DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles
Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles
di [user #17844] - pubblicato il

Nominare i mostri sacri è un'ottima tecnica per far parlare di sé in previsione di un nuovo album. Mossa studiata o tempismo fortuito, l'ha fatto Keith Richards, è capitato allo stesso Ringo Starr e ora è David Gilmour a rivolgere lo sguardo ai quattro di Liverpool, ma in forma di tributo.
Nella pubblicità, si sa, l'importante è colpire con un messaggio forte. Far parlare di sé, nel bene e nel male, è fondamentale per aumentare la risonanza delle proprie azioni e, nel caso di un artista, dei prossimi passi lavorativi. Nella musica, il colpo più forte che si possa dare è rilasciare una dichiarazione che destabilizzi i fan, faccia discutere e metta in dubbio anche i più grandi, come i Beatles.

Può darsi che si tratti di semplici coincidenze, ma solo nell'ultimo anno ben due artisti hanno tirato in ballo i Beatles mentre le loro case discografiche impacchettavano gli ultimi loro CD, freschi di stampa.

Lo ha fatto Keith Richards, che è partito all'attacco di Sgt. Pepper's definendolo "un mucchio di spazzatura". Il caso vuole che il chitarrista dei Rolling Stones sia in procinto di presentare Crosseyed Heart, il suo prossimo disco solista sugli scaffali a partire dal 18 settembre.

Alcuni mesi fa anche lo stesso batterista dei Beatles si è trovato al centro di una vivace discussione sul quartetto inglese. Questa volta non sulla musica, ma su una delle leggende metropolitane più inossidabili di sempre: la presunta morte di Paul McCartney.
Anche Ringo aveva in uscita un nuovo album, intitolato Postcards From Paradise, e pare che durante un'intervista avesse confermato le voci che volevano Paul morto e rimpiazzato da un sosia. Il Web si è subito diviso tra chi ha voluto finalmente mettere un punto al "complotto dei Beatles" e chi invece ha accusato il batterista di essere in cerca di facile visibilità con una dichiarazione shock.
Quella di Ringo, in realtà, è stata una pubblicità gratuita generata da terzi. La storia è un falso e tutta l'intervista sembra essere stata inventata di sana pianta, come raccontato dall'Inquisitr.

Quando ha un nuovo disco, anche Gilmour scomoda i Beatles

Ben altro tipo di risonanza è quella a cui ha mirato il buon David Gilmour.
L'ex Pink Floyd è in procinto di pubblicare un nuovo album solista e, nell'attesa, ha deciso di regalare ai fan un assaggio in forma di EP.
David Gilmour & Friends lo vede condividere lo studio con artisti tra cui Robert Wyatt, Ben Watt e Crosby & Nash, e contiene un'esclusiva cover di "Here, there and everywhere".


Fan dei Beatles da sempre, David non ha rinnegato le proprie origini e ha dedicato ai musicisti che più di ogni altro segnala tra le sue maggiori influenze un lavoro dal sound inconfondibilmente gilmouriano, ma condito da un sapore vintage, atmosfere puramente "alla Beatles" e con la chitarra da sogno di sempre.
L'EP è attualmente in omaggio con la rivista britannica MOJO e, se può essere considerato un'anticipazione del suo nuovo disco, dà ottimi motivi per attendere le settimane che ci separano dall'uscita di Rattle that Lock, il 18 settembre, e dalle date del tour italiano, il 14 settembre a Verona e il 15 a Firenze.
album david gilmour keith richards ringo starr the beatles
Link utili
Keith Richards su Sgt. Pepper's
Il nuovo album di Keith Richards
L'Inquisitr sbugiarda la bufala su Ringo Starr
Il nuovo album di Ringo Starr
David Gilmour su MOJO
Le date del tour
Nascondi commenti     7
Loggati per commentare

di Pearly Gates [user #12346]
commento del 26/08/2015 ore 15:51:00
Visto?
Tutte le discussioni inutili?
Come avevo scritto io in un mio intervento nel post sulle affermanzioni di Richards.
SE CHIEDI A GILMOUR SE AMMIRA I BEATLES TI DIRA' DI SI'.
Questa è la prova di ciò che dicevo, i fan si azzuffano mentre gli artisti si stimano a vicenda.
Rispondi
di Jeffster [user #28247]
commento del 26/08/2015 ore 17:04:58
Gilmour influenzato dai Beatles? E io che pensavo avessero influenzato solo i gruppi pop che fanno canzoni di tre minuti tutte uguali!

Rispondi
di anitradigomma [user #12816]
commento del 29/08/2015 ore 09:38:19
I Beatles direttamente o indirettamente hanno influenzato tutta la musica che è venuta dopo di loro
Rispondi
di solsimi [user #28564]
commento del 26/08/2015 ore 19:07:51
E quella che poteva finalmente essere una informazione interessante...non gossippara come le precedenti, trova di nuovo commenti stile adolescenti che rivendicano proprie posizioni...sfottò verso idea diversa precedentemente espressa e addirittura......AUTOCITAZIONI!!

Io ho la fortuna di aver visto una TV in cui c'era un fantastico programma come DOC....ho paura che voi siate Amici dipendenti.
Rispondi
di Repsol [user #30201]
commento del 26/08/2015 ore 23:11:45
Hai ragione, ma l'impostazione dell'articolo ha un leggero taglio "gossipparo" :-)
Non ci si è limitati infatti a dare la semplice notizia, ma si è fatto il confronto con un artista che in un articolo precedente ha scatenato un bel po' di caos.
E sono stati espressi giudizi piuttosto espliciti sulla naturalezza di queste uscite.
Dal punto di vista giornalistico è un colpo da maestro...
Rispondi
di Baconevio [user #41610]
commento del 26/08/2015 ore 23:15:21
madre santa, gilmour migliora sempre di più.....possibile?
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 27/08/2015 ore 08:10:15
Ennesimo scritto che si rifà agli altri di prima, in cui non si parla di niente! Mi raccomando, sul prossimo scritto che sò, dei Cradle of Filth o dei Sepultura, scrivete che sono ispirati dai Beatles, altrimenti noi come ci scanniamo?
Rispondi
Altro da leggere
Pantera: 30 anni di Vulgar Display Of Power
Luca Chiappara - Where I Belong - Trulletto Records 2022
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome di Down
Leslie West: un tributo al leader dei Mountain
Time Clocks: album di Bonamassa fuori dal blues
Roberto Menabò: The Mountain Sessions Blues & Guitar Excursions
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964