HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine
Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine
di [user #116] - pubblicato il

Affrontiamo un fraseggio solista moderno e molto impegnativo. Mescoliamo, in un'esplosione di sestine, svisate rock blues e arpeggi sospesi snocciolati a plettro e dita. Un piccolo gioiello di efficienza tecnica, gusto e gran suono. In cattedra Giacomo Castellano.
Affrontiamo un fraseggio solista moderno e molto impegnativo. Mescoliamo, in un'esplosione di sestine, svisate rock blues e arpeggi sospesi snocciolati a plettro e dita. Un piccolo gioiello di efficienza tecnica, gusto e gran suono. In cattedra Giacomo Castellano.

Il fraseggio che affrontiamo è interamente costruito con l’hybrid picking. Questa tecnica che prevede l’utilizzo combinato di plettro e medio della destra, agevola la creazione di pattern difficilmente eseguibili con altri approcci. Servendosi di altre tecniche, fraseggi come questo risultano complicati da suonare mantenendo gli stessi accenti e la stessa efficacia.
L'intero fraseggio è costruito in sestine di sedicesimi e si muove attraverso tre diteggiature di arpeggi a quattro note, strutturate sul set più alto di corde: G, B e E cantino. Ogni diteggiatura prevede una nota sulla corda di E, due sul B e di nuovo una sola nota sul G.
Siamo in tonalità di Dm e mescoleremo tra di loro arpeggi derivanti dall’armonizzazione della scala Eolia  di D (D, E, F, G, A Bb, C) e la pentatonica minore Blues (D, F, G, Ab, A, C)
Gli arpeggi in gioco sono tre. Analizziamoli.
Il primo è estrapolato dalla diteggiatura più conosciuta della pentatonica. Sostanzialmente è una pentatonica di Dm privata della sua b3, il F. Suonandola partendo dalla quarta, il G, abbiamo G, A, C, D che sintetizziamo come un Gsus2add4.

Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Il secondo arpeggio è costruito sul Bb, quarto grado della scala di D Eolio. Si tratta sempre di un arpeggio di Sus 2 con l’addizione della quarta. In questo caso però, la quarta è eccedente come caratteristico di ogni accordo costruito sul quarto grado di una tonalità maggiore.
Le note in gioco sono Bb, C, F, E e formano un Bbsus2add#4.

Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Il terzo arpeggio è costruito sul C ed è identico al primo analizzato, quindi un Csus2add4. In questo caso però, è arricchito da una piccola variazione melodica. Sul E cantino alterniamo l’esecuzione della quinta giusta G con l'ottava C. Questo passaggio melodico richiederà un arduo lavoro del mignolo.

Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Ora analizziamo la meccanica della pennata. Fatta eccezione per la nota iniziale del lick suonata in upstroke, l'apertura di ogni pattern è suonata con una pennata verso il basso. Quindi, le due note sulla corda di B, sono suonate interamente in legato e questo è il particolare tecnico più impegnativo dello studio: serviranno una buona tecnica di hammer on e una scansione ritmica decisa. Infine, la nota più bassa - quella disposta singolarmente sulla corda di G - è suonata di nuovo con una pennata verso il basso. Ora, quando inizia la parte ascendente del lick e si ritorna sulle due note suonate sul B, ricorriamo all’utilizzo del dito medio che strappa la prima nota.
La parte finale del fraseggio è affidata a una energica svisata pentatonica. Bisogna stare attentissimi a mantenere rigorosa la pronuncia ritmica che non deve interrompere e snaturare il flusso ritmico delle sestine. Abbiamo isolato i due frammenti pentatonici utilizzati evidenziando anche la, b5, nota blues.

Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Ecco la trascrizione del lick completo.
Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine

Per agevolarne l'apprendimento, nel video si è eseguito il lick a tre diverse velocità: normale, dimezzata e molto lenta senza base. In questo modo, ci si potrà concentrare nota per nota, sulla diteggiatura utilizzata. Buon lavoro.


Questo video potrebbe non essere visibile a causa di un bug di YouTube. In attesa che YouTube risolva il problema, se ti interessa vedere questo video scrivi a redazione@accordo.it


Foto panoramica di Tatiana Boretti
giacomo castellano lezioni
Altro da leggere
Pubblicità
Albert Lee: "Chi è un virtuoso?"...
Il riscaldamento per il musicista...
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come...
Nili Brosh, una ventata di aria fresca e...
Pubblicità
Commenti
Bellissima frase, d'effetto. Sa di ...
di powerfuran utente non più registrato - commento del 29/04/2015 ore 14:28:38
Bellissima frase, d'effetto. Sa di Zakk Wylde dei tempi d'oro. Complimenti anche per l'esauriente spiegazione!
Rispondi
Re: Bellissima frase, d'effetto. Sa di ...
di rickyfigoli [user #36535] - commento del 03/05/2015 ore 09:34:36
Esatto, effetto Zakk Wilde, lo leggi e dici tutto qui, lo senti suonare e ti casca la mascella.
Rispondi
ottima, per me già la ...
di George S.L.A [user #10210] - commento del 29/04/2015 ore 15:17:11
ottima, per me già la velocità dimezzata sarà dura da eseguire..
Rispondi
grande Castellano
di drfella [user #33044] - commento del 14/05/2015 ore 13:04:16
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Incontra e conosci Billy Gibbons
Workshop a Custom Shop Milano
Boss: la storia del rock in pedaliera a Custom Shop Milano 2018
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964