CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Andrea Valeri - Acoustic Pride

di [user #29294] - pubblicato il
E' da un po' che volevo scrivere un post su questo giovane chitarrista acustico di casa nostra, ma mi ha finora trattenuto il fatto che i suoi video sia in evidenza su un altro sito, ben noto agli acusticanti.
Trovo che questo questo ragazzo ventiduenne abbia, oltre ad una tecnica invidiabile,  una spontaneità ed una espressività melodica notevoli, gusto per le contaminazioni tra stili musicali diversi, capacità di rendere gesti tecnici, non solo mere esibizioni muscolari, ma elementi funzionali alla musicalità del brano suonato.
Insomma, penso che sia un ascolto gradevole anche per chi non è un appassionato di chitarra acustica (non il solito "si, bravo, ma cheppalle dopo i primi due minuti!")






Dello stesso autore
Microfono per acustica
Solo on Pealy's Arpeggio
Max Roest (Acoustic Pride)
tecniche percussive ... sul contrabbasso?!?
Andrea Valeri (2)
Peppino D'agostino al Folk Club
Il pozzo senza il secchio
Lettera di una insegnante al Ministro Profumo
Loggati per commentare

Avevo notato questo ragazzo. Secondo ...
di perrynason [user #17170]
commento del 28/08/2012 ore 10:29:23
Avevo notato questo ragazzo. Secondo me deve liberarsi dall'evidente imprinting di TE, ma è giovane e molto dotato, la strada è ben spianata!
;-)
Rispondi
Non trovo che sia così evidente ...
di beppeferra [user #29294]
commento del 28/08/2012 ore 13:19:49
l'imprinting di T.E. (se non nella scelta degli strumenti e nelle capacità tecniche percussive e ritmiche, infatti anche le sue chitarre hanno la tavola armonica "grattugiata"). Sento nella sua musica molti influssi mediterranei di entrambi le sponde e mi sembra che la sua ricerca melodica abbia buoni spunti originali, tenendo conto che ha ampie possibilità di crescita, data l'età.
Insomma mi piace assai ...
Rispondi
A parte la scelta della ...
di perrynason [user #17170]
commento del 28/08/2012 ore 14:30:36
A parte la scelta della Maton (che per altro usano in pochi) io ci sento anche certe soluzioni armoniche e melodiche alla TE, soprattutto nelle atmosfere dei pezzi lenti o in certe sfuriate con scale ad effetto. Comunque ad avercene di questi problemi!!! :D
Poi è vero, come dici tu, che ha pure una vena mediterranea, e quella secondo me potrebbe evolvere uno stile davvero personale.
Rispondi
è bravo e sensibile nel ...
di superloco [user #24204]
commento del 29/08/2012 ore 09:10:48
è bravo e sensibile nel gusto
ed è giovane e quindi in crescita...
Rispondi
.. non si ispira a TE..
di agnocaster [user #10508]
commento del 14/01/2013 ore 11:04:36
al di là delle giustissime e rispettabilissime impressioni personali, il chitarrista che ha (fino adesso .... visto la sua giovanissima età) ispirato ed influenzato Andrea Valeri è stato Mark Knopfler come lui stesso ha dichiarato in sue recenti interviste su riviste del settore :-)
Rispondi
Re: .. non si ispira a TE..
di beppeferra [user #29294]
commento del 14/01/2013 ore 21:02:52
Si, ho letto l'intervista su "chitarra acustica", in cui nega quasi seccato le influenze di T.E. sulla sua musica e sostiene di essersi ispirato piuttosto a Knopfler: il fatto è che tutti quelli con cui parlo di lui, la prima cosa che sottolineano è che sembra proprio T.E. ... sicuramente questa influenza c'è pure. Io trovo però che ha anche spunti originali, si sente l'aria del Mediterraneo nei suoi pezzi. Comunque è sicuramente un giovane talentuoso e che promette bene, aspetto di vedere come evolverà maturando.
Ciao.
Rispondi
Re: .. non si ispira a TE..
di agnocaster [user #10508]
commento del 15/01/2013 ore 10:22:27
Hai perfettamente ragione sull'aria "Mediterranea" dei suoi pezzi :-) Conosco personalmente Andrea Valeri e già da alcuni anni mi lega a lui una sincera e profonda amicizia nata per caso 5 anni fa all'Acoustic Guitar Meeting di Sarzana. Uno dei suoi massimi riferimenti (nonché suo carissimo amico con cui spesso duetta e collabora) è Michael Fix grandissimo fingerstyler e allievo di T.E., ma (secondo me) l'unica cosa che accomuna tutti e 3 è solo la marca dello strumento (anche Dodi Battaglia dei Pooh mi sembra ricordare sia stato endorser Maton :-) ). Nelle frequenti jam che facciamo (abitiamo a pochi km di distanza) Andrea suona per ore la chitarra spaziando in tutti i generi in maniera eccellente (passa dagli assoli dei Dire Straits a Django Reinhardt ad altro ancora) ed ogni volta ... migliora!! Io ho la fortuna di sentire i suoi nuovi brani fino dalla prima "stesura" e noto che col passare del tempo la sua tecnica diventa sempre più "particolare, ricercata e personale" quindi se il buongiorno si vede dal mattino per lui si prospetta una luminosissima giornata :-). Tra pochi giorni partirà per una serie di concerti in Australia e Nuova Zelanda e, poichè da ogni nuovo viaggio torna sempre più entusiasta ed ispirato, mi aspetto nuovi aneddoti ed avventure per il nostro prox incontro (magari sarà l'occasione per chiarire perchè T.E. non gli ispira una grande simpatia eh..eh..eh..). Buona Musica :-)

P.S. il 19 Luglio io e Andrea saremo insieme a Lucca, nelle prime file, a vedere il nostro guitar-hero Mark Knopfler :-)
Rispondi
WoW, che invidia!
di beppeferra [user #29294]
commento del 15/01/2013 ore 23:58:3
Coltivare un'amicizia così deve essere una bella soddisfazione ... ritengo che Andrea sia uno dei giovani più promettenti tra i chitarristi acustici (e non parlo solo di quelli italiani).
Spero che prima o poi venga a suonare anche dalle parte di Torino, mi piacerebbe sentirlo dal vivo.

Ciao!
Rispondi
Re: WoW, che invidia!
di agnocaster [user #10508]
commento del 01/02/2013 ore 11:02:35
Ciao Beppe.. ieri sera sono passato a salutare Andrea che è in partenza per l'altro emisfero :-) (ho visto che in altra sede hai linkato anche il suo nuovo pezzo "La mia Toscana") e nell'occasione abbiamo fatto una chiacchierata in merito a somiglianze ed influenze varie. A tale proposito è emerso chiarissimamente che lui non ha nessunissimo tipo di antipatia o altro nei confronti di Tommy con cui ha cordiali rapporti via mail ma con il quale non ha mai suonato ne avuto occasione di conoscere personalmente. Il fatto di leggere una sorta di "rivalità/dualismo" (virgolettato) è tipico della nostra mentalità italiana ma come lui ben mi ha sottolineato è un fenomeno che non riscontra nel resto del mondo dove la gente gli chiede il perché di un accordo nella struttura della canzone, il significato che lui da a quella nota in quel brano e non "..si sente che assomiglia a tizio o caio"... Tra i Chitarristi (con la "C" maiuscola) non c'è questo confronto/scontro che noi (anche io becero come altri) vogliamo vedere o crediamo che esista .. tra di loro c'è un grande rispetto e ammirazione e quello che amano di più è il "confronto/scambio". Tommy ha avuto (ed ha) grandi meriti perché reso il suo genere popolare nel mondo, ha fatto e fa brani che a volte possono piacere di più... altre di meno (come tutti gli artisti) ma ha un suo percorso.. come un suo percorso ha Michael Fix.. come un suo percorso ha Andrea Valeri .. come il loro percorso hanno altri fenomenali chitarristi (il mio percorso e solo quello da casa alla sala prove..ih..ih.ih..).. in conclusione ascoltiamoci tutti i grandi (ed anche i meno grandi) con la mente sgombra e le orecchie ben aperte perché la musica (la buona musica) ci farà sempre bene all'animo ed allo spirito in qualunque frangente .. e conserviamo un po di sano ed italico orgoglio per un ragazzo 21 anni che "esporta" a migliaia di km da noi una "eccellenza" che anche i "santoni" australiani (e laggiù non c'è solo Tommy Emmanuel..) apprezzano tantissimo... buona musica :-)

Rispondi
Re: WoW, che invidia!
di beppeferra [user #29294]
commento del 03/02/2013 ore 13:41:24
Mah, a volte mi sembra di discutere del sesso degli angeli. La cosa che ci tengo a sottolineare è che a me A.V. piace: al di là delle capacità tecniche notevolissime, mi piacciono le sue composizioni e trovo che suona con un gusto e una espressività che va sempre più migliorando (sono rimasto colpito dal progresso, sotto questo aspetto, mostrato nell'ultimo suo video, che ho linkato in un altro post).
Poi, mi sembra di capire che alcuni sostengano che non ha ancora sviluppato una personalità ed uno stile così spiccatamente individuale, da renderlo immediatamente riconoscibile (ma anche sotto questo aspetto non sono così d'accordo). Infine le influenze di un musicista su altri musicisti ci sono e sono riconoscibili, non credo sia possibile altrimenti e mi sembra una cosa del tutto naturale e lecita ...

Ciao!
Beppe
Rispondi
..ti terrò informato..
di agnocaster [user #10508]
commento del 16/01/2013 ore 17:18:57
Andrea ha fatto una data nel torinese lo scorso anno (fece anche un work-shop nel pomeriggio).. se torna nella tua zona cercherò di informarti per tempo. Ciao :-)
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964