DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Gibson Midtown Standard P90
Gibson Midtown Standard P90
di [user #24013] - pubblicato il

I modelli best seller scrivono la storia, ma i cataloghi dei grandi marchi sono pieni di cenerentole a sei corde che possono riservare belle sorprese a chi saprà sfruttarle. La Midtown Standard miscela il carattere della Les Paul al concetto di thinline, dando vita a un ibrido con una voce tutta da scoprire.
I modelli best seller scrivono la storia, ma i cataloghi dei grandi marchi sono pieni di cenerentole a sei corde che possono riservare belle sorprese a chi saprà sfruttarle. La Midtown Standard miscela il carattere della Les Paul al concetto di thinline, dando vita a un ibrido con una voce tutta da scoprire.

The Roads of excess lead to the palace of wisdom
. Nessun aforisma può descrivere meglio delle parole di William Blake il percorso di ogni chitarrista alla ricerca del proprio suono.
È una strada lunga, tortuosa e ostacolata da mille tentazioni, che parte dai legni più pregiati, passa ai pickup più blasonati e spesso riconduce a strumenti comuni, ma non per questo avari di soddisfazioni.

Vedendo per la prima volta una Gibson Midtown non si può non pensarla come la sorellina povera della 335: semiacustica, trestle bracing centrale, manico slim taper, segnalasti trapezoidali... ma le manca quel qualcosa per renderla davvero una chitarra speciale.

Gibson Midtown Standard P90

Poi però, leggendo la scheda tecnica, la curiosità sale. Il corpo è in mogano (tipo Les Paul, quindi) ma scavato, e il top è in acero. Paletta piccola e lucida, meccaniche Grover cromate come il ponte Tune-o-matic, pickup P90. La ragazza interessante inizia a diventare l'amica appoggiata al bancone dietro quella che avevi osservato entrando nel locale. Non la noti al primo sguardo, ma ti accorgi che il vero interesse è per lei.

Gibson Midtown Standard P90

Immediatamente saltano all'occhio le finiture pregevoli e accurate, decisamente meritevoli dell'etichetta "Standard". Legni ben accoppiati, per quanto siamo lontani dai top AAA di certe LP, manico comodo e scorrevole, tastiera in un bel palissandro compatto e scuro, ricco di venature. Binding di raccordo tra il top e il body, che regala quell'aria un po' nobile alle Standard di casa Gibson. Ho scelto la Cherry Sunburst tra le colorazioni proposte perché mi sembra la più azzeccata esteticamente coi i P90 color crema.
La chitarra viene venduta con il classico astuccio rigido Gibson nero, con lucchetti e combinazione, corredato da garanzie e certificati vari.
Addosso la chitarra è comoda, non è bilanciatissima e ricorda un po' la SG con la sua tendenza a cadere in avanti, ma diamine, se scegli una Gibson, vuoi anche quello.

Gibson Midtown Standard P90

Plettro in mano e prima sfregata di corde. Il suono è quello tipico caldo delle semiacustiche, ma un po' più scuro della 335 o della Gretsch White Falcon. Suona più grossa di una 339 anche da spenta. Ha un bel timbro nasale e il corpo vibra senza timidezza nelle plettrate più aggressive e si spegne quasi arpeggiando le singole corde.
I tasti sono comodi, alti e piatti, per la mia mano una manna, appoggiati sulla classica tastiera radius 12" e coperti sui fianchi dal binding color crema. Le meccaniche grover tengono perfettamente l'accordatura, decisamente meglio delle Deluxe Gibson montate sulla Les Paul Standard, di cui praticamente tutti conoscono la tendenza a mollare sul G.

Gibson Midtown Standard P90

E ora i pickup. I P90 alnico V sono graffianti, presenti e, se spinti al massimo volume, saturano bene le valvole generando un corposo overdrive vintage-stile perfetto per rock e hard rock. Possiedono tutte le caratteristiche dei single grossi. Attacco deciso, ronzio di fondo, possibilità di ricezione radiofonica sui palchi... ma diamine quanto sono affascinanti.

Sulla mia ero alla ricerca di un suono leggermente diverso, più ricco di medie, che ricordasse il tono di Malcolm Young al ponte e un po' più morbido per arpeggi e clean al manico. Avendo un corpo in mogano scavato ho scelto un TV Jones Powertron Plus bridge. Sparato a massimo volume in un Marshall con poco gain e volume up to 11 regala grandi sensazioni agli amanti degli Ac/Dc. Timbro corposo, definito e brillante, mai impastato o confuso e sensibilissimo al volume e alla dinamica della plettrata.

Gibson Midtown Standard P90

Per il manico invece ho scelto un Lindy Fralin underwound 10%, cremoso e rotondo, purtroppo molto elevato come output e sensibile alle interferenze esterne, ma davvero pregevole una volta amplificato a medio volume nel JTM di cui sopra.
A completare la customizzazione un ninnolo scoperto tempo fa negli Stati Uniti: lo Stellartone Tonestyler, un controllo di tono diverso dai potenziometri tradizionali. La sua caratteristica è quella di non tagliare mai le frequenze medie ma di agire solo sulle acute e sulle basse. Molto probabilmente la differenza la sento solo io, ma con una spesa di poco superiore ai 1000€ mi sento di aver raggiunto il palazzo della saggezza.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.
Seguici su Twitter
chitarre semiacustiche gibson lindy fralin midtown standard p90 p90 pickup power'tron premio accordo-gibson 2013 tv jones
Mostra commenti     12
Altro da leggere
Come nasce la cassa di una chitarra acustica: Gibson lo racconta
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa
Pantera: lo speciale Gibson su Rex Brown
Un video e una limited edition per i primi pickup PRS aftermarket
Excel Tour: qualità D’Angelico senza fronzoli con pickup Supro
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964