CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Zoom A3: anche l'acustica vuole la sua parte
Zoom A3: anche l'acustica vuole la sua parte
di [user #16167] - pubblicato il

Zoom ha deciso di allargare la produzione creando l’A3, multieffetto dedicato interamente alla chitarra acustica con cui mette in campo tutto quello che la nuova tecnologia sviluppata attorno al chip ZFX IV può dare.
Il mondo degli effetti per chitarra elettrica è ormai super affollato. Quello per acustica invece assomiglia più alla piazza di un piccolo paese all’ora di cena, giusto qualche persona di passaggio. Zoom ha deciso di allargare la produzione creando l’A3, multieffetto dedicato interamente alla chitarra acustica, mettendo in campo tutto quello che la nuova tecnologia sviluppata attorno al chip ZFX IV potesse dare.

Dimensioni super compatte, perfette per essere ospitate addirittura all’interno della custodia di una dreadnought. Aspetto solido, molto simile a quello della G5, con il grosso display per una facilità d’utilizzo estrema.
A differenza del modello per chitarra elettrica, questo per contenere le dimensioni è sviluppato in verticale e diviso in quattro sezioni. Partendo dall’altro troviamo la manopola più grossa di tutte, che permette di scegliere tra sedici diverse tipologie di strumento, diverse sia come forma del body sia proprio per tipologia di strumento. Troviamo dreadnought, jumbo, duble e triple 0, ma anche resonator, 12-string e silent. A questi si aggiungono 28 famosi modelli di chitarra tra cui scegliere, ma attenzione: non siamo di fronte a delle simulazioni. Agendo sull’equalizzazione e l’headroom, l’A3 è in grado di sagomare il suono e mettere in luce le caratteristiche peculiari dei diversi strumenti, non di trasformare una Epiphone in Martin e una Silent in 12 corde. L’obbiettivo è quello di ridare voce alle caratteristiche andate perse durante l’amplificazione attraverso piezo e micofoni facendo uscire dal PA quello che si sentirebbe ascoltando la chitarra unplugged.

Zoom A3: anche l'acustica vuole la sua parte

Tutt’attorno al display troviamo le manopole che agiscono sul preamplificatore, appositamente studiato per chitarre acustiche. L’A3 è in grado di lavorare con pickup magnetici, piezo e microfoni interni. In aggiunta, grazie all’ingresso XLR con phantom da 48V, permette di collegare un microfono anche a condensatore e miscelarlo con il suono del pickup. Oltre quindi alla manopola per il mix delle due sorgenti, troviamo i due volumi dedicati, il master generale e un balance che miscela il suono dry con quello wet, effettato dall’A3. Chiudono il tour del piccolo LCD le tre manopole per l’Eq, alti medi e bassi.

Le vere e proprie simulazioni invece sono i quaranta effetti racchiusi dentro il piccolo processore. Troviamo chorus, delay a volontà e riverberi a non finire. Certo non mancano effetti più invasivi come detuner e pitch shifter per simulare una dodici corde, o per aggiungere un po’ di bizzarria agli assolo. Unico limite è quello di poter usare due soli effetti per ogni patch, anche se effettivamente su di una chitarra acustica è difficile immaginare l’uso di più di tre effetti simultanei.

Chiudono in fondo al pedale i tre footswitch e le tre manopole che controllano le ultime funzioni ancora da analizzare. Con i tre knob si può navigare tra gli effetti e body shape con facilità e regolare, come nella serie G, i parametri degli effetti selezionati. Il pulsante a sinistra attiva la funziona anti-feedback, molto utile in situazioni live dove i volumi possono facilmente innescare fastidiosi fischi. In particolare la Zoom A3 può gestire tre differenti frequenze contemporaneamente, evitando che queste inneschino rovinando lo show. Il secondo footswitch invece attiva un boost in grado di innalzare il volume fino a 12dB. Alla funzione è associato anche un controllo di tono, utile magari per bucare ulteriormente il mix.

Il terzo e più grosso pulsante invece permette di navigare attraverso le patch. In realtà questo è in apparenza macchinoso, in quanto si può andare solo in un verso, senza tornare indietro, ci vuole quindi un po’ per entrare pienamente in sintonia con questo sistema, ma è facile trovare il bandolo della matassa.

Zoom A3: anche l'acustica vuole la sua parte

Abbiamo affidato la Zoom A3 a Paolo Pilo, oggi in veste di tester. Quello che è risultato dalla prova ha confermato le già buone impressioni avute con la G3 e la G5. I suoni sono davvero credibili e la possibilità di adattare il multieffetto alla tipologia di chitarra collegata non fa altro che aumentare la versatilità dell’A3. Sicuramente meritano una menzione i riverberi davvero ben fatti, molto utili i compressori a rack, per eliminare i picchi in ingresso e regolare i livelli di uscita.
Una pedaliera molto compatta con tutto quello che può servire per un live, uscita stereo, cuffie, DI out per entrare nel banco con un bel XLR chilometrico.
Diamo quindi un ascolto alla Zoom A3 nelle mani di Paolo Pilo.

a3 effetti e processori zoom
Mostra commenti     36
Altro da leggere
Rubber Soul: combo british in scatola
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush
Slö: riverbero Multi Texture
Anche Way Huge nella guerra dei Klon
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964