CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
L'insidioso Giappone firmato Fender
di [user #21577] - pubblicato il

È da un po' di tempo che mi sono interessato alle Fender con gli occhi a mandorla, vuoi per il loro costo decisamente più abbordabile rispetto alle cugine d'oltreoceano, vuoi per l'eccellente qualità costruttiva che nel corso delle mie prove ho potuto apprezzare. La mia esperienza è cominciata con una Stratocaster '68 Reissue con palettone, con tanto di pickup Fender Custom Shop '69 made in USA che fanno il loro splendido lavoro.


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964