CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Cosa Succede a Nashville?
Cosa Succede a Nashville?

di [user #16167] - pubblicato il
"Per quest’anno non cambiare stessa spiaggia stesso mare..." manco per sogno! Me ne sono andato in vacanza negli States, Atlanta, Nashville, Memphis e New Orleans. Immerso in un mondo colorato con musica ad ogni angolo, mi son sentito in dovere di condividere con voi un po' dell'esperienza.
Cosa succede dunque a Nashville? La risposta è semplice: TUTTO! Ci son voluti giusto dieci minuti di taxi dal motel dove ho stabilito il campo base (un economico Roadway Inn, ma tutto sommato accettabile), ma una volta arrivato nella Broadway il mio cervello è andato in overload! Una miriade di locali, tutti pieni di gente e tutti con una band sul palco. Prendiamo posto io e Chiara (la vera ideatrice del viaggio) presso l’Honky Tonk. Qui l’estasi è stata totale.

Può un locale di così modeste dimensioni ospitare un palco, con band, line array e così tanta gente contenta di ascoltare musica? Ah già siamo negli States, mica a Milano dove al massimo in un posto così avrei potuto trovare un DJ, ma soprattutto il chitarrista della band (molto bravo tra l’altro) può con una Telecaster suonare "Eruption" e attaccarla in un medley infernale a "Sweet Home Alabama"? E poi qui nel Sud non si sono ancora rotti il cazzo di sentire "Sweet Home Alabama"?
Ok, sono in un mondo completamente diverso, dove mi chiedono la patente per vendermi la birra anche se credo di dimostrare (ahimè) anche più dei 28 anni che ho, dove esci dalla gelateria in cui un cono pesa mezzo chilo (e non è nemmeno quello più grande) e trovi la versione bianca dei Jackson Five, ma più country, con due gemelli trombettisti e una bimba che a sei anni dà già delle belle piste di distanza a tanti musicisti.

Nashville è un posto speciale, dove all’incrocio della strada non senti clacson, frenate e bestemmie, è un posto dove ti vengono le vertigini primo per la quantità di musica che ti arriva alle orecchie, secondo per il gelo siderale che si trova nei locali, dove l’aria condizionata ti trasporta direttamente dal sud al polo sud.

Ho cercato di riassumervi un po’ di quello che ho visto in un piccolo video, spero renda almeno un briciolo della bellezza di questo paese! Ci sentiamo presto da Memphis!

Dello stesso autore
Germano Seggio porta la chitarra in Alta Quota
Bohemian Rhapsody visto da un fan postumo
Mauro di Domenico presenta Ennio Morricone for classical guitar
Luigi Grechi: "Il CD è arrivato alla fine della corsa!"
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
RCF presenta l'amplificatore DPS 604X
Addio Elio evviva Elio (la recensione di un fan)
Loggati per commentare

di Oblio [user #43248]
commento del 28/08/2016 ore 15:32:01
Belle atmosfere !!
Quei ragazzini in strada sono strepitosi i fuochi , il southern VH e tutto il resto.....grazie per aver condiviso!! :)
Pero' non mi dire che un giretto alla "Factory" non te lo sei fatto....
Rispondi
di Aquarius utente non più registrato
commento del 28/08/2016 ore 15:49:3
Certi racconti andrebbero vietati per legge..... in più per affondare il dito nella piaga, allegano anche il video... Non è il "Nuovo Mondo": è "un Altro Mondo". Bellissima vacanza e complimenti a Chiara per l'idea, tienitela stretta! :)))))))
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 28/08/2016 ore 16:24:05
Invidia!!!
Io in Sardegna ho ascoltato la baby dance del villaggio
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 28/08/2016 ore 16:24:32
Doggone well done & see ya from Memphis!
Rispondi
di Repentless [user #45400]
commento del 28/08/2016 ore 18:39:3
Invidia!!!
Rispondi
di coprofilo [user #593]
commento del 28/08/2016 ore 19:10:31
I documenti li hanno chiesti anche a me che ne ho più di 40, e neanche troppo ben portati !!! Comunque è vero che per la musica gli states sono altro pianeta, delle città che hai visto tu ho visto solo new Orleans ed è veramente un mondo a parte. Ho poi visto tante altre città ed il livello dei locali, anche i più piccoli, è estremamente più alto rispetto a qui. Austin mi ha colpito, tanti locali, tanta gente in giro, notevole. La differenza fondamentale però è l'interesse ed il rispetto della "gente comune" nei confronti della musica, nasce tutto da li. Ti sei fatto qualche regalo visti i negozi che ci sono da quelle parti?!?
Rispondi
di _marco_ [user #16324]
commento del 28/08/2016 ore 22:06:55
Ma che gran ficata.. una cosa del genere voglio farla pure io... Posti cosi ti aprono davvero gli occhi. :)
Rispondi
di scorrazzo [user #37353]
commento del 28/08/2016 ore 23:47:08
Ciao
Puoi snocciolare qualche nome dei gruppi-artisti che hai ascoltato?
Magari si riescono a trovare in rete e possiamo sbavare anche noi.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 29/08/2016 ore 10:34:26
Fantastico racconto, un sogno.
Vivilo fino in fondo!
:-)
Rispondi
di trimmer741 [user #41394]
commento del 29/08/2016 ore 12:30:28
Grande!!! Ero li si e no venti giorni fa. In Usa la musica dal vivo è normale in tutte le città, grandi e piccole, ma a Nashville è l'apoteosi. Devi solo passeggiare per strada e quando senti qualcosa che ti piace ti fermi o entri nel locale.
Da quello chi ho capito la stragrande maggioranza dei gruppi non viene pagata. Incassa le mance dei clienti o vende il proprio CD.
Rispondi
di alexus77 [user #3871]
commento del 29/08/2016 ore 18:54:38
Tanta roba! Thumbs up per la scelta.
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 29/08/2016 ore 20:28:1
A pensarci, la maggioranza della musica USA è centrata su delle "capitali di stili musicali" e grandi città sparse in giro. Tipo Nashville. Per noi in Europa è diverso... le molte lingue!
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova
Svelate le Bevel Cut: Cort a cassa smussata
B-TWIG 12 Pro: nuovo e ancora più potente
Mic-No-Mo: cab sim Friedman ora stand alone
Piano City Milano, i concerti dei giovani talenti
ACFS580CE: Ibanez da fingerstyle

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964