CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Memphis: dove nasce la magia
Memphis: dove nasce la magia

di [user #16167] - pubblicato il
Lasciata Nashville alle spalle, ho raggiunto la seconda Mecca della musica (rock, blues, soul, quella che preferite). Tra una visita al Sun Studio e una bevuta in Beale Street non mi sono fatto mancare una capatina alla Memphis Gibson Factory, di cui vi regalo giusto un piccolo teaser.
Avevo due giorni da spendere a Memphis. Il primo se n’è andato tra Graceland e il Sun Studio (ci sono un sacco di cose interessanti di cui vi devo parlare, con calma al mio rientro lo farò). Il secondo sarebbe stato dedicato a Gibson. Tutto bene, se non fosse che proprio quel giorno tutti i tour fossero annullati per problemi tecnici. Dopo un primo momento di sgomento, decidiamo di tardare di qualche ora la partenza per New Orleans (che dista circa sei ore di macchina da Memphis) e visitare la factory il giorno dopo. Penso che manco la nuvoletta di Fantozzi possa essere paragonata alla chiusura della Gibson il giorno in cui mi trovo a Memphis per visitarla. Fortuna che il giorno dopo tutto riprende regolarmente e posso concedermi un giro nella sacra cripta dove il mogano prende forma e l’acero s’infiamma.

Memphis: dove nasce la magia

Il tour dura non più di 45 minuti, ma sono sufficienti per apprezzare al meglio ogni dettaglio della produzione. Si parte dall’essiccatoio dove vengono lasciati i legni a perdere un po’ di umidità. Si prosegue verso il taglio e l’assemblaggio. Ognuno ha il suo compito ed è questa forse la più grossa differenza che si vede subito rispetto a un laboratorio di liuteria dove il liutaio segue ogni fase della lavorazione di uno strumento e ne segue ogni aspetto. 

La cura che ho visto prestare per i dettagli a questi lavoratori di ogni età è davvero maniacale, non vi dico le lacrime versate sui pezzi di scarto che “oddio avreste potuto darli a me, no?!”. La realizzazione delle Gibson prodotte a Memphis è certo industriale e industrializzata, ma praticamente ogni passaggio è realizzato a mano e con i dovuti tempi, insomma, è un lavoro più vicino a quello di un laboratorio di quanto si possa immaginare. È un’esperienza che mi ha lasciato davvero colpito. Sono entrato pensando di restare deluso, aspettandomi un bel macchinario in cui inserire tronchi di mogano e acero e aspettare le Les Paul fatte e finite dall’altra parte (no dai non è vero, avevo più o meno idea di com’era la situazione) e sono uscito con il sorriso, e con un po’ di segatura nei polmoni, con il ricordo bene impresso nella mente di una giovane 335 che ho visto diventare da natural a Sunburst per poi vederla sparire nella cabina di asciugatura e della splendida Les Paul Memphis con Bigsby con cui ho passato una mezz’oretta in attesa dell’inizio del tour. 

Purtroppo all’interno della factory non è possibile realizzare foto e video per tutelare i lavoratori e i segreti mistici della realizzazione degli strumenti. Vi lascio però con un paio di foto (seguirà gallery più dettagliata) di uno strumento con un cartellino decisamente pesante. 

Memphis: dove nasce la magia
Dello stesso autore
Germano Seggio porta la chitarra in Alta Quota
Bohemian Rhapsody visto da un fan postumo
Mauro di Domenico presenta Ennio Morricone for classical guitar
Luigi Grechi: "Il CD è arrivato alla fine della corsa!"
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
RCF presenta l'amplificatore DPS 604X
Addio Elio evviva Elio (la recensione di un fan)
Loggati per commentare

di alberto biraghi [user #3]
commento del 05/09/2016 ore 17:41:36
Maremma!
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 07/09/2016 ore 14:42:47
Ci sei andato sull'onda di Chuck Berry e c'è pure un BB King Boulevard a quanto vedo!
Rispondi
di cockeye81 [user #44118]
commento del 07/09/2016 ore 15:45:57
ti invidio fratello!! che spettacolo veder nascere le nostre adorate bambine!! semmai un giorno andrò negli States mi piacerebbe tanto fare un passaggio a Memphis, patria del Re indiscusso e della Regina indiscussa!! complimenti!!
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 07/09/2016 ore 17:30:32
Vivi il sogno di tutti!

"Esigo" un racconto dettagliato di Graceland e degli Sun Studios
Rispondi
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 07/09/2016 ore 18:27:35
Arriveranno arriveranno! :-)
Rispondi
di BBSlow [user #41324]
commento del 08/09/2016 ore 08:54:10
Long distance information, give me Memphis Tennessee
Rispondi
di edocaster [user #2492]
commento del 08/09/2016 ore 12:34:03
Ci sono stato tre anni fa per lavoro. Prima Memphis poi Nashville dove nascono i Les Paul... Ho ancora nelle narici il profumo della vernice... Pensa che i ragazzi che ci lavorano dentro sono tutti chitarristi. Un paio di mesi fa sono stato a Bozeman, pazzesco anche li...
Rispondi
di maupetrucci [user #16307]
commento del 19/10/2016 ore 23:39:18
ma quante sono le abbriche gibson ? le sg standard dove le producono ?
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine
Ginevra Costantini Negri: quando i sacrifici non pesano
Nili Brosh: apriamo il suono della Pentatonica
Drone Tone MKIII: generatore di tappeti elettronici in formato stompbo...
Angel Vivaldi spiega la Charvel DK24-7 Nova

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964