CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Essetipicks Ziriyab: la forza dell'abitudine
Essetipicks Ziriyab: la forza dell'abitudine
di [user #16167] - pubblicato il

Dopo aver incontrato Steve Tommasi, patron di Essetipicks al Musikmesse abbiamo pensato di recensire subito i nuovissimi Ziriyab in metacrilato fosforescente. Un nuovo plettro che va a rinfoltire la schiera dei plettri più economici prodotti da Steve, ma che mantengono le ottime caratteristiche della produzione di fascia più alta.
Dopo aver incontrato Steve Tommasi, patron di Essetipicks al Musikmesse abbiamo pensato di recensire subito i nuovissimi Ziriyab in metacrilato fosforescente. Un nuovo plettro che va a rinfoltire la schiera dei plettri più economici prodotti da Steve, ma che mantengono le ottime caratteristiche della produzione di fascia più alta.

Partiamo subito dal fattore estetico. Per la prima serie di plettri Ziriyab fu scelto il kevlar, un materiale plastico, molto resistente e in grado di garantire un sound rotondo e corposo. Dal 2014 ai plettri standard sono stati affiancati quelli in poliammide, una particolare tipologia di Nylon e quelli in metacrilato, un materiale plastico con molti utilizzi e dal nome completo decisamente lungo: polimetilmetacrilato. Utilizzato tanto nei piatti doccia quanto in alcuni processi elettronici fino alla realizzazione di lenti intra-oculari e fibre ottiche. Un materiale insomma che sotto forma di plettro non avevamo ancora incontrato. 

Essetipicks Ziriyab: la forza dell'abitudine

Ai primi due modelli in colorazione verde e arancione fluo da quest’anno sarà disponibile anche la versione fosforescente. La scelta di questa colorazione, in grado di assorbire la luce e restituirla nei momenti di buio non rappresenta un solo vezzo estetico ma può essere un vantaggio nell’impiego live. Se, come spesso succede il plettro ci cade dalle mani grazie alla luminescenza che questa colorazione sprigiona trovarlo sarà sicuramente più facile.

Capitolo colorazione chiuso, passiamo alla particolare forma di questo plettro, caratteristica peculiare di tutta la produzione Essetipicks. Lo spessore è importante, rispetto ai plettri standard. Ci troviamo di fronte a un toblerone da 3,5 mm, una grandezza a cui solitamente non si è abituati e che sulle prime può lasciare spiazzati. La forma è quella standard a goccia, con dimensioni standard. Il profilo però non è certo una bianca scogliera di Dover, la punta infatti è sapientemente smussata per accompagnare al meglio la pennata. Oltre alla scelta del materiale è proprio la forma del profilo che rende unico questo plettro e fa in modo che una volta superato il fattore psicologico si riesca a suonare come se tra pollice e indice ci fosse un Dunlop medium standard.

Veniamo quindi all’uso. La prima cosa da sottolineare è che nonostante lo Zyriab abbia le dimensioni di un lottatore di sumo non ne ha certo il peso. In mano è una piuma come qualsiasi altro plettro, merito del metacrilato che associa alla durezza una leggerezza invidiabile. Dopo lo spessore, l’altro aspetto che incute timore è l’estrema rigidità. Anche questo aspetto però è reso inoffensivo sempre dal profilo studiato da Steve Tommasi, ideatore e realizzatore dei plettri Essetipicks.

A differenza del kevlar, il materiale della nuova linea fluo/fosforescente presenta di base un suono più brillante. Lo si avverte subito soprattutto nello strumming dove le corde alte sembrano decisamente più sparkling. Altra caratteristica che salta all’orecchio subito è il maggior volume che si riesce a ottenere con le pennate, non ci stupisce la cosa viste le dimensioni. La cosa che invece ci stupisce è che dopo una decina di minuti il plettro inizia a scorrere tra le corde con semplicità, come fosse quello che usiamo da sempre. Abbiamo pensato di fare una piccola comparativa con due grandi classici. Negli mp3 che seguono sentirete la stessa frase suonata prima con un Ibanez Paul Gilbert, poi con un Dunlop medium e infine con lo Ziryab.

Sui puliti le differenze si avvertono un po’ più chiaramente. Premessa ovvia ma doverosa, nella registrazione le differenze sono molto più appianate. Vuoi la compressione degli mp3 vuoi il limite posto dalle casse dei computer le sfumature di avvertono decisamente meno quanto si possa avvertire con le proprie orecchie dal vivo.

Parlavamo di puliti, sia su parti un po’ più funk che con lo strumming più convinto il maggior volume e la brillantezza dell’Essetipicks è evidente. L’attacco è deciso, nonostante il profilo molto smussato aiuti la velocità di esecuzione. Bisogna le prime volte fare un po’ più di attenzione a non pestare con troppa convinzione. In realtà presa la mano si può tornare a plettrare con decisione senza remore, è solo questione di abitudine. 


Le parti funk possono sembrare ostiche all’inizio, ma in realtà lo Ziriyab non presenta controindicazioni a riguardo. Anzi la particolare brillantezza, unito all’attacco deciso lo rendono particolarmente adatto, soprattutto quando si devono miscelare accordi e note singole.


Lo strumming può all’inizio spaventare, i primi colpi sfoderano un volume veramente esagerato ma cavolo trovato il giusto equilibrio il suono che ne risulta è decisamente interessante. 


Quando si passa alle distorsioni come dicevamo le differenze un po’ si appianano. Quelle sonore ovviamente perché quelle tattili ed ergonomiche restano eccome. Con le ritmiche crunch si riesce ad avere una pacca micidiale, anche se forse qui il Gilbert arriva al foto finish. 


Passando alla distorsione vera e propria la situazione non cambia di molto, la potenza si sa è nulla senza controllo, una volta presa la giusta confidenza si riesce a sfoderare delle ritmiche belle toste. L’attacco qui è quasi fin troppo preciso, un po’ più di rotondità non avrebbe guastato, ma per questo esiste il modello in kevlar. 


Infine le parti solistiche. Qui all’inizio si incontrano le difficoltà maggiori, soprattutto se si è abituati a plettri sottili e non esageratamente duri. Se si viene dai Jazz III è tutto più facile. Sembra impossibile che ci si possa destreggiare anche nello sweep e nella pennata alternata con facilità invece dopo un’oretta di utilizzo si riesce tranquillamente a suonare come si è sempre fatto, con la differenza che il suono ne guadagna soprattutto in corposità.


In definitiva lo Ziriyab offre caratteristiche decisamente interessanti, può rappresentare un ottimo modo per avvicinarsi ai prodotti Essetipicks caratterizzati oltre che da un’estetica fantastica e da materiali ricercati anche da prezzi alti, in linea ovviamente con il valore vero e proprio dell’oggetto. Con tre euro ci si può portare a casa uno Ziryab che garantirà però a differenza di altri plettri una durata decisamente superiore e aiuterà il player ad avere un suono più presente in grado di bucare con più decisione il mix. I plettri Ziriyab sono disponibili sia per destri che mancini e li si può acquistare sia sul sito di Essetipicks che su Spaghettiguitartools.it
essetipicks plettri ziriyab
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
il sito di Spaghetti Guitar Tools

il sito di Essetipicks
In vendita su Shop
 
Orange PPC212OB BK Black
di Gas Music Store
 € 529,00 
 
SQUIER - FSR Classic Vibe 50s Esquire MN Vintage White 0374032541
di Music Works
 € 409,00 
 
Mini Deja VIbe MDV-2 pedal case version - new boxed- at today out of production
di Personla Sound
 € 300,00 
 
Greg Bennett D4CE Transparent Red
di Generalsound SRL
 € 295,00 
 
Tecnica, fraseggio ed esercizi (Gianni Rojatti)
di Accordo.it
 € 22,00 
 
DIMARZIO EP1715SSSM CAVO CHITARRA
di Centro della Musica
 € 34,00 
 
VoodooCaster TellyStrat Black
di Voodoo Factory
 € 1.890,00 
Visualizza il prodotto
Fender Usa Custom Shop Eric Clapton Stratocaster Midnight Blue + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.399,00 
Mostra commenti     31
Altro da leggere
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Casein 351: plettro ecologico fatto di… formaggio?!
Zeropik: alcuni plettri riescono... col buco
Andy James e John Petrucci sui plettri Flow
Ibanez Elastomer: plettri in gomma?
Idee regalo last minute da fare a un chitarrista
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964