HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Riconoscere un potenziometro
Riconoscere un potenziometro
di [user #35769] - pubblicato il

Come si riconosce un potenziometro, tra lineare e logaritmico? A cosa corrispondono le sigle A e B? Anche un circuito semplice come quello di una chitarra elettrica può generare dei grattacapi, ma a ogni domanda c'è una risposta.
Come si riconosce un potenziometro, tra lineare e logaritmico? A cosa corrispondono le sigle A e B? Anche un circuito semplice come quello di una chitarra elettrica può generare dei grattacapi, ma a ogni domanda c'è una risposta.

Dopo aver deciso di sostituire il potenziometro sulla mia Stratocaster Classic Player '60, ho comprato un potenziometro push pull che riporta la sigla A250K. Dopo aver tolto la mascherina mi sono accorto che i potenziometri dei toni riportano la sigla CTS 250K A, mentre quello al volume è coperto dallo stagno, quindi mi sorge un dubbio: siccome so che generalmente per i toni si usa un potenziometro diverso rispetto a quello del volume, devo dedurre che il pot in mio possesso non sia adatto allo scopo.
Siccome anche in rete c'è un po' di confusione sulle sigle A o B, logaritmici o lineari, in sostanza quale dovrei montare io? Va considerato che preferisco un'escursione abbastanza graduale che mi permetta di pulire bene abbassando il volume. Spero di essere stato abbastanza chiaro.

Riconoscere un potenziometro

Risponde Pietro Paolo Falco: la confusione sulle sigle dei potenziometri è dovuta al fatto che, in effetti, non esiste una convenzione universalmente riconosciuta. Per il nostro mercato, A dovrebbe riferirsi a potenziometri lineari, mentre B ai logaritmici. Non è raro, comunque, imbattersi in indicazioni opposte. Guarda caso i tuoi stessi potenziometri dei toni, che sono tradizionalmente logaritmici, hanno la sigla A. Quanto al volume, è possibile che si preferisca utilizzare potenziometri lineari, ma anche i volumi logaritmici non scarseggiano.
In buona sostanza, ti conviene agguantare un tester e fare un po' di misurazioni sul potenziometro, per cercare di capire se è logaritmico o lineare. Potresti appuntare i valori per costruire un grafico: se si tratta di un logaritmico, i valori di resistenza in relazione ai gradi di rotazione dovrebbero descrivere una curva, se è lineare dovrebbe tracciare una linea dritta.
Oppure, più semplicemente dal momento che ormai ce l'hai, lo monti e vedi se l'escursione ti soddisfa.
Tra le pagine di Accordo puoi trovare diverse informazioni sui potenziometri montati nelle chitarre. Di seguito cito un articolo che potrebbe interessarti, e che trovi a questo indirizzo.

In commercio si trovano potenziometri lineari ("linear taper pot") e logaritmici ("audio taper pot"); nelle applicazioni audio di nostra pertinenza si usano esclusivamente i secondi, perché si adattano alla nostra percezione uditiva: in pratica con un potenziometro lineare avremmo già la sensazione di un volume altissimo a "2" o "3", mentre con uno logaritmico percepiamo un aumento graduale del volume, con la sensazione tra l’altro di una maggiore variazione tra "7" e "10" che non tra "1" e "4".

Riconoscere un potenziometro
elettronica
Link utili
Potenziometri e condensatori
Altro da leggere
Pubblicità
Un cono più potente è sempre un bene?...
Il numero dei pickup influenza il suono?...
Mi è passata alta tensione attraverso la...
Il bias delle valvole spiegato...
Pubblicità
Commenti
Giusto per dare una piccola ...
di alessio326 [user #28175] - commento del 12/08/2013 ore 21:22:31
Giusto per dare una piccola spiegazione sul perchè si usino differenti:
Sul volume di solito si tende a mettere un potenziometro logaritmico in quanto il nostro udito non è lineare. Se si usasse un potenziometro lineare potrebbe accadere che sentiamo il volume cambiare di botto da un livello ad un altro
Rispondi
La confusione sulle sigle dei potenziometri
di toni68 [user #24573] - commento del 17/08/2013 ore 23:46:23
Nel nostro mercato si trovano diverse produzioni.
Prodotti in europa si definiscono i potenziometri a funzione LINEARE tipo A, mentre i potenziometri LOGARITMICI tipo B. Nei potenziometri di produzione americana e orientale con tipo A si indicano quelli a funzione logaritmica, mentre per tipo B quelli lineari.
Rispondi
di dgf2811 [user #7610] - commento del 19/05/2017 ore 10:29:56
Ciao ragazzi, allora:

Normalmente Logaritmico per il volume per le suddette ragioni, lineare per il tono.

per vedere senza ombra di dubbio il tipo di potenziometro.

Tester posizionato sull'ohmmetro(misura resistenze) siccome sono 250 k o 500 k trovate una scala adeguata.

poi si ruota il cursore piu o meno a meta' corsa , si misura tra il centrale ed il pin a sinistra e poi tra il centrale ed il pin a destra, se piu o meno le misure coincidono = LINEARE se differenziano in modo significativo = LOGARITMICO.

Ciao e buona musica.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Dentro l’OUT Side Studio: pedali e pedaliere
Wheely Guitars: alta liuteria in sedia a rotelle
MXR festeggia Hendrix con effetti e accessori Summer Edition
I più commentati
Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare
A&R e case discografiche: il complesso lavoro dell'Artist & Repertoire
Fender torna agli anni '50 tra P90 e hardware dorato
Dentro l’OUT Side Studio: pedali e pedaliere
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
I vostri articoli
Se tutti suonassero l'ukulele...
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Harley Benton TE-70 Rosewood Deluxe: Telecaster a portata di tutti
La breve storia di Valco: 1942 - 1968
Thinline di recupero homemade al 100%
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964