VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Vintage Vault: cronaca di una magnifica giornata di chitarre e musica
Vintage Vault: cronaca di una magnifica giornata di chitarre e musica
di [user #63578] - pubblicato il

La prima edizione di Vintage Vault ha portato a Milano domenica 14 maggio gli strumenti più significativi nella storia della musica popolare, esposti da alcuni tra i più noti esperti italiani e stranieri del settore. Ecco in breve cosa è successo e una ricca gallery di immagini.

Nella magnifica cornice della Fondazione Stelline, a due passi dal Cenacolo di Leonardo da Vinci, gli appassionati di musica hanno potuto ammirare, ascoltare dal vivo e addirittura provare di persona gli strumenti che hanno fatto la storia della musica moderna.

Una rassegna mai vista prima in Italia e difficilmente eguagliabile. Le prime chitarre Fender della storia. Le preziose Gibson Advanced Jumbo degli anni Trenta e Les Paul degli anni Cinquanta. Le inimitabili acustiche Martin "pre-War" e le edizione limitata del Custom Shop dell'azienda di Nazareth. Le affascinanti Wandrè del visionario italiano Antonio Pioli. Le National che hanno diffuso nel mondo i suoni del Delta del Mississippi. Le Burns e le Mosrite con forme e colori che caratterizzarono gli anni Sessanta.

E poi un palco su cui per tutto il giorno professionisti di grande spessore hanno condiviso con un pubblico attento e affamato di informazioni la loro esperienza. Tra loro lo special guest Davide Di Leo ("Boosta" dei Subsonica), i due noti session man Mattia Tedesco e Osvaldo Lo Iacono, il "guitar slinger" Diego Geraci che col suo trio calca palcoscenici di tutto il mondo.

Una giornata all’insegna della cultura della musica: dall’origine dei suoni ai nostri giorni, ripercorrendo le tappe più significative della musica rock attraverso i suoi strumenti.

La bella atmosfera e il pubblico numeroso, variegato per età e nazionalità, hanno reso unico l’evento. Un grazie speciale a espositori, partner e istituzioni che hanno contribuito al successo di questo evento.

La manifestazione ha avuto il patrocinio del Comune di Milano ed è stata sostenuta dai partner Catawiki, Birra Baladin. Media partner RockerTV.

Ed ecco una prima gallery di immagini.

Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 


A questo punto i ringraziamenti da parte di chi ha lavorato per costruire questa prima edizione di un evento che ha dimostrato di avere le carte in regola per diventare un appuntamento fisso negli anni. 

Gli espositori che hanno consentito di allestire una mostra di livello ineguagliabile: Alessandro Tomassoni - Flametone Pickups, Beppe Zavanone, Claudio Cardelli - Vintage & Boutique Acoustic Collection, Claudio T. - Jimmy Page Aged & Signed Les Paul Number One and Number two Collection, David Davidson - Wellstrung Guitars, Didier Duval - Vintage & Boutique Acoustic Collection, Dimitrios Doulgeridis, Don Pepe Guerro - Bluebell Straps, Flavio Camorani & Michela Taioli - Fender Vintage Museum, Furio Pozzi - The Vintage Choice, Gil Southworth, Giro Di Do Alassio, Hannes Potockik, I Partigiani di Wandrè, Joe Huber, John Shults - Truevintageguitar, Lennart Delissen, Luciano Biasibetti, Marco Pessina, Matteo Rufini - ToneTeam Guitars / Rufini Guitars, Matthew Mitchell - Mitchell's Vintage, Maurizio Verderio for the Pensa Tribute Booth, Michael Pelka, Paolo C. - PRS DRAGON Collection, Peter Siegel - Asbury Park Vintage Guitars, Pietro Verri, Roberto Cola, Rudy Pensa for the MK1 one piece top 25th and the MK90 10th signed, Simon Gauf - Guitarpoint Germany, Stefano Cesana - Tatanka Guitars, The Isle Of Tone, Valter Barale - Wallys Guitars, Venturini Guitars.

Gli artisti che hanno condiviso con i visitatori la loro musica e la loro esperienza: Davide di Leo AKA Boosta, Don Diego Geraci & Band, Filippo Graziani, Frank Martino "Il musicista che avanza", Mattia Tedesco Osvaldo Lo Iacono, Paolo "Giovanni All'Heavy", Simone Gianlorenzi.

Un ringraziamento speciale per l'aiuto a 360 gradi ad Andrea Balossino e a Mattia Tedesco: hanno fatto di tutto, dando una grande mano dovunque fosse necessario. Senza la loro collaborazione non ce l'avremmo fatta. 

Grazie a Nicolò Protto che ci ha dato le tastiere per Boosta; a Simone Perduca per le DI e quello che mancava per il palco; a Massimo Mantovani di M-TECH Audio che ha revisionato a tempo di record amplificatori e cablato le pedaliere per il live stage.

Grazie a Chiara Marigliano e Claudio Tedesco per le belle fotografie, e a Rocker TV per le riprese video che condivideremo nei prossimi giorni.
boosta davide boosta di leo don diego geraci mattia tedesco osvaldo lo iacono vintage vault
Link utili
Vintage Vault
Il sito di RockerTV
Nascondi commenti     3
Loggati per commentare

di dipsy [user #18412]
commento del 19/05/2023 ore 10:39:28
Peccato che i principali appuntamenti riguardanti la chitarra si svolgano tutti a Milano, non capisco come mai non si provi ad organizzare qualcosa di importante anche a Roma considerato il grande interesse per lo strumento e per la musica più in generale che il centro sud esprime, questo senza nulla togliere al capoluogo lombardo ma é fuor di dubbio che ragioni geografiche tagliano fuori milioni di appassionati.
Rispondi
di alberto biraghi [user #3]
commento del 19/05/2023 ore 17:39:39
Purtroppo un evento così comporta spese che sono difficilmente compensabili dagli incassi. Aggiungere i costi per la trasferta renderebbe la cosa non sostenibile, a meno di non trovare uno sponsor interessato a sostenere l'iniziativa. Siamo sempre aperti a proposte.
Rispondi
di claude77 [user #35724]
commento del 22/05/2023 ore 11:32:10
Vero peccato. Io anche sono laziale e ricordo diversi anni fa un'edizione del SHG a Salerno, ma fu unica volta in cui sono venuti giù da noi. Purtroppo questi eventi si scontrano con la realtà e i conti da pagare quindi non ci resta che sperare che un giorno si possano fare anche dalle nostre parti.
Rispondi
Altro da leggere
Il sottile confine tra restauro e falsificazione
L'asta delle meraviglie: rarità per i più esigenti
Catawiki: l'asta per la mia Gretsch è cominciata!
Quel terribile, sublime odore di custodia vecchia
Telecaster? Vecchie suonano meglio
Online il programma di Vintage Vault: il vintage sul palco a Milano
Articoli più letti
Seguici anche su:
Didattica
Simone Gianlorenzi: meraviglioso bipolarismo a sei corde
Chiantese, Malaman e Mancuso: laboratorio magico di Manuele Montesanti...
Alessandro Martini: una chitarra vintage nel Nu-disco
Pietro Quilichini: "Dischi che ti fanno alzare il sopracciglio"
"Manuale di Storia della Popular Music e Del Jazz" di Fabrizio Bascian...
Strumenti vecchi per musica nuova
Marty Friedman: due buone ragioni per iniziare a suonare la chitarra
Ottimizzare le registrazioni nel proprio home studio
"Fingerstyle Guitar Mastery" ma non solo quello
Informazione musicale tra apparenza e sostanza - La didattica




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964