CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
MOV Viola SP Classic: una chitarra sport-tourer
MOV Viola SP Classic: una chitarra sport-tourer
di [user #16167] - pubblicato il

Look moderno e misure classiche caratterizzano la SP Classic, modellata sulle specifiche di Stefano Peloso ma evoluta verso una strada tutta sua e rafforzata da un set di pickup Flame Tones, gli stessi scelti di Joe Boanamassa.
Look moderno e misure classiche caratterizzano la SP Classic, modellata sulle specifiche di Stefano Peloso ma evoluta verso una strada tutta sua e rafforzata da un set di pickup Flame Tones, gli stessi scelti di Joe Boanamassa.

Il paragone motociclistico è molto azzeccato parlando della SP Classic, chitarra solid body creata da Marco Omar Viola, di MOV Guitars. Uno strumento che unisce le prestazioni di una chitarra moderna, da virtuosi navigati, con il sound corposo e grosso di uno strumento invecchiato a suon di bending. Chi meglio di Michele Quaini poteva mettersi alla guida della SP, quindi ecco a voi il risultato!

Dietro la sigla SP si nasconde il chitarrista che assieme a Marco Viola ha contribuito a progettare e porre le basi per la nascita di questa solid body made in Italy. Nello specifico il chitarrista è Stefano Peloso, personaggio noto tra le pagine di Accordo, ma soprattutto grande fan di Steve Lukather. In realtà il modello "0" si allontana molto dalla SP Classic e dalla sua gemella diversa SP Special, però le forme e l’idea di base sono rimaste più o meno le stesse, ma vediamo di approfondire queste basi.

MOV Viola SP Classic: una chitarra sport-tourer

Partiamo dai materiali. La Viola SP Classic è realizzata in mogano, con un curved top in acero molto spesso, con ogni venatura lasciata in bella vista dalla finitura alla nitro in grado anche di lasciare vibrare al meglio il pezzettone di mogano. Stesso materiale anche per il manico bolt-on, coperto da una tastiera in palissandro indiano molto scuro. 22 tasti 6105 sono incastonati alla perfezione, separati dai piccoli dot in madreperla, molto eleganti. Per il vibrato, MOV ha optato per un ponte Gotoh 510T, granitico e molto progressivo nell'utilizzo. Le meccaniche invece sono delle Shaller M6 autobloccanti.
Come si può intuire, la qualità dei materiali è già di per sé molto elevata. A impreziosire utleriormente il tutto troviamo un set di pickup realizzati a mano sempre in Italia. L’humbucker e i due single coil sono infatti prodotti da Flame Tones che fornisce, tanto per dare un’idea della riuscita del progetto, anche le chitarre di Joe Bonamassa, rimasto folgorato durante una tappa italiana del suo ultimo tour. I tre pickup sono connessi con uno switch a cinque posizioni, volume e tono. La disposizione dei due potenziometri è studiata per garantire comodità di utilizzo mentre si suona, senza impattare con il rischio di modificare il volume mentre si suona.


Dopo questa accurata descrizione è giunto il momento di imbracciare la SP e collegarla all’amplificatore. Le dimensioni sono subito confortevoli, con la scala da 25,5" e il peso contenuto ci si trova subito a casa. Le proporzioni ricordano molto quelle di una Strat. Il ponte mobile e i 22 tasti non fanno altro che aumentare questa sensazione. Il top curved e le forme del body, ben diverse da quelle di una Fender, regalano però la stessa comodità, sia da seduti sia in piedi.
Il profilo soft V, il radius da 12" e i tasti 6105 inoltre rendono il manico una pista da Nascar. Si corre con facilità dal primo all’ultimo tasto, aiutati dalla finitura satinata.
Tutte queste caratteristiche non sarebbero nulla però senza un terzetto di magneti di tutto rispetto come i Flame Tones montati sulla SP. Questi pickup realizzati interamente a mano da Alessandro Tomassoni sono delle vere perle, non si fatica a capire perché Bonamassa li abbia scelti per equipaggiare le sue Les Paul.


Da subito il sound ottenuto dal Toneking praticamente flat è devastante. Corposo e ricco, pieno di armoniche e davvero aperto quando si usa il ’59 paf al ponte, leggermente più chiuso e raffinato al manico, con una dose di twang bella evidente che certo non guasta. Con il crunch il risultato non cambia, il suono prende una corposità ancora maggiore, ci si prende subito gusto, con la voglia di alzare ancora il gain e lanciarsi in qualche lead davvero cattivo. Il tutto con una dinamica eccezionale, che permette di ottenere ogni sfumatura possibile e immaginabile. Sembra scontato dirlo ma, pur costando cari, questi pickup non deludono per nulla, senza far rimpiangere nemmeno un euro di quelli spesi per l’acquisto. La SP li monta di serie, per ottenere un sound di qualità davvero elevata.


La SP, sotto le mentite spoglie di una chitarra più votata alle pentatoniche e ritmiche anni '70, è in realtà una degna evoluzione di quello che sono state le super-Strat negli anni '90, senza però farsi carico dei difetti tipici degli anni dei frigoriferi di rack. Capace di dare feeling e comfort nei passaggi più shreddosi ma in grado di mettere in campo una tavolozza di colori pressoché infinità. Ovviamente, trattandosi di uno strumento di liuteria, la SP Classic è una sorta di punto di partenza, ogni personalizzazione è ben accetta. Basta dare un’occhiata al sito di MOV Guitars per rendersene conto. Nel caso non vi bastasse la prova di Michele Quaini, Marco e le sue SP saranno presenti a SHG il 9 e 10 novembre.

MOV Viola SP Classic: una chitarra sport-tourer
chitarre elettriche sp viola
Link utili
MOV Guitars
Nascondi commenti     24
Loggati per commentare

bella, però
di francesco72 [user #31226]
commento del 24/09/2013 ore 10:10:1
la chitarra è molto bella e pare anche suonare molto bene. Però avrei un appunto sperando che queste presentazioni possano diventare ancor più esplicative: non c'è mai un prezzo, mentre ritengo che sia un'informazione importante. Scrivere: "senza far rimpiangere nemmeno un euro di quelli spesi..." non significa nulla se non si ha il dato della spesa. A volte si riesce a recuperare su internet, ma quando si parla di liutai è mistero quanto costi uno strumento.
ciao
Rispondi
Re: bella, però
di MOVGuitars [user #21674]
commento del 24/09/2013 ore 11:27:23
Hai più che ragione, il costo è di €2540,00 iva compresa.
Grazie per l'appunto! :)
Marco
Rispondi
concordo in pieno...
di fender64 [user #14522]
commento del 24/09/2013 ore 11:06:35
Rispondi
l'impressione è ottima!!! e anche ...
di feder [user #17573]
commento del 24/09/2013 ore 11:17:37
l'impressione è ottima!!! e anche l'esecutore sembra essersi fatto conquistare dalla signorina..
Rispondi
Su strumenti di liuteria può ...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 24/09/2013 ore 11:20:57
Su strumenti di liuteria può essere fuorviante indicare il prezzo, basta cambiare i pick up, il legno del manico o altri dettagli per variare il prezzo magari anche di due trecento euro... Su prodotti di serie lo indichiamo sempre (anche se da nord a sud i prezzi a volte subiscono variazioni interessanti).
Rispondi
ok sul prezzo...
di f.n [user #3760]
commento del 24/09/2013 ore 11:26:03
Però indicarne uno "base", salve poi modifiche e personalizzazioni?
Rispondi
Re: ok sul prezzo...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 24/09/2013 ore 11:28:31
accontentato direttamente dal produttore! :)
Rispondi
Tommassoni o... Tommassone?
di Claes [user #29011]
commento del 24/09/2013 ore 11:43:10
Potrebbe essere quello della Stanzani e Tommassone.
Rispondi
Re: Tommassoni o... Tommassone?
di MOVGuitars [user #21674]
commento del 24/09/2013 ore 12:15:44
Per la precisione il nome del produttore dei FlameTones è Alessandro Tomassoni.
Ciao
M
Rispondi
Re: Tommassoni o... Tommassone?
di Claes [user #29011]
commento del 24/09/2013 ore 19:11:12
Non c'entra dunque con le loro favolose chitarre.
Rispondi
Bellissima guitar! Quaini n°1! Posto ...
di poret [user #26530]
commento del 24/09/2013 ore 12:20:3
Bellissima guitar! Quaini n°1!
Posto altro test fatto dal grande Fabrizio "Bicio" Leo.

vai al link

Rispondi
qui si fa sul serio
di xstrings utente non più registrato
commento del 24/09/2013 ore 13:45:42
Suona meravigliosamente bene, ha tutte le caratteristiche che cerco in una chitarra.
Certamente la bravura di Quaini ed il fatto che utilizzi un ampli davvero professionale come il Divided By 13 influenza tantissimo l'opinione, ma se trovassi questa chitarra in esposizione al prossimo Shg vi pregherei anche in swaili pur di provarla ... hah hah..
Complimenti a tutti i ragazzi di M.O.V. Guitars, è davvero un piacere avere in Italia realtà come la vostra, ciao!
Rispondi
Re: qui si fa sul serio
di MOVGuitars [user #21674]
commento del 24/09/2013 ore 14:00:53
Grazie 1000! I ragazzi di M.O.V.Guitars, sono io... e sarò felice di fartele provare ad SHG. Mi troverai nella sala Mizar, postazione C97/98. Per l'occasione porterò, come di consueto, il mio Rivera Chubster 55.
A presto

Marco
Rispondi
Re: qui si fa sul serio
di xstrings utente non più registrato
commento del 24/09/2013 ore 14:34:54
Sei solo tu? che piega mi son fatto ... hah hah ... scusa Marco.
Ci vedremo/conosceremo sicuramente a novembre, ciao e grazie.
Rispondi
Re: qui si fa sul serio
di MOVGuitars [user #21674]
commento del 24/09/2013 ore 15:43:57
Ma figurati... ;) Che problema c'è?!? A presto
Rispondi
Ampli
di Michele Quaini [user #14336]
commento del 24/09/2013 ore 17:38:20
Per dovere di cronaca l'ampli non era il Divided (che e' in tour) ma il Toneking Imperial...very nice amp :)
Rispondi
Re: Ampli
di xstrings utente non più registrato
commento del 25/09/2013 ore 17:49:46
Ah chiedo venia, comunque davvero un ottimo sound ;)
Rispondi
Ciao Marco, stai diventando famoso? ...
di BillyU [user #14094]
commento del 24/09/2013 ore 21:05:54
Ciao Marco, stai diventando famoso? Giudicando dal lavoretto che hai fatto sulla telecaster, te lo meriti.
Per la 6120, vedrò Lunedi quando la ritiro, ma non ho dubbi.
Rispondi
grandiosa
di bruce_banner [user #16925]
commento del 24/09/2013 ore 22:26:16
"è in realtà una degna evoluzione di quello che sono state le super-Strat negli anni '90" la frase che stavo pensando prima di finire di leggere, è proprio vero complimenti.
Rispondi
Una grandissima chitarra, suonata da ...
di irby [user #32243]
commento del 24/09/2013 ore 23:30:02
Una grandissima chitarra, suonata da grandissime mani in un ottimo ampli, non può che dare un risultato simile.
Mancando uno dei tre elementi.......
Tornando al pezzo di liuteria di sicuro è stata concepita con i migliori materiali assemblati con una cosa sola per renderli magici: la Passione.
A conti fatti questi € 2540,00 sono ben poca cosa per chi ci ha passato decine e decine di ore di minuzioso e maniacale lavoro.
Dalla mia posso solo fare i complimenti a chi riesce ancora a realizzare questi gioielli contro le produzioni industriali che dopo tutto non chiedono un tanto di meno a parità di qualità.
Rispondi
di Aleanimazione1 utente non più registrato
commento del 15/01/2017 ore 05:11:16
Credo che il prezzo sia perfettamente proporzionato. Una GNG allora cosa la paghiamo?? :)
Rispondi
Grazie a tutti! :)
di MOVGuitars [user #21674]
commento del 25/09/2013 ore 08:07:3
Rispondi
mmmmm esteticamenete non mi piace
di 5maggio2001 [user #36501]
commento del 26/09/2013 ore 13:40:04
esteticamente non mi piace proprio, peccato per la scelta del body e la paletta, il suono sembra ottimo
Rispondi
Cosa hai usato per i suoni crunch e lead?
di AlexxPigreco [user #30373]
commento del 30/09/2013 ore 21:22:04
Ciao Quaio ;-)),
Per farmi un'idea di come, se e quanto è stato trattato il segnale della chitarra, volevo sapere cosa hai utilizzato, e come hai regolato pedali e ampli per ottenere il crunch ed il lead? E come è stato registrato il tutto (mic, pre, eq/comp, convertitore/scheda audio)?
Rispondi
Altro da leggere
Power Players: le chitarre Epiphone per iniziare
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
Ascolta le Gretsch Double Jet al 2022
La Gibson che non sapevo di volere
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964