CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Come suona la Stratocaster?
Come suona la Stratocaster?
di [user #116] - pubblicato il

Da Buddy Holly a Yngwie Malmsteen, la Stratocaster è stata la chitarra preferita di alcuni tra i musicisti più iconici di sempre. Suoni diversi, stili diversi, ma qual è il vero suono della Fender Stratocaster? Ce lo siamo chiesto anche noi in redazione.
Da Buddy Holly a Yngwie Malmsteen, la Stratocaster è stata la chitarra preferita di alcuni tra i musicisti più iconici di sempre. Suoni diversi, stili diversi, ma qual è il vero suono della Fender Stratocaster? Ce lo siamo chiesto anche noi in redazione.

Quando una chitarra viene usata in così tanti contesti, la sua impronta originale tende a confondersi, plasmarsi fino forse a svanire, nei casi più estremi. La Fender Stratocaster è una delle chitarre che più sono state adottate da musicisti diversi fra loro, impegnati ora in ritmiche funk, ora in riff rock, un attimo prima lanciati in lirici solismi e quello dopo pronti a frullare mille note al secondo.
Spesso, quando l'aria si riempie delle note di David Gilmour ci si trova a pensare che quello, caldo e suadente, è l'inconfondibile suono della Fender Stratocaster. Ma poi subentra Hendrix con il suo grido tagliente a reclamare lo scettro. Insomma, qual è la voce vera della Strat?
Noi ce lo siamo chiesto, selezionando alcuni brani che più associamo mentalmente a "quel" suono. E voi? Quali sono le canzoni e i chitarristi che, quando li ascoltate, vi fanno esclamare: "ecco la Stratocaster"?

Come suona la Stratocaster?

Paolo Anessi
Nel mio immaginario la Stratocaster detiene due enormi poteri: l'incredibile riconoscibilità del suono clean ruffiano e ammaliante e nello stesso tempo una versatilità timbrica fuori dal comune.
Mi è veramente difficile accostarla a pochi nomi, ma non ho dubbi nell'affermare che i Dire Straits rimangono al primo posto nella riconoscibilità e nell'accostamento tra suono e Stratocaster. Sicuramente "Sultans of Swing" è quel suono lì.
Hendrix, per esprimere la sua musica, ha utilizzato dei suoni bellissimi, anche se non sempre accostati alla posizione due e quattro della Fender: "Little Wing" è per me un riferimento sonoro molto importante.
Clapton è un altro grande musicista che mi ricrea l'accostamento tra suono e strumento, anche se non ho un brano in particolare: Clapton è la Stratocaster come Pininfarina sta alla Ferrari.
Infine, da grande fan di Gilmour, accosto a lui l'immagine di questa chitarra, anche se sono consapevole che non rientri in quella fascia di purismo sonoro tipicamente Fender, ma l'unione del timbro con la sua forte personalità ne hanno fatto nel personale immaginario un qualcosa di unico e subito riconoscibile: "Shine on Your Crazy Diamond" ne è un esempio.
Forse la difficoltà di accostare l'intramontabile timbro a un musicista piuttosto che a un altro, deriva dal fatto che molte volte mi è involontariamente più semplice e diretto concepire il suono della Stratocaster come il suono della chitarra elettrica solidbody, solo dopo mi arrivano chitarristi, canzoni, generi e stili.

Alberto Biraghi
Il suono della Stratocaster per eccellenza lo ha inventato Eric Clapton, l'extraterrestre che ha scovato la posizione intermedia tra ponte e centrale estraendone oro puro. Tutto il doppio Just One Night è un esempio di quel suono, inimitabile con qualunque strumento non costruito a Fullerton negli anni d'oro. Ma se proprio devo scegliere un titolo, direi l'ultimo: "Further On Up The Road", dove si coglie anche la differenza con la Telecaster del pur bravissimo Albert Lee. 

"Sultans Of Swing". Mark Knopfler non ha inventato nulla, ma ha sintetizzato ed evoluto la voce delle chitarre di Buddy Holly e Hank Marvin, facendone un'icona del clean con un'inezia di crunch appena percettibile che resta un punto di riferimento. Non a caso, lasciata la vecchia Stratocaster rossa per altri strumenti, Mark quel suono non l'ha più ritrovato.

Stevie Ray Vaughan è l'anima di Jimi Henrix reincarnata. Ogni sua nota è un tributo alla Stratocaster, la sua compagna inseparabile. Qualunque brano inciso con Number One è un capolavoro di tone&feel, ma dovendo citare un brano direi "Love Me Darlin'" dal suo ultimo album In Step. Non se ne esce vivi ogni volta che lo si ascolta.

Come suona la Stratocaster?

Denis Buratto
Molto più facile per me parlare di Strat che di Les Paul, la chitarra con la CHI maiuscola per i miei gusti. Esempi di suoni che mi hanno segnato ne avrei a bizzeffe, anzi la difficoltà sta nello scegliere quali di questi sono i tre fondamentali. 

Sicuramente pensando a una Stratocaster il primo suono che mi viene in mente è quello di Clapton, "Wonderful Tonight" è forse il brano che più rispecchia quell'idea, seguito da "Layla" e "Cocaine". Non so se sono i più rappresentativi, ma sono certo i primi che mi affollano il cervello. 

A seguire non posso certo dimenticare Jimi Hendrix, il primo in grado di spremere dai single coil così tanta aggressività, irriverenza, capace di cambiare l'idea che c'era di Strat. Ovviamente il suo non è il classico suono che si accosterebbe alla signora Californiana, ma senza una tripletta di single coil brani come "Little Wing", "Voodoo Chile" e "Purple Haze" non sarebbero stati gli stessi.

Al terzo posto non posso dimenticare il mio suono di riferimento per quanto riguarda la Strat e il mio genere musicale preferito: il funk. Nile Rodgers con la sua Stratocaster è per me la macchina da groove totale. La ritmica di "Le Freak", ma anche il riffettino di "Get Lucky" sono un concentrato di pulizia e delicatezza con la forza di un treno in corsa.

Pietro Paolo Falco
Se è vero che una chitarra "suona bene" quando ci fa suonare bene, sono convinto che una chitarra suoni "da Stratocaster" quando la si suona come tale.
Lo stratocasterista si riconosce subito, lui vuole strapazzare le corde, sentirne la percussività, l'attacco, la brillantezza insieme a quel corpo ricco e un po' nasale. E quando lo stratocasterista imbraccia una Stratocaster, allora nasce la magia.

Mi sono trovato più volte a pensare "cavolo, questa sì che è una Stratocaster", anche davanti a suoni molto distanti tra loro, e forse è il suo segreto: la riconosci anche con pickup diversi, clean, imballata, ultra effettata, purché ci sia feeling col musicista. Ed è anche questo il motivo per cui indico un solo brano, ma in due versioni: "Little Wing". Inutile dire che mi riferisco a quelle di Jimi Hendrix e Stevie Ray Vaughan.
Gli stili sono dissimili, i suoni pure. Jimi strappa via le note dalla chitarra, le pizzica una per una per farle venir fuori. Stevie invece fa l'opposto, sembra impegnato a tenere a bada un suono che altrimenti sfuggirebbe da tutte le parti. Eppure, quando parte quel "tucciào, dun… ciaca", non ho dubbi: quella è LA Stratocaster.

La Strat, però, è anche la chitarra dei groove, dei riff clean e compressi fino quasi a sembrare bassi in slap. Qui non faccio nomi e, a costo di sembrare razzista, dichiaro che il suono ritmico della Stratocaster ce l'ha il "turnista nero". Non si contano le produzioni funk, blues, RnB, rap e pop in cui la ritmica porta avanti tutto il pezzo, catturando la mia attenzione ancor più della melodia o degli assolo. Un esempio eclatante è il live Farm Aid 2005: Buddy Guy e John Mayer se le danno a suon di pentatonica, ma il riff di Ric Hall, lì dietro, è l'unica cosa che voglio sentire.


Luca Friso
"Sultans of Swing". Il suono clean per eccellenza nella storia del rock. Eppure così rauco e ruvido. Tutto quello che avresti voluto far uscire dalla tua Stratocaster senza mai riuscirci davvero fino in fondo.
Ma non serve andare molto lontano o troppo indietro nel tempo per sentire un gran suono di chitarra. Il fingerpicking di Drigo in "Rotolando verso Sud" rappresenta uno dei migliori esempi di cosa si possa ottenere da una Stratocaster con lo switch nella seconda posizione.

Federica Pudva
Tre pezzi che mi portano prepotentemente alla mente la Stratocaster sono:
"Little Wing" di Jimi Hendrix
"Shine On You Crazy Diamond" dei Pink Floyd
"Cold Shot" di Stevie Ray Vaughan.

"Shine On You Crazy Diamond" mi fa immediatamente pensare alla Strat. L'intro, in particolare, così scarno, con un semplice tappeto di pad, dà veramente voce allo strumento. Il suono della Strat col pickup al manico in diretta nell'ampli e il lirismo di Gilmour trasformano le poche, essenziali note del tema in qualcosa di epico (e Gilmour in uno dei più espressivi stratocasteriani di sempre).

Come suona la Stratocaster?

Gianni Rojatti
Mi piacciono le Stratocaster più bistrattate, quelle con il palettone, costruite tra la fine degli anni settanta e i primi ottanta. Quelle che generalmente i veri Stratocasteristi snobbano.
Erano Stratocaster senza l’anima blues e l’impeto rock di quelle strapazzate da Hendrix, Clapton, Blackmore. Erano una generazione di Stratocaster imbracciate da band come Police, U2, alfiere di un nuovo chitarrismo: essenziale, tutto basato sulla ritmica e l’utilizzo di effetti. Piuttosto che una lista di brani, nomino un disco intero che descrive il suono di Stratocaster che amo.
Under a Blood Red Sky degli U2 è un live del 1984 in cui la Stratocaster nera di The Edge scrive un capitolo importantissimo, quasi un manifesto programmatico di come sarà il suono della chitarra rock indie e alternative dei successivi vent’anni. Suoni gelidi, isterici, ritmiche con il delay sugli ottavi puntati che erano spilli di chitarra elettrica che ti si conficcavano nel cuore prima ancora che nelle orecchie. La Fender che entrava nel Vox AC30 sporcandosi prima nel Memory Man era la sorellina disubbidiente, lontana anni luce, da quella che sgranava pentatoniche nel Marshall imballato del rock dei settanta. Quella che finalmente si poteva suonare da guitar hero, senza per forza dover essere un professore di chitarra solista.

Come suona la Stratocaster?
chitarre elettriche fender stratocaster
Nascondi commenti     95
Loggati per commentare

Gli Shadows di Apache (anche ...
di BillyU [user #14094]
commento del 21/07/2013 ore 10:04:11
Gli Shadows di Apache (anche se forse in quell'occasione hanno suonato la 6120......)
Rispondi
Re: Gli Shadows di Apache (anche ...
di elgaldil [user #22921]
commento del 21/07/2013 ore 11:51:44
....era assolutamente una strat! :)
Rispondi
Re: Gli Shadows di Apache (anche ...
di BillyU [user #14094]
commento del 21/07/2013 ore 12:12:3
Secondo il compianto Pistolesi e col suggello di Alberto Biraghi, probabilmente no! Leggiti l'articolo, di qualche anno fa, su Accordo.
Rispondi
Re: Gli Shadows di Apache (anche ...
di elgaldil [user #22921]
commento del 21/07/2013 ore 12:27:31
È vero che - anche live - l'hanno suonata con diversi strumenti (sempre similstrato però... Mi viene in mente una Baldwin p.e.) prima di legarsi alla doublecut di casa Fender... Ma, come hai detto, io non riesco a non associare quel brano alla strato.
Devo davvero recuperare l'articolo di cui parli...
Rispondi
Re: Gli Shadows di Apache (anche ...
di elgaldil [user #22921]
commento del 21/07/2013 ore 12:47:02
Articolo trovato e letto...
Assolutamente interessante... Roberto era (è! Nel cuore di tutti noi) un mito, a cui andran sempre la mia ammirazione ed il mio rispetto... Anche se devo ammettere che in questo caso, per come era messa giù, mi sembra un po' la discussione sul sesso degli angeli (sono un po' estremista in questo)
Rispondi
Re: Gli Shadows di Apache (anche ...
di robogg [user #204]
commento del 21/07/2013 ore 15:50:47
Personalemente, sentito anche il Cd realizzato dal compiantissimo Pistolesi, penso che il toscanaccio avesse ragione, ma cio' non togllie che prima degli Shadows la Strato non fosse che una delle chitarre, e neanche tanto richiesta.
In Italia nemmeno veniva importata, per dire. Le "chitarre elettriche" erano altre, soprattutto le hollow body.Tutti noi ragazzini musicomani dell'epoca abbiamo scoperto la Startocaster (roswood, non maple come ci si ostina a credere) perche' la vedevamo sulla copertina dei 45 giri degli Shadows (e quasi sempre Sunburst, non Fiesta Red). Poi altri anni di buio, tant'e' che mi risulta che si stesse vallutando addirittura di chiuderne la produzione, finche' Hendrix divento' Hendrix. E da li' la Strato fu per sempre la Strato.
Qual'e' il suono della Strato? Quello di Buddy Holly, perche' da allora in poi e' sempre stato modificato con effetti di tutti i tipi. Togli pedalini, cazzabuboli vari, valvole sature e altri trucchetti del mestiere anche la migliore delle Strato fa plin plin come quella di Buddy Holly.


Rispondi
Re: Gli Shadows di Apache (anche ...
di BillyU [user #14094]
commento del 21/07/2013 ore 21:04:52
Siamo d'accordo, credo: per me il suono è quello di Apache, anche se fosse uscito da una 6120. Lo so, sembra strano....
Rispondi
IL TOP è la SAMBORA
di 5maggio2001 [user #36501]
commento del 21/07/2013 ore 23:32:03
dopo la SAMBRA bo... forse una custom 69
Rispondi
Per me, la decisione è ...
di kirschak [user #32705]
commento del 21/07/2013 ore 10:13:06
Per me, la decisione è facile: Little wing in versione Stevie Ray Vaughan.

Guardate questo video....attenzione, si tratta di un video pornografico....per gli occhi e le orecchie di un chitarrista!..;-)
vai al link
Rispondi
I suoni per eccellenza della ...
di enricocaster [user #8828]
commento del 21/07/2013 ore 10:21:50
I suoni per eccellenza della strato sono quelli di Knopfler e Vaughan oltre ovviamente a Clapton e Hendrix.
Tutti gli altri sono la dimostrazione di quanto la Strato sia uno strumento eccezionale!
Rispondi
La Stratocaster l'ho scoperta con ...
di MM [user #34535]
commento del 21/07/2013 ore 10:32:
La Stratocaster l'ho scoperta con Knopfler in Sultan of Swing, ed è stato un vero, piacevole, pugno alla bocca dello stomaco.
Mi dissi: che meraviglia di forme, colori, tocco e suoni! ....una folgorazione.
Poi tutti gli altri musicisti, grandissimi, enormi, che non fanno altro che decretare l'olimpo per questo vero colpo di genio di chitarra, il Top in assoluto.
Mi fanno impazzire tutti i suoi suoni, veramente tutti e 5, la versatilità fatta strumento.
L'unico aggettivo che mi viene, per dire come suona la Strato è: celestiale.
Rispondi
Non sono...
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 21/07/2013 ore 10:45:07
...un grande appassionato di Stratocaster ma se devo fare tre nomi che mi hanno fatto entusiasmare di questa chitarra dico Hendrix, Knopfler, SRV e ne aggiungerei un quarto: Robert Cray.
Rispondi
Lenny
di barandrea [user #33283]
commento del 21/07/2013 ore 10:50:05
Indicare un brano solo è quasi impossibile, ma se ne devo dire proprio uno allora Lenny, di SRV!
Rispondi
io la strato la associo ...
di giuseppe40 [user #18743]
commento del 21/07/2013 ore 10:51:01
io la strato la associo subito a gilmour a pompei, a knopfler, malmsteen e naturalmente, dodi battaglia.
Rispondi
per nome, per posizione di selettore
di frankestrat [user #1278]
commento del 21/07/2013 ore 11:00:01
il suono strat per me è (riducendolo a 5 esempi in ordine di ...selettore)

Bridge p.up: Rory Gallagher ...cradle rock

Bridge + middle: Clapton - Double trouble, MArk Knopler - Once upon time in the west

middle: Brad Paisley - tutte le volte che abbandona la telecaster
vai al link

middle+neck: SRV - Tin pan alley, Clapton - It's Probably Me (con Sting, clappo è un grande anche senza Blakie e commuove anche con i lace sensor)

Neck: Ritchie Blackmore - Smoke on the water, David Gilmoure - Shine on... Another brick..ecc
Hendrix - Hey Joe


e tanti tanti altri
p.s: Per me l'omologo Gibson di Double trouble e Tin Pan Alley è Blu Jean Blues del reverendo Gibbons , stessa anima ma....con i Paf
Rispondi
Re: per nome, per posizione di selettore
di marcobassman24 [user #31371]
commento del 21/07/2013 ore 21:14:37
Another brick è stata fatta con una les paul custom direttamente attaccata nel mixer!! :D
Rispondi
E Rory?
di scottt [user #5541]
commento del 21/07/2013 ore 11:03:47
io ce lo metto..in Irish Tour quella strato canta!Anche se in quel caso li il confine tra clean e crunch è sottile..
Rispondi
Imparagonabile per me
di herrdoctor [user #18849]
commento del 21/07/2013 ore 11:13:09
Sultan of Swing.



Rispondi
il suono della stratocaster lo ...
di Aktarus [user #5855]
commento del 21/07/2013 ore 11:26:28
il suono della stratocaster lo trovo nei suoni puliti, massimo crunch. Quelli che vanno da un pulito cristallino a un lead blues molto dinamico.
Questi suoni mi fanno pensare subito alla strato quando si suona col pick up ponte+centrale e manico.
Rispondi
Per me LA Stratocaster è ...
di angusnoodles [user #13408]
commento del 21/07/2013 ore 11:33:41
Per me LA Stratocaster è Ritchie Blackmore... Colui che l'ha portata negli anni '80 indenne... Colui che l'ha prelevata dalle mani di Hendrix e l'ha consegnata agli Iron Maiden e Van Halen che l'hanno brutalizzata... Scusatemi... Ma SRV a parte, nessuno ha fatto cose nuove con la Stratocaster successivamente... Lo stesso Clapton le cose migliori le ha fatte negli anni '60 con Les Paul e ES-335... David Gilmour fa discorso a parte...
Rispondi
Re: Per me LA Stratocaster è ...
di Foglio [user #19480]
commento del 23/07/2013 ore 08:19:27
Concordo pienamente... Anche se aggiungo pure un Rory Gallagher...
Rispondi
Sottoscrivo col sangue il binomio ...
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 11:36:42
Sottoscrivo col sangue il binomio Strat-Shine on you (Gilmour)
Rispondi
Clapton nel album con B.B. ...
di diaul [user #33456]
commento del 21/07/2013 ore 11:39:57
Clapton nel album con B.B. King (Riding with the king).
Rispondi
Strato.....
di customblack [user #14990]
commento del 21/07/2013 ore 11:46:2
Un'esperienza illuminante per me, che mi ha aperto la mente sul suono strato, è stato piazzarmi davanti a luca villani che mi faceva sentire in successione i suoni delle sue repliche di single coil 58, 62, e infine il "linea", montati tutti su strato.
Quella volta ho capito due cose: il suono strato esiste, e il suono strato non esiste;)
È innegabile che i suoni delle prime chitarre, 58 e giù di li, è diversissimo giá dai pickup replica 62, sono propio mondi agli antipodi e soprattutto sotto le mani c'è una differenza abissale (il 58 per farlo suonare devi pestarlo con la zappa).
Eppure, se ascolti hendrix o clapton, al primo ascolto ti si proietta davanti una strato. Poi ascolti meglio e i suoni sono nuovamente molto diversi. Però se ci ripensi sono strato tutte e due.
Io penso che qui sta la magia di questa chitarra, ogni esemplare è diverso dall'altro, eppure tutte hanno qualcosa che le accomuna.
in conclusione, Non credo esista la risposta alla domanda della redazione, eppure esiste!!
Rispondi
La strato, è vero, è ...
di elgaldil [user #22921]
commento del 21/07/2013 ore 12:04:46
La strato, è vero, è tante cose...
Per me l'associazione più diretta è con Knopfler ( in generale), SRV ( tightrope, pride and joy, little wing,...) e Rory Gallagher... Sono i suoni che sento più "veraci". Clapton è uno dei grandi stratocasteristi, ma è anche altro. Gilmoure lo adoro, uno dei miei miti, ma il suo é un suono fin troppo ricercato per ricondrlo puramente alla strat...

Certo è che, suono a parte, la cara vecchia double-cut è in primis una filosofia! Io sono dell'idea che ogni chitarra ha un suono adatto per questo o quel brano/passaggio/fraseggio etc... E tutti i grandi strumenti hanno un fascino: insomma, sono belli!... Il resto è feeling.
Io ho una gran passione per l telecaster... Ma quando imbraccio la mia cara vecchia Shirley (una strat Am.Stnd. In frassino Del 2008 customizzata) è tutta un'altra cosa...è sempre amore! :)

P.s. Qualcuno ha nominato Layla di E.C. Nell'articolo... Tuttavia ad esser pignoli temo che quel brano non sia stato suonato con la strato.
Rispondi
Concordo in pieno . . .
di luvi [user #3191]
commento del 21/07/2013 ore 12:10:30
. . . sia con il giudizio, che con le citazioni di Alberto.

Aggiungo che un suono indubbiamente più "dolce", ma intensamente Stratocaster come non mai in ogni sua sfumatura, lo si può sentire anche da Larry Carlton nei primi anni '80, prima che passasse alle signatures della Valley Arts.

vai al link
Rispondi
Considerando solo Stratocaster s-s-s. ...
di poseidon [user #30697]
commento del 21/07/2013 ore 12:50:28
Considerando solo Stratocaster s-s-s.
Metto innanzitutto cinque album live secondo me emblematici delle potenzialità stratocaster.

1- Rory Gallagher - Irish Tour: il più bel suono stratocaster che io abbia mai sentito. Anche un grande esempio di purezza, perchè suonata praticamente senza effetti.

2- Jimi Hendrix - Band of Gypsys: come dovrebbe suonare una strato col wah wah? Vedere Changes. I dischi di Jimi mi piacciono tutti, ma questo è quello dove per me la chitarra raggiunge l'assoluta perfezione a livello timbrico.

3 - Deep Purple - Live in London 1974: disco meno noto di Made in Japan, ma dal mio punto di vista il suono della strato qui è ancora meglio, ascoltare l'intro di Mistreated per capire cosa intendo.

4 - Stevie Ray Vaughan - Live at Carnegie Hall: insiema a quella di El Mocambo la sua performance migliore, ma qui il suono è ancora più "trasparente", cristallino.

5- Pink Flyd - P.U.L.S.E. : L'album che contiene forse il miglior assolo di David, quello finale in Confortably Numb, tutto il disco è di alto livello, ma in quei cinque minuti di assolo la sua stratocaster va decisamente oltre, raggiungendo un pathos e una espressività senza precedenti.

E poi cinque brani in aggiunta:

Dick Dale - Misirlou
The Shadows - Apache
Dire Straits - Sultans of Swing
Kenny Wayne Shepherd - While We Cry
Buddy Guy - Damn Right I've Got the Blues

Mentre per quel che riguarda Clapton vado decisamente contro corrente, per me il Clapton sound migliore resta quello degli anni sessanta, quando suonava le Gibson. Il suo suono Strato non mi ha mai entusiasmato.


Rispondi
:-)
di Peterpanico utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 13:07:04
Invece di scrivere tutte queste "prosopopee" basta dire che la Stratocaster è "la chitarra" stop!
Suonava,suona e suonerà sempre bene,da Strato,anche con le inevitabili variazioni sul tema ( basta che mantenga i 3 SC),smettetela di farvi le seghe mentali,imbracciatene una e poi si ragiona. :-)
A che serve fare elenchi? ma allora Popa Chubby no? Julian Sas no? Thomas Blug neppure?
Eric Johnson? C'è qualcuno che è più Strato di qualcun altro? Se la butti in un Marshall avrà una sfumatura,se la butti in un Vox o un Fender ne avrà un'altra,ma è e rimarrà sempre, la miglior ascia dell'universo coosciuto! Amen :-)
Rispondi
Re: :-)
di musicmaster [user #30940]
commento del 23/07/2013 ore 01:35:56
Amen fratello, condivido in pieno. La stratocaster E' LA STRATOCASTER, nessuno è piu stratocasteriano di un altro, ognuno tira fuori la sua anima da uno strumento semplice e versatile come un uovo di colombo. Sono uno stratocasteriano dai primi anni '80 quando ascoltavo ammirato Little Steven suonare col Boss con quel suo sound cosi ruvido e un po tex mex, poi vibravo sulle note esoteriche dei PInk Floyd (il mio disco preferito è The dark side of the moon), poi non mi sarei fermato mai sulle ritmiche funk e ipnotiche dei chitarristi black, poi con l'eta', svanita la voglia di suoni ipersaturi e deley cosmici sono tornato alle origini assorbendo con le orecchie il miele di Jimi, SRV e Clapton.

La strato ha vibrato sotto le mie dita in tutte le sue reincarnazioni, dai Lace sensors ai Levinson,dai texas special ai reissue vintage, passando attrtaverso tutte le configurazioni H+H , SSH per tornare alle sue origini in questi giorni nei quali il mio suono è scarno fatto da vecchi single coil, e dal riverbero e del canale drive di un blackface, ... un ritorno alle origini e al blues dopo essere passato attraverso tutti i generi e da tutte le pedaliere di questo mondo.
Alla fine la mia preferita è sempre lei, una strato nera, pickup vintage, meccaniche kluson e ponte a sei viti, e per le mie dita tastiera in rosewood...please.
Gosd save the STRAT!
Rispondi
Re: :-)
di Peterpanico utente non più registrato
commento del 23/07/2013 ore 02:55:5
God save the Strat fratello! :-)
Rispondi
Re: :-)
di musicmaster [user #30940]
commento del 16/08/2013 ore 19:22:58
Amen reverendo.
God save the strat, and God bless America!
Rispondi
La Tele, la Les Paul ...
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 21/07/2013 ore 13:58:01
La Tele, la Les Paul e la Strato, in ordine di immissione sul mercato, sono e saranno sempre le chitarre più desiderate e vendute, per il semplice fatto che tutta la musica moderna è nata con loro e la maggior parte dei guitar heroes attuali le imbracciano, perchè le imbracciavano quelli degli anni '50, '60, '70 e '80, ispirando comunque di conseguenza le future generazioni. Ci sono tante chitarre create successivamente che magari sono più comode e versatili, ma siamo stati "educati" all'ascolto di questi modelli. Poi per me la parte del leone nella strumentazione la fanno gli ampli ed infatti gira e rigira i modelli più diffusi, anche se di nuova concezione, sono riproposizioni più o meno pesantemente modificate di quei cisrcuiti, nati sulla base del tentativo di implementare l'esperienza maturata in questi 50-60 anni in altri ambiti elettronici. Eppure anche lì andiamo sempre alla ricerca di certi suoni. E' un fatto di abitudine e consuetudine. E d'altronde perchè cambiare una squadra vincente? Detto ciò la Strat è la Strat perchè c'è chi ha imparato a suonare come si deve, anzi diciamo pure che ha inventato certi stili generi, avendo qualcosa da comunicare e per raggiungere la gente ha scelto questa chitarra, a scapito di altre. La grandezza rimane nell'uomo, nei riff, negli arrangiamenti e nei soli, come nelle intuizioni di uomini del calibro di Leo Fender, Les Paul, Jim Marshall e così via, in quanto a strumentazione. Detto ciò, cos'è la Strat per me in quanto a suono? Il mio amico Claudio che eseguiva i pezzi degli altri e le sue improvvisazioni tanti anni fa come oggi, con la sua Highway One o con la mia ex American Standard, perchè cambiando chitarra rimane comunque lo stesso suono.
Rispondi
Frusciante
di eliamariani [user #37563]
commento del 21/07/2013 ore 14:00:10
Sono d'accordo con tutti voi, anche se per i ragazzi della mia generazione, o almeno per me, la Stratocaster di Frusciante in Californication dei Red Hot Chili Peppers rimane uno spunto notevole. Saluti a tutti :D
Rispondi
NUDA E CRUDA! Semplice e ...
di bend_it [user #29446]
commento del 21/07/2013 ore 14:13:47
NUDA E CRUDA! Semplice e diretta, frizzante, allegra e sbarazzina ... impertinente. E' una ragazzina acqua e sapone ma ribelle, contestataria e politicamente scorretta, ed anche quando la vesti di effetti, chorus, delay, ecc ... la sua personalità traspare comunque. E' una che vedresti passeggiare a S. Lorenzo o al Pigneto (quartieri di Roma), una con cui ti fai una birra e tante risate, ma poi devi saperla toccare con dolcezza e saperla ammansire o il suo carattere si potrebbe rivelare perfino spigoloso, aspro, duro, tagliente e per nulla confortevole. Ma comunque è una ragazza straordinariamente VIVA!
Ecco, secondo me è così che suona la STRATOCASTER !

p.s. il fatto che la ragazza abbia 60 anni non la rende meno giovanile e attraente! ... anzi!
Rispondi
ah ...i riferimenti? Hendrix (tutto), ...
di bend_it [user #29446]
commento del 21/07/2013 ore 14:17:2
ah ...i riferimenti? Hendrix (tutto), Clapton (Dereck and the Dominoes), Gilmour, Malmsteen, Nile Rodgers (!!), SRV e Frusciante su Under the bridge.
Rispondi
Re: ah ...i riferimenti? Hendrix (tutto), ...
di angusnoodles [user #13408]
commento del 22/07/2013 ore 23:03:32
Frusciante non ha registrato Under The Bridge... O forse si...
Mi correggo... Si... Era Frusciante...
Rispondi
santissimo stevie ray vaughan ...
di xstellamayfairx [user #20604]
commento del 21/07/2013 ore 14:41:40
santissimo stevie ray vaughan
gilmour
blackmore!
quando la suona johnny marr
punto!

non c'è alcun bisogno di scrivere jimi vero?
Rispondi
The Shadows
di giancarlo50 utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 14:48:51
Il suono della Stratocaster e' quello dei THE SHADOWS, punto. Poi ci sono tutte le variazioni degli altri ma il primo vero suono unico ed ancora inimitabile e' quello degli Shadows.
Rispondi
Per me...
di Samuele Marostegan [user #34908]
commento del 21/07/2013 ore 15:08:40
Secondo me Sultan of Swing e Shine on you crazy diamond
Rispondi
Blackmore...
di metropolis85 [user #19743]
commento del 21/07/2013 ore 15:10:43
Il suono di Blackmore in Rainbow On Stage , per quanto mi riguarda, è il massimo! Simbolo della strato rock per eccellenza! Suono sempre incisivo e pieno di attacco e poi quella caratteristica meravigliosa di suonare aggressiva anche con un filo di gain e allo stesso tempo di poter essere dolce e suadente se lo si desidera... unica...
Meravigliosi anche i suoni più caldi ed eleganti di Eric Johnson... personalmente reputo il suono del buon Eric il migliore ascoltato nei vari G3! Naturalmente è impossibile non citare Gilmour, Clapton, Malmsteen, Knopfler, Henderson... e anche se non è un simbolo Fender ci metterei pure la pacca sonora di Gary Moore con la sua strato fiesta red! Sentite che suono ha in una versione live di Red House nel 2004...
La strato è la strato e non si discute! Ci fa arrabbiare, ci trita i polpastrelli ma ci da soddisfazioni uniche!
Rispondi
David Gilmour
di sound floyd [user #5767]
commento del 21/07/2013 ore 15:54:4
Avete tutti ragione a citare molti altri artisti, ma, sicuramente influenzato dai miei gusti pink floydiani, è lui che mi ha fatto innamorare del suono fender che prima non comprendevo moltissimo.
Se devo citare l' esempio del suono che più ho ricercato da ragazzino armeggiante con le prime simil strat, era quella che usava nei primi bootleg di dark side o f the moon, nei quali eseguiva breathe con la posizione 2, ponte e centrale, insieme all' effetto leslie o uni vibe, e mi colpì così tanto l' armonia che dava quel tipo di suono, specie nella versione funky di on the run sempre nelle versioni del 72 prima che uscisse il disco.
Non sapete quanto ho cercato di emularlo fino a quando non ho preso una strato :-) e ci sono voluti 24 anni ! Prima non mi ci ero mai innamorato, e adesso non ho altro che fender tra tele e strato!!! sarà che prima seguivo chitarristi come May e non avevo troppe filosofie sul suono di una chitarra....
Rispondi
Una cosa che non mi piace della Stratocaster
di polmone utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 16:37:36
Una cosa che non mi piace della Stratocaster (vale anche per la Telecaster) è che Fender ne ha in commercio una infinità di modelli ma quasi tutti hanno le stesse specifiche.
L'innovazione fondamentale che Fender ha portato negli ultimi decenni è l'introduzione e lo sviluppo del roller nut (probabilmente non amato dai puristi) che unito al raggio di curvatura variabile della american deluxe propone una delle poche alternative nel vasto catalogo Fender.
SRV stesso (e come lui altri chitarristi illustri) ha chiesto a Fender una Stratocaster con raggio di curvatura 12", tasti jumbo e legno della tastiera alternativo, caratteristiche che si ritrovano solo in pochi modelli signature ed una messicana (la deluxe player per il solo raggio 12").
Secondo il mio modesto parere Fender non è stata capace di ampliare la propria offerta, neanche interpretando le chiare richieste di chitarristi famosi e suoi endorser, con modelli con cararatteristiche alternative, e questo ha fatto la fortuna di molti marchi alternativi tra cui cito la mia preferita: Carvin, anche se di difficile reperibilità in Italia, che permette un ampio margine di personalizzazione compresa la tastiera in ebano (se non sbaglio le ultime chitarre artigianali di SRV avevano la tastiera proprio in ebano) e la più quotata Suhr cha sta spopolando ormai da tanti anni tra le Guitar Star (Knopfler probabilmente è stato uno dei primi ad utilizzarla).
Vedere le caratteristiche di una Stratocaster modern player e non trovarci niente di diverso da una normale strato è sconfortante, ecco io farei almeno un modello modern player o american deluxe che sia, con tastiera a scelta tra acero, palissandro ed ebano, roller nut, raggio di curvatura fisso almeno di 12" ma perché no anche 14" 0 16" come nelle Suhr e tasti jumbo, per i tanti chitarristi che amano il suono e le curve di questo capolavoro ma che non si ritrovano a suonare con la sua tastiera, ed anche per rendere la vita un pò meno facile alla concorrenza...
P.S. ...senza rovinare poi tutto con un merdosissimo floyd rose
Rispondi
Re: Una cosa che non mi piace della Stratocaster
di angusnoodles [user #13408]
commento del 22/07/2013 ore 23:07:35
Sono le stesse incomprensibili "non scelte" che anch'io reputo che Fender non abbia fatto... 200 Stratocaster tutte uguali con la sola differenza del prezzo... Assurdo...
Rispondi
guarda che le nuove american ...
di sombrerobianco [user #8769]
commento del 21/07/2013 ore 18:26:45
guarda che le nuove american deluxe hanno il radius composito 10/14 il roller nut ed il tacco smussato...e anche parecchie custom shop hanno una suonabilità moderna vedi la strato pro (la mia ha radius 12 ad esempio)...senza parlare delle wildwood che hanno radius 10 ....insomma la gamma strato è veramente super ampia ...è veramente proposta in tutte le salse difficile non trovare la chitarra che ti piace !!
Poi ci sono serie speciali prodotte in mogano in frassino in palissandro col top in acero ....

Ammazza non esiste catalogo più ampio di quello stratocaster.....pick up di oogni tipo S/S/S S/S/H H/H .....e sopratutto in ogni fascia di prezzo ......che volere di più ?!?!



Rispondi
Infatti l'american deluxe l'ho citata, ...
di polmone utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 18:52:04
Infatti l'american deluxe l'ho citata, ma il compound non mi convince molto, le custom shop mi sa che salgono parecchio di prezzo, comunque attualmente nel sito di pro c'è la classic ed ha 9,5 di raggio, poi ci sono alcune signature come la SRV, ma sono prevenuto per le signature, suonare con una signature per me è come andare a letto con la moglie di John Holmes, sei soggetto a confronti! e poi non mi sono mai piaciute le firme.
Il mio ideale sarebbe una stratocaster deluxe con tastiera in ebano anche 16" fisso e tasti jumbo, roller nut ed autobloccanti ma non credo ci sia in catalogo Fender (mentre Carvin Suhr ed altri ci hanno fatto una fortuna), se sbaglio fammi sapere...
Ciao
Rispondi
Re: Infatti l'american deluxe l'ho citata, ...
di musicmaster [user #30940]
commento del 23/07/2013 ore 01:49:44
Ho avuto per vent'anni una Blade RH4 di cui avevo consumato i tasti jumbo fino al legno, tastiera in ebano, pick up attivi Levinson e vibrato custom con corde montate su rulli, quando ne ho nostalgia tiro fuori la mia american de luxe, tastiera compound e SCN che mi ricorda molto quel feel e quel suono, ma mi manca la bellissima tastiera in ebano della RH4.... ma del buon rosewood di quello giusto, color caffè o cioccolato fondente se preferite puo fare miracoli sotto le dita...
Rispondi
Navajo moon
di mrc.mgg [user #198]
commento del 21/07/2013 ore 18:56:15
Ana Popovic.
Perché una donna non l'aveva ancora messa nessuno :-)
Rispondi
Il fender custom shop ogni ...
di sombrerobianco [user #8769]
commento del 21/07/2013 ore 19:25:07
Il fender custom shop ogni anno propone una PRO diversa (..si chiama pro proprio perchè sta per prototype) ogni anno sperimentano soluzioni diverse ....che poi successivamente a volte vengono riprodotte sulle serie normali ...insomma sperimentano abbinamenti diversi per vedere il gradimento che trovano nel pubblico
La mia che è una PRO del 2007 ha il radius costante da 12 il tacco smussato ed il manico slim....in più è relic ed ha la palettona...quindi aspetto vintage e suonabilità moderna

devi solo aspettare l'anno che propongono le soluzioni che piacciono a te !!

Come prezzo ci aggiriamo sulle cifre di suhr...che di sicuro non sono chitarre economiche ...ah le suhr hanno quasi tutte radius composito 10 /14 tranne la scott henderson (che venendo da ibanez ) ha mantenuto la stessa raggiatura (16 costante) ...la scott henderson dovrebbe essere l'unica suhr di serie col radius costante...poi ovviamente ci sono i custom orders ed ognuno può farsela fare delle specifiche che preferisce

in ogni caso già un raggio 9.5 permette già un'ottima suonabilità moderna ...
io ho avuto 2 suhr con radius composito e non mi piaceva per nulla...non mi ci trovavo...però ovviamente dipende dai gusti ..


Rispondi
Anche le Suhr modern mi ...
di polmone utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 19:34:41
Anche le Suhr modern mi sembra siano raggio 16 e tasti jumbo, il compound non convince neanche me e comunque poco importa, io mi trovo bene con la Carvin che ha un costo inferiore a custom shop o shur.
Ecco probabilmente a Fender manca un custom order come Carvin e Suhr...
Rispondi
Caspita certo che anche fender ...
di sombrerobianco [user #8769]
commento del 21/07/2013 ore 20:51:00
Caspita certo che anche fender ha i custom order !!!
ovviamente le attese sono lunghe ....

comunque suhr carvin tom anderson ecc... suonano più moderne rispetto ad una fender ...poi possono piacere anche di più come suono per carità..dipende dall'utilizzo che uno ne fa ... sono più precise e definite ..non hanno la timbrica di una stratocaster "classica".

anche una tastiera in ebano ad esempio va a cambiare il suono dello strumento---e spesso i chitarristi che hanno un certo suono in mente sono restii ai cambiamenti perchè ovviamente fanno discostare il suono dai canoni classici che vede una strato fatta di ontano con manico in acero e tastiera in palissandro/acero
i puristi già vedono male il radius oltre 7.25 ...o il ponte che non abbia 6 pivot ecc....

poi sul fatto della suonabilità pensa alla strato di malmsteen...è una chitarra vintage non è di certo una ibanez come suonabilità ...eppure ci corre abbastanza !!!

insomma una buona mano corre poi ovunque...

Rispondi
King of stratocaster
di brucelucio utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 21:10:58
Gli unici 2 King of Stratocaster di tutti i tempi, Jimi Hendrix and Ritchie Blackmore, a quanto mi e' dato da vedere, usavano le strato del periodo CBS, quelle col palettone o addirittura con palettone e bullet o tilt-neck o micro-tilt o come cazz si chiama...
A quando mi risulta anche David Gilmour usava una palettone a cui cambio' il manico (ed anche il battipenna, guastando una chitarra perfetta. Infatti adesso la black-strat a me non piace proprio, era meglio l' originale).
Beh, intendo che le migliori strato son proprio quelle CBS ed io darei l' anima per averne una, magari black, manico di acero e mancina (anche se destrorsa) come quella di Jimi quando suona Hey Joe al festival pop di Atlanta, nel luglio del '70.

Il suono piu' scarno, nudo e crudo, comunque ce l' ha sempre avuto Robert Cray. E' quello il vero suono della Fender Stratocaster.

Se poi si desidera il suono perfetto per la strato, beh, Marknopfler non e' secondo a nessuno, anzi, per me risulta primo nella lista! Nei brani Golden Heart, del 1996, o di What it is, del 2000, presentato anche al festival bar di quell' anno, beh, ascoltateli e ditemi se quello non e' il suono puro della Stratocaster (peraltro l' unica chitarra che porterei a dormire con me, in viaggio con me o nell' al di la'...con me.-

Rispondi
Re: Dormire con la Strato....
di musicmaster [user #30940]
commento del 16/08/2013 ore 19:30:55
... Fatto più volte ... niente di più bello che addormentarsi accarezzando la sua palettona e le kluson dorate... almeno lei sei sicuro che è sempre li al tuo fianco.

Ho due feticismi: le caviglie delle donne e le palette delle strato...

Quanto a curve una strato non ha niente da invidiare a una bella donna...
Accarezzatela ad occhi chiusi e capirete di cosa sto parlando...
Rispondi
Non sapevo del custom order ...
di polmone utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 21:15:50
Non sapevo del custom order Fender, cioè sarebbe possibile ordinare una american deluxe con tastiera in ebano raggio fisso 16 ma anche 12andrebbe bene e tasti jumbo senza far lievitare i costi della american deluxe?
Per il resto io non ho mai parlato di suono più moderno ma di specifiche di tasti e tastiera, il suono strato mi piace così com'è altrimenti non avrei fatto questo discorso, è una questione di filing con la mano sinistra e basta, anche fender in qualche modello ha usato la tastiera in ebano, ad esempio nelle ultra, poi usa i tasti jumbo ad es. nelle special ed in altri modelli, ha modelli con tastiere a raggio 12 ma non ho trovato mai queste caratteristiche tutte insieme se non nella Jim Root ma questa poi si che va troppo al di là a sonorità con quei pick up, e poi il ponte fisso.
P.S. Malmsteen è un altra questione, comunque ha un manico scalloped e tasti jumbo ed è tutta un'altra cosa rispetto al feel della tastiera vintage.
Rispondi
La storia delle Stratocaster inizia dagli Shadows
di dariorepen [user #15510]
commento del 21/07/2013 ore 21:38:45
Ha prescindere che il suono di una chitarra, fondamentalmente va identificato dal clean che esprime e solo secondariamente da sonorità distorte, non sempre ben identificabili (dipende da moltissimi fattori collegati all'amplificazione e all'effettistica.
Sicuramente la storia di questa icona delle chitarre elettriche, inizia grazie agli Shadows e ai solismi di Hank Marvin (che poi abbia utilizzato anche altre marche, è relativo).
Il suono pieno, nel contempo secco e stridente della Stratocaster, al tempo andava direttamente collegato a quello degli amplificatori Fender di prima generazione, i primi Tweed, con pochi watt e suonati al di sotto dei limiti di saturazione, quindi sonorità Clean molto brillanti. Con gli Shadows è diventato famoso pure l'amplificatore Britannico Vox AC 15 e poi AC 30 e questo abbinamento con la Strato ha dato il riferimento timbrico per antonomasia della Stratocaster; più avanti questo eccezionale strumento ha migliorato le prestazioni Clean, su altri ampli di casa propria, sia Tweed, che Blackface o Silverface. Per le sonorità distorte delle Strato dei bei tempi, il riferimento principale e Jimi Hendrix, il quale utilizzava gli stacks Marshall SL Plexi e a volte gli ampli Sunn; mentre tra i combo utilizzava spesso i Fender Bassman e altri della stessa casa.
Va detto che al tempo, dal 1962/63 con l'avvento del British Sound, le chitarre Fender Stratocaster non erano molto utilizzate dai grandi gruppi; negli USA i andava di moda il Surf e le chitarre Fender utilizzate erano spesso le Jazzmaster, le Jaguar e le Telecaster; mentre i grandi gruppi Inglesi, utilizzavano prevalentemente Gibson, Epiphone, Rickenbacker, Guild, Gretsch, Framus ecc. Fu appunto Hendrix (1967)a decretare il definitivo successo mondiale delle Stratocaster, seguito qualche anno dopo da Ritchie Blackmore con i Deep Purple e poi Rory Gallagher con i Taste e a lungo andare, moltissimi tra i chitarristi più famosi, abbandonarono le Gibson per legarsi alle Stratocaster, sino al tempo attuale.
Dal mio punto di vista, il suono tipico delle Strato rimane quello degli Shadows (chitarra ampli e riverbero); poi per le sonorità più aggressive, va ascoltato il suono di Hendrix, specie nelle fasi di suono maggiormente pulito (senza distorsori o altro); forse ancora più evidente quanto si riesce a percepire da Blackmore, che di effetti quasi non ne usava o forse ancora meglio Rory Gallagher, il quale specie agli inizi utilizzava Stratocaster e ampli senza pedali, ma giocando molto sul feedback e sulla regolazione pressoché costante del volume.

saluti Dariorepen
Rispondi
ovviamente custom order = custom ...
di sombrerobianco [user #8769]
commento del 21/07/2013 ore 21:39:49
ovviamente custom order = custom shop
non la produzione di serie
molte custom shop master o team builder hanno il radius alto

poi c'è la strato kotzen che ha radius 12

tastiera in ebano anche io ricordo solo la ultra e qualche custom shop...

PS.. tasti vintage radius 7.25 e no scalloped ...senti quà....ah solo 21 tasti ed una leva vintage !!

vai al link





Rispondi
Azz ti è andata male! ...
di polmone utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 21:56:22
Azz ti è andata male! quella nel video è proprio una scallopped, si vede e c'è anche scritto.
E comunque non significa nulla, saranno in milioni a suonare in modo eccezionale tastiere anche 7.25 in palissandro talmente rovinato da sembrare cartavetrata e mini tasti vintage finiti, io nel mio piccolo ho avuto una strato per 20 anni, ora preferisco suonare tastiere in ebano ecc. ma non si sa mai che in futuro non torni a preferire una normale strato, tutto quello che volevo dire è semplicemente che nell'infinito listino fender al momento attuale non ce n'è una come io la vorrei.
Ciao
Rispondi
hai ragione ora ho cambiato ...
di sombrerobianco [user #8769]
commento del 21/07/2013 ore 22:09:54
hai ragione ora ho cambiato video !!! ne ho messa una con tastiera normale eh eh !!!

però a parte la velocità di cui poco mi importa.... sentito che suono piuttosto ?!?! beh quel suono lo ottieni solo con la strato ...

l'ebano oltre che ad un felling diverso sotto le dita ti da anche un altro suono ....tutto quì

diciamo che il suono tradizionale strato non prevede una tastiera in ebano poi per carità uno può preferire altro





Rispondi
Infatti la strato è anche ...
di polmone utente non più registrato
commento del 21/07/2013 ore 22:22:15
Infatti la strato è anche la mia chitarra preferita, però per me l'infuenza del legno della tastiera sul suono è secondario rispetto al feel, l'acero verniciato ed il palissandro sono piuttosto diversi tra loro per sonorità, e su questo aspetto l'ebano forse si potrebbe collocare tra i due senza quindi snaturare il suono strato.
Rispondi
strato....sferika!!!
di ginakman [user #34956]
commento del 21/07/2013 ore 22:39:24
io nei miei live mi fido + della mitica tele-caster ma......
sono un felicissimo possessore di due strat:
una japan e un'american...
quando voglio godere mi affido a loro...tutto il resto è la storia del rock!!!!!!



danke!!
Rispondi
La strato? E' semplice...ha il ...
di Bustio [user #24438]
commento del 21/07/2013 ore 23:11:58
La strato? E' semplice...ha il suono di Mark Knopfler in Sultans of Swing e di Gilmour a Pompei!
Rispondi
Dimenticavo...
di alberto biraghi [user #3]
commento del 21/07/2013 ore 23:12:23
Un'altro pregio della Stratocaster sta nella voglia che ti mette di alternarla alla Telecaster :-)
Rispondi
Re: Dimenticavo...
di luvi [user #3191]
commento del 22/07/2013 ore 00:57:54
Bella questa!! :-D
Rispondi
Dick Dale, manca Dick Dale ...
di ilcapo_66 [user #35820]
commento del 21/07/2013 ore 23:16:23
Dick Dale, manca Dick Dale
Rispondi
io identifico la strat con ...
di yasodanandana [user #699]
commento del 21/07/2013 ore 23:45:31
io identifico la strat con hank marvin...

e' la piu' bella chitarra del mondo, ma io non la voglio, e' stata usata cosi' tanto e da cosi' tanti, che quando la suono mi sembra di ascoltare la radio, non me stesso...
Rispondi
Re: io identifico la strat con ...
di giambu [user #4070]
commento del 22/07/2013 ore 14:10:25
:-D
Rispondi
Nel 62 quando acquistai la ...
di dariolo [user #15431]
commento del 22/07/2013 ore 00:32:26
Nel 62 quando acquistai la mia prima strato (una 57 usata) il suono era quello degli shadows e anche dei Ventures e ricordo che allora suonavo in una cover che faceva proprio i brani di questi due gruppi. Passarono gli anni e quando arrivò Hendrix lo suonai sempre con la stessa chitarra...che purtroppo non ho più.
Rispondi
Re: Nel 62 quando acquistai la ...
di musicmaster [user #30940]
commento del 16/08/2013 ore 19:34:31
Massimo rispetto .... la prima strato nel '62! Lei è un gran maestro dell'ordine di San Leo Fender...
Rispondi
I suoni strato sono tanti,diversi(in ...
di sidale [user #29948]
commento del 22/07/2013 ore 02:13:52
I suoni strato sono tanti,diversi(in base ai vari artisti) ma assimilabili perchè unici;lo scettro di re della strato però io lo do a Jimi perchè ha saputo far suonare uno strumento allora non ancora capito da molti rocker in maniera assolutamente unica,avveniristica e esplosiva:il suono strato è Hendrix.
Rispondi
Quando sento Strat, per me ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 22/07/2013 ore 07:59:32
Quando sento Strat, per me vuol dire principalmente come suoni di riferimento Nile Rodgers, Frusciante, Gilmour, Henrdix e SRV.
Rispondi
I grandi interpreti della strato ...
di sonicnoize [user #36973]
commento del 22/07/2013 ore 09:28:10
I grandi interpresti della strato Clapton, Gilmour, Hendrix, SRV, Frusciante....non saprei vedferli con una chitarra diversa con un suono diverso. Io ho cambiato tre strato prima di arrivare a capire qual'è il suono che amo.....sono passato da una standard, una deluxe HSS per arrivare finalmente ad una vintage 57.

Il suono della strato ha un anima su ogni posizione delle 5

Al manico sonorità gilmouriane , ritmiche che amo unite al compessore
in 4° posizione bellissima per le ritmiche clean
in centrale, posizione sottovaluta tagliente e aggressiva
in 2° copyright assoluto del marchio strato, nesuna altra chitarra al mondo può suonare così
al ponte.....su questa posizione mi sentirei di dire a tutti i fissati che vanno in cerca di Humbucker potenti di mettere in questa posizione che sembra fina fina un bel compressore un fuzz e magari un bel delay e poi possiamo parlare di qual'è un gran suono per eseguire un solo.

Sono un ex gibsoniano........come chi si è sposato una donna amandone un altra, da tempo ho solo strato....quel feeling che non potrai mai avere con nessun altra chitarra.
Rispondi
Re: I grandi interpreti della strato ...
di Claes [user #29011]
commento del 22/07/2013 ore 17:41:41
Posizioni selettore: prima che si inventasse il 5-way switch era a 3 posizioni. Qualcuno inventò che si poteva mettere a mezza strada. Si sparse la voce. Ci vuole destrezza manovrandolo nel bel mezzo di un concerto. Spero che reissues di quelle vecchissime Strat abbiano il selettore originale.
Rispondi
Mi piace pensare che la ...
di Skadex [user #27312]
commento del 22/07/2013 ore 12:36:03
Mi piace pensare che la strato sia semplicemente la mia ! Io non suonerò mai come Hendrix ma lui non avrebbe ami suonato come me e la mia strato caccia solo i suoni che voglio io.
Non serve altro in fondo.
Rispondi
il top è la SAMBORA
di 5maggio2001 [user #36501]
commento del 22/07/2013 ore 12:46:47
dopo la SAMBORA bo... forse una custom 69
Rispondi
Gilmour, Blackmore suoni stratocaster ...
di Tosky [user #23855]
commento del 22/07/2013 ore 13:41:28
Gilmour, Blackmore suoni stratocaster unici
Rispondi
All'inizio mi sembrava un tema ...
di waterdog [user #12638]
commento del 22/07/2013 ore 14:02:49
All'inizio mi sembrava un tema troppo difficile e inflazionato per rispondere, ma poi mi sono venute in mente due cose e le voglio dire: una qualunque strato da balera, che più popolare non si può, la vedi su qualsiasi palco ancora oggi in tutto il mondo e questa è la sua vera forza.

E poi la strato in mano a gente come Frisell o Scofield, è la stessa che poco prima suonava zum-pappà, e anche questa è la sua grandezza.

Rispondi
Re: All'inizio mi sembrava un tema ...
di Claes [user #29011]
commento del 23/09/2013 ore 19:10:21
Zum-pappà! Hai ragione - la Strat è l'unica chitarra davvero poliedrica e "tuttofare". Da Hendrix si passa alla balera senza problemi e con la stessa chitarra. Dove la trovate una Gibson capace di una cosa simile?
Rispondi
Per me il suono strato ideale è...
di Vmiles [user #33830]
commento del 22/07/2013 ore 15:06:39
... quello del "verdone" di Quaini! :)
Rispondi
Effetti / Strat
di Claes [user #29011]
commento del 22/07/2013 ore 17:33:40
"Sultans Of Swing" era con Wah a metà strada. A pensarci, la Strat è la migliore chitarra vi sia per pedalità estreme. Accordiani stratisti sono meglio piazzati dei gibsonofili.

Non pesa niente in confronto alla LP. Il vibrato è il più funzionale via sia. Sono certissimo che è la chitarra #1 - numero di presenze su incisioni, numero vendite. Non ho mai considerato comprarne una... Bestemmia... ho 2 Casio con MIDI!
Rispondi
Perchè nessuno si è ricordato ...
di ANTOLO [user #10287]
commento del 22/07/2013 ore 18:01:29
Perchè nessuno si è ricordato di DICK DALE? il suono strato (su ampli fender) è tutto suo, ciò che è arrivato dopo è stata un elaborazione, assieme a lui giunge alla scoperta di quel suono solamente Hank Marvin...che si avvaleva anche di altri strumenti!

Antolo
Rispondi
ah..ecco, leggo meglio, qualcuno lo ...
di ANTOLO [user #10287]
commento del 22/07/2013 ore 18:04:21
ah..ecco, leggo meglio, qualcuno lo ha scritto!
Rispondi
Premesso che secondo me la ...
di peppe80 [user #11779]
commento del 22/07/2013 ore 18:39:30
Premesso che secondo me la Stratocaster è "la Chitarra elettrica", sono tantissimi i chitarristi di riferimento che con i loro brani ne hanno fatto la storia; ne elenco qualcuno:

David Gilmour: Shine on You Crazy Diamond
Jimi Hendrix: Little Wing, The Wind Cries Mary, Like a Rolling Stone
Richie Blackmore: Strange Kind of Woman, Lazy
Eric Johnson: Manhattan
Mark Knoplfler: Sultan of Swing
Rispondi
Re: Premesso che secondo me la ...
di gabriele66 [user #17747]
commento del 26/10/2013 ore 14:47:42
eeh si,,molti associano la fender a grandi chitarristi,,,ahhh ma la fender qui aaah ma la fender la...ma ad esempio i 2 soli più belli di gilmour in the wall .."another brick.... e comfortably numb
sono stati registrati con gibson les paul gold top con i P 90.e una jackson in shine on you crazy diamond..mai farsi ingannare da quello che indossano nei live,!!
Rispondi
Re: Premesso che secondo me la ...
di peppe80 [user #11779]
commento del 29/10/2013 ore 11:33:32
confermo che il solo di another brick in the wall è stato registrato con una lp con p90 (sempre di single coil parliamo), anche se poi a mio parere le versioni live, guardacaso con fender, suonano molto meglio.. in ogni caso la strato è la chitarra piu verstaile e con maggior carattere di qualunque altra, probabilmente per questo viene associata ai grandi chitarristi che la preferiscono per le sue caratteristiche.
Rispondi
Re: Premesso che secondo me la ...
di gabriele66 [user #17747]
commento del 29/10/2013 ore 12:43:53
mi scuso,ho scritto jackson per shine on you crazy diamond...correggo la chitarra era una Jedson

infatti era impossibile che fosse una jackson,,la jackson è nata nell'81!!

Per quanto riguarda fender,so che è uina gran chitarra,in un certo senso anche più versatile di

gibson,,ma i tre suoni gibson non ha rivali!!
Rispondi
Re: Premesso che secondo me la ...
di peppe80 [user #11779]
commento del 29/10/2013 ore 15:03:08
secondo me va a gusti ed a necessità.. per Gilmour per quanto si possa essere "gibsoniani" è innegabile che la strato sia più adatta (ho un tributo ai Pink Floyd ed oggettivamente non è solo più adatta, è a mio avviso l'unica alternativa), e lo stesso vale per Hendrix.. te lo dico non per difendere o per essere il paladino di chissà chi (non lavoro per la fender) ma semplicemente perchè avendo anche la Les Paul noto che le differenze sono sostanziali, sia per qato riguarda il playing sia per quanto riguarda il sound.
Rispondi
Re: Premesso che secondo me la ...
di gabriele66 [user #17747]
commento del 30/10/2013 ore 11:23:12
giusto Peppe....e poi non dimentichiamo comunque che sono queste 2, che hanno fatto la storia

del rock!!

Gibson e Fender!! ;)
Rispondi
Re: Premesso che secondo me la ...
di peppe80 [user #11779]
commento del 30/10/2013 ore 17:14:15
esattamente!
Rispondi
E' semplicemente una... chitarra. ...
di odrocca [user #8291]
commento del 23/07/2013 ore 02:15:17
E' semplicemente una... chitarra.
Rispondi
Loggati per commentare

Strato o Strato+ampli?
di Tyler Durden [user #10062]
commento del 23/07/2013 ore 02:20:21
Non ha del tutto senso parlare di "suono Stratocaster" senza fare riferimento all'AMPLI nel quale viene suonata la suddetta chitarra...direi che fa una bella differenza suonare la bicornuta in uno stack Marshall (o in UNA SERIE di stack Marshall!) o in un Twin o in un AC30...la "personalità" e la timbrica dello strumento rimangono intatte in tutti i casi, ma le sfumature che danno la differenza provengono parecchio anche dal sistema di amplificazione (penso che siamo tutti d'accordo).

Ad ogni modo...mi diverto anch'io a indicare grandi interpreti di questo suono (e di questo strumento):

Eric Johnson - Qualunque brano, soprattutto brani con suono "clean"
Thomas Blug - "Strat King"
Ritchie Kotzen - Gli ultimi lavori hanno un OTTIMO suono Strato, a mio avviso
John Mayer - Sarà antipatico, ma il ragazzo suona, e interpreta il timbro Strato ad alti livelli, secondo me

SaluTONES!!!
Rispondi
E George Harrison? Ce ne scordiamo?
di mickinvenice [user #37881]
commento del 23/09/2013 ore 16:24:16
Che dire del suono Stratocaster di George Harrison ai tempi dei Beatles? in brani storici come "Nowhere Man" (1965), "Ticket To Ride" (1965) e "Something" (1965). Un suono bellissimo che è stato determinante nella storia del rock non meno di quello di Jimi Hendrix ed Eric Clapton.
Rispondi
Re: E George Harrison? Ce ne scordiamo?
di Claes [user #29011]
commento del 23/09/2013 ore 19:14:45
"Something": se non mi sbaglio del tutto è Clapton su Strat che suona le parti da lead e Harrison le ritmiche.
Rispondi
Su "Something" è George Harrison a suonare la chitarra solista.
di mickinvenice [user #37881]
commento del 24/09/2013 ore 03:18:33
Eric Claton suona la chitarra solista (una Gibson Les Paul) su "While my guitar gently weeps", l'unica canzone dei Beatles in cui c'è un chitarrista non appartenente ai Fab Four.
Rispondi
dormi dormi
di alepruneri [user #39563]
commento del 31/12/2013 ore 02:59:31
scusate, anche se non sarò un bravo chitarrista e neppure troppo esperto di musica, ho da poche settimane anch io una stupenda e formidabile american standard mystic blue con tastiera in acero...

ma dove lo mettiamo il GRANDISSIMO Maurizio Solieri? (per chi non lo sapesse, il solista di Vasco) e Kurt Cobain?

va bene, non suonano solo strato, ma ce l'avete presente l'arpeggio del pezzo del titolo? dal suono credo che sia proprio una strato, vedi anche in "Ridere di te", "Va bene va bene così", qualcuno me lo può confermare?

e ascoltate l'assolo di Solieri in "Dimentichiamoci questa città" versione originale, secondo me è uno dei più belli di Vasco (non credo però che in questo caso usi una Strato...).

ciao a tutti
Rispondi
di oTTovonkraun [user #33775]
commento del 07/12/2019 ore 18:24:32
La Stratocaster ? Just One Night di Clapton
Rispondi
di Francescod [user #48583]
commento del 13/10/2020 ore 18:11:30
I primi suoni di Stratocaster con cui mi sono imbattuto e che rimangono scolpiti nel mio immaginario sono quelli di Smoke on the water dei Deep Purple e dei concerti di SRV. Rimangono tutt'oggi i miei riferimenti in assoluto, cui si sono affiancati altri: Gilmour a Pompei, Clapton a valanga (anche se l'ho conosciuto al live Knebworth, quando suonava divinamente con i lace gold sensors), Knopfler, Robert Cray, Richie Kotzen, oggi John Mayer e Lincoln Brewster, ma anche Bonamassa, persino Dave Murray con le sue customizzazioni. Non ce n'è uno a cui rinuncerei, ma sempre partendo da Blackmore e da SRV. Non ho citato Hendrix perché sta in un mondo a parte.
Rispondi
Altro da leggere
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Jackson fa ascoltare la American Series Soloist
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
Greeny: la Gibson Les Paul del 1959 è tornata
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster Custom Shop David Gilmour RELIC - THE BLACK STRAT
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964