaster #0015 del 1954: il restauro ToneTeam
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964