DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
SHG Milano 2014: Bespeco c'è
SHG Milano 2014: Bespeco c'è
| advertorial di [user #3672] - pubblicato il

Nessuno annaffia una bistecca fiorentina con un vino in cartone. Allora perché mandare giù tecnica sublime e preziosa strumentazione attraverso un cavo non adatto? Bespeco sarà a SHG per aiutare i chitarristi nella scelta dei cavi più adatti a loro.
Nessuno annaffia una bistecca fiorentina con un vino in cartone. Allora perché mandare giù tecnica sublime e preziosa strumentazione attraverso un cavo non adatto? Bespeco sarà a SHG per aiutare i chitarristi nella scelta dei cavi più adatti a loro.

Tutti i chitarristi concordano che il suono è fatto di sfumature, frequenze di poco più presenti o attenuate che determinano il timbro in cui un musicista riesce a rivedersi e con il quale sa offrire il meglio di sé. A questo scopo si acquista strumentazione costosa, si scelgono con attenzione effetti e singoli componenti aguzzando le orecchie per trovare quello che più è in grado di restituire il risultato sperato. Di solito, però, non si considera il mezzo che trasporta tutto il segnale su cui si intende operare: il cavo.
Aspettate prima di pensare alla solita lezioncina sull'importanza del cavo: se così tanti chitarristi si presentano al tecnico del suono con un jack da quattro soldi che ronza a seconda di come lo si sposta sul palco, o collegano i loro pedali boutique con patch-cables venduti a peso come caramelle gommose, forse l'argomento tanto trito e ritrito non è.

Il cavo non fa il suono, ma il suono è fisicamente al suo interno, con tutte le armoniche che tanto strenuamente difendiamo. Anche per il cavo come per chitarre, amplificatori ed effetti, però, è difficile distinguere semplicemente in buoni e cattivi prodotti. Se c'è chi preferisce il suono trasparente di un cavo corto e a bassissima capacità, c'è anche chi fa dell'attenuazione offerta da un cavo particolarmente lungo una componente essenziale del proprio sound. Basti pensare a Brian Setzer, che doma il suo twang in metri di cavo. Eppure, e vi invitiamo a provare, non basta un qualunque cavo dall'attenuazione simile per sortire lo stesso effetto. I parametri in ballo sono tanti, e una ripassata può aiutare molti musicisti a comprendere meglio ciò che passa loro tra le mani, per focalizzare la propria ricerca del sound.

Quindi anche il cavo fa il suono? È da considerare alla stregua di un effetto o qualunque altro anello della catena? In attesa del confronto "sul campo di battaglia" al prossimo SHG di Milano 2014, lo abbiamo chiesto a Ettore Cichetti di Bespeco.

SHG Milano 2014: Bespeco c'è

Alcuni musicisti preferiscono un cavo semplicemente resistente a uno magari meno “corazzato" ma dal suono più trasparente pensando “figurati chi se ne accorge dal vivo”. È un buon compromesso per i live o gli sfugge qualcosa?
I musicisti di un certo livello son ben attenti a entrambi gli aspetti, pertanto “investono” nella propria scelta optando per un cavo che goda di entrambe le qualità. È sottinteso che mi riferisco a un cavo Bespeco.

Supponiamo di dover cablare un setup chitarristico e di avere a disposizione un solo cavo di qualità in mezzo ad altri così così: ho più ragione se lo metto a monte, tra chitarra e pedaliera, oppure tra l’ultimo pedale e l’amplificatore? Ovvero, è meglio dare in pasto ai pedali un segnale bello ricco per raccoglierne uno decente in uscita oppure lasciare che gli effetti mangino frequenze tanto poi ci pensa il cavo buono a valle a minimizzare i danni?
Tecnicamente ritengo che tutta la pedaliera debba essere cablata con cavi di elevata qualità, perché un solo cavo non fa miracoli, il sound verrebbe comunque pregiudicato dagli atri cavi di qualità inferiore. Ma, non avendo scelta, per limitare i “danni” sarebbe più corretto partire con un cavo di elevata qualità che trasferisca tutto lo spettro audio alla pedaliera piuttosto che andare successivamente a cercare e/o creare frequenze e armoniche che non sono presenti in partenza.

Sui cavi si sente di tutto e di più, c’è chi dice che un buon cavo deve lavorare al 100% con tutte le frequenze in ballo e c’è chi sceglie un cavo diverso per il suo “suono” in base agli utilizzi. Chi ha ragione?
A mio parere lasciamo che il cavo faccia il suo lavoro e cioè che trasferisca l’intero spettro audio o comunque il massimo che si possa raggiungere. Lasciamo che ad agire sui toni sia appunto il controllo di toni dello strumento (sono messi lì appositamente), equalizzatori o altro, di sicuro non un cavo.

In definitiva, come riesco a individuare un buon cavo nel marasma di un negozio o di uno show come SHG, dove può risultare difficile individuare le sfumature?
Semplice! Basta individuare il cerchio col triangolo arancione (logo Bespeco), è di sicuro un cavo di ottima qualità.
A parte ciò, siamo sempre disponibili per rispondere a qualsiasi quesito tecnico, affinché possiamo guidare tutti i musicisti più o meno esperti nell’importante scelta dei propri cavi.
Un saluto a tutta la redazione di Accordo e ci vediamo alla prossima edizione di SHG a Milano.


Al prossimo SHG di Milano, Bespeco terrà una demo per condividere col pubblico delle interessanti nozioni tecniche, elettriche e chimico-fisiche sui cavi. Ci saranno esempi pratici, spiegazioni e consigli per la scelta del cavo in base alle necessità. Come da tradizione, i partecipanti riceveranno un piccolo omaggio.
Fino all'appuntamento del 9 novembre 2014 all'Hotel Quark c'è ancora tempo per studiare

SHG Milano 2014: Bespeco c'è
accessori bespeco interviste shg milano 2014
Link utili
Info su SHG
Bespeco
Altro da leggere
Mattia Tedesco, tra Hendrix e Vintage sul palco di SHG
Vintage, modernità e tecnologie: la chitarra acustica oggi
Scopri in video l’enorme collezione privata di Slash
XS Wireless IEM di Sennheiser: qualità e pressione sonora
Il trucco c'è ma non si vede
Sostenibilità, Koa e progettazione acustica: parla Andy Powers per Taylor Guitars
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964