CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS STORE
Soundsation Camden 20: boutique? No, outlet!
Soundsation Camden 20: boutique? No, outlet!
di [user #16167] - pubblicato il

Abbiamo giocato con il combo Camden 20 realizzato da Soundsation, azienda leader nel settore degli strumenti a basso prezzo ma con standard qualitativi di tutto rispetto. Il look ci ha colpito subito, ma per un amplificatore il sound è tutto, ecco quindi cosa pensiamo del piccolo valvolare da venti watt.
Abbiamo giocato con il combo Camden 20 realizzato da Soundsation, azienda leader nel settore degli strumenti a basso prezzo ma con standard qualitativi di tutto rispetto. Il look ci ha colpito subito, ma per un amplificatore il sound è tutto, ecco quindi cosa pensiamo del piccolo valvolare da venti watt.

La panoramica è presto fatta. In una struttura di solido legno, abbastanza pesante con una rete beige molto vintage e stilosa sono alloggiate una manciata di valvole, quattro per la precisione. Troviamo nell’ordine una 12AXWA, una 12AU7 e due EL84 nel finale, tutte in bella vista sul retro, con una griglia di protezione solida e utile per fare respirare l’intero circuito. Sempre sul retro troviamo l’uscita line out e l’ingresso per il footswitch che controlla il riverbero a molla. Davanti invece, in pandan con il look retrò ecco manopole chicken head crema con l’indicazione della tipologia di controllo scritta in corsivo. Da sinistra troviamo dopo l’ingresso per la chitarra il selettore HI gain e LO gain, che gestisce le due modalità disponibili in questo modello poi il controllo di gain, l’equalizzatore con alti medi e bassi e infine il controllo del riverbero e del master volume. Da segnalare che il potenziometro delle medie è un push pull e permette di regolare con più precisione i medi, lavorando su medi alti e medi bassi. Tutto molto semplice, pronto all’uso insomma. Quindi non ci facciamo trascinare oltre dalle descrizioni e accendiamo il Camden. 

Soundsation Camden 20: boutique? No, outlet!

La configurazione delle valvole lascia subito intuire che ci troviamo di fronte a un amplificatore di stampo british. Stando al di qua dell’Atlantico quindi ci aspettiamo suoni più taglienti e distorti cattivi e spigolosi. Mettiamo tutto quasi flat e partiamo da un gain veramente ridotto all’osso. Il sound risulta svuotato, ma in senso buono. Asciutto, diretto e compatto. Abbastanza brillante, quello si, ma con la possibilità grazie al controllo dei medi di scegliere se smorzare o accentuare ulteriormente questa punta sulle medie, medio alte. Pensavamo di trovarci un suono più acidino, invece il clean bello carico di basse ricorda quasi quello delle piccole testate ENGL o Orange, più che quello Vox. Aumentando un po’ il gain, sempre restando in modalità Low il sound prende corpo, perde un po’ in brillantezza, ma niente che non si possa recuperare con un po’ di magheggi sull’equalizzazione. 

Soundsation Camden 20: boutique? No, outlet!

Le basse sono sempre belle toste e spingono, nonostante i soli venti watt. Il volume però non è esagerato. La riserva di clean non è certo scarsa, ma nemmeno infinita. Alzando gain e volume si giunge abbastanza in fretta al crunch. Qui l’acidità si fa più evidente, il sound diventa spigoloso, con un paio di humbucker dal buon output si finisce per avere un sound spinto, bello ciccio ma sempre brillante. Il sustain non è eccezionale, ma siamo ancora a metà corsa della manopola del gain. Spingendoci oltre si viene decisamente investiti da una carica di basse veramente invidiabile. Nonostante questo però il suono non diventa cupo e chiuso, anzi gli accordi restano intellegibili. Davvero piacevole il timbro un po’ sguaiato e irriverente, come ci si aspetterebbe dalle EL84. Siamo già soddisfatti del sound raggiunto ma lo switch Hi gain ci stuzzica, lo attiviamo. In generale il timbro non cambia, resta tutto sommato vintage. Si confermano le buone caratteristiche della prima modalità con in aggiunta una buona dose di gain e soprattutto un sustain molto migliorato. Sarebbe stato interessante poter pilotare via footswitch il cambio di modalità così da trasformare in una sorta di due canali un combo che di fatto è mono. Il riverbero a molla infine aggiunge una caratteristica fondamentale per gli ampli da chitarra. Bagnare con un po’ di riverbero il suono è sempre una goduria, l’idea quindi di averlo a disposizione su di un amplificatore dal prezzo così invitante non può che far piacere.


Il Camden 20 ha messo in campo un rapporto qualità prezzo davvero eccezionale. Con meno di 400 euro ci si porta a casa un combo in grado di accompagnarci un po’ in tutte le situazioni equipaggiato con un bel cono Celestion Seventy da 12". Certo non è un amplificatore boutique, ma chi si aspetterebbe un sound del genere da un combo da 390 euro?

Soundsation è distribuita da Frenexport.

Soundsation Camden 20: boutique? No, outlet!
20 amplificatori camden soundsation
Link utili
Soundsation è distribuita da Frenexport
Nascondi commenti     28
Loggati per commentare

con gli humbucker si riesce ...
di Sykk [user #21196]
commento del 04/03/2014 ore 07:57:54
con gli humbucker si riesce a salire di volume senza sporcare troppo il suono?
PS: non ho riconosciuto il riff che c'è tra owner of the lonely heart e gli iron maiden, cos'è?
Rispondi
Re: con gli humbucker si riesce ...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 04/03/2014 ore 14:14:22
Il volume non è tantissimo, però è più che sufficiente, dipende però dagli humbucker che utilizzi, se troppo spinti il crunch arriva in fretta. :-)

Il riff non lo indovineresti mai, è la mia personale rivisitazione di Bandiera Gialla, nella versione che suono con la band...

ne trovi un pezzo nascosto qui ^_^

vai al link
Rispondi
Re: con gli humbucker si riesce ...
di Antonova14 [user #23310]
commento del 04/03/2014 ore 22:15:46

Ottima recensione, sono indeciso tra Yamaha Thr e questo, in realtà sono aumentate le mie perplessità :-).
Un piccola curiosità, il primo pezzo che suoni nel video di chi è? è troppo orecchiabile ma mi sfugge, perdona l'ignoranza.
Grazie in anticipo.
Rispondi
Re: con gli humbucker si riesce ...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 05/03/2014 ore 00:40:4
Ciao, è treasure di Bruno Mars :)
Rispondi
Re: con gli humbucker si riesce ...
di Antonova14 [user #23310]
commento del 06/03/2014 ore 10:02:28
Grazie ancora :-)
Rispondi
interessante
di espadarossa [user #36162]
commento del 04/03/2014 ore 08:39:25
Ringrazio per la recensione,aspettando di tornare a casa per godere del video. È bello vedere che ci siano costruttori che si dedicano ai chitarristi un po squattrinati ( come me ). Anche se io di mio,virerei come già detto sui combo ibanez che hanno dalla loro il ts9 integrato ( che di per se fa già gola...) la trovo una valida alternativa... Anche perché se uno volesse per esempio un combo buono di piccolo vattaggio,sui 15, andrebbe di blues junior che nuovo sta sui 600.... Bisogna vedere quindi quanto è resistente questo combo... Quel cono poi io lo conosco perché l'ho sul mio,chissà cosa può fare il camden con un v30.... Grazie burats, bella ibba :)
Rispondi
Re: interessante
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 04/03/2014 ore 14:15:49
Il mercato si sta affollando di piccoli amplificatori a buoni prezzi, personalmente non sono mai stato un amante del blues junior, però questo Camden è da provare!

Porterò i complimenti alla signora appena la risuono :-)
Rispondi
Fuori dal coro..
di adriphoenix [user #11414]
commento del 04/03/2014 ore 12:40:4
Indipendentemente dall'ottima recensione di Burats, ho trovato in rete una recensione tecnica della testata del Camden 30, da parte di una persona che gli ampli, li apre, li opera e li richiude. Interessante più che altro capire se dai criteri costruttivi possano derivare pregi e difetti di un prodotto e sembra che le cose stiano effettivamente così. Ad ogni buon conto alla prima occasione di provare questi nuovi ampli, mi ci butto curioso!

vai al link
Rispondi
Re: Fuori dal coro..
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 04/03/2014 ore 14:23:10
Si, è sempre bene guardare cosa c'è dentro gli ampli, ma ritengo sia sempre più importante ascoltare quello che esce dal cono, in fondo il TS9 super osannato (meritatamente sia chiaro) non era costruito con il top dei materiali, anzi!

Quindi una prova dal vivo è sempre la cosa migliore... :-)
Rispondi
i caratteri sul pannello sono ...
di titania [user #39837]
commento del 04/03/2014 ore 13:12:49
i caratteri sul pannello sono orribili, leggibili come un libro a trecento metri con un dito in un occhio. Solo per questo questo apparecchio può rimanere sullo scaffale, per me. CITO dalla pagina che consiglia l'utente sopra (testo scritto da una persona che gli ampli, li apre, li opera e li richiude):

"Considerazioni del tutto personali sull'ampli: costa circa 450 euro nuovo, una Sound City 120 usata 650, laney LC 50 circa 350 euro etc...insomma, questo amplificatore cosi' come nasce non suona neache a prenderlo a calci...meglio prendere un usato e spendere qualche centinaia di euro in più ma avere un signor ampli, almeno "suonabile"!!"
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di Cannibal [user #36124]
commento del 04/03/2014 ore 13:53:40
scusa però che senso ha un paragone del genere? questo è un combo da 20 watt, le altre due sono teste da 50 e 120 watt rispettivamente. E' come dire che una tele non suona come una les paul.
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di titania [user #39837]
commento del 04/03/2014 ore 14:15:06
infatti io ho solo quotato. Ho espresso il mio parere personale su ciò che posso apprezzare così. Il pannello con il font scaricato da internet googlando "free fonts" praticamente illeggibile. Poi... se un modello superiore è giudicato così, non voglio immaginare da uno inferiore cosa può uscire. In fondo la soundsation si sa cos'è. Sono amplificatori cinesi che nascono senza marchio. Qua non si tratta di abilità, coscienza, o quant'altro. Questa è cosa di soldi. Il signor Soundsation chiama in cina, dice al cinese... fammi 100000 amplificatori così, così, così e così, li paga 50 cent. l'uno e li rivende a 300. Ovviamente la qualità è quella che è e sono IDENTICI a tutti gli altri amp della stessa fascia di prezzo. Boutique? E' un'altra cosa. Per fare amp Boutique non basta avere i soldi. Devi anche essere bravo.
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 04/03/2014 ore 14:33:10
Occhio però che modelli di wattaggio differente non sono da considerarsi uno maggiore e uno minore come qualità

Un ampli da 20 watt può suonare completamente diverso da uno con circuitazione simile ma portata ad erogarne 30, nessuno garantisce l'equazione più watt = più qualità o modello superiore, succede spesso che nella stessa serie suoni meglio l'ampli piccino che il top di gamma. :-)

PS: sul made in china si possono aprire praterie di discorsi senza concludere nulla, ormai è una cosa risaputa. Chiunque voglia contenere i costi è alla Cina che si rivolge. :-)
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di titania [user #39837]
commento del 04/03/2014 ore 16:18:05
questo anche è vero... alla fine sono tutti discorsi fini a se stessi... Fatto sta che per quel prezzo ci sono cose sicuramente ben migliori e più affidabili. Mi viene in mente Blackstar, la vecchia Epiphone quando faceva gli amplificatori, qualche vecchio Marshall da 5 watt, l'Ibanez... Soundsation è sempre stata famosa per gli strumenti di scarsa qualità e di prezzo molto contenuto dai quali non ci si aspetta niente. Un po' come la Prestige. Che poi... boh!? Odio gli strumenti musicali venduti come le scarpe.
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di mrnippo [user #31138]
commento del 04/03/2014 ore 17:57:20
beh per quanto riguarda epiphone, bisogna dire che il valve junior, che costa pochissimo ed èapprezzato da molti chitarristi,è cinese...
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di adriphoenix [user #11414]
commento del 04/03/2014 ore 16:13:45
Il paragone viene fatto non tra modelli di medesimo wattaggio ma nel range di prezzo: a parità di prezzo del combo (nuovo) si possono acquistare modelli di amplificatori (usati) costruiti decisamente meglio. tutto qui.
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di titania [user #39837]
commento del 04/03/2014 ore 16:18:44
lo stavo appunto scrivendo! :)
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di Cannibal [user #36124]
commento del 04/03/2014 ore 18:07:28
beh ma anche così il paragone non sta in piedi: la testa da sola mica suona, serve una cassa e le casse costano; quindi a conti fatti vieni a spendere di più. Che poi sia una cinesata è chiaro come il sole, non lo metto assolutamente in dubbio. E che jet city (che è una cinesata anch'essa) sia più competitiva come prezzi neanche.
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di adriphoenix [user #11414]
commento del 05/03/2014 ore 09:56:39
Sound City (non Jet City) è una signora testata made in UK, costruita point-to-point, se ne vieni in possesso di una, meglio non fartela sfuggire....sono sempre più rare. Sempre interpretando il paragone fatto sull'altro sito il discorso non sta nel raffrontare combo con testata o wattaggi diversi, ma di nuovo, a parità di prezzo o quasi, tra amplificatori che "suonano" o meno. Nel caso del Camden, quello che viene criticato tecnicamente è che risulta un ampli progettato discretamente, ma senza modifiche opportune, non in grado di esprimere le sue potenzialità. tutto qui.
Rispondi
Re: i caratteri sul pannello sono ...
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 05/03/2014 ore 15:52:55
Mi sembra però che le Sound City si aggirino su un prezzo ben più alto di questo combo...
Rispondi
Si ok, non saranno leggibilissime ...
di tylerdurden385 [user #30720]
commento del 04/03/2014 ore 15:13:13
Si ok, non saranno leggibilissime quelle scritte lì ma son pochissime manopole, è più complicato il telecomando della mia tv, presumo che dopo 5 minuti di smanettamento si sappia regolarlo senza neanche guardarlo!? Per il resto dalla demo non suona male, anzi, certo bisogna valutarlo anche di persona, ma per quella cifrà lì è addirittura difficile trovarlo un valvolare!? Certo è che deve però valerne la pena, altrimenti un Bandit o un Frontman e stai bene ugualmente.
Rispondi
Re: Si ok, non saranno leggibilissime ...
di titania [user #39837]
commento del 04/03/2014 ore 16:19:52
ma pure un super champ, un HT, un Class 5... ce ne sono a bizzeffe... e sono valvolari. Il cub pure non è male... sull'usato Peavey Windsor...
Rispondi
non è proprio una bazza
di francesco72 [user #31226]
commento del 04/03/2014 ore 15:19:37
considerando che jet city e vht hanno prodotti a 20 watt che costano meno ed hanno 2 canali, questo è un po' fuori mercato. A meno che non voglia paragonarsi a blackstar e peavey che, però, hanno anch'essi due canali. Questa mi pare la pecca maggiore dell'ampli, senza valutazioni sul come suona. Questo aspetto, infatti, fatico a giudicarlo poichè come si sa i sample su internet sono tutti belli e tutti brutti, dipende da un milione di variabili. Certo, però, che avendo suonato dal vero un blackstar ed anche un peavey valveking non vedo perchè ripiegare su questo soundsation.
ciao
Rispondi
Molto interessante! Una testatina ...
di alessioshy [user #12445]
commento del 05/03/2014 ore 12:50:09
Molto interessante!

Una testatina sarebbe ottimale, do un'occhiata... c'è a catalogo?
Credo che con uno speaker differente potrebbe essere ancor più versatile, ma ovviamente (per stare in tema alla discussione) i costi lieviterebbero...e non poco!
Rispondi
Occhio che QUASI tutti i ...
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 05/03/2014 ore 12:51:51
Occhio che QUASI tutti i marchi e i modelli citati come alternative di qualità 'superiore' sono parimenti made in China o giù di lì.
Rispondi
Re: Occhio che QUASI tutti i ...
di francesco72 [user #31226]
commento del 05/03/2014 ore 15:01:15
rispondo epr la mia parte, a parte che io ho fatto riferimento anche a blackstar e peavey, non vedo cosa ci sia di male. Per parte mia ho fatto notare che le alternative sono più economiche e più funzionali, mica ho scritto che le ha fatte soldano nel suo garage con tecnica point to point. Il ragionamento è semplice (per me): se devo pagare 100 un ampli monocanale fatto in cina, preferisco pagare 80 un altro ampli, a due canali, parimenti fatto in cina, oppure aggiungo qualcosa ai 100 e compro un britannico od un americano.
ciao
Rispondi
Re: Occhio che QUASI tutti i ...
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 05/03/2014 ore 18:29:58
Non c'é niente di male. Nella fattispecie, sforzandomi di concentrarmi esclusivamente sul tuo intervento, sono ANZI pienamente d'accordo con te sulla parte relativa a Jet city e Vht (lo dico da felicissmo possessore di una JCA 22h che ho affiancato a una Jcm 2000). 'Made in China per made in China' mi prendo l'amplificatore che ha più features e che suona meglio al mio orecchio. Relativamente a Peavey e Blackstar ognuno è libero di fare le sue valutazioni - ci mancherebbe! - parliamo però sempre di ampli in buona parte costruiti in Asia, così come alcuni Vox, Marshall, Orange, Hughes & Kettner e chi ne ha più ne metta. E la questione, a questo punto, per me è sempre la stessa: 'Made in China per made in China' cosa conviene prendere dal punto di vista del rapporto qualità-prezzo? E per inciso dico che ho preso la mia Jca dopo aver provato un'ht-5 e aver posseduto per pochi mesi una Tubemeister 18. Le ho trovate entrambe deludenti rispetto al prezzo di listino.
Rispondi
Re: Occhio che QUASI tutti i ...
di francesco72 [user #31226]
commento del 06/03/2014 ore 09:05:11
vedo che parliamo la stessa lingua. scusa avevo frainteso il tuo intervento.
ciao
Rispondi
Loggati per commentare

Altro da leggere
Amped 1 è l’amplificatore universale da pedaliera di Blackstar
Stratocaster riveduta, corretta e... semplificata.
Blackstar St. James: 50w non sono mai stati così leggeri
Spark Mini: ampli smart Positive Grid in miniatura
Line 6 Catalyst: il digitale torna combo
Soundsation Twanger Vintage Pro: il tributo che non ti aspetti
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964