CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Agostino Marangolo: musiche da horror
Agostino Marangolo: musiche da horror
di [user #116] - pubblicato il

Agostino Marangolo è il batterista dei Goblin tra le più innovative progressive band italiane, nota per aver scritto le terrificanti colonne sonore di due capolavori della storia del cinema horror: "Profondo Rosso" e "Suspiria" entrambi di Dario Argento. Ci siamo fatti raccontare quelle sessioni. Un elogio al genio visionario di Argento e la descrizione di periodo aureo della musica, gli anni '70, in cui le possibilità per produrre e realizzare i dischi erano sconfinate.
Nella seconda metà degli anni '70 esplose un periodo di enorme popolarità del cinema horror.  "L'Esorcista" fece da apripista a una serie di pellicole, una più terrificante dell’altra, caratterizzate dall’avere delle colonne sonore di assoluto rilievo: musiche originali, suonate con perizia e che esploravano sonorità e soluzioni assolutamente inedite. 
 
Agostino Marangolo: musiche da horror
 
Se "L’Esorcista" vantava musiche del compositore polacco Krzusztof Penderecki, di Jack Nitzsche e "Tubolars Bell" di Mike Oldfield gli altri horror usciti in queli anni - e destinati a diventare classici del genere - non erano da meno: “Nosferatu il principe della notte” capolavoro di di Werner Herzog affidava le musiche del film ai Popol Vuh, pionieri dell’elettronica che anticipavano l'ambient di Brian Eno e Robert Fripp; “Halloween la notte delle streghe” poggiava su una brillante colonna sonora  eseguita interamente al synth dallo stesso regista John Carpenter; "Lo Squalo" di Spielberg sbandierava le musiche di John Williams. Ma tra tutte queste pellicole, due avevano in assoluto le musiche più terrificanti: "Profono Rosso" e "Suspiria". Entrambi italiani, capolavori del regista genio della paura Dario Argento, questi film presentavano colonne sonore realizzate ad hoc dai Goblin, progressive band di grido. Anche loro italianissimi e capitanati dal tastierista Claudio Simonetti, i Goblin creavano musiche macabre e terrorizzanti giocando con progressive e sperimentazioni elettroniche, ispirandosi alla fusion, al jazz e all'hard rock e sconfinando, quasi nell’avanguardia.
 
Agostino Marangolo: musiche da horror
 
Dietro alle pelli della batteria, per entrambi i film (ma solo in parte su “Profondo Rosso”) sedeva Agostino Marangolo, che in questo video ci racconta la genesi e la registrazione di quelle musiche. Elogiando il genio visionario di Dario Argento e descrivendo un periodo aureo della musica, in cui le possibilità per produrre e realizzare i dischi erano sconfinate.

agostino marangolo Lezioni
Link utili
Il sito dei Goblin
La pagina di Agostino Marangolo

Mostra commenti     14
Altro da leggere
Porcupine Tree - la batteria di Blackest Eyes
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
La batteria di "Satch Boogie"
Groove: a voi non interessa
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Pino Daniele: Nero a metà
Ellade Bandini: copiare da tanti
Ellade Bandini & le spazzole di Paolo Conte
Lo Squalo: quarant'anni di stile
Due batterie per Francesco Guccini
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di Pino Daniele
Suspense: la scala Enigmatica
Seguici anche su:
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964