CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA
Il cabinet per ampli che ho costruito con 20 euro
Il cabinet per ampli che ho costruito con 20 euro
di [user #17844] - pubblicato il

Anche senza alcuna competenza né attrezzatura, è possibile costruire un mobiletto resistente e piacevole a vedersi per racchiudere un prezioso amplificatore artigianale. La sfida è realizzarne uno dal prezzo ridicolo e col minimo sforzo.
Inserire nel proprio rig qualcosa di creato con le proprie mani è il sogno di molti, ma non sempre si hanno le competenze e i mezzi sufficienti a costruire una chitarra, un pedale o un amplificatore. Tuttavia, se si ha la fortuna di ricevere un gioiello valvolare privo di cabinet da un mago dell'amplificazione come Gwynnett, ci si può rimboccare le maniche e regalarsi la piccola soddisfazione di costruirgli intorno un mobile che lo renda ancora più unico.

La mia assoluta mancanza d'esperienza in merito è paragonabile solo alla povertà degli attrezzi di cui dispongo, quindi quanto segue non è da intendere come un tutorial né una guida di fai-da-te, ma solo come semplice condivisione di una piccola sfida personale: costruire un cabinet per una testata che non cada a pezzi, soddisfi i miei gusti e costi meno di venti euro.


Non ho seghe da tavolo né attrezzi per sagomare in maniera agevole il legno, quindi ho scelto una forma semplice, che si potesse ricavare da tavole fatte tagliare direttamente in segheria, pur con qualche dettaglio che rendesse il tutto meno scontato.
Con dieci euro ho portato a casa quattro tavole e vari listelli in multistrato da 18mm, perfetti per lo scopo anche se non bellissimi da vedere.
I materiali hanno superato di poco i 15 euro, complice anche il supermercato lo-cost a cui mi sono rivolto per gli altri pezzi.
Lo chassis andava fissato con quattro viti da rack, 2,50 euro in totale. A queste avrei avvitato dei piedini in gomma, di quelli che si usano per tavoli e sedie. Non c'era una confezione da quattro, quindi per 1,60 ho fatto una scorta di una dozzina di pezzi, non si sa mai. La maniglia ci voleva, ma anche qui il supermercato non dava molta scelta e ho preso una confezione da due maniglie per cassetti: 1,60 euro. L'altra potrà sempre tornare utile.
Il supermercato è lo-cost non a caso, e le vernici sugli scaffali erano davvero poche, così ne ho preso tre tubetti e ho sperimentato un po' di miscele fino a ottenere l'effetto desiderato: tre euro in totale.

Gli unici componenti a costo zero sono stati un flacone di colla Titebond, già in casa per precedenti lavoretti e un vecchio asciugamani di canapa che ha fatto da rete per il frontalino (per intravedere le valvole e alleggerire il mobile al contempo).

Il risultato, per quanto tutt'altro che impeccabile, è funzionale e bello da vedere, magari non troppo da vicino. Nella gallery trovate tutti gli step, con spiegazioni dettagliate nelle didascalie in calce.
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Nel complesso è stato divertente dedicare una serata e una mattinata al mio primo lavoro in legno in assoluto. Posso ritenermi soddisfatto, tutto sommato, e finalmente attaccare la spina in attesa di escogitare un modo per sagomare un loghetto da avvitare al listello centrale della cornicetta (era lì per questo fin dall'inizio).
amplificatori fai da te
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Nascondi commenti     21
Loggati per commentare

di dfatwork utente non più registrato
commento del 18/05/2016 ore 08:27:11
Carino, ha il suo perchè! :-D
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 18/05/2016 ore 09:07:55
Se non avevi la minima esperienza hai fatto un ottimo lavoro.
Il costo dei materiali è vermente ridicolo, quindi, più di così...
Il vantaggio è che, un giorno, se ti stancherai di questo mobile, potrai sempre rifartelo, diverso e probabilmente migliorato, e non avrai perso nulla, anzi hai guadagnato solo esperienza.
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 18/05/2016 ore 09:28:1
Decisamente! Costo basso, è antistress, si può sempre rifare e probabilmente verrà un po' meglio. Consiglio a chiunque l'esperienza, intanto ci ho preso gusto e sto valutando di farmi la pedalboard :D
Rispondi
di Aynrand [user #35588]
commento del 18/05/2016 ore 09:44:18
Io ho sempre riununciato per l'impossibilità di tagliare i bordi delle tavole ad incastro, invece devo dire che il risultato è comunque gradevole.
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 18/05/2016 ore 09:55:46
Inizialmente mi sarebbe piaciuto usare proprio quel tipo di taglio (lo adoro anche esteticamente), ma con un seghetto manuale sarebbe stato da pazzi... per fortuna degli amici più sgamati di me mi hanno tranquillizzato consigliandomi il semplice incollaggio a 90°, spiegandomi che avrebbe retto senza problemi un peso anche superiore di quello a cui era destinato il mobiletto... e il resto è storia :D
Rispondi
di Aynrand [user #35588]
commento del 18/05/2016 ore 10:44:53
Ti posso assicurare che anche con una circolare a 90° è difficilissimo (se non hai esperienza)
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 18/05/2016 ore 10:20:4
Una valida alternativa per ottenere estrema robustezza nelle giunzioni è inserire due spine (quelle comunissime diametro 6 mm in faggio rigato) per ogni lato.
Operazione semplicissima e con spesa ridicola.
Basta forare prima un bordo, poi inserire due apposite matrici appuntite (si trovano in qualsiasi Brico) che fanno il segno su dove forare il bordo da accoppiare.
L'incollaggio con spine diventa robustissimo.
Rispondi
di rockit [user #11557]
commento del 18/05/2016 ore 09:49:03
Semplice ed efficace. L'unica cosa su cui mi sento di criticare è la maniglia, buona l'idea di stare sul semplice anche qui, ma non so se le maniglie da cassetti siano abbastanza robuste per il peso di un ampli. Personalmente ne avrei messe due - che trovo anche più comode in uso, o investito in una maniglia da ampli (8 euro possono starci ;)) o una di recupero da qualche valigia.
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 18/05/2016 ore 09:52:37
Ci ho pensato a mettere due maniglie ed esteticamente forse ci avrebbe anche guadagnato, ma a livello funzionale vedevo qualche controindicazione: è un 5watt mediamente compatto, non troppo pesante, e due maniglie avrebbe significato usare sempre due mani per sollevarlo. Temo che alla lunga avrei maledetto quella decisione :D
Di sicuro al primo segno di cedimento o sballonzolio si corre ai ripari con un sistema di livello superiore!
Rispondi
di rockit [user #11557]
commento del 18/05/2016 ore 10:25:00
Beh, se è leggero allora hai fatto benone, del resto chi meglio di te può sapere come lo trasporterai?
Io tra un po' dovrò farmi un cabinet nuovo per una testata, mi sa che opterò per due fresature sui fianchetti + maniglia centrale, così potrò sollevarla come mi pare...
Rispondi
di telecrok [user #37231]
commento del 18/05/2016 ore 11:27:23
bravo, bello, carino, al supermec però potevi acquistare a pochissimi dollari un pezzo di rete o grata in metallo cromata o nera da mettere al posto dell'asciugamano, le valvole si sarebbero viste meglio e il raffreddamento sarebbe stato migliore, le fissavi con i chiodini e poi verniciare con una vernice per mobili, forse sarebbe stato più elegante.
Volendo "strafare", potresti mettergli gli angolari in metallo, costano pochissimo, li trovi nei Briko, salvano gli angoli dai colpi e tu saprai benissimo quanto è brutto l'ampli con gli spigoli ammaccati o rotti, il multistrato non è un materiale che sopporta sbattimenti vari.
Ma vè benissimo anche così, l'importante è che l'ampli suoni bene.
bravo, ciao
Rispondi
di Bitis [user #40450]
commento del 18/05/2016 ore 13:42:44
Sai che non sono mai riuscito a trovare gli angolari in metallo nei brico ?
Tu in quale li hai trovati ?
Rispondi
di Sparklelight [user #41788]
commento del 18/05/2016 ore 13:57:1
Bello il tavolino e pure la lettiera del gatto :-)
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 18/05/2016 ore 14:19:45
L'ampli è così brutto da non meritare una menzione nemmeno accanto alla lettiera del gatto? :p
Rispondi
di Jumpy [user #1050]
commento del 18/05/2016 ore 14:06:32
Mi piacciono le cose spartane e ruspanti... io lo trovo spettacolare, l'avessi costruito io sarei fiero di portarmelo in giro :)
Forse non avrei messo neanche il frontalino, al massimo delle griglie davanti e dietro per proteggerli, i componenti a vista hanno il loro fascino...
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 18/05/2016 ore 14:23:13
Vero, la griglia pure sarebbe stata una bella scelta... tra le primissime opzioni avevo anche pensato a fare un mobile solo per la base e ai lati dello chassis (tipo Moog) per poi montare una gabbia metallica come calotta. Magari in futuro, chissà :D
Rispondi
di eugenio01 [user #39191]
commento del 18/05/2016 ore 15:42:27
ma no la griglia..collant spessi con le decorazioni
Rispondi
di telecrok [user #37231]
commento del 19/05/2016 ore 10:11:34
No, scusami eugenio01, niente Nylon o materie plastiche, scelta sbagliata oltre che pericolosa, gli ampli valvolari scaldano, alcuni anche tanto, i collant non sono il materiale più adatto.
Gli angolari li trovo in un Briko vicino a casa mia, a Genova, nella catena Castorama li trovi, su Ebay ci sono e costano pochissimo, di tutte le misure, anche alcuni ferramenta li tengono, darebbero un tocco in più (non è che sia necessario intendiamoci) e proteggerebbero gli spigoli che sono i primi a rovinarsi.
Inoltre sotto gli angolari potresti nascondere delle viti da legno che potresti mettere se non ti fidi dell'incollaggio, comunque se fatto bene tiene.
Hai fatto un buon lavoro, se vuoi puoi migiorarlo, tutto qui.
Rispondi
di strato78 [user #17091]
commento del 28/05/2016 ore 09:11:45
Hai speso troppo... :)
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 28/05/2016 ore 11:42:29
Il prossimo lo avvolgo in carta di giornale :D
Rispondi
di strato78 [user #17091]
commento del 28/05/2016 ore 17:47:4
Questo è parlare... ;)
Rispondi
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Visualizza l'annuncio
Zoom Q3 HD
Visualizza l'annuncio
Marshall JVM 215C Tabacco mod.
Altro da leggere
Tweed e Plex 55: ampli in miniatura da Foxgear
Spirit Nano: testate H&K compatte per toni Vintage, Rock e Metal
Twin Sister: classe british sdoppiata in casa Friedman
Come sono indie: Fender Jaguar handmade
Il suono metal del Pittbull in formato modulo Synergy
Audiomaster Reserve: qualità, trasparenza & affidabilità
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964