DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Le Pillole del Guru -
Le Pillole del Guru - "Questo non è un buon maestro!"
di [user #116] - pubblicato il

Qualunque strumento si suoni non è facile scegliere un buon maestro. Avere una valida figura di riferimento può essere un aspetto fondamentale nella propria formazione. Affidandosi alla persona sbagliata si rischia di perdere tempo, soldi, passione e, soprattutto, possibilità.
 
 
 Mettendosi nelle mani della persona sbagliata, uno studente rischia di perdere tempo, soldi, passione e, soprattutto, possibilità.
Non sempre un bravo musicista sa necessariamente essere anche un buon didatta. E un buon maestro deve seguire e consigliare il proprio allievo in ogni aspetto della sua crescita artistica e musicale; non solo in quello più accademico e legato esclusivamente alla tecnica e alla teoria. Proprio di questo ci parla il Guru nella Pillola di oggi.


Per beneficiare a pieno di questo video corso di saggezza musicale, vi raccomandiamo di non perdervi la prima puntata, con la presentazione del Guru. Inoltre, per i batteristi più esperti e di livello avanzato, consigliamo caldamente Alto Livello.
guru della batteria
Nascondi commenti     7
Loggati per commentare

Ormai siamo tutti discepoli del ...
di WarrenMonteleone [user #37213]
commento del 15/10/2013 ore 20:37:15
Ormai siamo tutti discepoli del Guru! Bhè per fortuna non mi sono mai capitati maestri così!
Io però penso che prima di suonare in qualsiasi occasione bisogna avere sulle spalle un pò di preparazione e non gettarsi allo sbaraglio, spesso quando si è ragazzotti non ci si rende conto della cosa.
Io stesso sono andato un pò alla mona via a suonare ai primi concerti, facendo colossali figure da ragazzotto! ;) rivedendo un video che ancora tengo per autoflagellarmi nei momenti di noia mi sono autoesiliato dagli "stage" per un'anno e non mi sono pentito della cosa, un buon maestro magari deve saperti consigliare il momento in cui sei maturo e pronto ad affrontare la parte concertistica del percorso di un musicista, certo che se sentissi ragionamenti come questi da parte di un Maestro mi porrei più di qualche domanda sul medesimo! ;)
Rispondi
Si entra in un terreno ...
di roccog [user #30468]
commento del 16/10/2013 ore 09:03:01
Si entra in un terreno minato. Io credo che le band che hanno poca esperienza la devono fare suonando live. Bisogna stare attenti a dove però: feste di scuole, serate giovani, rassegne, sagre sono situazioni perfette.
Viceversa quando qualche locale le piazza in una programmazione perchè costano la metà e poi questi magari suonano male e poco professionale...in quel caso fanno un danno perchè bruciano la piazza...chi va a sentirli non sta chiedersi troppi come o perchè. Semplicemente si demotiva all'idea di sentire una band live. ma a questo punto il danno chi lo fa? La band inesperta o il gestore del locale che per risparmiare offre ai suoi clienti una schifezza?
In ogni caso lunga vita al guru!
Rispondi
Il punto è un'altro. Senza ...
di Carrera [user #31493]
commento del 16/10/2013 ore 09:37:36
Il punto è un'altro. Senza voler fare alcun tipo di polemica una piccola provocazione la lancio.
Se un "maestro" o un professionista si sente usurpato dei suoi spazi live da una band di ragazzotti significa che suona in realtà, spazi e situazioni che non sono così professionali...e di livello.
Il problema è che tanti che si professano professionisti alla fine sono ancora a barcamenarsi per suonare in spazi dove si contendono la serata con band di ragazzini disposti a suonare gratis.
Rispondi
Re: Il punto è un'altro. Senza ...
di binip [user #19289]
commento del 17/10/2013 ore 14:24:18
Sono TOTALMENTE d'accordo con te!!
Rispondi
Genitori
di Claes [user #29011]
commento del 16/10/2013 ore 19:45:02
A me è capitato che i miei mi hanno fatto avere (forzatamente!) lezioni di pianoforte classico... scale a non finire. Sono voluto passare alla chitarra poco dopo: "OK, ti compreremo una chitarra classica SE andrai a lezioni"! Beh... ho imparato da solo. S'impara sbagliando.

Come hanno reagito i vostri genitori quando hanno scoperto la vostra vena e volontà per la musica?
Rispondi
Re: Genitori
di Ermo87 [user #33057]
commento del 16/10/2013 ore 20:24:13
inizialmente hanno storto un po' il muso, pensando influisse troppo sui miei risultati scolastici ed effettivamente ho avuto un piccolo calo all'inizio. ripresa la retta via ho ricevuto da loro la mia prima chitarra anche un po' a sorpresa (= oggi l'accettano come parte di me pur con un certo distacco
Rispondi
Re: Genitori
di WarrenMonteleone [user #37213]
commento del 17/10/2013 ore 18:30:48
io sono stato rinnegato come figlio! ;) tra me ed i miei non c'è più rapporto ( ps loro lavorano in banca ) l'idea di un figlio musicista deve averli traumatizzati a vita!
Rispondi
Altro da leggere
Bello da vedere. Ma da ascoltare?
E se fossero solo fregnacce?
Suonare sulle basi: pro e contro
Groove: a voi non interessa
Tecnica: più ne hai meglio è
Solidarietà tra musicisti. Ma quando mai...
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964