CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

La chitarra e le "sue" corde

di [user #41172] - pubblicato il
Un saluto a tutti gli accordiani.
Vorrei spendere qualche parola su un argomento poco trattato, o di cui molto sfortunatamente io in rete ho trovato poco; quello delle prime mute che andiamo a trovare sulla nuova chitarra.
Mi accompagnerò con un esempio. Un paio di mesi fa ho acquistato un Les Paul del 2013 Standard, per intenderci quella con manico asimmetrico, controlli pull-off (coil splittabili, ponte diretto, controfase), camere tonali e via dicendo. Alla prova la chitarra è fantastica, morbida e soda come una bella donna , mi piacciono molto fin dal primo istante le corde. Incuriosito chiedo al negoziante che corde monti (pur sapendo si trattasse di Gibson), il quale mi rifila una muta di Vintage Reissue della Gibson. Così a naso, con qualche anno di acquisti sul gobbone, decido di non far cambiare le corde allo strumento e me la porto a casa così, con le corde ossidate e una muta nuova di Vintage.
Ho suonato la chitarra per una settimana buona giusto per riuscire a ricordare bene il feeling delle corde ed una volta cambiate mi accorgo che qualcosa non quadra. Le Vintage sono dure come l’espressione di Zidane ai mondiali del 2006 ed al di là della durezza solo dalla sensazione che si ha al tatto passandoci le dita c’è differenza. La prima muta presentava corde più gommose. Le ho tenute comunque per un paio di giorni giusto per essere sicuro che non fossero le mie mani ad aver dato di matto ma niente, quando faccio un faM il mio indice dichiara l’indipendenza, il cantino è una tagliola tra la falange e la falangina (notare che ho un’acustica). Disperato ho provato delle Ernie Ball, che tutti dicono essere corde morbide e molto buone. Non so che tipo di mano abbia chi fa la recensioni, o probabilmente quanto io non faccia testo, ma a me tagliano sempre le dita nelle prime posizioni e battono (per carità poco..) sul manico. Fortunatamente cercando in internet sono riuscito a capire che le corde che dovrebbe montare all’acquisto la mia Gibson sono delle Brite Wires (spero di averlo scritto giusto) e lasciatemelo dire…..sono fantastiche, sono le sue corde. Sono più morbide delle Ernie Ball e non battono sulla tastiera. Sono un prodigio.
Ora volevo chiedere a Voi accordiani: è sbagliato, vista la mia esperienza, pensare che probabilmente seppur scarse in senso assoluto, delle corde di una data marca possano essere il topo per strumenti per i quali sono appositamente create? Seconda domanda: più in generale le corde Gibson non sono un po’ troppo sottovalutate (a parer mio come le chitarre, sento molti lamentarsi, secondo me a torto..)?

P.S. Tutte le prove sono state fatte con scalature da 0.10.
Non mi sono dilungato sul suono delle corde perché l’articolo si focalizza su un altro aspetto, se può comunque interessare le BRITE WIRES sono più pastose e leggermente meno schioccanti a parer mio. Le preferisco anche in questo alle Vintage, considerando anche il fatto che i pick up della Standard hanno un suono moderno per essere dei Gibson. Le Ernie Ball suonano da Ernie Ball.
Dello stesso autore
DIFFERENZE TELECASTER Special e Standard.
VECCHI DIFETTI (DELLA MIA MANO DESTRA).
I POTENZIOMETRI NON SONO TUTTI UGUALI.
Bending e "Le corde dure non esistono!"
LE MANI DEL CHITARRISTA
RONZII PEDALIERA
Il limite del bending
Perché Gibson e Fender hanno distanze diverse tra corde e body
Loggati per commentare

Da un punto di vista ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 15/06/2014 ore 19:47:59
Da un punto di vista squisitamente fisico, le corde su ogni strumento sono solo dei fili di metallo sospesi tra due punti, un capotasto ed un ponte. Le uniche differenze quindi sono tre: capotasto, punto di appoggio sul ponte, e scala. Il resto, che e' il grosso della differenza di uno strumento, non conta. Se parliamo di corde poi, limitandoci al feel per tensione ed elasticita', allora contano giusto le proprieta' della corda, la densita' lineare, quindi scalatura e materiali, e ovviamente il diapason dello strumento. Quindi parlare di corde fatte per uno strumento specifico mi sembra una forzatura, ma puo' darsi che per una combinazione di cose quella marca faccia le corde ideali per te.
Rispondi
Re: Da un punto di vista ...
di Aleanimazione1 [user #41172]
commento del 16/06/2014 ore 00:35:17
Be si può darsi, anche se il mio articolo (si dice così giusto? scusate sono nuovo..) si riferiva più alle Gibson per la Gibson più che a marche di corde per specifici strumenti. Se la si vuole riassumere ancora di più posso dire ''se la marca dello strumento e delle corde è la medesima''.
Comunque con le Gibson sono riuscito anche ad abbassare le corde a centro manico, tirando il truss.
Lungi da me dire che per abbassare l'action si tiri il truss. Ma l'altezza al ponte era già al minimo ed onestamente il manico non era drittissimo.....ma con le Ernie Ball già sbatteva così..boh..mistero :)
Rispondi
Re: Da un punto di vista ...
di alexus77 [user #3871]
commento del 16/06/2014 ore 01:57:5
No, si era capito, ma il principio e' lo stesso. Si puo' parlare solo di coincidenza al massimo.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp
Cool Gear Monday: la demo originale del primo Maestro Fuzz-Tone
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Eco a nastro: sono davvero un capitolo chiuso?
Boss RC-10R: loop station stereo con drum machine
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
Il palco degli Skunk Anansie all’Arena Flegrea
Boss SY-1: il synth polifonico si fa stompbox
GR BASS Dual 1400
Dolcetti in Rolls Royce
I Toto in Italia per i 40 anni di carriera
Antonello D’Urso: la finitura cambia il suono di una chitarra
Entry level estremo da Vintage con Paul Brett
Gretsch Trestle Bracing e Sound Post: cosa cambia

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964