CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
MXR Dyna Comp vintage e test compressori a pedale
di [user #12445] - pubblicato il

Il compressore è uno degli effetti più delicati della catena di un segnale: a rack o a pedale, usato come plug-in, spesso mal utilizzato o sottovalutato, è un processore di dinamica. Trova larga applicazione in ambito pop e funk, per tutto ciò che può riguardare strumming e arpeggi, così come parti ritmiche in cui le ghost notes devono fondersi all’armonia per il giusto groove.

Interessante è anche sfruttare il clipping del segnale per ottenere sustain e quindi usare un compressore nella produzione di un solo, favorendo l’utilizzo di suoni clean.

Il test si apre ponendo a paragone uno dei pedali più imitati della storia il cui semplice circuito, molto simile al mitico Ross Compressor, è stato ed è tuttora parte integrante del suono di David Gilmour.
Il suono di ritmica e linea solista di "Another brick in the wall" sono un punto di riferimento per tutti e, per testare un MXR Dyna comp originale del 1976, il richiamo era doveroso.

Per paragonare questo pedale all’attuale produzione analogica, ho analizzato quattro applicazioni tipiche del compressore usando, oltre al Dyna Comp, tre pedali classificandoli in fascia bassa, medio, alta, riferendo semplicemente al prezzo di acquisto in negozio e non alla qualità intrinseca.

Gli esempi prevedono un tipico groove funky in sedicesimi con ghost notes, un accompagnamento funk a note singole, una parte in strumming e un arpeggio in fingerpicking: durante le clip i pedali verranno accesi in successione ed, essendo settati tutti a unity gain e con la stessa logica, potremo udirne le caratteristiche peculiari.

Le chitarre usate sono una Ibanez FRM100 Fireman, assolutamente a proprio agio in ambito funky, e una Ibanez RBM400 con pickup EMG 89 (usato slittato) SA-SA attivi.

Ho sfruttato gli EMG come buffer per mantenere inalterato il segnale fino a fine catena, utilizzandoli cioè con lo scopo cui sono stati creati primariamente, mentre negli esempi suonati con la Fireman ho collegato un buffer BurnFx (visibile in foto) prima dei pedali.

La testata è una Hiwatt Hi-gain 100w settata sul canale clean.

MXR Dyna comp: il più naturale
Appena si accende questo pedale si fa un tuffo nel passato. Il suo colore caratteristico ci dona un suono caldo e presente allo stesso tempo, mai eccessivo in ogni frequenza, mentre l’effetto della compressione è estremamente naturale. Trova il miglior utilizzo nelle linee a note singole e negli accompagnamenti staccati.
Generalmente, il pedale attualmente commercializzato da Dunlop non è alla sua altezza, infatti il custom shop Dunlop ne ha fatto una reissue handmade pochi anni fa, basandosi proprio sul circuito originale. Il fascino di un pedale di oltre 35 anni in condizioni mint, inoltre, non ha prezzo.

Boss CS3: il più compresso
In questo caso l’aggettivo compresso è da intendersi in modo negativo poiché, appena acceso, il CS3 ha mostrato la sua tendenza a mandare in saturazione il suono e livelli del potenziometro Sustain oltre ore 10 rivelano un clipping innaturale: ho quindi settato il gain dell’ampli riferendo a questo pedale.
Il controllo tone può rivelarsi utile ma, volendo ottenere un suono compatto, non avventuriamoci oltre ore 12: teniamolo piuttosto circa a ore 10 per mantenere un suono più naturale.
Boss resta comunque un buon punto di partenza per qualsiasi musicista voglia conoscere e capire un particolare effetto, piazzandosi sul mercato con una qualità e una gamma comunque superiore ad altri produttori esclusivamente entry level: è quindi il pedale di fascia bassa nel test, in riferimento al prezzo.

T-Rex Comp Nova: il più discreto
Il pedale di fascia media scelto è l’interessante Comp Nova che, con i suoi semplici controlli, può tranquillamente affacciarsi nelle pedaliere professionali.
Così come il Boss, prevede il controllo di attacco (Attack) che ho settato in modo naturale attorno ore 9 per i tre pedali proposti.
All’accensione si avverte un fattore di brillantezza che è la sua caratteristica peculiare, unita a una compressione molto discreta e mai tendente al clipping.
Trova ottima applicazione nelle parti strumming e, in altra sede, si rivela ottimo anche sulle chitarre acustiche live o in studio.

Keeley C4: il più caldo
Il C4 è l’evoluzione del primo compressore Keeley a due knob, basato appunto su MXR e Ross.
A differenza del T-Rex, la sua caratteristica è un suono molto più caldo e vicino al progetto originale, cui vengono aggiunti un controllo di attacco e Clipping: quest’ultimo controlla il livello in entrata, che ho settato a ore 12 per mantenere un volume simile rispetto agli altri pedali, ma è una comoda funzione per passare da chitarre con single-coil a chitarre con humbucker.
La sua headroom è davvero enorme e la grande qualità di suono ne fanno capire il prezzo, quasi doppio rispetto il T-Rex e triplo rispetto al Boss: è ovviamente il pedale di fascia alta, che meriterebbe più luce su tutti i possibili settaggi. Da provare assolutamente.

In definitiva è bene avere le idee chiare sul suono che vogliamo ottenere e sulle reali applicazioni cui vogliamo destinare il pedale per effettuare una scelta, provando con cura e ascoltando ogni minima sfumatura sonora, cogliendo ciò che il pedale può valorizzare nel nostro suonato.
Ringrazio Davide Colombo e Music Works.

Perché il buffer
Utilizzando molti pedali, si rischia che il segnale ad alta impedenza della chitarra degradi al passaggio fra cavi e pedali così come si innalzerà il livello di rumore e disturbo.
Un buffer posto a inizio catena manderà un segnale elettrico a bassa impedenza attraverso i pedali, rendendolo meno soggetto a degrado sensibile. Il suono di una chitarra passato attraverso un buffer prima di affrontare una catena di pedali risulterà più brillante, esattamente come se la chitarra fosse direttamente collegata all’amplificatore (in questo caso il buffer si può definire trasparente).
Un buffer è presente anche in molti pedali e la differenza, in termini di degradazione del segnale, tra sistemi true bypass e buffered bypass può essere notevole in una lunga catena.
Questo è il metodo preferito al true bypass dal guru Pete Cornish.

Nascondi commenti     96
Loggati per commentare

anedotto sul CS3
di cek_sound [user #2683]
commento del 30/03/2012 ore 09:1
Interessante articolo. Per quanto riguarda il compressore boss vi racconto brevemente la mia esperienza: Agli inizi avevo una pedaliera Boss Be5 degli anni ’80 con chorus, delay ( ottimi ) distorsore e comp. Per l’ epoca - e per le mie semplici esigenze - era un buon prodotto. Poi ho fatto il salto di qualità passando ai pedali singoli. Un mio amico vendeva alcuni effetti tra cui appunto il compressore boss. Me li ha prestati per provarli prima dell’ acquisto: beh… a mio avviso il CS3 era decisamente peggio del BE5. La diversità timbrica era palese. Suonava talmente "plasticoso e sporco" che pensavo fosse difettato. Guardando poi in rete, molta gente fa notare che c’è una differenza reale tra le versioni made in Taiwan e quelle made in Japan…ed è l’ unica spiegazione che son riuscito a dare. Per la cronaca alla fine ho acquistato un MXR M132 ( ottimo rapporto qualità prezzo ) e a distanza di anni è ancora ben presente nella mia pedaliera. Cek :)
Rispondi
Re: anedotto sul CS3
di giuseppe40 [user #18743]
commento del 30/03/2012 ore 09:2
La BE5 la rimpiango moltissimo..ottimo prodotto. Se non fosse stata tutta in plastica, la cercherei adesso con urgenza! In ogni modo, Faccio i complimenti per prova e articolo, molto interessante. Io ho utilizzato per anni un vecchio Ibanez ( serie 10 ), bel compressore, sia con humb che single coil, non trasparentissimo. Da un po' sono passato al Dyna Comp, soddisfattssimo con singoli, un pelo meno con humbucking.
Rispondi
Re: anedotto sul CS3
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 11:3
Ciao! oggettivamente il boss di attuale produzione crea dei problemi di clipping e tende a distorcere. Ho setatto il gain del canale clean proprio su questo pedale che risultava sporcare moltissimo e allo stesso tempo comprimere in modo innaturale. Tutti i pedali sono settati per ottenere un volume pari a unity gain, ciò nonostante si avverte lo stacco di volume all'accensione del boss. Mxr 132 è molto bello, l'ho avuto per diverso tempo, interessantissimo anche il custom comp, sempre di mxr: molto simile al dyna originale, ma di costruzione moderna (led) e con un trimmer interno per regolare l'attacco
Rispondi
bellissimo articolo, grazie
di stevepauljoe [user #20194]
commento del 30/03/2012 ore 09:2
complimenti Alessio, grande articolo davvero, belle anche le esecuzioni con le quattro "alternative".. un salutone, Corrado. ps. però bella la fireman... W Gilbert !!!
Rispondi
Re: bellissimo articolo, grazie
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 11:3
Grazie!:-) Gilbert rules! la Firema è ottima non solo nel rock, è una chitarra eccellente
Rispondi
BOSS CS1
di mariocaster73 [user #22356]
commento del 30/03/2012 ore 10:1
Bell'articolo! io ho sempre usato con soddisfazione un MXR Dynacomp, ma da quando ho trovato un Boss CS1 mij dei primi anni 80,.... me ne sono innamorato e l'ho inchiodato alla pedalboard. ciao, Mario.
Rispondi
Re: BOSS CS1
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 11:3
Ciao Mario! I boss Mij sono ottimi. avevo un sd1 dei primi anni 80, uscita bufferizzata (così come gli attuali tuner) e una qualità sonora eccellente: il confronto con un attuale taiwan era insostenibile, poichè il moderno suonava finto e inscatolato. Bisogna riscoprire il vintage soprattutto nei pedali, perché sono alla potata di tutti. La differente costruzione e il miglior uso di materiali, fanno davvero la differenza e con una minima spesa possiamo avere pedali per suoni professionali, senza arrivare alle cifre boutique, anche se consiglio di provare il maggior numero possibile di prodotti.
Rispondi
Re: BOSS CS1
di mariocaster73 [user #22356]
commento del 30/03/2012 ore 11:5
...ne ho provati molti di compressori... con calma nel mio negozio preferito... ma come il cs1, per ora, non ho trovato nulla..... è sempre acceso e "pompa" a dovere ogni assolo... ciao, Mario.
Rispondi
Re: BOSS CS1
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 12:1
CS1 è un grande riferimento, davvero bello, così come il CP 835 compressor II Ibanez... meno trasparente, ma mi era piaciuto molto. Grazie per il contributo!
Rispondi
Re: BOSS CS1
di mariocaster73 [user #22356]
commento del 30/03/2012 ore 12:4
...eh eh...ho visto adesso il video...fatto nel mio negozio preferito!!! ciao! saluti a Ricky, Diego e Andrea!!! ciao, Mario.
Rispondi
Re: BOSS CS1
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 12:4
;-) Sarà fatto, magari ci incontrimao anche noi allora. buona musica! Ale
Rispondi
Re: BOSS CS1
di mariocaster73 [user #22356]
commento del 30/03/2012 ore 12:5
....oggi scappo prima dal lavoro perchè stasera suono al BARABBA..... magari passo al MW per due "cosine".. ciao. Mario.
Rispondi
Io ho il Compnova
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 30/03/2012 ore 10:2
Ho avuto e venduto: Boss CS3 DOD MILK BOX Marshall ED1 Per me suonano malissimo. Il Compnova è un ottimo compressore. Mi piacerebbe avere il KEELEY mi basta il normale con due potenziomentri. Sono un fan di Keeley ho: TS9 DS1 FUZZHEAD Suonano tutti molto bene.
Rispondi
Re: Io ho il Compnova
di Ermo87 [user #33057]
commento del 30/03/2012 ore 17:3
grazie per queste comparazioni seppure a gusto personale, dimmi ma in Italia questi benedetti Keeley dove si possono trovare?
Rispondi
Re: Io ho il Compnova
di Pearly Gates [user #12346]
commento del 30/03/2012 ore 17:3
I gusti sono sempre personali. Boxguitar
Rispondi
bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 10:4
bell'articolo.... ma siamo sicuri che i compressori sono stati ben settati? nel senso che, per esempio, il boss l'ho avuto.. a me suonava bene e lo si poteva regolare in modo non troppo invasivo... nel senso che, non e' che li avete regolati in modo un po' estremo? le immagini sono le foto delle regolazioni fatte?
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 11:3
Ciao! è un boss taiwan, dalla prova iniziale pre-registrazione, ho dovuto appunto rivedere i settaggi di tutti i pedali, adeguandoli al boss, altrimenti ingestibile. Le foto rappresentano i settaggi usati (anche nel riquadro video si dovrebbe scorgere qualcosa). Per altre info sono qui!
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 11:5
===Le foto rappresentano i settaggi usati=== appunto.. :-)
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 12:2
Tutti i level di compressione sono a ore 10, direi niente affatto estremi. Il boss usato oltre quel livello clippa e tende a distorcere, ad ogni modo dovevo mantenere intelleggibile la differenza tra i pedali. Tu che settaggi usi normalmente? ho visto usare settaggi di sustain molto più elevati, pot tono oltre ore 12: in quel caso a mio parere il pedale è ingestibile come compressore usato sulle ritmiche, mentre se lo si vuole usare come surrogato di un overdrive..meglio un OD. Boss è l'unico con cui bisogna lavorare nei settaggi, gli altri sono più naturali e meno fittizi. Ciò nonostante, da mie esperienze con vecchi boss japan, cme lo stupendo cs1, maxon e ibanez, è chiaro che il mio giudizio è espresso sul pedale taiwan attualmente nei negozi e che è un punto di riferimento per tutti, molto usato e diffuso.
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 12:3
sono appunto i level a preoccuparmi... nel senso che cio' equivale, in compressori "normali", a mettere il threshold al minimo o quasi, che e' appunto una regolazione estrema che puo' mettere in ginocchio anche compressori blasonatissimi da migliaia di euro... oltre a questo mettere a tutti i compressori i potenziometri o alcuni potenziometri nella stessa posizione "grafica" non costituisce di per se un confronto alla pari, dato che non sappiamo, a occhio a cosa corrisponda tale posizione e se in tutti i compressori cio' corrisponde agli stessi decibel o millisecondi... anche in ambito "studio" ci sono compressori con scalature dei comandi differenti... in uno a ore "10" trovi un effetto lieve, in un altro comprimi come un matto.. esemplificando, per farmi capire meglio... se metti a tutta gli acuti di un fender twin, non e' la stessa cosa che farlo su un marshall... i controlli agiscono in modo differenziato....
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 12:5
Chiarissimo, gli ampli ad esempio settati tutti "flat" non sono mai realmente flat, ma hanno una Q differente alla base, che è il loro timbro. Realmente, l'unico modo per far ascoltare le differenze a mio avviso era usare settaggi pressochè identici, in modo da far udire le caratteristiche peculiari. i setatggi del level e altri controlli, lavorano a unity gain per i compressori, boss a parte che risulta lievemente più alto (udibile in video). Se avessi usato lo "swet spot" di ogni pedale, credo si sarebbe persa l'intenzione reale della prova, ma ho lavorato sul settaggio del boss per mantenerlo il più vicino possibile agli altri (vedi controllo di tono..aperto oltre 12 era davvero vetroso e finto).
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 13:0
vedi tu... pero', come ho gia' detto, cambiando il compressore, cambia anche cio' che fa il controllo in quella posizione grafica li'... per cui un compressore magari lo hai regolato in modo che funzioni appropriatamente, in un altro hai fatto un casino...
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 13:1
Il punto è proprio fare sentire che il compressore cambia! :-) Dubito di avere fatto un casino, basta ascoltare: Se li ho settati proprio in quel modo, un motivo c'è, non ho aperto la scatola e girato le manopole a caso;-) Ti consiglio di recarti in un negozio e rifare la stessa prova con gli stessi pedali se il video non fosse esaustivo. Ad ogni modo non ho capito come li avresti regolati tu per fare una prova comparativa, io ho fornito la mia lettura della cosa. Saluti
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 13:2
===Il punto è proprio fare sentire che il compressore cambia!=== il confronto sarebbe stato corretto se i comandi dei compressori fossero stati marcati con i valori in db e in millisecondi e tu avessi ritrovato gli stessi valori su tutti i pedali... se hai un certo numero di compressori e li regoli tutti, che so: attacco 15 msec release 45 msec threshold 20 db ratio 4:1 in questo modo li setti tutti nelle stesse condizioni e quindi puoi dare un guidizio a parita' di settaggi... ma che ne sai, per esempio, a quanti millisecondi di attacco corrispnde il controllo di qualcuno dei compressori che hai confrontato messo a ore 9 ? e che ne sai se tale controllo, messo ad ore 9 in un altro compressore corrisponde anche lui agli stessi millisecondi di attacco? nel senso che non c'e' niente di male in fare questi confronti.. li fanno anche su apparecchiature da studio... ma per confrontarli non girano le manopoline fino a metterle graficamente in modo identico, ma, piuttosto, settano gli stessi millisecondi di attacco e release, la stessa ratio e lo stesso threshold... .. come li avrei regolati io? mancando qualsiasi tipo di marcatura dei controlli li avrei regolati ad orecchio... avrei cercato una (o piu') velocita' e intensita' simile di compressione su tutti quanti e avrei poi giudicato... altro esempio... se voglio paragonare il "crunch" di un marshall e quello di un fender, e' ovvio che nel secondo caso, per arrivare alla stessa saturazione (e quindi paragonare) debbo alzare di piu' il volume del pre...
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 13:4
Per parlare di release e ratio, dovremmo testare outboard in studio o su pro tools, mentre stiamo usando dei pedali, dove i controlli ratio, knee ecc sono tutto compresi nel solo controllo comp o sustain Ognuno dei pedali ha una propria caratteristica quindi (il circuito) e per sfruttarla e farla comprendere in un CONFRONTO l'unico modo è settarli allo stesso modo (in linea di massima). E' ovvio che abbia regolato ad orecchio, provando i pedali prima di fare il video, come ad orecchio ho regolato ampli e dyna comp, dopodichè ho confrontato ad esso altri 3 pedali, regolando ad orecchio attack, tone e clipping (keeley). Se avessi regolato i pedali in modo che tutti producessero lo stesso tipo di compressione, come avrei potuto far comprendere le differenze a chi i pedali non li ha sottomano? come avrei potuto affermare che il boss clippa e risulta più compresso a questi settaggi? In questo modo, ho fatto invece 4 DIFFERENTI TIPI DI UTILIZZO per comprendere a parità di regolazioni, quale pedale funzionasse meglio per cosa e quale pedale fosse più o meno bello, come spiego ampiamente nell'articolo. Per ulteriori prove, come suggerisco, è meglio recarsi in un negozio e provare se il pedale che ha destato la nostra attenzione, sia in effetti adatto a noi. buona musica Alessio
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 13:5
===l'unico modo è settarli allo stesso modo=== bravo.. questo e' il conquibus... sto appunto dicendoti che "settarli allo stesso modo" non equivale a "mettere le manopoline nella stessa posizione visiva" ===Se avessi regolato i pedali in modo che tutti producessero lo stesso tipo di compressione, come avrei potuto far comprendere le differenze a chi i pedali non li ha sottomano?== e' quello che hai detto sopra.. regolarli allo stesso modo. Serve, appunto, a fare i confronti... a Miss Italia ad un certo punto le ragazze stanno tutte in costume, ad un altro stanno tutte in minigonna, ad un altro tutte in abito da sera.. poi i giurati fanno i confronti, ma dopo averle messe nelle stesse "condizioni"..., non e' che una sta nuda e una, simultaneamente, col burka :-) ===In questo modo, ho fatto invece 4 DIFFERENTI TIPI DI UTILIZZO per comprendere a parità di regolazioni== di questo stiamo parlando.. del fatto se c'e' stata veramente "parita' di regolazioni"... Tu hai risolto mettendo le manopoline "geograficamente" in posizione simile.. ma... ecc. ecc. ecc.
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di ziobrandy [user #563]
commento del 30/03/2012 ore 14:3
Yaso, sono d'accordissimo con te, ma con i pedalini per chitarra secodo me quel tipo di prova non si può fare: non lo sanno neanche i progettisti a quanto stanno threshold e ratio in una certa posizione della manopolina... Credo siano progettati per altri scopi, per sfruttare effetti collaterali della compressione o del make-up gain, più che la compressione in sé (che alla maggior parte dei chitarristi, tutti valvole e dinamica, non dovrebbe servire praticamente mai! ;-P), ed ottenere maggiore sustain, maggiore "squash", maggiore attacco (questa prima o pi qualcuno me la dovrà spiegare per bene). L.
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 14:5
io, senza essere una cima, se decido di usare un compressore a pedale, so come usarlo a modo mio, non come mi costringe lui. Io ho usato alcuni compressori a pedale e diversi compressori nelle pedaliere digitali, ho sempre cercato (e trovato) il mio suono... E allo stesso modo regolo, che so, i plug ins quando registro in "virtuale"... quindi significa che, anche senza le marcature, ce la si fa a regolare due o cinque compressori in modo da poterli confrontare su regolazioni uguali o molto simili... per il resto mi vengono in mente il country e gli stili "funky"... questi la compressione la usano, di brutto e si sente anche che c'e'... il maggiore attacco in effetti non c'e'... o meglio.. se regolo il compressore in modo che , effettivamente, si senta.. poi posso ritardare (non troppo) l'attacco della compressione in modo da generare una percussivita' "artificiale" che non puo' essere prodotta senza compressore.... fenomeno ancora piu' eclatante per esempio nelle casse e nei rullanti, che sono quasi tutti trattati in modo da far uscire questo tipo di "attacco" finto che, chi ha sentito le batteria solo sui dischi, crede che sia il suo suono naturale.... :-)
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di ziobrandy [user #563]
commento del 30/03/2012 ore 16:2
Non c'è dubbio che ci riesci (qualche volta l'ho fatto anch'io), ma sei un'eccezione. ;) Nel funky lo si usa, ma preferisco quelle sonorità non mi hanno mai fatto impazzire. Nel country (che ultimamente sto ascoltando molto) non ci avevo mai fatto caso... ci farò più attenzione. Quanto alla questione compressione/attacco, proverò su cassa e rullante nel mio prossimo mix (è vero che la cassa registrata nei dischi c'entra poco con il suono di una cassa sentita da vicino, idem con la maggior parte dei rullanti).
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 21:2
l'uso del comp nel country si capisce bene in un demo ufficiale di un compressore electro harmonix... lo usano per ottenere quell'attacco "finto" di cui sopra e per fare i suoni "tastierosi" tipo le steel guitar (che sono anch'esse, di solito, compresse..)
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:3
*so come usarlo a modo mio, non come mi costringe lui* io o il pedale? ;-) scherzi a parte (e paragone di miss italia a parte), i tempi tecnici per fare il video e un video in se, non prevedono 4-5 tipologie di regolazione per ogni pedale inoltre le differenze, passate nella "compressione" you tube, non sarebbero così udibili, per questo c'è un articolo scritto che fa comprendere i parametri in cui si è svolto il test. Ovviamente comprendo il tuo discorso e credo tu il mio: spero che l'idea del test sia servita a persone meno esperte e a chi non conosce bene il compressore, in modo da potersi orientare e capire su quali parametri operare una scelta. buona musica e alla prossima! Ale
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 21:1
il titolo dei miei interventi comincia con "bell'articolo...", quindi al di la' delle mie osservazioni, il tuo e' stato un buon lavoro.. grazie!!
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 21:2
Lo so e ti ringrazio ancora! Ottimo allora, magari si può ipotizzare un secondo test, più ampio Alla prossima! Ale
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 21:2
stavolta regola ad orecchio.. accendi il comp piu' semplice, fai un suono che ti piace, poi lo imiti sui pedali piu' complessi...
Rispondi
Re: bell'articolo.... ma siamo sicuri che i ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 21:4
così ho fatto sul dyna comp, protagonista della prima parte del video ;-)
Rispondi
Utilissimo e interessantissimo. Grazie ...
di Gianni Rojatti [user #17404]
commento del 30/03/2012 ore 12:0
Utilissimo e interessantissimo. Grazie Alessio, gran bel lavoro. Rock! Jana
Rispondi
Re: Utilissimo e interessantissimo.Grazie ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 12:2
Grazie Gianni! :-)
Rispondi
Preferenze
di smilzo [user #428]
commento del 30/03/2012 ore 12:2
Dalle clip preferisco il T-rex, tranne per Sisters dove il Boss mi sembra perfetto. Il Dynacom ha il suo perchè: aggiunge quel pizzico di saturazione lo-fi che può far piacere! :)
Rispondi
Re: Preferenze
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 12:5
T rex è eccellente, su sisters la minor forza di suonato (dinamica delle dita) ha diminuito l'effetto clipping del boss lasciando tutto più moderato. Chiaramente i giusti settaggi per ogni genere, farebbeo del boss un pedale comunque utile a tutto (con una pasta sonora però inferiore). Dyna da un tocco di magia, nella clip iniziale puoi ascoltare qunto sia naturale la sua compressione. I settaggi sono sempre i medesimi in foto.
Rispondi
Re: Preferenze
di smilzo [user #428]
commento del 30/03/2012 ore 13:4
Se ti capita, prova il compressore della secret-fx. Io non amo e non uso i compressori, ma sul secret-fx ogni tanto ci faccio un pensiero.
Rispondi
Re: Preferenze
di grace_sound [user #13439]
commento del 02/04/2012 ore 21:0
Son d'accordo con Smilzo. Il compressore della Secret Fx è il più bel compressore che abbia mai provato finora. Non ero anch'io amante dei comp. ma poi ne ho provati. Ora possiedo l'AnalogMan replica del vecchio Mxr DynaComp. Ho provato il Boss CS2 (bello, suono discreto) e il Keeley 2Knobs (dopo un po' mi ha stancato), ma per il Secret Fx credo ci farò un pensierino anche se costicchia un bel po'...
Rispondi
T-rexComp Nova
di Ross [user #723]
commento del 30/03/2012 ore 13:2
Ne ho avuto 2 (CompNova e CS3) su 4 e conosco bene il Dyna Comp. Non sono d'accordo sul Boss, che ho sempre trovato ingestibile, soprattutto alle prime armi... A me ha fatto odiare i compressori per un lungo periodo di tempo. Troppo compresso e troppo guadagno, secondo me appiattisce troppo il tutto. Lo sconsiglierei soprattutto ai neofit. Credo siamo tutti sulla stessa linea per quanto riguarda il Dyna Comp, semplice, diretto, caldo e molto naturale, mentre volevo sponsorizzare meglio il TRex, che possiedo, e che sulla recensione viene definito brillante. Lo è di certo, e la trovo una qualità, ma volevo dire anche che con meno attacco e un poco di compressione in più la brillantezza va a decadere. Il potenziometro dell'attacco così regolato fa rispondere la chitarra in maniera molto veloce (pot al minimo=attacco veloce, pot al max=attacco lento/meno attacco) e la chitarra risulta essere molto chiara. Appena superata la soglia delle ore 10 il suono si incupisce leggermente e scalda; se si aggiunge un po' di compressione in più è ancora meglio. Il controllo della compressione diventa molto spinto solo a ore 3, quindi si può giocare ancora un po' con la quantità di compressione da aggiungere. Io sono molto soddisfatto di questo pedale e l'ho preso proprio per la sua mai eccessiva compressione unita al fatto che volevo il controllo dell'attacco perché ho sempre trovato i compressori come l'MXR troppo lenti. Ross
Rispondi
Re: T-rexComp Nova
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:0
Ciao! anche io trovo il boss ingestibile, l'ho scritto anche in alcuni commenti qui sopra. Il t rex mi piace molto, ho voluto far risaltare questa caratteristica di brillantezza con un attacco a ore 9 proprio per farne sentire questa peculiarità che a mio avviso è interessante. Ho usato il comp nova anche con chitarre acustiche e mi ha entusiasmato, mentre in elettrico prediligo il circuito dyna comp, magari il custom comp, che avevndo un trimmer interno per regolare l'attacco, potrebbe rivelarsi ancor più interessante.
Rispondi
Ottima prova
di aner87 [user #27520]
commento del 30/03/2012 ore 13:3
Complimenti per la ottima prova! Volevo chiederti quali differenze ci sono secondo te fra il tuo Dyna e la odierna riedizione del custom shop.. Grazie e continua così;)
Rispondi
Re: Ottima prova
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:1
Grazie Andrea! Il custom shop handwired (script logo) si rifa al primo modello appunto script del 74, mentre il mio è il primo anno di produzione block logo (75 in effetti, 76 il mio). A mio avviso sono molto simili e la replica è fedele, ho anche un phase 90 script e provandolo con un originale, non ho notato evidenti differenze. Altro buon mxr è il custom comp (biano con scritte rosse) che ha trimmer interno per regolare l'attacco. Su costi minori cè il super comp, valido, ma non allo stesso livello anche se interessante.
Rispondi
Re: Ottima prova
di aner87 [user #27520]
commento del 01/04/2012 ore 10:0
In realtà ero proprio interessato al Custom Comp che mi sembra un compressore abbastanza versatile. vorrei sostituire il mio DynaComp proprio con il CustomComp, ma mi chiedevo quest'ultimo è rumoroso quanto il Dyna oppure lo hanno migliorato anche sotto questo punto di vista. Grazie mille della risposta:)
Rispondi
Re: Ottima prova
di alessioshy [user #12445]
commento del 01/04/2012 ore 13:2
Custom comp è ottimo, vai sul sicuro. quanto al rumoroso, l'unica cosa che mi verrebbe da chiedere è come lo stai usando, poichè se alla sorgente cè rumore, il compresore alza il volume anche del frusico, viceversa è assolutamente silenzioso
Rispondi
Re: Ottima prova
di aner87 [user #27520]
commento del 01/04/2012 ore 14:3
Lo uso come secondo pedale dopo il wah e ogni tanto capita di usarlo per dare più spinta ad un suono overdrive molto leggero..il Dyna in questo caso pur mettendo la compressione ad ore 9 aumenta abbastanza il rumore di fondo. Alimento tutto con Pedal Power 2 della Voodoo Lab e tutti i pedali sono True Bypass a parte il wha(Cry Baby della Dunlop) e il Dyna. Grazie a ancora della risposta;)
Rispondi
Re: Ottima prova
di alessioshy [user #12445]
commento del 01/04/2012 ore 22:2
Prova utilizzando un buffer, anche se in questo caso dovresti posizionarlo dopo il wah. stai usando single coil? conta che il compressore alza tutti i rumori, anche dei ronzii di fondo, potresti fare delle prove usando un noise gate a monte, subito dopo la chitarra, in modo da capire la sorgente del disturbo. L'overdrive è dato da un pedale o dall'ampli? Eventualmente, prova ad interfacciare compressore e pedale OD, ponendolo prima o dopo è buona cosa fare dei test: dai un'occhiata anche ai video di Massimo Varini sul compressore, da molti spunti di utilizzo.
Rispondi
Ottimo per comprendere il ruolo del compressore
di robbyboy [user #13010]
commento del 30/03/2012 ore 15:0
Bell'articolo, ho letto i post precedenti, comprendendo in parte le osservazioni; sicuramente, ma solo a mio modesto parere, ritengo il CS3 validissimo e non invasivo, a patto che venga usato a bassi livelli di sustain, così è un tuttofare universale.., io ad esempio lo regolo a ore 9:30 - 10, ovvero appena inizia a comprimere, questa è poi la regolazione che ti consente sui puliti di mantenere un segnale poco processato, ma con livelli di uscita equivalenti su chitarre con humbucker al ponte e single coil al manico; volume, tone ed attack, a piacimento in base al tipo di ampli e di chitarra (in particolare il tone aiuta molto). E' vero anche che su regolazioni più alte del sustain, tende a comprimere in modo drastico, con un clipping avvertibile man mano che si aumenta tale controllo e che male si accoppia nel caso si volesse mantenere un suono cristallino, ma anche validissimo per country picking violento alla Danny Gatton, insomma un difetto che potrebbe essere anche un pregio, trovo anche buono il suo buffer, anche se preferisco quelli dell'ibanez. A proposito la nuova serie (del JD9, per intenderci), l'hanno rovinata con un discutibile true bypass, rumoroso e non sempre "pronto" a commutare, le primissime serie credo le abbiano ritirate per questo problema ancor più accentuato; questo per dire che sul discorso true bypass mi trovi perfettamente d'accordo, anche per il discorso sulla perdita di segnale, ma si sà è una moda commerciale ed in tal senso viene alimentata. Per l'MXR condivido le osservazioni ed altrettanto per il comp nova, che ho trovato forse troppo sibilante e chiaro (almeno quando ho avuto l'occasione di testarlo). Il Keeley non l'ho mai provato o avuto. Infine qualcuno ha citato l'ibanez, attualmente non più in produzione e comunque reperibile usato nelle serie 9, 10, 5 etc.. o in riedizione maxon, ebbene l'ho usato per anni, un pò scuro, ma validissimo, corposo e discreto. Ottimo articolo, video e bella mano, davvero. Ciao ps: a proposito, non molto tempo fà mi hai venduto un RAT vintage... chissà se ti ricordi, è stato un piacere leggere l'articolo e vederti all'opera. Un saluto da Robbyboy
Rispondi
Re: Ottimo per comprendere il ruolo del compressore
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:0
Ciao! si ricordo il rat!:-) come ti trovi? Grazie dei complimenti! Ho citato il cp 835 di IBANEZ in altri commenti, un altro compressore vintage bellissimo, anche se meno trasparente del dyna (il che a volte, può essere un pregio) e sul discorso true bypass, l'approfondimento di Pete Cornish è davvero un' ottima risorsa, quantomeno per uniformare la risposta di tutti i pedali (in una mia pedaliera ad esempio uso un boss TU3 che ha uscita buffer). keeley è da provare, davvero caro, ma il suono è incredibile e si potrebbe rivedere in un test a se stante. Davvero grazie ancora! buona musica, ci aggiorniamo su queste pagine! Ale
Rispondi
Re: Ottimo per comprendere il ruolo del compressore
di robbyboy [user #13010]
commento del 31/03/2012 ore 08:4
Beh il Rat Vintage è un'altra cosa rispetto all'attuale produzione... quindi mi trovo benissimo. Quanto scrive Cornish è esattamente quello che penso in merito. Per il discorso catena effetti metto sempre un pedale con buffer nella successione di pedali, certo ci sono buffer che ammazzano il suono, tipo quelli dei Digitech (almeno così è al mio orecchio), ne potrei citare tanti altri, mentre con boss e ibanez hai sempre la garanzia che non ti deluderanno. A presto un buffer saluto da robbyboy
Rispondi
ma
di pablo1340 [user #21858]
commento del 30/03/2012 ore 15:3
ma allora lo fai apposta!! è da un po' che sto valutando di aggiungere il comp al mio setup!! adesso chi controlla la GAS!!?? devo dire che da fruitore di pedali Trex, il compnova mi è piaciuto un sacco! quando avevo visto la tua foto con Hiwatt e RBM con EMG avevo proprio pensato ad Another brick!! Bella lì Ale!! Paolo
Rispondi
Re: ma
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:1
Grande Paolo! t rex è un tottofare per elettrica acustica e nn solo... per il suo prezzo, è davvero eccellente! Another brick è una citazione classica per il dyna, dovuta:-) Ale
Rispondi
Re: ma
di pablo1340 [user #21858]
commento del 31/03/2012 ore 19:0
per adesso il trex se la combatte con un TC999 ibanez che vanta anche il boost, anche se non ho capito bene in cosa aiutino le valvole! è sempre interessante leggere le tue recensioni
Rispondi
2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di Foglio [user #19480]
commento del 30/03/2012 ore 16:0
2 domande: 1) Nella catena dove va messo il compressore??? Se lo butto nell'S/R faccio una brutta cosa??? 2) Il TC Electronics Nova Dynamics come lo vedere in confronto ai sopracitati???
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 17:0
1)all'inizio o quasi... se lo metti nell's/r lo puoi usare solo in modo molto lieve come limiter.. un po' come se l'ampli fosse alzato al massimo e il finale cominciasse a schiacciare.. ma, in pratica, meglio lasciar perdere.. Mettilo al primo posto subito dopo la chitarra...
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di Foglio [user #19480]
commento del 30/03/2012 ore 17:1
Grazie... ;)
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:1
stesso consiglio di Yaso, meglio all'inizio, ma vale la pena fare dei tentavi in caso di applicazioni "speciali". Ricordo che Varini fece dei test con l'overtone Brunetti, prima e dopo il comp, con ovvi diversi risultati (per assurdo meglio dopo l'od per mantenere più dinamica e miglior suono). Gilbert ad esempio lo usa dopo il suo detox Eq, per sostenere il suono clean nei passaggi di alternata (sempre un'applicazione speciale). In genere segui il consiglio di Yaso o fai delle prove come nel video. Ciao!
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/03/2012 ore 21:2
l'overdrive prima del comp e' un pelino piu' critico... ma con l'eq si puo' essere piu' elastici, anche in studio in alcuni casi si mette prima l'eq..
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di ArcangelGabriel [user #17331]
commento del 05/04/2012 ore 09:1
ciao Yaso, mi intrufolo in questa discussione per non doverne aprire una. Io ero intenzionato a comprare un EQ mxr da usare in pedaliera, il mio negoziante però mi ha fatto capire che è una "mossa" da chi di pedali non ne capisce niente. Che dovrei fare ? Un EQ può davvero tornare utile ?
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 05/04/2012 ore 13:2
trovo che sia utilissimo... che sia una mossa da incompetenti e' dimostrato dal fatto che quell'incompetente di gilmour ne usa quattro o cinque... l'eq ti puo' aiutare moltissimo a scolpire il suono che hai in mente, piu' di altri pedali... Quasi tutte le volte che leggo, su accordo, di qualcuno che cambia qualche pezzo di equipaggiamento, cio' poteva essere rimediato con l'uso dell'eq..
Rispondi
Re: 2 domande: 1) Nella catena dove va messo il ...
di ArcangelGabriel [user #17331]
commento del 05/04/2012 ore 13:3
mille grazie ! :)
Rispondi
Re: 2 domande:1) Nella catena dove va messo il ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 30/03/2012 ore 20:2
Nova dynamics non lo conosco approfonditamente, ad ogni modo Tc è una garanzia e credo si attesti sulla gamma t rex, ma dipende sempre dalle applicazioni cui sottoporlo. Per il test ho pensato molto a quali compressori usare: volevo fossero reperibili da tutti e che si ponessero in 3fasce di prezzo, "bassa" - media - alta. Per esempio un ottimo "compagno di squadra" del dyna comp è il maxon. Ti consiglio di recarti in un negozio fornito e perderci un pò di tempo, sicuramente farai belle scoperte!
Rispondi
nel calderonee avrei infilato il wampler ego ...
di luigi_ego [user #24803]
commento del 31/03/2012 ore 03:2
nel calderonee avrei infilato il wampler ego compressor.. imho il comp più bello che abbia mai provato, e quelli della recensione li ho avuti tutti sotto i piedi (anche se l' mxr era la versione attuale, nn quella vintage)..
Rispondi
bellissimo articolo! io poi che di ...
di Cratus [user #33723]
commento del 31/03/2012 ore 03:4
bellissimo articolo! io poi che di compressori non me ne intendo troppo.. qui ho avuto che da leggere(per capire un po) Buona musica!!
Rispondi
Re: bellissimo articolo!io poi che di ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 31/03/2012 ore 11:0
Grazie!! questa è una selezione di pedali abbastanza noti, in linea di massima diversi fra loro: se ne hai la possibilità provane molti, poiché all'occorrenza saprai qual'è il pedale che meglio lavora per te, sul tuo suono e a seconda dello stile/genere cui sarà deputato. Buona musica anche a te! Ale
Rispondi
BAH...SINCERAMENTE IL COMPRESSORE NON CREDO ...
di spitifini [user #29239]
commento del 31/03/2012 ore 09:5
BAH...SINCERAMENTE IL COMPRESSORE NON CREDO SIA DI VITALE IMPORTANZA AVERLO IN PEDAL BOARD.. NON VOGLIO DIRE CHE NN SERVE A NIENTE ,MA,PER I MIEI GUSTI ,SI POTREBBE FARE ANCHE A MENO, E' LA MACCHINA CHE VINCE SULL'UOMO. UN MUSICISTA CON GLI ATTRIBUTI ,LA DINAMICA SE LA FA' LUI, NON IL BOSS-IL T-REX, IL KEELEY E TUTTE STE MENATE QUI... OVVIAMENTE QUALCUNO STORCERA' IL NASO A QUESTA MIA DICHIARAZIONE.. MA IO NE SONO STRACONVINTO... BUON SABATO A TUTTI
Rispondi
Re: BAH...SINCERAMENTE IL COMPRESSORE NON CREDO ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 31/03/2012 ore 10:3
piu' che storcere il naso c'e' da dire che se partecipi ad un live di alto livello o alla registrazione di un disco, dal compressore, anche se non ce l'hai in pedaliera rischi di passarci anche cinque volte... Quindi e' vero che uno puo' non volerlo in pedaliera, ma, in definitiva, e' molto difficile che si possa fare musica senza utilizzarlo in qualche maniera... si puo' anche dire il compressore, paradossalmente, e' cio' che ti permette di valorizzare la tua dinamica.. perche'? perche' fa sentire bene anche le note che hai suonato piano e quindi con una sonorita' differente... Oltre a questo, quando si parla di chitarra elettrica, e' buffo essere maniaci del rispetto della dinamica del segnale quando cio' che consideriamo tutti lo standard, ovvero l'ampli a valvole, e' proprio caratterizzato dal fatto che comprime e limita il segnale che vi si immette... oltre a questo il compressore non serve solo per diminuire o livellare la dinamica, ma serve anche, specialmente con l'uso dei comandi di attacco e rilascio, a produrre suoni che senza compressore sono impossibili da .. ehem.. produrre... vedi alcuni suoni del funky e del country...
Rispondi
Video ben fatto!
di Antonioval [user #24936]
commento del 31/03/2012 ore 11:3
io ho avuto tre di questi pedali! Il boss, il dyna comp e il keeley 4knobs che posseggo ancora oggi! ho iniziato con il cs-3 ma non l'ho mai capito bene, il suono mi sembrava poco naturale e inoltre a me sembrava che saturasse anche un po'! poi sono passato al dyna comp e l'ho adorato! mi piaceva quella colorazione che dava al suono soprattutto negli arpeggi in fingerstyle. Purtroppo mi sembrava un po' rumoroso ad alti volumi e a setttaggi un po' "estremi" e a malincuore l'ho venduto(però non era la serie vintage ma quella normale)! Adesso ho il keeley e penso di essere arrivato alla pace dei sensi. Suono caldo poco rumoroso e compressione naturale! L'ho consiglio a tutti anche se costa veramente tanto! Complimenti per l'articolo comunque veramente ben fatto!
Rispondi
Re: Video ben fatto!
di DemianBand [user #18111]
commento del 31/03/2012 ore 12:1
Mi accodo ai complimenti per l'articolo... e ti ringrazio per il parere sul keeley che sto per ordinare!!! Penso che a parte tutte le possibili recensioni, video e sample, quello che conta di più, è quanto poi un chitarrista mantenga un pedale tra il parco-stompbox :)
Rispondi
Re: Video ben fatto!
di Antonioval [user #24936]
commento del 31/03/2012 ore 19:0
figurati! è un bel giocattolino non penso ti deluderà! Ora che ci penso è uno dei pedalini più longevi nella mia pedalboard
Rispondi
Re: Video ben fatto!
di alessioshy [user #12445]
commento del 01/04/2012 ore 22:2
Ciao! confermo la saturazione del boss...cè chi lo sfrutta proprio per questo, ma mi sembra molto innaturale e per applicazioni simili preferisco un OD. Grazie molte per i complimenti e davvero il keeley è un pedale eccellente: costa molto, ma quando lo si utilizza e si lavora sui settaggi, si comprende il prezzo.
Rispondi
Manca l'attuale "re" dei compressori a pedale...
di Matteo Barducci [user #29]
commento del 03/04/2012 ore 09:0
Il Janglebox, nelle sue diverse incarnazioni.
Rispondi
Re: Manca l'attuale
di alessioshy [user #12445]
commento del 03/04/2012 ore 20:4
Ciao! oggettivamente dovessimo decretare un re fra i compressori, sarebbe probabilmente il Ross vintage, il pedalone grigio:-) Attualmente sul mercato vi sono moltissimi pedali validi, boutique e non, ma come detto nell'articolo e nel video, il test si basa su prodotti facilmente reperibili sul mercato, per avere dei parametri di riferimento chiari. Interessante comunque la segnalazione! Ciao e buona musica
Rispondi
E per l'acustica?
di CupidoNet [user #1625]
commento del 03/04/2012 ore 21:5
Grazie per la bella prova. Visto che dici che il T-Rex Comp-Nova andrebbe bene anche per l'acustica, ne conosci altri per un uso del genere? Io uso chitarre acustiche col pickup Fishman Rare Earth Humbucker, quindi un pickup magnetico e non piezo, che però non manca di brillantezza. Sto pensando ad aggiungere un compressore per livellare un po' il suono dello strumming, che a volte rischia di essere un po' troppo imponente... Grazie, C.Net
Rispondi
Re: E per l'acustica?
di yasodanandana [user #699]
commento del 03/04/2012 ore 23:5
l'argomento mi appassiona.. scusa se mi intrometto... personalmente, con le acustiche, ho provato un solo pedalino analogico, il boss cs2 e faceva il suo sporco lavoro.. personalmente, pero', di solito, con le acustiche elettrificate mi funzionano particolarmente bene i multieffetti digitali... se fossi in te farei un giro sui compressori di un modello qualsiasi di POD o Zoom....
Rispondi
Re: E per l'acustica?
di alessioshy [user #12445]
commento del 04/04/2012 ore 16:1
Ciao! ti dirò, anche il compressore della wampler mi è piaciuto molto e ci sono molti pedali vintage adatti a tutti gli usi, come i vecchi boss o anche ibanez (comp II o molto più raro compressor I). Tempo fa per set acustici, avevo un piccolo rack con multieffetto (g-major) e compressore G300 rocktron con l'ottimo sitema hush integrato.. è un sistema differente, ma molto valido. Chiaramente indicato per live, in studio si può lavorare con macchine valvolari per produrre suoni eccellenti (avendole a disposizione), ma anche con lo stesso g-major o altri multieffetti..intervenendo anche sul suono ripreso dal microfono, ma l'argomento sarebbe da approfondire in topic a parte, senza entrare nel discorso analogico vs digitale.
Rispondi
- Bell'articolo (e aggiungo: buffer pre vs buffer post comp?) -
di boogiebeppe [user #7048]
commento del 04/04/2012 ore 14:2
Da anni uso con estrema soddisfazione il Dyna in pedaliera e in contesti funky e accompagnamenti a note singole mi son sempre trovato bene. La mia esperienza si scontra con la vs in merito all'utilizzo del buffer a valle o a monte del compressore. Io dopo alcune prove (e assolutemente ad orecchio, non ho fatto valutazioni in merito ad impedenze o considerazioni tecniche) ho trovato molto + naturale il suono del compressore al netto del buffer. Uso un Masotti BlackBox e la sua posizione viene dopo Wha e Dyna, proprio perchè trovo il suono finale molto + naturale dell'alternativa con il buffer a monte. (PS anche Mr Masotti condivideva con me la scelta) Le vs impressioni in merito a questa mia riflessione?
Rispondi
Re: - Bell'articolo (e aggiungo: buffer pre vs buffer post comp?) -
di redfiesta utente non più registrato
commento del 04/04/2012 ore 14:5
Ma a comp disattivato come ti trovi? Perchè gli mxr hanno un sistema di bypass che dimezza l'impedenza, lo split bypass e non hanno buffer, non tutti, non so il dyna sinceramente, certo che se ad effetto attivo l'impedenza è di 1M ed in bypass 500K non è un problema, se però fosse da 500 ed in bypass scendiamo a 250 magari un bufferino prima ci sta, anche quello integrato in un qualsiasi pedale, non necessariamente qualcosa di "esoterico", se però il tutto ti suona bene che te frega? :-)
Rispondi
Re: - Bell'articolo (e aggiungo: buffer pre vs buffer post comp?) -
di boogiebeppe [user #7048]
commento del 04/04/2012 ore 16:0
Uso un midilooper (gsc3 della Glab) a comp escluso, il segnale passa direttamente nel buffer Masotti con gli effetti benefici che questo pedale dona al suono. In realtà non capisco la tua domanda, perchè la differenza che sentivo evidente era con gli effetti Comp e Buffer attivati e la combinazione dei due nelle due diverse configurazioni. Con il buffer a monte del Dyna, il suono aveva un chè di plasticoso e con deficit di dinamica notevole. Con la combinazione Comp-buffer, il suono è tornato ad avere (quando il comp è acceso) la sua naturale risposta dinamica, pur compresso... Ad effetti spenti non sento differenze significative.
Rispondi
Re: - Bell'articolo (e aggiungo: buffer pre vs buffer post comp?) -
di Floyd [user #143]
commento del 05/04/2012 ore 08:3
ho rilevato lo stesso tuo problema. al Dyna (il mio è del 1978) non piace un segnale a bassa impedenza, infatti dà il suo meglio senza buffer a monte e con pickups passivi. mi stupisce infatti che questo non sia stato rilevato nella prova con pickups attivi e buffer. Le cose sono migliorate usando un LD-1 Cornish, questo buffer usa una diversa tecnologia rispetto all'IC buffer di casa Masotti, e probabilmente ha una impedenza in uscita un pò più alta, e inoltre non boosta il segnale, lasciandolo molto più neutro. Da quando ho l'LD-1 lo metto prima del Dyna senza molti patemi d'animo, anche se a voler essere pignoli, il compressore funziona comunque un pelino meglio senza nessun buffer.
Rispondi
Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di redfiesta utente non più registrato
commento del 04/04/2012 ore 16:3
Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un buffer a monte del dyna e a mio parere, sempre che si tratti di split bypass o come lo chiamano in mxr hardwire bypass secondo me si ma questo, ripeto, a comp inattivo cosicchè i pickup vedano comunque un'impedenza sufficientemente alta e lo split avvenga su un segnale a bassa impedenza ma se con o senza buffer davanti e a comp spento non senti differenza è tutto ok, piazza il buffer dove preferisci, d'altronde se messo prima inficia le prestazioni del comp e a comp in bypass non ti fa differenza piazzalo dopo, in sostanza è il risultato che conta, sempre IMHO, ci mancherebbe, diciamo che elettricamente è più consigliabile splittare un segnale a bassa impedenza come quello prodotto da un buffer che non uno Hi-Z come quello dei pickup.
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di Floyd [user #143]
commento del 05/04/2012 ore 08:3
rendere true bypass un Dynacomp vintage è un lavoro semplice, e risolve il problema. il tipo di bypass usato da MXR, così come i vecchi EH, sono tra i peggiori.
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di ArcangelGabriel [user #17331]
commento del 05/04/2012 ore 09:2
Quindi avere una pedaliera di MXR è deleterio ? :S come si può risolvere ?
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di Floyd [user #143]
commento del 05/04/2012 ore 09:3
con i vecchi MXR è facile renderli true bypass sostituendo l'interruttore e variando un pò il cablaggio. con i nuovi pare sia difficile se non quasi impossibile, in quanto hanno i jack saldati sulla pcb. io ho il Pase 90 Script reissue e il Dyna del 78, entrambi modificati con true bypass, presa di alimentazione 9V e led di stato. sul web trovi tonnellate di notizie sul bypass degli MXR e sulle relative problematiche.
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di ArcangelGabriel [user #17331]
commento del 05/04/2012 ore 09:4
Ma che problema può dare il tipo di bypass della MXR ? Si risolve con un buffer a inizio catena, prima del wah ?
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di Floyd [user #143]
commento del 05/04/2012 ore 12:4
il buffer aiuta ma non risolve. in pratica con il sistema di bypass di fabbrica di MXR e tanti vecchi Electro Harmonix, una porzione del segnale è sempre collegata al circuito del pedale anche quando è spento. se dal punto di vista prettamente elettronico ciò corrisponde ad una impedenza "infinita" per la quale il segnale dovrebbe dirigersi verso il jack di uscita per intero, di fatto il segnale viene invece degradato. questo avviene con tutti questi tipi di bypass. se cerchi in rete trovi degli esempi grafici molto esplicativi che ti faranno capire come funzionano i vari sistemi di bypass. il buffer è essenziale quando hai una catena tutta true bypass per rinforzare il segnale fino al pedale che in quel momento è acceso (perchè li termina l'effetto del buffer). questa è la mia filosofia: 1) se la catena di pedali è tutta true bypass, è buona norma mettere un buffer a inizio catena, uno alla fine, e se la catena è lunga, anche uno nel mezzo. i buffer usati devono essere di alta qualità e non devono boostare o colorare il segnale. 2) se nella catena ci sono dei pedali bufferizzati, questi devono essere di buona qualità ovviamente, e la catena va studiata in modo da intervallare quanto più regolarmente possibile i pedali bufferizzati con i true bypass, in modo da non richiedere l'utilizzo di buffer aggiuntivi. troppi buffer snaturano il suono almeno un pò, e una catena lunga di pedali true bypass lo degrada almeno un pò, non esiste un sistema perfetto, ma un mix ben studiato paga! ;-) il segreto è informarsi sulle caratteristiche del pedale prima di acquistarlo perchè la catena va pensata bene. anche le impedenze tra i pedali devono essere compatibili, ma questo è un altro discorso che non voglio affrontare, è troppo lungo e difficile. ciao
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di ArcangelGabriel [user #17331]
commento del 05/04/2012 ore 13:3
grazie mille della bella spiegazione ! :)
Rispondi
Re: Domandavo perchè chiedevi se fosse utile un ...
di redfiesta utente non più registrato
commento del 05/04/2012 ore 13:0
Due link circa i vari tipi di bypass compreso l'hardwire bypass o split bypass o in mille altri modi chiamato: vai al link vai al link
Rispondi
i miei 2 cents
di Floyd [user #143]
commento del 05/04/2012 ore 08:5
premetto che i miei suoni di riferimento sono molto...gilmourish. ho avuto i seguenti compressori: - Boss CS-3 - Keeley - Dynacomp 1978 - Demeter Compulator gli ultimi due sono attualmente in board e li uso anche contemporaneamente. riguardo il Boss, inutile dire che è meglio cercarsi un CS-2, il 3 l'ho dato via perchè non ho mai trovato un settaggio che mi aggradasse veramente. il Keeley, IMHO è sopravvalutato (io avevo il 2 manopole), quindi dopo aver acquistato il Dyna ho rilevato che quest'ultimo era superiore e con un timbro quasi uguale, perlomeno per le mie esigenze, quindi ho venduto anche il Keeley. il Dynacomp è stato da me reso true bypass, direi una scelta obbligata con questi pedali, altrimenti il degrado a pedale spento è notevole. di sicuro non può essere definito un compressore trasparente: ha una sua EQ caratteristica che modifica anche timbricamente il suono, ma a me piace anche per questo. Gilmour docet, il sustain deve stare intorno a ore 10, altrimenti la compressione è innaturale. il Compulator, è tutto un'altro animale. essendo un compressore ottico si comporta in maniera molto diversa dai compressori classici. settato a bassa compressione è trasparentissimo ed eccezzionale anche con le ritmiche, non toglie dinamica all'esecuzione, ma aiuta quel tanto che basta per rendere tutto più bello. gli effetti di modulazione suonano meglio quando il comp è inserito, e volendo si può lasciare anche sempre acceso. non cambia l'EQ del suono, ma enfatizza un pelo di alte frequenze, il che non guasta, specie sui puliti. se questa enfasi può dare fastidio, ma ci piace il tipo di compressione, ci si può rivolgere al Diamond Compressor che è ottico ma ha anche un controllo tonale. IMHO, nella pedaliera di un chitarrista, sono meglio i compressori con poche manopole e i controlli già ottimizzati "di fabbrica" per l'uso chitarristico, questo semplifica la vita e fa si che si evitino settaggi controproducenti. per i più "smanettoni" benvengano controlli come Attack, Realase, Ratio etc.., ma non fanno per me ;-) buona compressione a tutti. P.S. normalmente il Dynacomp suona male con un buffer davanti. dà il suo meglio con una chitarra con pickups passivi come primo pedale della catena. provare per credere. ciao
Rispondi
In merito alla prova..
di alessioshy [user #12445]
commento del 05/04/2012 ore 13:3
Portando la mia esperienza, il dyna con un buffer davanti, suona bene ed è uno dei compressori più naturali mai provato, anche se non trasparente (direi che non è un male!). Ovviamente provato in tutti i modi, lo posseggo da anni: per la prova e per evitare di perdere segnale attraverso cavi e gli altri pedali, il buffer era necessario. Secondo Cornish il buffer è non solo essenziale, ma preferibile al true bypass in grandi sistemi, mentre Gilmour, che tutt'ora usa il dyna comp, ha il suo set EMG signature (ovviamente pups attivi)...e una board custom di cornish, quindi Dyna + buffer. Non c'è mai una sola via per ottenere un suono, sperimentare è la chiave.
Rispondi
Se posso dire la mia...
di fernando_fornaro [user #15451]
commento del 06/04/2012 ore 10:3
Uso compressori da diversi decenni con le mie chitarre, sia acustiche che elettriche e ne ho avuti molti, dall'ottimo Dynacomp di circa 30 anni fa che era stupendo al Dod e, dal 1989, uso fisso e sempre acceso un Boss CS3 che, a parer mio, funziona molto bene se settato da compressore.. Si, perchè se il sustain si setta al di sotto di ore 12, il pedale funziona in modalità limiter, che tutti sappiamo cos'è. Ho provato ed acquistato tanti compressori negli anni, valvolari e non, ottici ecc..., ma sono tornato sempre al CS3.. Alcuni li ho trovati eccessivamente rumorosi e, tra questi, stranamente, i piu costosi, altri silenziosi ma estremamente inefficaci.... Posseggo inoltre un validissimo microrack BOSS RCL10 che trovo superlativo con l'acustica o se usato in send e return seriale in un ampli da elettrica... Questa è la mia esperienza, comunque parlare di compressori fa sempre bene, io credo che sia l'effetto indispensabile in ogni pedalboard che si rispetti... :-)
Rispondi
il mio preferito è il ...
di GiuseppeMinardi [user #31686]
commento del 04/11/2012 ore 00:06:00
il mio preferito è il c4, tranne che sullo strumming
Rispondi
dyna comp con trimmer
di peloenjoy [user #24593]
commento del 24/11/2013 ore 21:20:42
Ciao ragazzi da 3 anni possiedo un mxr dyna comp acquistato usato, mi accorgo dopo averlo aperto per la prima volta ieri, ha un trimmerino proprio al centro della scheda interna, ci smanetto e capisco che è l'attack.
domanda, ho scoperto l'acqua calda oppure è una serie particolare la mia?
ho visto sul web ma i dyna comp che fanno oggi non devrebbero averlo.
Rispondi
Con trimmer è il custom ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 26/11/2013 ore 19:56:55
Con trimmer è il custom shop mxr, bianco con scritte rosse.
Molto bello, ma differente dal classico originale che ha un suo colore particolare.
Rispondi
Altro da leggere
Slö: riverbero Multi Texture
L'ottava edizione di Piano Milano City
Anche Way Huge nella guerra dei Klon
Game Of Thrones suona Fender
Carbon Copy aggiornato e in miniatura
Brian Johnson tornerà in tour con gli AC/DC
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964