CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Come usare il noise gate per conservare la dinamica
Come usare il noise gate per conservare la dinamica
di [user #17844] - pubblicato il

Il noise gate è additato da molti chitarristi come l'ammazza-dinamica per eccellenza. Il suo filtro che taglia tutte le note più deboli di una certa soglia di decibel sembrerebbe il nemico di ogni seguace del tocco, ma forse è solo perché si ignora una funzione vitale presente in molti noise gate moderni.
Che ti piaccia o no, a volte hai bisogno di inserire un noise gate in pedaliera. Se usi molti distorsori e overdrive, magari in contemporanea, o hai pedali che causano fruscii, un noise gate è la soluzione. Tuttavia, ben pochi chitarristi accettano di usarne uno se non strettamente necessario, spesso attribuendogli la responsabilità di un calo sensibile nella dinamica e nel tono generale. Però a volte, forse, questo succede solo perché si ignora una funzione fondamentale presente in molti noise gate.

Non tutti i modelli in commercio ce l'hanno ma, da alcuni anni a questa parte, i jack di send e return stanno diventando uno standard sempre più diffuso. Il loro scopo è quello di ottimizzare la funzione di cancellazione del rumore cercando di compromettere il meno possibile il suono e la dinamica.
 
Come usare il noise gate per conservare la dinamica

In diverse pedaliere, è possibile vedere il noise gate inserito in serie tramite i jack In e Out, come un comune effetto, prima o dopo i distorsori.

Se posizionato a monte, il noise gate ha effetto solo sul ronzio generato dalla chitarra, quello dei pickup o di una cattiva schermatura, e risolve il problema in parte in quanto i distorsori non si troveranno ad amplificare il ronzio della chitarra, ma partiranno da una base silenziosa. In questa configurazione, la dinamica della chitarra è preservata degnamente, perché il pedale è impostato per interrompere il passaggio del segnale a livelli di decibel davvero bassi (a patto di non avere casini nella chitarra che generano ronzii anormali), troppo bassi anche per una plettrata appena sussurrata. Il risvolto della medaglia è che il rumore di fondo naturalmente generato dai distorsori anche senza uno strumento collegato arriverà comunque all'amplificatore, perché non c'è nulla dopo di essi a interromperne il flusso.

Per eliminare anche quel ronzio, bisognerebbe posizionare il noise gate a valle, dopo i distorsori. In questo modo, il gate "chiude" il segnale mentre non suoniamo, tagliando via anche il ronzio dei pedali che gli diamo in pasto. Anche qui c'è un lato negativo, ed è anche peggiore: il ronzio generato dalla chitarra infilata in un distorsore può essere molto forte, e ci porterà ad alzare la soglia d'intervento del noise gate, che di conseguenza finirà col far passare solo le note davvero plettrate forte, tagliando via tutte le code e quelle pizzicate più piano.
 
Come usare il noise gate per conservare la dinamica

L'uso del send return del noise gate è quindi l'uovo di Colombo. Grazie a un ingegnoso sistema, il noise gate si trova a "leggere" il segnale pulito, con il suo basso livello di ronzio che gli permette di rispettarne al meglio la dinamica, e applica sul segnale distorto le informazioni raccolte. Ciò permette di impostare livelli di soglia molto bassi, vale a dire che verrà conservata tutta la dinamica del segnale pulito come se il noise gate fosse a monte, ma eliminando per intero i ronzii del circuito come se lo avessimo messo a valle.
 
Messo a disposizione per il test da Centro Chitarre di Napoli, nel video è stato usato un MXR Noise Clamp, tra i primi gate a offrire la caratteristica del send return.
 

Inutile specificare che, migliore sarà il rapporto segnale-rumore offerto dalla chitarra, tanto meglio sarà il risultato. Insomma, una chitarra con un segnale abbondante e un rumore di fondo più basso permetterà di impostare livelli di soglia inferiori, eliminando il ronzio senza inficiare le note pizzicate più delicatamente. Se invece la chitarra ha un segnale debole e un rumore di fondo molto presente già di suo, un noise gate potrà fare ben poco, e converrà piuttosto rivolgersi a un liutaio per un wiring fatto a dovere.
 
Come usare il noise gate per conservare la dinamica

Se avete problemi di rumore in pedaliera e non avete mai provato un noise gate con send return, prendete in considerazione questa soluzione: la medicina potrebbe rivelarsi meno amara del previsto.
 
Nota della Redazione: questo articolo fa parte della rubrica Entry Level. Cerca gli altri articoli contrassegnati con questo tag inserendo "#entry level" nel motore di ricerca del sito.
effetti e processori entry level mxr noise clamp tutorial
Link utili
Sito Centro Chitarre
Noise Clamp sul sito MXR
Mostra commenti     10
Altro da leggere
MOSFET sotto steroidi con l'MXR Super Badass Dynamic OD
MXR e Analog Man insieme per il Duke Of Tone
Il trucco c'è ma non si vede
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
Come scegliere la pedalboard perfetta
Two Notes ReVolt: amp sim analogico e valvolare con IR
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964