CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Nani sulle spalle di giganti
Nani sulle spalle di giganti
di [user #116] - pubblicato il

Gli strumentisti di oggi beneficiano di un livello di tecnica ammirevole se paragonato a quello delle generazioni che li hanno preceduti. Ma questa abilità non sarebbe stata possibile senza il lavoro di ricerca, studio e innovazione di chi li ha anticipati. Quali sono per voi lettori i giganti dimenticati sulle cui spalle poggiano i musicisti e strumentisti più in vista della scena attuale?
“Siamo come nani sulle spalle di giganti, così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non certo per l'altezza del nostro corpo, ma perché siamo sollevati e portati in alto dalla statura dei giganti.”
Questa è una celebre frase di Bernardo di Chartres filosofo francese del XII secolo che l’intervento di Ellade Bandini ci ha riportato alla mente.
Bandini prende atto del livello di tecnica prodigioso raggiunto dai musicisti più giovanti. Livello senz’altro superiore a quello posseduto dai musicisti delle passate generazioni. Ma rimarca come questo traguardo raggiunto non sarebbe stato possibile senza il lavoro di ricerca, studio e sperimentazione operato dai musicisti che li hanno preceduti.
 
Nani sulle spalle di giganti
 
Il musicista di oggi è agevolato nella sua formazione dall’immenso patrimonio didattico che ha a disposizione: dalla reperibilità immediata di dischi, video, trascrizioni, interviste. Materiale che un tempo non solo era difficilmente accessibile ma addirittura, in molti casi, nemmeno esisteva.
Questa operazione di recupero delle nostre radici musicali è doverosa non solo  per doverosa riconoscenza. Ma per recuperare la piena e profonda consapevolezza di quello che siamo e quindi suoniamo. Non solo: capire e apprezzare la formazione degli artisti che seguiamo e amiamo sarà l’unica maniera per decifrarli appieno e studiarli più facilmente.
Ieri, sarebbe stato poco fruttoso cercare di decifrare il chitarrismo di Steve Vai senza calarsi prima in quello di Zappa o Hendrix. Oggi lo stesso vale per Guthrie Govan frutto a sua volta di un’evoluzione del chitarrismo dello stesso Vai o di Robben Ford, Larry Carlton o Greg Howe. Oppure, come cogliere ogni sfumatura del batterismo di Marco Minnemann senza riuscire a scorgere le infuenza macroscopiche del drumming di Stewart Copeland nella sua musicalità...
Quali sono per voi lettori i giganti dimenticati sulle cui spalle poggiano i musicisti e strumentisti più in vista della scena attuale?
 
ellade bandini lezioni
Link utili
La pagina di Ellade Bandini
Mostra commenti     7
Altro da leggere
Ellade Bandini - Spalla o non spalla
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Un Guru in aiuto dei "Ragazzotti"
Le Pillole del Guru - "Questo non è un buon maestro!"
Niente mozzarelle in una band!
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Groove: a voi non interessa
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: copiare da tanti
Fare i dischi. E poi studiare.
Ho fracassato la chitarra. Mi presti la tua?
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964