CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Triadi: non fraseggi se non le sai
Triadi: non fraseggi se non le sai
di [user #116] - pubblicato il

Alcuni lettori ci hanno scritto per avere qualche suggerimento su come impostare lo studio delle triadi. Ecco alcuni esercizi per imparare a suonarle fuori dai soliti cliché e trovarsele pronte, sotto le dita, già disposte in maniera funzionale per un fraseggio melodico.
Nella scorsa lezione suggerivamo alcuni lick per incentivare l’utilizzo delle triadi per costruire fraseggi melodici.
Alcuni lettori ci hanno scritto dicendosi non ancora certi di avere una visualizzazione chiara delle triadi sulla tastiera della chitarre e chiedendo qualche input di studio.
Per prima cosa è assolutamente necessario avere chiara la formazione teorica delle triadi, aspetto impossibile da focalizzare e capire a fondo se non si conoscono bene gli intervalli musicali. Poi, altrettanto importante è avere chiara l’armonizzazione della scala maggiore per essere certi di quali triadi sono presenti in una data tonalità, che note le compongono e in che ordine sono disposte.
Sono argomenti impegnativi e lunghi da studiare che non possono essere certo risolti in maniera esaustiva in una singola lezione. E’ quasi ridicolo poi, pensare di cimentarsi in uno studio del genere senza avere perfettamente chiara la disposizione delle note su tutta la tastiera della chitarra. Quando si studiano le triadi eseguendole sulla chitarra, è fondamentale avere la consapevolezza della nota che si sta pigiando e a quale intervallo corrisponde. Altrimenti, il tutto si limita a uno sterile e – spesso frustrante – esercizio mnemonico. Per cui, il nostro primo e accorato consiglio, è di essere certi di avere sanato queste lacune con l’aiuto e supporto del proprio insegnante o dei tanti e validi metodi in circolazione. 

Triadi: non fraseggi se non le sai

Viceversa, per chi ha già chiari questi aspetti delle triadi ecco alcuni suggerimenti di studio.
Per prima cosa bisogna svincolarsi dagli studi sulle triadi che sono finalizzati all’ esercizio tecnico e meccanico. Le triadi sono una tra le palestre più frequentate per affinare sweep picking, tapping, string skipping ma, studiate in questo modo, finisco per essere suonate come lick, avanti e indietro, imprigionate in esecuzioni ritornellate.
Qualche esempio di studi sulle triadi attraverso tecniche specifiche. Esercizi del genere potenziano la meccanica e fluidità del nostro playing ma non aiutano a estrapolare il potenziale melodico delle triadi.

Triadi: non fraseggi se non le sai

Un primo esercizio è suonare le triadi sviluppandole nella semplice esecuzione melodica delle note che lo compongono, senza preoccuparci di incastonarle in un pattern meccanico. Eseguiamole partendo da un qualsiasi rivolto e non necessariamente dalla fondamentale; chiudiamole eseguendo in maniera armonica ogni triade appena suonata.

Triadi: non fraseggi se non le sai

Con lo stesso principio, allarghiamo la sonorità della triade eseguendola non a gradi congiunti ma spezzandone la forma con un salto di corda. Chiudiamo ogni triade suonandola armonicamente su un rivolto differente da quello usato per arpeggiarla.

Triadi: non fraseggi se non le sai

Ripetiamo la stessa idea: arpeggiamo la triade in maniera melodica su un rivolto e scandiamola armonicamente su un'altra posizione. Questa volta congiungiamo però i due passaggi suonandoci in mezzo le note della scala maggiore da cui le triadi derivano.

Triadi: non fraseggi se non le sai

Triadi: non fraseggi se non le sai

Adesso sforziamoci di suonare tutte le triadi derivanti dall’armonizzazione della scala limitandoci a una porzione di manico circoscritta.

Triadi: non fraseggi se non le sai

La stessa idea ma suonando le triadi in maniera melodica e su un’altra posizione.

Triadi: non fraseggi se non le sai

Il medesimo esercizio ma sviluppato in maniera più libera e creativa. Scivoliamo letteralmente da una posizione di triade all'altra.

Triadi: non fraseggi se non le sai

Sviluppiamo questi esercizi su tutte le diteggiature e rivolti possibili. Proviamoli in ogni tonalità. Mentre li eseguiamo pronunciamo ad alta voce le note che stiamo suonando. Creiamone di simili e via, via sempre più articolati e complessi. Studiamoli solo con il metronomo o una batteria elettronica e poi proviamoli sui vari accordi di ogni tonalità. Buon lavoro.

Triadi: non fraseggi se non le sai
lezioni
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Chitarra ritmica metal: corda a vuoto, tritono e modo frigio
Migliora i tuoi accompagnamenti: Mille Giorni Di Te E Di Me
Tommy Emmanuel: come scrivo una canzone
Concentrazione o non Distrazione?
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
Tommy Emmanuel: evitare i vuoti di memoria
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964