CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Voglia di... Paul
di [user #910] - pubblicato il

Ciao a tutti gli accordiani. Prima di tutto devo rassicurare mia moglie: non ho cambiato "gusti". Come avrete tutti intuito Paul è in realtà una lei, la chitarra che ho sempre amato e desiderato da quando, quattordicenne che non immaginava nemmeno che avrebbe suonato la chitarra, l'avevo vista troneggiare in vetrina. Oscurava tutte le altre, sexy ed elegante come nessun'altra. Un paio di anni dopo ho iniziato a suonare. Grazie all'esplosione del punk (indovinate quanti anni ho!) tutti "suonavano" -cioè emettevano molto rumore con degli strumenti- e da lì è iniziata la passione che da allora mi accompagna fedele.

E la voglia di LesPaul. Ma non potevo invaghirmi di qualcosa di più economico? Per tanti, tanti anni è stata un sogno, un miraggio, anche perchè ho continuato a comprare, rivandere, scambiare, ricomprare (GAS!) un sacco di chitarre di medio valore senza riuscire mai a resistere e a raggranellare la somma necessaria all'investimento. Ovviamente ho posseduto diverse copie di varia provenienza, alcune che non ricordo nemmeno più, diverse Epiphone che non mi hanno mai convinto, e una Vintage che tutto sommato era la cosa che si avvicinava (relativamente) di più all'originale.

Poi, finalmente, pianifico l'acquisto di una Les Paul Studio usata. Se ne trovano parecchie nei vari mercatini online, e a cercare bene non si spende molto. Tra le tante occasioni interessanti, ne individuo una che mi colpisce immediatamente: una Studio GEM (750 Euro con custodia rigida "ovale").

Introdotta nel 1996, la Les Paul Studio GEM ha avuto una vita piuttosto breve e la produzione è terminata nel 1998.

Les Paul Sapphire blue

Questo modello si differenziava dalla Studio "standard" sia per la verniciatura in 5 diverse tinte metallizzate e il logo alla base della paletta, sia -soprattutto- per l'adozione di due P-90 al posto dei classici humbuckers. E' questa la caratteristica che mi ha attizzato più di tutte e che mi ha fatto chiudere un occhio (anzi, tutti e due) sulla agghiacciante vernice Sapphire Blue che dal vero e' molto, molto peggio che in foto. Abbinata alla tinta crema delle parti in plastica e alla mancanza di bindings tipica delle Studio riusciva a rendere davvero racchia una delle chitarre piu' sexy del mondo. Quando e' arrivata a casa e mia moglie l'ha vista, non ha saputo nascondere un'eloquente espressione da: "ma come hai fatto a prendere quello sgorbio?".

colori Les Paul SStudio Gem

Tutto vero, pero' il suono c'era tutto, il manico '59 style c'era, il peso era quello giusto e in più il precedente proprietario aveva sostituito le meccaniche con delle pregiate ed efficientissime Schaller locking. Per quanto riguardava la vernice invece, avevo gia' previsto di provvedere drasticamente, facendo l'unica cosa giusta e doverosa.

Così, dopo averla suonata un po', l'ho smontata completamente e ho acquistato tutto il necessario per risvegliare la bella addormentata nascosta sotto quel look da battona sfatta. Sverniciatore TIGRE. Il nome è già tutto un programma. Attenzione, leggere tutte le avvertenze. Quella roba è una bomba, è mortale. Nel vero senso della parola, perchè oltre ad essere acido, è altamente cancerogeno, per inalazione e per contatto. Quindi tuta da lavoro, guanti in lattice, mascherina e occhiali protettivi (guai se una gocciolina di quella roba vi colpisse un occhio). E lavoro rigorosamente all'aperto.

Vivendo in appartamento e non avendo il garage, il lavoro di sverniciatura si e' protratto per lungo tempo (complici impegni di lavoro e familiari) per parecchie settimane. Una roba noiosissima e faticosa. Però ne è valsa la pena. Sotto profondi strati di schifezza si celavano i bei legni a cui siamo abituati. Il mogano della cassa e del manico e' molto bello, le giunzioni nel corpo (sembra in tre pezzi) sono cosi' ben fatte che anche da vicino si notano a malapena. L'acero del top mi ha sorpreso per la venatura gradevole e regolare e per come, nonostante fosse destinato ed assere coperto da una vernice... coprente, sia stato book-matched perfettamente.

Les Paul sverniciata

Finalmente, dopo un intero barattolo di sverniciatore, innumerevoli paia di guanti e mascherine e parecchia carta abrasiva, la bella era pronta per la verniciatura. Non avendo spazi ed attrezzatura, mi sono rivolto al mio bassista-amico da sempre, che sa fare di tutto e si è gentilmente prestato per completare il lavoro. Ho deciso di lasciare la parte posteriore al naturale (lucido trasparente senza finitura cherry, quindi) perchè era già bella così. Per il top, dopo tante inutili elucubrazioni, ho optato per un classico sunburst, cercando di ottenere una sfumatura a metà tra l'heritage cherry e l'honey sunburst. Un po' di fortuna e la mano del mio amico Andrea (che ringrazio ancora) hanno ottenuto il risultato che volevo. Per rendere ancora più bella la bella, abbiamo ricavato un fake-binding a' la PRS mascherando l'acero sulle fasce, ottenendo un risultato molto gradevole.

Les Paul riverniciata

Dopo una serie di passate (non molte, ma abbiamo perso il conto) di trasparente poliuretanico bicomponente (eh, lo so, non e' nitro...), mi sono portato a casa una bella LesPaul con un po' di... cellulite. Eh sì, c'era un po' di buccia d'arancia da eliminare. Carta abrasiva, grana sempre più sottile, pasta abrasiva media e poi fine, parecchio Elbow Oil (altrimenti detto olio di gomito) e ad un certo punto, finalmente, ecco trasparire quel bel look lucido vintage. Avrei potuto continuare a lustrare, ma così mi è sembrata già perfetta.

Les Paul riverniciata - dettaglio

A questo punto mi permetto di spezzare una lancia a favore dei liutai, quelli veri. Se i soldi che vi chiedono per verniciare o riverniciare uno strumento vi sembrano troppi (per qualcuno un furto), provate per una volta a farvelo da soli! Sono certo che la seconda volta (ammesso che la prima sia andata a buon fine) correrete dal liutaio e non direte una parola! Ok, ho rimontato tutto l'hardware, risaldato tutti i cavi e alla fine ho GODUTO! Ciliegina sulla torta, la donna meravigliosa che mi sopporta nelle mie follie mi ha anche regalato una custodia Gibson che completa l'opera.

Les Paul riverniciata

Come suona la bella? Bene, come prima, più o meno. Più aperta della sorella maggiore *** con gli humbuckers, meno potente ma non troppo. A parte il fatto che l'operazione è durata un annetto, non mi sembra di avere percepito variazioni significative del suono. Bello era e bello è rimasto. Solo che adesso la suono con moooolto più gusto ;)

Saluti a tutti!

*** che nel frattempo, complici la vendita di un po' di roba e una moglie che mi vuole felice, ho acquistato poco tempo fa. Mi invidio da solo :)

chitarre elettriche gibson les paul studio gem
Nascondi commenti     54
Loggati per commentare

'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 03/05/2008 ore 10:1
alla rinfusa: mi piaceva di piu' celeste metallizzata ... sono stato un compratore assiduo di Les Paul... spero di non ricascarci piu' dato che non ho mai potuto veramente lavorarci, mi piace tanto esteticamente ma non la sento addosso e nel lavoro per altri o nei progetti miei, tutti i colleghi, quando provo a registrare una parte con un les paul, mi dicono sempre di cambiare chitarra e poi sorridono da un orecchio all'altro quando imbraccio danelectro, mustang, strat, tele... e lo faccio anche io dopo aver riascoltato le tracce... il Les Paul ha tutto 'sto cemento addosso da suonare sempre e comunque come una tastiera e da essere compressissimo.. praticamente un tappeto continuo e coprente che pero' basta una squier a bucare e quindi sovrastare... un po' meglio le lesPaul con P90.... e' un single coil e quindi "frizza" leggermente di piu'... meglio ancora, a mio parere, una sottiletta come la melody maker.. non ha tutto quel legno e quindi il suono non va pari pari dentro il sustain al momento della pennata, ma ha il tempo per attaccare con un bel "twang" il tutto, ovviamente, a mio parere con rammarico per non aver mai potuto veramente usare una chitarra che fin da quando ero piccolo solletica il mio immaginario..
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di ziobrandy [user #563]
commento del 04/05/2008 ore 16:3
Ciao Yaso! Beh, io sono un LP dipendente, ma proprio per questo mi rendo conto che è una chitarra bastarda. La mia Yamaha Pacifica ovunque la attacchi (ampli, pedali) suona sempre bene, diversa, ma sempre bene. La LP no. La mia è una Epiphone, ma il discorso non dovrebbe cambiare, il carattere della chitarra è quello. Con dei pickups più chiari e reattivi di quelli stock va leggermente meglio, ma bisogna proprio faticare per trovare i giusti "compagni di viaggio" per ottenere il meglio da questa chitarra, ampli dalla grande headroom e dalla risposta estesa ma particolare sulle alte frequenze, etc... Ultimamente inizio a pensare che l'ampi ideale per questa chitarra sia una plexi, con quelle alte frizzanti e il corpo un po' scavato sulle mediobasse... Bah, chissà... ;) L.
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di Krippo [user #752]
commento del 04/05/2008 ore 19:2
Per favore dimmi che eri ironico! Definisci la Les Paul (attenzione, la differenza tra Gibson ed Epiphone c'è eccome, provare per credere) un "chitarra bastarda" e fino a qui, anche se dissento nel modo più assoluto, non discuto, ognuno ha il suo punto di vista, ma che adesso la Yamaha pacifica suoni sempre bene e una Gibson Les Paul invece no....ma dai, non esiste, è una freddura! Ovviamente, se la tua era ironia allora mi faccio una risata e ti do ragione...
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 04/05/2008 ore 20:0
nemmeno io euguaglierei una gibson e una epiphone... ma che la pacifica sia una chitarra un piu' collocabile e docile di un les paul lo penso anche io..
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di danblues [user #16073]
commento del 21/09/2014 ore 09:46:48
Raga, non scherziamo.
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 22/09/2014 ore 01:01:49
continuo a concordare con me stesso.. una chitarra con humbucker e due single coil, scala lunga e manico avvitato e', per forza di cose, piu' versatile di un les paul
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di danblues [user #16073]
commento del 22/09/2014 ore 06:34:12
Che sia più versatile puntando al pop sicuramente.
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 22/09/2014 ore 08:01:05
i suoni di una pacifica con humbucker al ponte sono analoghi a quelli di una strat con humbucker al ponte... per cui si tratta di sonorita' usate in tutti i generi musicali .. Uno strumento del genere puo' ovviamente non piacere a tutti e piacere meno di un les paul, ma puo' fare il lavoro di un les paul, mentre il les paul puo' non farcela a fare il lavoro suo.. Ribadisco: 2 humbuckers + selettore a 3 posizioni, fanno molti meno suoni che 1 humbuckers + 2 singlecoil + selettore a 5 posizioni...
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di marcoguitar [user #15320]
commento del 12/05/2011 ore 03:0
mi piaceva di più celeste.
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di Guycho [user #2802]
commento del 22/09/2014 ore 08:16:56
Probabilmente non è compatibile con il tuo tocco, oppure non la amplifichi adeguatamente.
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 22/09/2014 ore 08:38:14
bisogna farsela piacere per forza?
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di Guycho [user #2802]
commento del 22/09/2014 ore 09:13:3
Questo lo devi decidere tu.
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 22/09/2014 ore 09:35:29
appunto.. non è questione ne di tocco ne di ampli..
Rispondi
Re: 'sto les paul...
di yasodanandana [user #699]
commento del 22/09/2014 ore 09:37:59
ho deciso di non farmela piacere per forza ... :-)
Rispondi
Mitico!
di marco.desan [user #13054]
commento del 03/05/2008 ore 10:1
Grande Oliver! sono al lavoro il sabato mattina del 3 maggio in botta totale, ieri sera ho suonato ho fatto le 3.30 e stamattina alle 5.30 sveglia per andare in redazione! cazzeggiavo in internet, assonnato, e aprendo accordo, badaboom la foto di una studio con i P90: goduria! cosè sta roba mi son detto. Leggo l'articolo e devo farti i complimenti, per la chiarezza e la precisione delle tue parole, per le foto, cosa mi fa impazzire quella dove si vede quanto è lucida e bella riverniciata...e quanto è bella la venatura??? E poi che figata, non sapevo dell'esistenza di una studio con i P90. E' un anno che vorrei una les paul, con i P90 e mi ero indirizzato su una special, però questo modellino se si trova usato a quel prezzo e tu mi confermi che suona power... azz proprio ora che cambio casa e son stratirato con i soldi!!! A prima che mi dimentichi, fai i complimenti alla tua donna, troppo mitica a regalarti la custodia! un saluto Marco
Rispondi
complimentoni!
di Asbel77 utente non più registrato
commento del 03/05/2008 ore 10:2
bravissimo, hai fatto un gran lavoro! conosco le Les Paul Gem perchè anche io ero attratto dalla configurazione a due P90, ma effettivamente dal punto di vista estetico non sono il massimo. Ora hai veramente un bella chitarra, in tutti i sensi (ottima pensata anche quella del pseudo-binding naturale!)
Rispondi
troppo bravo!
di Giankos utente non più registrato
commento del 03/05/2008 ore 10:5
Dal brutto anatroccolo che era, questa chitarra si è trasformata in una meraviglia da invidiare. Complimenti poi per la tenacia e la passione con cui hai portato avanti tutto il lavoro.
Rispondi
Bel Lavoro!
di GiorgioV [user #10912]
commento del 03/05/2008 ore 12:1
Io personalmente non l' avrei riverniciata, perchè quel look da "battona sfatta" mi piace un sacco, però il risultato che hai ottenuto è in ogni caso bellissimo e il colore ci sta veramente da dieci e lode.
Rispondi
che lavoro!
di breigh [user #13973]
commento del 03/05/2008 ore 13:1
che bellezza: con amore, pazienza e passione hai trasformato un "bruco-puttanone" in una farfalla mozzafiato! e per di più una farfalla unica, perchè fatta nascere da te. mi tolgo il cappello e mi complimento - con un pizzico di invidia!!
Rispondi
Ottimo!
di dissident [user #3486]
commento del 03/05/2008 ore 13:2
Il risultato finale è davvero eccellente! Per curiosità, che vernice poli bicomponente avete usato per il lucido?
Rispondi
Bravissimo !
di Anjiiv [user #9413]
commento del 03/05/2008 ore 13:3
Deve dare molta soddisfazione suonare il tuo strumento dopo averlo così radicalmente modificato e reso a tua imamgine e somiglianza. Complimenti ancora, anche se mi hai messo in testa desideri malsani ...
Rispondi
Ottimo lavoro!
di www.midione.it [user #11950]
commento del 03/05/2008 ore 14:0
ti faccio i mie complimenti per il risultato ottenuto! se posso darti un consiglio seguendo i miei gusti, io ci monterei dei mini Humbuker e in questo modo otterresti una stupeda Deluxe! Lo so che il suono del P90 è un'a'ltra cosa ma io amo troppo il mini HB e se lo provi almeno al ponte chredo tu possa rimanere sorpreso di come suonano! Dinuovo complimenti per l'ottimo lavoro
Rispondi
Forse però...
di Tyler Durden [user #10062]
commento del 03/05/2008 ore 14:1
Hai fatto un lavoro veramente pregevole, ma io onestamente l'avrei tenuta com'era prima (de gustibus): era un allestimento veramente originale! Ciò detto, io adoro i Les Paul coi vecchi P90: è l'unico tipo di Les Paul che mi fa gola e che mi accaparrerei con piacere "GASsificante". E se non erro, il buon Gilmour con una Gold Top in questa configurazione ci ha registrato il solo di "Another Brick In The Wall" (mi correggano eventualmente i floydiani incalliti). Rispondendo a yasodanandana, non sei il primo a trovare difficoltà nel tentare di registrare decentemente con un Les Paul: è un gran chitarrone live, ma in studio è una bestia nera per molti. Jimmy Page docet (lui era un emblema del Les Paul, ma per quel che ne so alla fin fine in studio ricorreva spesso e volentieri alla sua vecchia Tele perché proprio non riusciva a superare certe carenze di suono del Les Paul "registrato"). SaluTONES!!!
Rispondi
Re: Forse però...
di yasodanandana [user #699]
commento del 04/05/2008 ore 20:0
e complessivamente ho avuto dei les paul per piu' di quindici anni... non e' che ci ho provato per un paio di gg e ho desistito.. comunque a me scocciava anche dal vivo... io da diversi anni suono in situazioni dal punto di vista chitarristico quasi totalmente improvvisative... la les paul mi fa diventare un deficiente... una specie di slash rincoglionito... vade retro'!
Rispondi
Praticamente uno dei
di LucaBlues88 utente non più registrato
commento del 03/05/2008 ore 15:1
Praticamente uno dei miei sogni fatto chitarra...i p-90 sono fantastici. Comunque anche il colore originale non era da buttare!
Rispondi
che sorpresa...sono
di puffh7 [user #14109]
commento del 03/05/2008 ore 16:1
che sorpresa...sono appena rientrato a casa con una voglia di paul...e che mi becco?questo articolo.prima di tutto complimenti ed auguri;) poi una domandina a tutti voi possessori di gibson les paul:allora...io la vorrei davvero tanto pero' tutte quelle che ho provato,anche i modelli con prezzi proibitivi, hanno dei problemi sulla tenuta dell'accordatura,soprattutto la terza...le ho provate tutte ma non riesco a risolvere il problema...autobloccanti? ciao ciao
Rispondi
Re: che sorpresa...sono
di kfd [user #1076]
commento del 04/05/2008 ore 00:2
Credo che come meccaniche le grover rotomatic risolvano alla grande il problema accordatura... inoltre su certe les paul (tipo la Joe Perry signature del 1997) sono pure montate di serie :)
Rispondi
Re: che sorpresa...sono
di Mancunion [user #3854]
commento del 04/05/2008 ore 10:1
...ma se monti le corde in maniera corretta (tre spire con la corda incastrata al di sotto di due di esse), soprattutto dopo un po' di stretching, non hai problemi; io 'ungo' un po' il capotasto con una mina per matite.
Rispondi
Re: che sorpresa...sono
di fede_noise [user #12343]
commento del 04/05/2008 ore 11:4
era anche stato aperto un topic su un problema del genere (comune a tutto le gibson), sul fatto che il sol non è mai accordato bene e a volte sembra che vibri male... punrtroppo non mi ricordo il titolo del topic ma la cosa che era venuta fuori fu che è un problema che può attenuarsi (cambiando meccaniche, sellette e capotasto) ma non se ne andrà mai del tutto, proprio per l'accoppiata tipodiponte - spessoredellacorda e altri fattori. Dal canto mio, ho una studio, e cambiando meccaniche (le classiche gibson fanno veramente orrore, 2 pezzi di stagno che durano si e no un'anno) già il discorso è cambiato. Se poi cambi anche le sellette (grafite) il problema accordatura quasi sparisce.
Rispondi
memento
di fede_noise [user #12343]
commento del 04/05/2008 ore 12:0
allora, mi sono ricordato gli articoli dove si parlava dell'accordatura stronza :-P vai al link vai al link occhio a togliere gli spazi!
Rispondi
ben fatto... anche s
di ilcecca [user #12674]
commento del 03/05/2008 ore 16:1
ben fatto... anche se io non avrei usato lo sverniciatore; comunque quello che conta è il risultato e mi sembra molto buono. In più con quei P90.. :)
Rispondi
Ben fatto!
di Mancunion [user #3854]
commento del 03/05/2008 ore 16:3
Si ben fatto! Ma anche che culo! Nel senso che era possibilissimo che sverniciando avresti potuto trovare qualche mostro liuteristico (es top in 8 pezzi incastrati a puzzle...). A questo punto mi viene la domanda perche' non abbia tu optato per un bel gold... dopotutto con i p90... posto che il burst che e' stato applicato sembra bellissimo! Ecco un nuovo adepto della compagnia dei Les Paul. Benvenuto!
Rispondi
Bella, ma..
di Krippo [user #752]
commento del 03/05/2008 ore 16:3
Ottimo lavoro. Però voglio cercare il pelo nell' uovo: da quanto si vede nelle foto, il legno "a vista" era molto bello ed omogeneo, perchè non lasciarla addirittura sverniciata o al massimo lucidata ad olio? Sono sicuro che a livello di sustain ne avrebbe tratto indubbio vantaggio ed esteticamente oltre ad essere molto bella, sarebbe stata unica nel suo genere.... E ancora, se vernice doveva essere, perchè non usarne una al nitro come in tutte le Les Paul? Motivi "tecnici"?
Rispondi
Re: Bella, ma..
di Oliver [user #910]
commento del 05/05/2008 ore 17:3
Il finish "naturale" ha tentato anche me. Magari con una leggera sfumatura ambrata. Sicuramente non a legno nudo perchè, oltre a lasciare l'acero in balia di sporcizia e graffi, di tutta la bella venatura non si sarebbe visto più niente: è il lucido trasparente che la mette in risalto. L'acero grezzo è quasi bianco e uniforme. Questa scelta non mi avrebbe però permesso di ottenere il finto binding, che a mio parere è determinante per togliere alla chitarra quell aspetto da "sorella minore" che davvero non si merita. Per quanto riguarda il sustain... beh, ne ha talmente tanto che se anche fosse diminuito davvero non me ne renderei conto. La scelta della vernice è stata fatta dal mio amico per motivi pratici, di disponibilità e precedenti esperienze. Devo dire che, confrontandola con quella della Standard (dovrebbe essere nitro, no?) al tatto è comunque più gradevole e meno appiccicosa.
Rispondi
Sono perplesso!!! Si
di isi [user #9286]
commento del 03/05/2008 ore 19:5
Sono perplesso!!! Sinceramente la chitarra ora appare molto bella. Peccato che prima fosse verniciata alla nitro e ora poliuretanica... è la prima volta che mi capita di sentire il contrario di quello che di solito avviene. Peccato pure che le les paul della serie gem, siano una serie a tiratura limitata che tra qualche anno avranno probabilmente un certo valore collezionistico... Però se il proprietario (... e sua moglie) ora son più contenti della chitarra va tutto bene così. Dico solo che io non l'avrei fatto... Ma è solo una mia opinione e l'ultima donna che ha messo bocca sul colore di una mia chitarra l'ho lasciata anni fa'... ;-)
Rispondi
ottimo lavoro
di anielpep [user #14694]
commento del 03/05/2008 ore 21:0
Molto meglio così del blu originale. Les Paul, non mi è mai piaciuta troppo esteticamente, percò come suono è sempre stata una bomba. Diciamo che ne comprerei una anche per i lsolo piacere di possederla.
Rispondi
Bellissima
di padesa utente non più registrato
commento del 03/05/2008 ore 21:3
Secondo me hai fatto un gran bel lavoro. E sono anche convinto del fatto che hai fatto la scelta giusta... sicuramente ora la suonerai con maggior piacere (non mi pare una cosa da poco). Bravo, bravo e ancora bravo.
Rispondi
Grazie a tutti
di Oliver [user #910]
commento del 04/05/2008 ore 11:5
Non credevo di suscitare una tale reazione! Grazie a tutti quelli che hanno espresso la propria opinione sulle fatiche mie e del mio amico. Comprendo perfettamente le ragioni di chi non e' d'accordo sull'intervento, ma ovviamente ci ho riflettuto bene prima di intraprendere una simile impresa. Le ragioni che alla fine mi hanno convinto a fare il grande passo sono, in ordine sparso: - Il colore, dovete credermi, era veramente brutto. Se colpito da una luce forte (tipo stage) diventava brillante e vivace, ma con luce diurna era davvero vomitevole. E, purtroppo o per fortuna, non vivo su un palco. - Anche nelle condizioni migliori di luce, non mi sembrava un colore adatto all'estetica della LesPaul. Ma qui entriamo nei gusti assolutamente personali. - Il problema del deprezzamento dello strumento non mi preoccupa, non ho intenzione di rivenderlo. Il piacere di guardarla così (la custodia e' aperta proprio qui vicino a me) batte qualsiasi altra considerazione. - L'incognita dei legni. Beh, un po' di azzardo c'e' stato ma, nonostante tutto, continuo a credere che la qualita' del lavoro Gibson, nonostante alti e bassi, non scenda sotto un certo livello. Ho letto su internet diversi articoli di gente che ha sverniciato LesPauls e nessuno mai ha dimenticato di sottolineare come i legni fossero comunque scelti con cura. Qualcuno ci ha addirittura trovato un flame top!!! - La vernice. Non sono cosi' sicuro che quella originale fosse nitro. In ogni caso gli strati erano talmente spessi che di sicuro non giovavano al suono della bella. La vernice utilizzata dal mio amico Andrea e' poliuretanica (vi sapro' dare indicazioni piu' precise quando lo vedo), ma e' stata data in pochi strati molto leggeri. Tra l'altro non e' stato utilizzato un fondo. Non so come abbia fatto, ma ha utilizzato solo il lucido. Il risultato finale, che non e' affatto plasticoso grazie al trattamento "abrasivo", e' gradevole e sinceramente non mi sembra che abbia alterato il suono dello strumento ne' in senso positivo ne' negativo. Il sustain e' diminuito? Mah, non saprei. Di solito non ho a disposizione il tempo necessario ad aspettare che la corda si fermi... e non sono uno shredder ;) Per quanto riguarda la LesPaul in generale, estetica a parte e' una chitarra cosi' particolare che ovviamente non puo' piacere a tutti. Il peso non mi disturba, anche se sono mingherlino. Una bella tracolla larga risolve tutto. Non suono in studio, quindi non ho idea dei problemi che potrebbe crearmi, ma dal vivo! Una tigre. Se ne trovate una anche voi, vi consiglio di non farvela scappare. Credo che qui da noi siano rarissime. Ciao a tutti e ancora grazie.
Rispondi
ulteriore upgrade?!?
di lks [user #6982]
commento del 05/05/2008 ore 17:1
Ciao, mi complimento con te, un risultato veramente eccellente. Anche io ho una jem in verde smeraldo che è decisamente migliore dell'azzurro ma oggettivamente è realizzato con eccessiva vernice che non lascia respirare il corpo in maniera adeguata anche se quest'ultimo vibra che è un piacere. Personalmente io ho modificato la mia con la sostituzione dei pu con degli haeussel p90 che hanno fatto guadagnere un sacco la chitarra. Te li consiglio vivamente. Ciao
Rispondi
Re: ulteriore upgrade?!?
di Oliver [user #910]
commento del 05/05/2008 ore 17:1
AAAAGH, cosa fai? Mi metti in testa altre idee nefaste? :) Non tentarmi. Per adesso rimarrà così, dopo tanta attesa me la voglio spupazzare per bene. Ma se un giorno dovesse venirmi il ghiribizzo... grazie del suggerimento ;)
Rispondi
vai Oliver!
di Albo [user #13710]
commento del 04/05/2008 ore 14:4
Sei un geniaccio! Il sunburst è fantastico (per non parlare del binding)! Quel colore non si poteva proprio vede' COMPLIMENTONI!
Rispondi
bella!
di alftheking [user #7473]
commento del 04/05/2008 ore 21:0
...anche io avrei tenuto il colore originale, che almeno dalla foto sembrava norevole, e che risaltava ancor di piu' con il color crema del battipenna e dei p90 Pero' posso capire la voglia "visiva" di Oliver. Anche io ho fatto delle modifiche alla mia Les Paul std del 93: ho messo le meccaniche autobloccanti grover dorate e poi cambiato le viti , ponte, tune-o-matic e copripicup dorati, senza contare il push pull. Ota quella che vedete come avatar e' la MIA chitarra, magnifica, suono da paura. Go oliver go!! alfredo
Rispondi
Complimentissimi
di Strato2006 [user #13781]
commento del 05/05/2008 ore 10:1
Davvero, il risultato finale del tuo lavoro è semplicemente meraviglioso; a mio parere ... è molto più Gibson ora di prima (paradossalmente)! Perché vadano ad annegare un così bel legno in un coloraccio metallizzato per me è un mistero ... Anch'io ho da sempre il mito della Les Paul, ne ho provate diverse, adesso ho una Standard Plus della Epiphone e la differenza, anche se c'è indubbiamente, non la vedo così sostanziale; oltretutto non la trovo per nulla inutilizzabile, anzi ...
Rispondi
Re: Complimentissimi
di Luca73 [user #14723]
commento del 06/05/2008 ore 13:4
Ciao accordiani io ho una gibson LP dorata del 74'e monta appunto dei puckup piu' stretti di quelli attuali, sono argantati e non dorati,sapete dirmi se sono i P90 o cosa. Comunque devo ancora trovare una gibson che mi faccia godere come la mia,senzaltro e' questione di gusti,e' vero che la LP non e'versatile come una strato,ma ad amor non si comanda. Comunque mi e' capitato di suonare con diverse LP e strato e secondo me nascono piu' o meno fortunate,cosa sana e giusta e' riuscire a scovare la vostra.
Rispondi
Re: Complimentissimi
di Asbel77 utente non più registrato
commento del 06/05/2008 ore 13:5
ciao, non sono P90, sono mini humbucker che erano montati - tra le altre - proprio sulle les paul in quegli anni (ed anche sulle gibson firebird, ad esempio).
Rispondi
P 90
di Luca73 [user #14723]
commento del 06/05/2008 ore 15:3
Ciao,secondo voi quali sono le principali differenze tra mini humbucker / P90 /e quelli classici
Rispondi
Re: P 90
di CCDK49 [user #41591]
commento del 21/09/2014 ore 12:03:36
P90: suonavo con Nino Smeraldi nei Re Mida e ci scambiavamo di continuo le chitarre - tanto per lo sballo. Aveva una Goldtop ma era già passato alla Strat. A quei tempi mi sembrava che una SG Special (P90) era più adatta per sbregare, per il sustain. Il miglior uso di una Goldtop era quello dei Canned Heat - e col wraparound :)

vai al link

MiniHB: credevo che fosse una follia della Gibson, invece... Mi son dovuto ricredere. La Deluxe è da ritmiche spinte al massimo. PAF e derivati sono da assoli folli. Jimmy Page: per suonare dal vivo aveva una LP Std modificata con dei bottoncini nascosti sotto il battipenna - invisibili. Non saprei però a cosa servissero...
Rispondi
Re: Complimentissimi
di Strato2006 [user #13781]
commento del 07/05/2008 ore 11:2
Ciao Luca, provo a risponderti qui che vado un po' meno fuori tema. La tua dovrebbe essere - come dicevo di là - una Les Paul De Luxe, che è appunto equipaggiata con mini humbucker (niente a che vedere con gli hot rails che si montano in sostituzione dei single coil), credo non le facciano più, e non so perché, le ritengo delle ottime alternative timbriche alla Standard con HB "normali". QUANTO ALLA VERSATILITA', per me sta al 90% nelle mani di chi suona; considero la Strato e la Les Paul due chitarre meravigliosamente complementari. PER IL VALORE credo che, nell'ambito di questa comunità, Alberto sia un ottimo esperto, dovresti chiedere a lui. CONCORDO sul fatto che le chitarre nascono più o meno fortunate (ogni chitarra è unica come il legno di cui è fatta ...), bisogna trovare quella giusta. Io anni fa ho venduto una Strato USA per prenderne una Mexico; tutt'ora ho una Mexico con un bellissimo corpo in frassino, e per me suona molto ma molto meglio dell'americana che avevo ... capita ...
Rispondi
Re: Complimentissimi
di Luca73 [user #14723]
commento del 07/05/2008 ore 14:1
Grazie Giogio, Anche la mia strato non e' made in U.S.A.ma e' una Giapponesina dell'84 a cui e' stato modificato il ponte e pickup con dei vintage tranne al ponte che monta un humbucker seymour-duncan,meccaniche sherke(credo si scriva cosi?)ritastata completamente sverniciata e riverniciata a nitro (un bellissimo verde pastello chiaro)e suona meravigliosamente bene,molto meglio delle made in usa che ho provato. Ciao.
Rispondi
Re2: Complimentissimi
di Strato2006 [user #13781]
commento del 08/05/2008 ore 12:0
...anche se, per correttezza, devo dire che delle varie Fender Stratocaster USA Standard che ho provato, me ne ricordo almeno TRE (una ce l'ha un mio amico e non gli ripeterò mai abbastanza che ... culo che ha avuto) che suonano stupendamente, armoniose piene tonde e morbide da non credere alle orecchie; e in questi casi qui mi tocca ammettere che per mexico e japan non ce n'è proprio ... Sì, giusto perchè si sente sempre dire in giro che le Strato USA Standard sono fatte male ...
Rispondi
====io ho una gibson
di yasodanandana [user #699]
commento del 06/05/2008 ore 13:5
====io ho una gibson LP dorata del 74'e monta appunto dei puckup piu' stretti di quelli attuali, sono argantati e non dorati,sapete dirmi se sono i P90 o cosa.== sono mini humbuckers.. i p90 sono single coil e sono coperti di plastica crema o nera..
Rispondi
Gran bel risultato
di feidtublec [user #18093]
commento del 24/08/2011 ore 16:3
Per quanto mi riguarda, anche se non si vedeva il legno, celeste era sempre meglio del goldtop che piace a tanti (non l'ho mai sopportata quella tinta). A conti fatti hai fatto benissimo: il risultato mi piace davvero parecchio, altro che quelle orride verniciature sunburst a forma di pera... Così valorizzi le venature perfino meglio che se avessi avuto un top fiammato. Davvero un gran lavoro.
Rispondi
Fammi un fischio quando deciderai di venderla! ;)
di Khayalan utente non più registrato
commento del 09/01/2012 ore 17:0
Fammi un fischio quando deciderai di venderla! ;)
Rispondi
OMG è fantastica!!! L'hai verniciata ...
di Foglio [user #19480]
commento del 28/11/2012 ore 22:38:17
OMG è fantastica!!!
L'hai verniciata divinamente!!!!
Rispondi
Altro da leggere
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova
Ebano e nitro satinata per le PRS CE 24 europee
La Fender Meteora HH è qui
J45 e D28: colossi a confronto
Manson aggiorna la MA per il 2019
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964