CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Influsso dell'action sul suono di un'acustica

di [user #29294] - pubblicato il
Mi sono imbattuto per caso in questo video di Massimo Varini, guardando altre cose su Youtube relative alla Eko MIA.
Sappiamo tutti che un'action più alta produce un suono più "grosso", e bla, bla, bla ... ma vedere così su due piedi l'effetto del cambiamento dell'action è impressionante!!!
La semplicità con cui Massimo fa capire anche l'uso di diversi setup è favolosa, da grande didatta.

P.S. se conoscete già le caratteristiche della MIA e come funziona il fastlock saltate pure i primi 5 minuti e 30 di chiacchierata.


Dello stesso autore
Microfono per acustica
Solo on Pealy's Arpeggio
Max Roest (Acoustic Pride)
tecniche percussive ... sul contrabbasso?!?
Andrea Valeri (2)
Peppino D'agostino al Folk Club
Il pozzo senza il secchio
Lettera di una insegnante al Ministro Profumo
Loggati per commentare

Bella dimostrazione. Col passaggio immediato ...
di perrynason [user #17170]
commento del 02/09/2012 ore 01:47:05
Bella dimostrazione. Col passaggio immediato da una action all'altra la differenza si sente molto bene.
Rispondi
Si, la differenza è notevole anche con la compressione di youtube ...
di beppeferra [user #29294]
commento del 02/09/2012 ore 02:10:34
e fa piacere constatare così in diretta che non sono solo "chiacchiere da liutaio".
C'è un altro video di Massimo in cui prova dei piroli di diverso materiale (plastica, osso, ottone, ebano e palissandro), ma le differenze sono molto più sfumate, quasi impercettibili (per le mie orecchie).
Inoltre io credevo che la differenza di suono fosse dovuta alla variazione dell'altezza ponte+sella sul piano armonico, invece in questo caso non cambia questo parametro, ma l'angolo del manico.
Mi è venuta voglia di prendere una MIA anche solo per smanettarci un bel po' (chissà se riesco a trovare il setup che mi aggrada ...)
Ma il thread di Maurizio Piccoli sul break angle come è poi finito?

Ciao Perry.
Rispondi
Infatti è una cosa strana. ...
di perrynason [user #17170]
commento del 02/09/2012 ore 02:30:04
Infatti è una cosa strana. Se modifichi l'action piegando il manico col truss rod ti cazziano come un pivello, poi il fast lock fa quasi la stessa cosa (quasi). Il manico dovrebbe essere perfettamente allineato col ponte e l'action è data dall'altezza della sella. Ma col fast lock funziona tutto a rovescio.

Poi questa cosa dei pin mi ha sempre incuriosito. In molti forum c'è chi sostiene che il materiale influisca tanto sul suono, ma non riesco a capire bene come possa farlo, il pin blocca solo il terminale della corda. Secondo me più di tanto non può fare. Boh?!

Il thread sul break angle e rimasto lì così. Sembrava che Maurizio dovesse fare chissà quali rivelazioni e poi... :)
Rispondi
Mah!
di beppeferra [user #29294]
commento del 02/09/2012 ore 11:31:10
Mi sto convincendo sempre di più che il "sistema chitarra acustica" sia così complesso da rendere davvero difficile dare delle spiegazioni, basate sulle leggi della meccanica e della fisica, ai fenomeni acustici coinvolti.
E ho l'impressione che anche chi sembra la sappia lunga, in realtà vada un po' a naso (o meglio ad orecchio) per orientarsi in questo labirinto di ipotesi e spiegazioni ...
Rispondi
due cose son sicure
di stefano58 [user #23807]
commento del 02/09/2012 ore 08:28:27
la prima è che Varini non è bravo , è mooolto bravo !
La seconda che le eko mia sono un'interessante opzione tra le acustiche economiche , quanto meno da provare di persona.
Rispondi
Si, e fa piacere ...
di beppeferra [user #29294]
commento del 02/09/2012 ore 11:44:35
che il progetto (ovviamente non la produzione visti i limiti di budget) sia tutto italiano, e denoti degli elementi di innovazione ed originalità.

Rispondi
Bravo Massimo, sempre ottimo chitarrista ...
di dale [user #2255]
commento del 02/09/2012 ore 11:51:23
Bravo Massimo, sempre ottimo chitarrista e grande didatta, ma bravo anche nel marketing e "furbo", io continuo a preferirlo "elettrico", credo che dia il meglio con l'elettrica, con l'acustica non mi impressiona molto, credo si possano ascoltare chitarristi italiani più forti.
L'Eko l'ho provata per bene, va benissimo ed è un'ottimo strumento entry level dal grande rapporto Q/P, consigliatissimo per chi inizia o non vuole portare nel pub sotto casa l'acustica "buona".

Per l'action, ok si sapeva l'incredibile influenza, e lo spiega davvero bene.
Rispondi
sono con Beppe quando dice ...
di superloco [user #24204]
commento del 02/09/2012 ore 14:08:30
sono con Beppe quando dice che il progetto è completamente italiano (lasciamo perdere la produzione) e questo fa sicuramente piacere
le mie chitarre manouche sono a 3,5mm
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova
Svelate le Bevel Cut: Cort a cassa smussata
B-TWIG 12 Pro: nuovo e ancora più potente
Mic-No-Mo: cab sim Friedman ora stand alone
Piano City Milano, i concerti dei giovani talenti
ACFS580CE: Ibanez da fingerstyle

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964