CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Week end a Farnese
Week end a Farnese
di [user #428] - pubblicato il

Una visita a uno dei più rinomati costruttori di amplificatori boutique italiani rende possibile conoscere di persona e confrontare testate dal carattere molto diverso, ma tutte ai massimi livelli dell'arte Masotti. Lo Skill, l'M0 Overdrive e il Mate sono esattamente questo.
Una visita a uno dei più rinomati costruttori di amplificatori boutique italiani rende possibile conoscere di persona e confrontare testate dal carattere molto diverso, ma tutte ai massimi livelli dell'arte Masotti. Lo Skill, l'M0 Overdrive e il Mate sono esattamente questo.

Da tempo dovevo rispedire il Masotti a Farnese per upgrade e alcune modifiche, ma riuscivo a rimandare con mille scuse finché la scorsa settimana, d'accordo con Marco e Lorenzo, ci troviamo e partiamo, destinazione laboratori Masotti.

L'accoglienza di Pierangelo e della stupenda terra e gente è sempre esemplare. Potremmo parlare ore di cibo, musica, città, sport... ma andiamo al sodo: gli ampli!

Abbiamo provato nell'ordine: Skill, M0 Overdrive, Mate.

Skill
30w, ma già a due di volume urla da paura. Due canali con l'eq in comune, un bel clean che può diventare un crunch moderno, un distorto con tanto gain che non impasta mai, una presenza e una pienezza inaspettate da un "coso" così piccolo. Il controllo power ammorbidisce e arricchisce il suono del finale, modificando marginalmente il volume. Lo immagino usato per ottenere, una volta settati i  volumi con la band, esattamente la croccantezza voluta. Non aspettatevi insomma un controllo per suonare a un filo di volume a casa: è e resta una belva da piccolo palco.

Week end a Farnese

M0 Overdrive
Ascoltarla suonare è una cosa. Suonarla fa salivare. Un ampli (finalmente) senza pulito, ma con un primo canale (crunch) che a due di gain, con una Les Paul, esprime un clean bellissimo, ricco e dinamico, passando a quattro compete con le plexi, oltre entra in territori rock seri senza mai impastare. Il drive è leggermente più moderno, anche con questo è possibile passare dal clean al mean.
Quello che più impressiona nei due canali è la pacca, la percussività della nota. Ha un attacco che stende. La separazione delle note è a livello top, e gli alti pur sempre presenti non disturbano minimamente, sono di una musicalità assoluta. Caratteristiche che sono presenti da 0,1 fino a 2 di master (volume da cameretta la sera e concerto a Wembley).
Qualunque settaggio impostassimo, suonava sempre bene: alti a palla, alti chiusi, gain alto, basso, presenze, feedback... non c'è stato verso di trovare un suono, che sia uno, che non fosse stupendo. Se si vuole il pulito, basta abbassare il volume della chitarra.

Week end a Farnese

Mate
Visto che ci siamo, pròvate sta Mate... e qui la sorpresa.
Il riferimento passa ad ampli tweed style, o JTM se vogliamo. Un pulito che dinamico è dire poco. C'è la percussività della nota, ma il suono è un clean con un breakup più ignorante, old style, che sfuma dopo la percussione. Al momento spiazza perché l'estrema risposta al tocco permette di passare da crunch con tocco autoritario al clean (fenderoso) con tocco dolce. Se nell'accordo una nota viene plettrata più forte, la mate lo segnala immediata. È ignorante e richiede autorevolezza. Questo finché Pier dice "vedi un po d'alzà el gain... mo te metto un TS...".
Alzando il gain, prima sorpresa: sembra di suonare un ampli vintage a manetta, ma le basse non sbracano mai. Non scoreggia, bassi super tosti, ha tutti i pregi del vintage, senza nessun difetto. Se poi ci si aggiunge un TS9, allora il riferimento è Led Zeppelin.
Una macchina del tempo, una sensazione sotto le dita assolutamente inedita e inattesa, da parte mia, da Masotti. Non c'è la croccantezza dei plexi, qui c'è una magnifica ignoranza irriverente che il chitarrista deve domare.

Week end a Farnese

Perché, uno si chiede, perché non posso tutti e tre?

Week end a Farnese
amplificatori gli articoli dei lettori masotti
Nascondi commenti     27
Loggati per commentare

Non sono ampli per deboli ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 05/03/2014 ore 12:35:22
Non sono ampli per deboli di cuore questi, specie la M Zero!
Gli strumenti made in Italy stanno raggiungendo livelli di qualità che non avrei mai immaginato.
Che si tratti di amplificatori, casse chitarre o pedali stanno uscendo prodotti che regalano gioie infinite, peccato solo per il nostro portagoglio! heh heh heh
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di vicky [user #33863]
commento del 05/03/2014 ore 13:37:18
e peccato che in Itaglia abbiano fatto e stiano facendo di tutto per mandare a puttane l'industria e chi ha idee e voglia di fare.
Questi prodotti sono l'ennesima dimostrazione che la qualità paga (quella vera, non quella che purtroppo oggi molti si mettono solo in bocca ma poi nella pratica sono china oriented)
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 05/03/2014 ore 14:32:21
Ehh caro vicky qui si aprirebbe un dibattito senza fine purtroppo, che immensa amarezza!
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di smilzo [user #428]
commento del 05/03/2014 ore 13:45:01
Eh certo, se poi li provi davanti ad una 4x12 con V30 e una con greenback... :)

Ho anche avuto modo di esaminare l'interno della Skill e della M0... la skill è su scheda, e vabbuò... ma la M0... resistenze a carbone, filatura pulita e super ordinata, sovradimensionamento di alcune componenti... e poi le calotte dei trasformatori rosse... rendono proprio l'idea di una ampli "racing"!

NB: il testo era destinato al diario. Non è una "recensione", ma una condivisione delle emozioni e sensazioni che sono rimaste dalle varie prove. Quindi gli aspetti tecnici ed economici non sono neanche stati toccati. Grazie alla redazione per averlo completato con le foto e promosso ad articolo! :)
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 05/03/2014 ore 14:30:0
Secondo me hanno fatto bene a promuovere il diario ad articolo, le impressioni a caldo possono dare informazioni preziose agli interessati mentre per le specifiche tecniche si può sempre rimandare al sito ufficiale.
Comunque bisogna dirlo, tanto di cappello alla professionalità e competenza di Pierangelo e della Masotti, sono in continua crescita nonostante le mille difficoltà ... chapeau ;)


Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di smilzo [user #428]
commento del 05/03/2014 ore 14:59:31
Abbiamo parlato anche di fare impresa e innovazione in Italia... alla fine la chiave è la passione, che permette di resistere ad un orario di lavoro da rivoluzione pre industriale... quando i clienti restano lì a suonare per ore, mentre dovevano partire nel primo pomeriggio... ;)))
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 12/03/2014 ore 13:33:08
Ciao Smilzo, approfitto della tua gentilezza per chiederti lumi sulla Skill dato che ci sto facendo un serio pensierino.
Dicevi che la skill è su scheda ...in che senso?
Altra domanda, l'hai provata sia con humbucker che con single coil? dalle prove che ho sentito, per mio gusto personale, sembra lavori meglio con chitarre tipo Stratocaster piuttosto che Les Paul.
Prima di farmi 100 e passa km per provarla volevo qualche info in più ;)
Grazie. Ciao!
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di smilzo [user #428]
commento del 12/03/2014 ore 14:18:20
Il circuito è su una scheda che occupa l'intero chassis (eccetto pot, valvole, etc).
L'ho provata con strato, LP, una frudua e altro.
La LP suona da LP, la strato da strato... l'ampli suona bene comunque, dipende dai gusti personali e dalle necessità del gruppo. Le casse 4x12 con greenback restituiscono un suono più medioso e "grezzo", i V30 più moderno e con più spinta su basse e alte.
La quantità di gain (canale drive) è elevata, con una strato ci si può fermare a 5 di gain, con la LP basta arrivare a 3 o 4... non è insomma discriminante la chitarra. :)
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 12/03/2014 ore 14:55:15
Te l'ho chiesto perché come ti dicevo sto seriamente pensando di prenderla ma per farlo devo vendere un po' di roba tra cui o la mia Strato Am. Standard o la Les Paul Studio.
Sono chitarre che seppur così diverse amo in egual maniera ma se voglio fare il salto di qualità devo sacrificarne una delle due purtroppo; diciamo che dalla demo su youtube preferisco la reazione della Skill alla Strato .... ecco perché ti ho chiesto un tuo parere personale.
Per la cassa avrei una buona occasione tra le mani, ma il modello che mi interessa monta i jensen e non posso provarla insieme alla testata purtroppo .... è un po' di giorni che ci sto ragionando su ma io sta Masotti la voglio!! hah hah
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di smilzo [user #428]
commento del 12/03/2014 ore 15:14:1
Vai a provarla con le tue due chitarre! :)
Rispondi
Re: Non sono ampli per deboli ...
di xstrings utente non più registrato
commento del 12/03/2014 ore 15:32:47
ah di sicuro! ;)
Rispondi
all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di gwynnett [user #9523]
commento del 05/03/2014 ore 15:20:18
all'ultimo SHG ho potuto guardare ed ascoltare quella filata su torrette
poi Pier mi ha disegnato con le dita, su un piano immaginario, l'intera circuitazione, scendendo anche nel particolare dei valori dei condensatori ...

ci siamo salutati con un abbraccio e sono andato via

Rispondi
Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di smilzo [user #428]
commento del 05/03/2014 ore 17:29:40
Immagino fosse la M0 monocanale... non so quanto questo tipo di suono incontri il tuo gusto... sicuramente la Mate si avvicina molto di più alle realizzazioni che hai postato nei diari, pur essendo concepita per lavorare in distorsione. I tuoi progetti sono invece proiettati a lavorare sul pulito, raggiungendo il breakup se spinti.

Sai cosa ha detto Marco quando Pier illustrava la M0? "Smilzo, questo non ha il pulito: è il tuo ampli!" :D
Non è vero: io amo il pulito, solo che deve crunchiare abbestia.... ;)
Rispondi
Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di gwynnett [user #9523]
commento del 05/03/2014 ore 20:09:08
evidentemente sei convinto di questo fatto perchè lo affermi ripetutamente ma non è assolutamente così

prendi il Twiggy ad esempio, che suona distorto anche con il volume a zero

il 18 watt di Oliver, quello con ll frontale trasparente, suoana praticamente solo in crunch, ma dall'inizio

quello con le el84 tipo Soldano, non ha nulla di umano

i clean sono i clean, ma è un solo tipo, in 18 e 42 watt, praticamente lo stesso circuito con le 6v6 o le 6l6
Rispondi
Loggati per commentare

Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di smilzo [user #428]
commento del 06/03/2014 ore 09:30:54
E vabbuò... ma allora lo fai apposta a mettere solo le clip sui puliti!!! Neanche tu mi vuoi bene!! ;)

Cercherò di mettermi in contatto con Oliver e fare una bella suonata! :)
Rispondi
Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di gwynnett [user #9523]
commento del 06/03/2014 ore 12:48:10
***Neanche tu mi vuoi bene!! ;)***

senz'altro no, e non te ne vorrò mai

ora chiamo Oliver e lo istruisco sul caffè che dovrà propinarti
Carmine è un ragazzo di facile apprendimento e certamente farà le cose per bene

Rispondi
Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di smilzo [user #428]
commento del 06/03/2014 ore 14:26:48
Credo che lascerò perdere il caffè... :)
Rispondi
Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di smilzo [user #428]
commento del 05/03/2014 ore 17:31:35
E che buon caffè che ci ha offerto Pierangelo!!! :)
Rispondi
Re: all'ultimo SHG ho potuto guardare ...
di gwynnett [user #9523]
commento del 05/03/2014 ore 20:02:25


CARMINEEEEEEEE !!!!!

questo ce l'ha con te
Rispondi
Sembrano ampli come si deve,peccato ...
di Zado utente non più registrato
commento del 05/03/2014 ore 18:17:32
Sembrano ampli come si deve,peccato siano cosi difficili da provare qui in veneto..pazienza :)
Rispondi
Re: Sembrano ampli come si deve,peccato ...
di smilzo [user #428]
commento del 06/03/2014 ore 09:28:16
E noi da dove semo? Due vicentini e un triestin... ;)

Secondo mi, un M0 arriverà presto dalle parti de Vicenza. E una skill già c'è...
Rispondi
Re: Sembrano ampli come si deve,peccato ...
di teocampa [user #11465]
commento del 07/03/2014 ore 16:16:5
Ok, ok, prossima volta fate un fischio che magari aggiungiamo un altro paio di vicentini all'allegra combriccola... :-)
Rispondi
Re: Sembrano ampli come si deve,peccato ...
di smilzo [user #428]
commento del 10/03/2014 ore 09:35:05
Per il viaggio abbiamo fatto i conti così: tre umani, tre chitarre, testate, rack... sì, dovrebbero starci pure tre spazzolini in macchina! ;)

Ciao!
Rispondi
Bellissime
di Tom Anderson [user #2700]
commento del 06/03/2014 ore 11:47:00
Pierangelo è un uomo destinato a progettare e costruire amplificatori finchè campa, ogni suo neurone e muscolo è dedicato a quello, e merita il successo che ha. Non smetterà mai perchè non sarà mai completamente appagato, è un animo in ricerca costante. La definizione "cliente insoddisfatto" è stata cancellata nel vocabolario Masotti/Mezzabarba.
Lui e la sua impresa è una delle cose che mi rendono fiero di essere italiano.
Continuate cosi! Smilzo, non mettere mai il pulito o l'universo implode!
Rispondi
la Skill 30
di ParanoidAndrea utente non più registrato
commento del 11/03/2014 ore 18:32:11
....sembrerebbe l'ampli dei miei sogni...
l'unica perplessità riguarda il footswitch dedicato,
collegato con un cavo multipolare nonostante commuti solo due funzioni (canali e loop).
Avrei di gran lunga preferito un paio di tradizionali prese jack, con la possibilità di usarne anche solo 1.
Chi come me utilizza un sistema con switcher/looper (Midione sx9 nel mio caso),
non ha possibilità di integrare lo switching dei canali con il resto del sistema...
Forse il problema è ovviabile (se nonostante la presa multipolare, il sistema di switch è il solito contatto aperto/chiuso),
ma la dichiarazione del produttore circa un: "sistema di cambio canale innovativo" mi "insospettisce" (si fa per dire).
Lo stesso "problema" (...per chi scrive) affligge anche i Marshall della serie JVM
(che pur non usando prese multipolari, ma comuni cavi jack-jack,
comunque utilizzano un sistema digitale "ad impulsi"), che rende inutilizzabili i comuni switch ad interruttore.
Però i Marshall JVM hanno il midi...
Scriverò a Masotti per chiedere delucidazioni....ma se nel frattempo qualcuno avesse maggiori info a riguardo....
Ciao
A.
Rispondi
Re: la Skill 30
di smilzo [user #428]
commento del 12/03/2014 ore 09:34:59
Credo sia possibile fare un adattatore con le terminazioni che ti servono. Attenzione che a me è capitato che qualche sistema di switching pretendesse masse separate...

Visto che siamo in tema loop, il loop nei tre modelli è assolutamente trasparente. Lo abbiamo accertato con un delay strymon...
Rispondi
comunque resta da verificare. Il ...
di ParanoidAndrea utente non più registrato
commento del 12/03/2014 ore 10:25:31
comunque resta da verificare.
Il dubbio non è tanto il connettore...ma il tipo di circuito-switch.
Ho appena scritto una mail a MGD, vediamo se mi rispondono....

Non avevo dubbi sulla trasparenza del loop effetti....al punto che io preferirei di gran lunga,
poter switchare il boost (....e magari su entrambi i canali...non solo sul clean..).
Escludere fisicamente il loop dal percorso di segnale, è una cosa utile praticamente solo in registrazione...
basterebbe un pulsante sul pannello posteriore...(nel mio caso anche no...)
Come ho già detto, sembrerebbe l'ampli dei miei sogni:
bellissimi clean e distorti marshallosi in 30 watt e con attenuatore...cos'è? il paese dei balocchi?
I crunch leggeri mi ricordano (dalle prove-video...) la pasta degli ampli Suhr serie Badger (...hai detto fava..!?!)
Purtroppo le funzionalità "tecniche" per me sono importanti quasi quanto il suono.
Ho necessità di richiamare al volo parecchi suoni diversi (canto anche...) e non voglio usare il midi (il motivo è troppo lungo da spiegare qua...)
Sono quasi sicuro che per un'azienda come MGD sia possibile personalizzare un ampli a piacimento del cliente...
ma questo sarebbe (forse) possibile soltanto acquistando direttamente da loro.
Per un non-professionista (come il sottoscritto), il prezzo (pur giustificatissimo) della Skill 30 è una spesa rilevante,
e ritenendo assolutamente indispensabile una prova in prima persona, credo che alla fine dovrei comprare l'ampli da un rivenditore,
cercando di dare qualcosa in permuta per "limitare i danni al portafoglio"...
Quindi devo essere sicuro che l'ampli faccia ciò che mi serve, o che al limite sia possibile farglielo fare con una lieve modifica.

Ti ringrazio....
Andrea Nucci
Rispondi
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Se la base è valida...
Il controllo del tono del Dumble Overdrive Special più complesso
Fender Stratocaster #0015 del 1954: il restauro ToneTeam
Modificare una chitarra economica: sì, no... forse?
La GAS colpisce ancora: Harley Benton Big Tone Trem Orange
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964