CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Scale modali: dalla più maggiore alla più minore
Scale modali: dalla più maggiore alla più minore
di [user #17961] - pubblicato il

Modi. Mille modi per studiarli, praticarli, analizzarli senza che comunque sia mai abbastanza. Restano un argomento controverso, quello che manda più in crisi i chitarristi più giovani. E non solo. Lasciamo allora con piacere la cattedra di Didattica al nostro lettore Accio7 per proporci un suo metodo di studio e ripasso.
Modi. Mille modi per studiarli, praticarli, analizzarli senza che comunque sia mai abbastanza. Restano un argomento controverso, quello che manda più in crisi i chitarristi più giovani. E non solo. Lasciamo allora con piacere la cattedra di Didattica  al nostro  lettore Accio7 per proporci un suo metodo di studio e ripasso.

Se siete anche voi tra quanti (come il sottoscritto) hanno sempre faticato a capire le scale modali questo approccio potrebbe aprirvi qualche porta.
Naturalmente non si tratta di niente di troppo originale ma semplicemente di un approccio differente che io personalmente ho trovato molto illuminante.
Premetto che nel seguito mi limiterò a considerare la scala diatonica di Do, con accordi a tre e quattro voci. Il discorso può ovviamente essere esteso ad accordi più ampi e a scale diverse ma la sostanza non cambia (senza contare che la mia preparazione non arriva a tanto). 
Cominciamo con l'approccio più classico: le scale modali originano dai diversi gradi di una scala base, ovvero, considerando per semplicità la scala diatonica di Do maggiore, otteniamo sette scale differenti partendo da (e arrivando a) i sette gradi della scala:
  • DO RE MI FA SOL LA SI DO
  • RE MI FA SOL LA SI DO RE
  • MI FA SOL LA SI DO RE MI
  • eccetera
Ottenendo quindi le sette scale modali:
  • 1° grado, da Do a Do, Do ionico (la scala maggiore)
  • 2° grado, da Re a Re, Re dorico
  • 3° grado, da Mi a Mi, Mi frigio
  • 4° grado, da Fa a Fa, Fa lidio
  • 5° grado, da Sol a Sol, Sol misolidio
  • 6° grado, da La a La, La eolio (la scala minore)
  • 7° grado, da Si a Si, Si locrio
Scale modali: dalla più maggiore alla più minore

Qui di solito ci si ferma, ostacolati dalla difficoltà di comprendere per quale motivo dare sette nomi diversi alla stessa scala. Non basta considerare il tutto come una singola tonalità (in questo caso quella di Do maggiore)? Perchè imparare tutti questi nomi? Tanto poi durante un assolo mica costruisco frasi in scala, per cui se suono una sequenza di note appartenenti alla tonalità che differenza fa se la chiamo in un modo o in un altro?
Sempre l'approccio classico a questo punto passa alla teoria degli accordi. Su ogni ogni grado della scala infatti posso costruire una triade oppure un accordo a 4 voci:
  • 1° grado, Do Mi Sol (Si), Do maggiore (Do maj7)
  • 2° grado, Re Fa La (Do), Re minore (Re min7)
  • 3° grado, Mi Sol Si (Re), Mi minore (Mi min7)
  • 4° grado, Fa La Do (Mi), Fa maggiore (Fa maj7)
  • 5° grado. Sol Si Re (Fa), Sol maggiore (Sol 7)
  • 6° grado, La Do Mi (Sol), La minore (La min7)
  • 7° grado, Si Re Fa (La), Si diminuita (Si 7b5 o semidiminuito)
è possibile quindi fare un parallelo modi-accordi:
  • Do maggiore (o Do maj7) = Do ionico
  • Re minore (o Re min7) = Re dorico
  • Mi minore (o Mi min7) = Mi frigio
  • Fa maggiore (o Fa maj7) )= Fa lidio
  • Sol maggiore (o Sol 7) = Sol misolidio
  • La minore (o La min7) = La eolio
  • Si diminuita (o Si 7b5) Si locrio
Su un certo tipo di accordo è quindi possibile suonare più uno o più scale modali. Ad esempio visto che l'accordo maj7 è presente sia al 1° che al 4° grado, un Fa maj7 può essere cosiderato come 1° grado della tonalità di Fa maggiore oppure come 4° grado della tonalità di DO maggiore. Se ne conclude che su un Fa maj7 si può improvvisare sia con una scala ionica di Fa che con una scala lidia di Fa, ovvero che su un Fa maggiore posso suonare sia una scala di Fa maggiore che una di Do maggiore.

Scale modali: dalla più maggiore alla più minore

Presentato così sembra tutto piuttosto artificioso e difficile da applicare improvvisando, ed è qui che entra in gioco il secondo approccio, che, almeno a me, ha reso il tutto molto più semplice.
Consideriamo i gradi della scala, cioè le note che la compongono, e le relative alterazioni. Se per le varie scale modali indichiamo con un bemolle ('b') o un diesis ('#') le alterazioni rispetto alla scala maggiore otteniamo:
  • Ionica: T 2 3 4 5 6 7 : nessuna alterazione
  • Dorica: T 2 3b 4 5 6 7b : 2 bemolle
  • Frigia: T 2b 3b 4 5 6b 7b : 4 bemolle
  • Lidia: T 2 3 4# 5 6 7 : 1 diesis
  • Misolidia: T 2 3 4 5 6 7b : 1 bemolle
  • Eolia: T 2 3b 4 5 6b 7b : 3 bemolle
  • Locria: T 2b 3b 4 5b 6b 7b : 5 bemolle
Notiamo che una sola scala non ha alterazioni (Ionica), una sola scala ha un diesis (Lidia), una sola scala ha un bemolle (Misolidia), una sola scala ha due bemolle (Dorica), ecc. Possiamo quindi ordinarle non più secondo il grado di orgine ma secondo le alterazioni, ottenendo:
  • Lidia
  • Ionica
  • Misolidia
  • Dorica
  • Eolia
  • Frigia
  • Locria
Scale modali: dalla più maggiore alla più minore

Suonando i modi in questo ordine, partendo sempre dalla stessa nota, ci si accorgiamo che per passare da una scala alla successiva modifichiamo sempre solo un grado (o alziamo un grado, nell'altra direzione) quindi ogni
scala differisce dalle sue vicine per una sola nota, ad esempio:
  • Do lidio: Do Re Mi Fa# Sol La Si Do
  • Do ionico: Do Re Mi Fa Sol La Si Do
  • Do misolidio: Do Re Mi Fa Sol La Sib Do
  • Do dorico: Do Re Mib Fa Sol La Sib Do
  • Do eolio: Do Re Mib Fa  Sol Lab Sib Do
  • Do frigio: Do Reb Mib Fa Sol Lab Sib Do
  • Do locrio:  Do Reb Mib Fa Solb Lab Sib Do
Il bello è che il cerchio può essere chiuso, visto che, arrivati alla scala locria se abbassiamo di mezzo tono la tonica (unico grado che non abbiamo ancora alterato) ci ritroviamo a suonare una scala lidia mezzo tono sotto, e il giro ricomincia.
  • Do locrio: Do Reb Mib  Fa Solb Lab Sib Dob
  • Dob lidio:  Dob Reb Mib Fa Solb Lab Sib Dob
Ordinate in questo modo le scale modali acquistano un'altro significato. Suonando le diverse scale a partire dalla stessa nota è infatti possibile apprezzare come in questo ordine si muovano dal maggiore al minore attraversando sfumature differenti. Risulta chiaro all'orecchio che tra le tre scale meggiori, la scala lidia è "più maggiore" della scala ionica, mentre la scala misolidia è "più minore" della scala ionica. Discorso analogo si può fare per le quettro minori. Abbiamo quindi ora a disposizione sfumature intermedie tra le solite scale maggiore (ionica) e minore (eolia).

Scale modali: dalla più maggiore alla più minore

Il trucco sta quindi tutto nel suonare le diverse scale modali a partire dalla stessa nota in modo da apprezzarne il colore, piuttosto che suonarle dai vari gradi di una stessa tonalità. dove dove il nostro orecchio fatica a staccarsi dalla tonalità principale ed il tutto finisce per assomigliare più ad un esercizio che a sette differenti scale.

E' evidente che i due approcci portano alle stesse conclusioni, ovvero gli ambiti di applicazione delle scale (gli accordi su cui suonare un certo modo) sono gli stessi, ma questo secondo approccio,in virtù dell'ordinamento da "molto maggiore" a "molto minore", ci permette di utilizzarli con facilità.

Su un Do maggiore potrò quindi suonare:
  • la scala ionica di Do, ovvero la solita scala maggiore;
  • la scala lidia di Do (alzando la quarta grado di mezzo tono rispetto alla scala maggiore) ottenendo un effetto ancorà "più maggiore";
  • la scala misolidia (abbassando la settima di mezzo tono) ottenedo un effetto "più minore" (e molto più blues).
Gli acoppiamenti scala-tonalità a questo punto si aprono ad infinite sperimentazioni.

Scale modali: dalla più maggiore alla più minore

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.
lettori in cattedra
Mostra commenti     22
Altro da leggere
Alex Lifeson: la chitarra alata dei Rush
Lo stile di Matt Garstka
Hybrid Picking: suonare le triadi
Suonare "Something" dei Beatles
Chitarra & videogiochi 4: Still More Fighting da Final Fantasy VII
"Treasure" di Bruno Mars con la chitarra acustica
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964