DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti
Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti
di [user #32072] - pubblicato il

Arpeggi diminuiti: un chitarrista pop, blues o rock'n'roll potrebbe spendere un'intera vita, felice, senza mai suonarne uno. Eppure, se s'infila il naso in generi più complessi come jazz, fusion o anche metal, possono essere uno strumento improvvisativo speciale. L'Accordiano Vins ci regala una bella lezione per imparare a usarli. A lui la cattedra di Accordo.
Arpeggi diminuiti: un chitarrista pop, blues o rock'n'roll potrebbe spendere un'intera vita, felice, senza mai suonarne uno. Eppure, se s'infila il naso in generi più complessi come jazz, fusion o anche metal, possono essere uno strumento improvvisativo speciale. L'Accordiano Vins ci da regala una bella lezione per imparare a usarli. A lui la cattedra di Accordo.

Ciao a tutti accordiani, in questa lezione parlerò delle famose, ma meno gettonate, scale diminute svelandovi qualche trucchetto per poterle utilizzare in modo semplice ed efficace. Preparatevi, la vostra vita cambierà radicalmente dopo questa lezione!
Partendo per esempio dall’accordo B diminuito
Si-re-fa-lab
Notiamo che ogni intervallo è, una terza minore. 
Una accordo del genere ci consente di utilizzare ogni nota come tonica , o sensibile in quanto la tensione armonica è sempre la stessa e anche rivoltando l’accordo il suono, nell’insieme, sarà sempre percepito allo stesso modo. Questo tipo di accordi veniva utilizzato nell’armonia classica del 700 per modulare verso altre tonalità. Potenzialmente con uno stesso accordo diminuito possiamo modulare in ben 4 tonalità differenti situate ad un semitono di distanza rispetto alla nostra fondamentale. In questo caso : do-mib-solb-la.
La scala diminuita è una scala ottofonica ovvero composta da 8 suoni. Esistono 2 tipi di scale diminuite:
Diminuita dominante , che segue la successione St-t-st-t
Diminuita, che segue la successione T-st-t-st
Ogni scala Diminuita dominante contiene una scala diminuita, e viceversa, dipende dalla nota con cui cominciamo. In entrambi i casi esistono 2 modi. 
Per capirci se suono la dim. Dominante di La, questa conterrà la diminuita di sib.
Se invece suoniamo la diminuita di La conterrà la dim. Dominante di sol#.
Diminuita dominante
La-sib-do-do #-re#-mi-fa#-sol
I- b9-#9-3M- #11- 5- 6 - 7m
Diminuita
La- si-do-re-mib-fa-fa#-sol#
I- 9-3m- 4-5b- 6m- 6- 7
Possiamo già notare come la dim. Dominante avendo la 3M e la 7m può essere applicata oltre che ad accordi diminuiti anche ad accordi appunto di dominante ovvero G7, A7, D7 ecc. ecc.E’ proprio su questa scala che vedremo 2 modi di utilizzo. La diminuita invece avendo la 3m e la 7 assomiglia di più ad una scala minore armonica e quindi la possiamo giocare tranquillamente su accordi minori. 
Le scale diminuite possono essere applicate ad accordi diminuiti, semidiminuiti, accordi di 7m add9 (+o-), accordi maj7. Analizzeremo 2 modi di utilizzare gli arpeggi derivati da queste scale. Vediamo intanto le posizioni.
Arpeggio A dim ( 6 corda )
Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti

Arpeggio D dim ( 5 corda )

Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti

Arpeggio diminuito dominante A ( alla Django Reinhardt )

Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti

Arpeggio diminuito dominante D ( alla Django Reinhardt )

Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti

Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti

Vediamo qualche esempio su come utilizzare questi due arpeggi:

Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti





Questo breve fraseggio è costruito al 90% di arperggi. Sulla seconda battuta troviamo Bbdim e applichiamo un bel arpeggio dim. prendendo come fondamentale appunto il Bb fino ad arrivare al mi che ci consente di scendere al reb ( 9 di sib ) e proporre un arpeggio discendente su Bm ( II grado ). Arrivati a E7add9 facciamo un bell’arpeggio dim.dominante di mi che ci consente poi di chiudere la frase sul Do# , rispettivamente terza maggiore di La. Quest’ultimo passaggio è molto efficace sui II-V7-I. Sul secondo grado possiamo usare una scala dorica o frigia e sul V applichiamo questo bellissimo arpeggio che veniva molto usato da Django Reinhardt.
L’uso di questo arpeggio è ancora più efficace sul blues, dando delle sfumature particolari al nostro fraseggio. Sul IV e V grado ci sta molto bene. 
Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti





Non resta che divertirci un po’ sulle basi e iniziare a sperimentare. Buono studio e Dio vi benedica!

Improvvisare con gli Arpeggi Diminuiti

gli articoli dei lettori lettori in cattedra
Nascondi commenti     10
Loggati per commentare

Illuminante
di Lespo [user #18097]
commento del 23/12/2013 ore 23:38:27
Grazie per lo stimolo quello che non capisco è quale delle due si può usare su gli accordi Maj7 visto che una ha la terza minore e l'altra la settima minore. Grazie in ogni caso
Rispondi
Re: Illuminante
di vins [user #32072]
commento del 24/12/2013 ore 01:16:05
Bella domanda! Puoi tranquillamente usare l'arpeggio diminuito partendo però dalla sensibile. Se sei su amaj7 usa l'arpeggio di g#diminuito.
Rispondi
Chiarimento
di ghostflier77 [user #24146]
commento del 24/12/2013 ore 17:48:18
Bellissimo articolo, pero' non mi e' chiara una cosa;all'inizio, quando ti riferisci
all'arpeggio diminuito dominante A (alla Django), a parte il Bb, il resto non e' altro
che un normale arpeggio di A7 (dove in pratica la tonica, A e' stata aumentata appunto a Bb (9b)
Perche' chiamarlo arpeggio diminuito A?
Mi sembrerebbe piu' corretto chiamarlo arpeggio A7b9 (A-C#-E-G-Bb),
che poi e' uguale, escludendo la tonica A, all'arpeggio Bb diminuito (Bb-C#-E-G).
Se lo chiamiamo A diminuito, verrebbe da pensare a (A-C-Eb-Gb), ben diverso da A7b9.
Perdona la pignoleria, sto sbattendo da tempo la testa per riuscire a far suonare le scale diminuite senza successo....ragionare per accordi mi sembra piu' produttivo! Grazie per la dritta!
Rispondi
Re: Chiarimento
di vins [user #32072]
commento del 24/12/2013 ore 19:27:52
Perchè l'arpeggio si forma sulla scala diminuita dominante ed in realtà la nota di partenza dell'arpeggio dovrebbe essere il sib. Django invece partiva dalla tonica dell'accordo e si ricollegava tramite la 3 maggiore con questo arpeggio diminuito al modo dominante della scala. la scala è : A-Bb-B#-C#-D#-E-F#-G.
Se suoniamo la scala completa ci troviamo nel modo dominante, per quanto riguarda gli apreggi se suoniamo un arpeggio partendo dal A avremo un arpeggio diminuito con la funzione di diminuito, se partiamo da Bb avremmo lo stesso arpeggio però con funzione di doppio diminuito. Una cosa bella da fare sarebbe partire con l'arpeggio dim. dominate ( alla django ) in fasce ascendente ed in fade discendente suonare la scala completa. Cmq l'argomento diminuito è molto complesso e naturalmente se iniziamo ad analizzare le scale non basterebbero 4 o 5 lezioni per spiegare tutti i punti di vista. Io ho trovato molto semplice ed intuitivo riassumere l'argomento arpeggi in questo modo, ma se tu trovi più semplice pensarlo ad accordi non è sbagliato. La tua analisi sull'arpeggio non fà una piega. Spero di avere risposto sl tuo dubbio...o quantomeno in parte.
Rispondi
Ok devo ragionarci ancora un ...
di ghostflier77 [user #24146]
commento del 25/12/2013 ore 19:56:40
Ok devo ragionarci ancora un po' su ma sono sulla buona strada!
Grazie mille, Buon Natale, e aspetto altre interessanti lezioni!
Rispondi
W il Jazz.....trasforma "quasi tutto" ...
di Peterpanico utente non più registrato
commento del 26/12/2013 ore 11:52:14
W il Jazz.....trasforma "quasi tutto" in oro!!! :-)
Buone Feste a tutti......
Rispondi
una curiosità...
di adsl36 utente non più registrato
commento del 27/12/2013 ore 10:08:59
...non ho capito su che cosa non è d'accordo la redazione, così come da sua nota in grassetto a piè d'articolo. m'interessa perchè potrebbe essere importante anche ai fini didattici. grazie.
Rispondi
Bella lezione. Grazie ...
di micantino [user #23697]
commento del 28/12/2013 ore 01:04:55
Bella lezione. Grazie
Rispondi
Uno stile distinguibile
di Eagles67 [user #21287]
commento del 28/12/2013 ore 10:33:56
Ciao Enzo, ho riconosciuto il tuo stile prima ancora di leggere che l'autore della lezione fossi tu! Ottima lezione e preziosissimi consigli per migliorare i nostri soli! Grazie!
Rispondi
Re: Uno stile distinguibile
di vins [user #32072]
commento del 28/12/2013 ore 13:11:15
Grazie..... :-) !!!
Rispondi
Altro da leggere
La sottile inesistenza del vintage
Il punch degli AC/DC in un pedale
FluxElectrick: envelope e ring in salsa australiana
Jānis.lv Purvs: fuzz al silicio personale e versatile
Suonare in cuffia senza fili: la mia esperienza
Riparazione selletta piezo ponte LR Baggs X-Bridge
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Blanco non sente la voce e sfascia tutto: povera stella
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964