CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Il giro del sintetizzatore in ottanta giorni - Puntata 80
di [user #18600] - pubblicato il

Chiudiamo questa (lunga) panoramica relativa al funzionamento dei sintetizzatori con un doppio appuntamento relativo, come il precedente, alla modifica di controllo. Sono di scena, questa volta, due trattamenti oggettivamente antitetici: integrazione e quantizzazione, che permettono di smussare i cambiamenti bruschi o di generare bruschi cambiamenti dove l'origine sia invece fin troppo smussata. Tradotta quest'aulica prosa in funzionalità pratiche, con la quantizzazione sarà possibile avere sempre la certezza di un'analogica purezza d'intonazione; con l'integrazione, sarà possibile legare insieme i fraseggi generando il deprecabile effetto di portamento/glide che ha reso infelici tanti gabbiani degli Anni 70...


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964